La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

L’organizzazione del Laboratorio di Fisiopatologia Respiratoria: la preparazione ai test, la collaborazione, l’interazione tecnico-paziente, la strumentazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "L’organizzazione del Laboratorio di Fisiopatologia Respiratoria: la preparazione ai test, la collaborazione, l’interazione tecnico-paziente, la strumentazione."— Transcript della presentazione:

1

2 L’organizzazione del Laboratorio di Fisiopatologia Respiratoria: la preparazione ai test, la collaborazione, l’interazione tecnico-paziente, la strumentazione Lucia Iannacito

3 I test di funzionalità respiratoria descrivono, mediante l’impiego delle unità di misura del Système International d’unités (SI units), le caratteristiche fisiche dell’apparato respiratorio I risultati sono paragonati a valori di riferimento, ottenuti da studi che hanno esaminato popolazioni di soggetti sani non fumatori con numerosità adeguata. I valori predetti normalmente applicati si riferiscono a soggetti adulti di razza caucasica di età da 18 a 70 anni.

4 l’esecuzione di un test “ a tutti i costi” è prassi corretta? è meglio una dichiarazione di impossibilità di esecuzione? OPPURE un test eseguito, in modo scorretto, ma comunque eseguito? Fondazione S. Maugeri IRCCS Istituto Scientifico di Tradate

5 INTERAZIONE DELLE VARIABILE INFLUENZANTI I TEST FUNZIONALI  Variabilità tecnica Strumento, procedura di misura, soggetto, operatore, ed interazione tra questi fattori  Variabilità intra-individuale Posizione del corpo e della testa, sforzo espiratorio, ritmo circadiano della funzione respiratoria  Variabilità inter-individuale Soggetto Sesso, età, misure antropometriche, crescita e invecchiamento, razza, stato di salute passato ed attuale Ambiente Fattori geografici, esposizioni ambientali e professionali, fumo di tabacco, stato socio-economico ATS. Am Rev Respir Dis 1991

6 Apparecchiatura: PRESTAZIONI Apparecchiatura: VALIDAZIONE Apparecchiatura: CONTROLLO DI QUALITA’ Operatore/Paziente: MANOVRE Operatore: PROCEDURE DI MISURA RIPRODUCIBILITA’ ACCETTABILITA’ VALORI DI RIFERIMENTO INTERPRETAZIONE CONCLUSIONI

7 Adattiamoci alle differenze di genere Operatore/Paziente: MANOVRE

8

9 Non è necessario il digiuno Assumere la terapia “abituale “ Astenersi dal fumo per almeno 8 ore Terapia inalatoria ? ? ? ? ? ?

10

11 Allora, dove devo andare per farmi misurare peso e altezza? I pazienti devono essere misurati al “netto”

12 Va vinta la resistenza che i pazienti hanno a salire sulla bilancia cercando di raccontarci il peso e la Statura di “un bel giorno che fu” …

13

14 Ostruzione moderata 2° stadio

15 Ostruzione grave 3° stadio

16 E’ una componente fondamentale e non sostituibile della valutazione clinica e funzionale in medicina respiratoria Il suo valore dipende dalla validità della esecuzione e dalla correttezza dell’interpretazione

17 La spirometria necessita di collaborazione da parte del soggetto esaminato La collaborazione da parte del soggetto esaminato dipende da diversi fattori, molti intercorrelati, ognuno dei quali deve essere tenuto presente

18 Prima di iniziare l’esame Spieghiamo al soggetto quale esame sta per fare Quali manovre gli chiederemo di eseguire Abituiamolo al boccaglio e allo stringinaso

19 Esecuzione del test Tutte le manovre andrebbero illustrate in modo comprensibile per paziente, anche con dimostrazione pratica Eventualmente fare eseguire al paziente le manovre senza boccaglio Spiegare che le ripetizioni non sono necessarie perché l’esame è inadeguato

20 Fuori tutta l’aria, fuori … fuori… fuori FUORI …. FUORI Fuori tutta l’aria, fuori … fuori… fuori FUORI …. FUORI Non ce n’è piu! ti dico che non ce né più

21 Nel braccio di ferro con il Paziente noi spesso risultiamo perdenti

22

23 Se dopo alcuni tentativi i risultati non sono attendibili, mandatelo in sala d’attesa a riposare e pensarci su. e prendete anche voi una pausa.

24 Dare comandi chiari, non contradditori in modo deciso e mai prevaricante Incoraggiare il paziente per tutta la durata dell’esame cercando di lodare il buon risultato raggiunto, senza eccedere nell’entusiasmo per evitare l’effetto presa in giro Se non abbiamo raggiunto il risultato agognato evitiamo il “congedo con disonore”

25 Conoscere le tecniche comunicative adeguate, verbali e non Conoscere la decodificazione verbale e gestuale Conoscere le comunicazioni inefficaci e/o dannose Capacità di ascolto Conoscere ed utilizzare le tecniche di feed-back, verbale e non CAPACITA’ DI COMUNICAZIONE

26

27 Beh forse è meglio che torni un altro giorno ….

28 Devo aver proprio fatto un brutto esame !!

29 Ma sto per morire!?!

30 Forse beve !?!

31 Ho capito stai perdendo troppo tempo con me !!!

32 Adesso ho capito cosa devo fare GRAZIE Adesso ho capito cosa devo fare GRAZIE

33 SPIROMETRIA: POSSIBILI EFFETTI INDESIDERATI Tosse Nausea - Conati di vomito Comparsa di rossore in volto Sensazione di testa leggera, capogiri Mal di testa Incontinenza urinaria transitoria Svenimento (da ridotto ritorno venoso o stimolazione vagale)

34 soggetto medico strumentazioni operatore

35

36 Qualità della strumentazione Risoluzione Sensibiltà Ripetibilità Precisione

37 RISOLUZIONE La minima variazione apprezzabile della grandezza in esame attraverso tutto il campo di misura ovvero il valore dell’ultima cifra significativa ottenibile SENSIBILITA’ La più piccola grandezza in grado di generare uno spostamento apprezzabile rispetto all’origine della scala dello strumento, ovvero il minimo spostamento dallo zero Qualità della strumentazione

38 RIPETIBILITA’ Concordanza tra i risultati di misurazioni ripetute in sucessione usando lo stesso metodoPRECISIONE Concordanza tra il valore misurato ed il valore reale L’errore è la differenza tra il valore misurato e il valore reale Qualità della strumentazione

39 … la virtù sta …

40 Spirometri Analizzatori di gas Pletismografo Emogasanalizzatore … ma non solo Quali strumenti si sorvegliano

41 Centraline meteo

42 Calibrazione : DEFINIZIONE La calibrazione è il processo attraverso cui il segnale proveniente da uno strumento è regolato al fine di fornire un risultato (output) noto Regolazione del segnale analogico in uscita dal trasduttore primario (ad es. campana dello spirometro, sensore di flusso, gasanalizzatore…) Regolazione della sensibilità dello strumento di registrazione Correzione software (compensazione)

43 Calibrazione e Controllo di Qualità La calibrazione implica la regolazione dello strumento (o dei suoi segnali) Il controllo di qualità è un test effettuato per determinare l’accuratezza e/o la precisione dello strumento usando uno standard noto Il controllo di qualità verifica il funzionamento dello strumento dopo che è stato calibrato la calibrazione può essere necessaria o meno, ma il controllo di qualità deve essere fatto su base routinaria

44 CONTROLLI BIOLOGICI VANTAGGISVANTAGGI Facile disponibilità (?) Non elimina la necessità di utilizzare altri strumenti di controllo Possono testare un intero laboratorio (inclusi spirometro,analizzatori di gas, pletismografi) Variabilità della funzione respiratoria

45 I controlli biologici sono soggetti sani disponibili per test ripetuti Devono avere una funzionalità respiratoria nella norma con valori che coprano un ampio intervallo (ad es. una donna alta 1,60 m ed un uomo alto 1,80 ) I test dovrebbero essere effettuati ad intervalli regolari (ogni settimana o ogni mese), nelle stesse ore della giornata al fine di minimizzare la variabilità circadiana

46 1)scelta corretta dello spirometro 2) Corretta esecuzione della spirometria 3) Corretta descrizione della funzionalità polmonare 4) periodicità dell’esame

47 Il tempo o meglio la mancanza di tempo è uno dei nostri maggiori nemici, ma anche la consapevolezza che il panorama della sanità è sempre più oscuro non aiuta, le associazioni scientifiche pneumologiche non sono riuscite negli ultimi anni a governare i cambiamenti sia delle strutture sia del personale

48 Frasi da non dire mai Quanto è alta/o (a una/un nano) Quanto pesa (a una signora un po’ allargata) Adesso lo prenda in bocca (a una signora) Se non fa bene l’esame la mando via Se non fa bene l’esame le levano la pensione Se non fa bene l’esame chiamo il dottore Lei non capisce niente Non mi faccia perdere tempo Lei non ha niente Quando ha detto che vuole l’appuntamento? Hahaha Lei si droga? La sua malattia è inguaribile

49 Buone Feste A Tutti Grazie Per l’attenzione


Scaricare ppt "L’organizzazione del Laboratorio di Fisiopatologia Respiratoria: la preparazione ai test, la collaborazione, l’interazione tecnico-paziente, la strumentazione."

Presentazioni simili


Annunci Google