La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Introduzione alla storia e alla cultura dell’islam Ciclo di seminari (2 cfu) Prof.a Patrizia Manduchi- Dott.a Alessandra Marchi a.a.2014-2015.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Introduzione alla storia e alla cultura dell’islam Ciclo di seminari (2 cfu) Prof.a Patrizia Manduchi- Dott.a Alessandra Marchi a.a.2014-2015."— Transcript della presentazione:

1 Introduzione alla storia e alla cultura dell’islam Ciclo di seminari (2 cfu) Prof.a Patrizia Manduchi- Dott.a Alessandra Marchi a.a

2 Nozioni introduttive e metodologiche La terminologia La geografia umana e sociale Le articolazioni interne Cenni storici La fotografia del presente

3 Cosa vuol dire islām Islam in arabo vuol dire sottomissione volontaria all’unico Dio (la parola deriva dalla stessa radice sa-la-ma della parola salām, pace). Dio in arabo si dice Allāh. Il termine musulmano (muslim/pl. muslimūn) identifica “coloro che si sottomettono” a Dio. Il dogma fondamentale della religione islamica è l’unicità di Dio, il tawhīd.

4 L’islam È l’ultima, in ordine cronologico, delle tre grandi religioni monoteistiche (VII secolo). È innanzitutto una religione*, ma anche un sistema politico e culturale, una forma di organizzazione della società, in altre parole una civiltà. È una fede religiosa, ma anche un segno di identità personale e collettiva. Islam oggi viene comunemente associato ad una ideologia politica, definibile più correttamente islamismo. *Una religione non è solo un insieme di dogmi, ma è anche il modo con cui gli individui, singolarmente o più spesso uniti da comuni intenti, contribuiscono al processo storico di sviluppo di una cultura.

5 A questa religione/cultura afferisce circa un miliardo e seicento milioni di persone, diffuse in quasi tutti i Paesi del mondo (l’Islam è religione predominante della popolazione in 49 Stati). I primi Paesi per numero di fedeli musulmani sono l’Indonesia (209 milioni) e l’India (176 milioni). Il mondo musulmano ha il tasso di crescita più alto (1,5% contro lo 0,7% della media nel resto del mondo).

6 Le religioni nel mondo

7 Il mondo musulmano e le sue grandi aree geoculturali: Maghreb e Mashreq; Vicino e Medioriente; Africa sub-sahariana, Turchia, Balcani; Asia centrale; area indo-pakistana; Estremo Oriente.

8 Paesi con il maggior numero di musulmani (fonte Pew Research Center, 2012) Indonesia (87,2%) India (14,4%) Pakistan (96,4%) Bangladesh (89,8%) Nigeria (48,8%) Egitto (94,9%) Iran (99,5%) Turchia (98,0%) Algeria (97,9%) Marocco (99,9%) Cina ( 1,6%)

9

10 La umma e la dār al-islām La comunità musulmana è definita da un vincolo di lealtà transnazionale e interculturale, una comunità unica di fedeli, nonostante un forte pluralismo di lingue, etnie, interpretazioni e usanze. Questa comunità è la umma, la “matria” per tutti i musulmani (umm in arabo vuol dire madre). Essa si è costituita fra i secoli VII e XIII, l’epoca considerata il periodo classico della storia dell’Islam. Oggi essa è suddivisa in decine di Stati e di comunità minoritarie in Stati non musulmani, oltre che in diverse confessioni (Sunniti, Sciiti*). * seguaci di ‘Ali, cugino e genero del Profeta, per il quale essi rivendicano la legittimità del califfato subito dopo Muhammad. Oggi le comunità sciite più rilevanti (in totale 10% dei musulmani) sono in Iran e in Iraq, in Oman, in Libano, in Yemen, in Bahrein.

11 Per dār al-islām si intende la totalità dei territori in cui l’Islam si è espanso sia militarmente che con altre modalità (commerci, propaganda religiosa etc.) e in cui l’Islam è predominante (ovverosia dove la sharī‘a, la legge islamica derivata dal Corano, la parola di Dio, è alla base della legislazione e della vita dei fedeli). La ricostituzione della umma unitaria delle origini (Califfato) e quindi la conquista dei territori della dār al-islām dell’epoca dell’apogeo dell’Islam (secc. IX-XV), è l’obiettivo politico del fondamentalismo islamico, corrente ideologica sviluppatasi nel XX secolo.

12 La ka’ba alla Mecca, il santuario più sacro per l’Islam

13 Moschea di Medina

14 Moschea degli Omayyadi, Damasco

15 Moschea di Muhammad ‘Ali, Cairo

16 Moschea Sultan Ahmet Camii (moschea blu), Istanbul

17 Moschea dell’imam ‘Ali, Najaf, Iraq

18 Moschea di Jenne, Mali

19 Islam plurale Circa trecento gruppi etnici e/o linguistici sono completamente o in buona parte musulmani. L’arabo (la lingua della Rivelazione) è parlato da circa 350 milioni di persone, ma non è l’unica lingua del m.m. Le lingue più diffuse sono le lingue indoeuropee come il persiano, l’urdu, le lingue turche e turco-tartare. Il mondo arabo va dal Marocco all’Iraq incluso. Dall’Iran verso est e nel resto del m.m. le etnie, le lingue e le culture si differenziano, anche se la lingua araba rimane la lingua della pratica religiosa. Arabo, dunque, non vuol dire musulmano né musulmano vuol dire arabo.

20 Il mondo arabo

21 Dīn-dunya-dawla (religione, mondo, Stato) L’Islam nasce con la rivelazione al profeta Muhammad* di un messaggio da diffondere all’umanità: la parola di Dio (Allāh) diventerà il Corano, al Qur’ān, la Recitazione. Muhammad è l’unico fondatore di una religione che ha contribuito personalmente (e militarmente) alla sua espansione vittoriosa. Da ciò deriva la commistione fra sfera religioso-spirituale (la parola di Dio) e sfera temporale (giuridica) che caratterizza la cultura-religione islamica. * Muhammad è una figura storica (si trovano cenni alla sua figura in testi armeni, greci, bizantini del VII secolo, nonché in fonti arabe risalenti al 680 circa).

22 Le grandi epoche della storia islamica Il profeta Muhammad ( ) I califfi benguidati/rashidūn ( ) I califfi omayyadi a Damasco ( ) I califfi abbasidi a Baghdad ( ) L’epoca postabbaside: diffusione di dinastie locali L’epoca selgiuchide (XI-XIII secolo) L’epoca mongola ( )

23 Dai grandi imperi all’epoca contemporanea I grandi imperi sovranazionali: Ottomani ( ) - Mediterraneo Safavidi ( ) - Persia Moghul ( ) - subcontinente indiano L’epoca delle conquiste coloniali (dallo sbarco di Napoleone ad Alessandria d’Egitto nel 1798 alla seconda metà del XX secolo). Le indipendenze e la creazione degli Stati nazionali.

24 Islam plurale non solo geograficamente, ma anche perché è: “una concezione della vita, del mondo, della società, della natura, dell’uomo e di Dio, olistica e onnicomprensiva” (M. Campanini, Il pensiero islamico contemporaneo, 2005). Le differenziazioni interne dunque sono molto marcate e non si può parlare di un unico Islam.

25 Cfr. il survey sul mondo musulmano del Pew Research Center all’indirizzo: diversity-infographic.aspx


Scaricare ppt "Introduzione alla storia e alla cultura dell’islam Ciclo di seminari (2 cfu) Prof.a Patrizia Manduchi- Dott.a Alessandra Marchi a.a.2014-2015."

Presentazioni simili


Annunci Google