La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Microeconomia1 Mercati concorrenziali: applicazioni Capitolo 10.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Microeconomia1 Mercati concorrenziali: applicazioni Capitolo 10."— Transcript della presentazione:

1 Microeconomia1 Mercati concorrenziali: applicazioni Capitolo 10

2 Microeconomia2 Sommario del Capitolo 10 1.Introduzione 2.La mano invisibile 3.Tasse sul consumo (accise) 4.La regolamentazione del prezzo: prezzi minimi e massimi 1.Introduzione 2.La mano invisibile 3.Tasse sul consumo (accise) 4.La regolamentazione del prezzo: prezzi minimi e massimi Capitolo 10

3 Microeconomia3 Q Q PP MercatoImpresa individuale DS Q0Q0 P0P0 P0P0 D = MR = P q0q0 LACLMC Concorrenza perfetta In concorrenza perfetta il ricavo marginale è pari al prezzo: RM = MC  P = MC

4 Microeconomia4 L’efficienza economica in un mercato concorrenziale Capitolo 10 Surplus del produttore Tra 0 e Q 0 i produttori ricevono un guadagno netto dalla vendita di ogni prodotto -- Rendita del produttore Surplus del consumatore Quantità 0 Prezzo S D 5 Q0Q0 Consumatore C 10 7 Consumatore BConsumatore A Tra 0 e Q 0 I consumatori A e B ricevono un guadagno netto acquistando il prodotto -- Rendita del consumatore

5 Microeconomia5 L’efficienza economica in un mercato concorrenziale In corrispondenza dell’equilibrio perfettamente concorrenziale il surplus totale è massimo. In corrispondenza dell’equilibrio perfettamente concorrenziale il surplus totale è massimo. Surplus totale = Surplus dei consumatori + Surplus dei produttori Capitolo 10

6 Microeconomia6 Definizione: Si ha efficienza economica quando il beneficio economico netto (somma dei surplus) è massimizzato. “Ogni consumatore disposto a pagare un prezzo superiore al costo necessario a produrre un’unità addizionale può farlo; ogni consumatore non disposto a pagare almeno il costo di produzione non compra.“ “In corrispondenza dell’equilibrio perfettamente concorrenziale, i benefici derivanti dallo scambio (tra consumatori e produttori) sono massimizzati." L’equilibrio perfettamente concorrenziale consegue l’efficienza economica. La mano invisibile Capitolo 10

7 Microeconomia7 Per determinare gli effetti di una politica pubblica sul benessere possiamo misurare i guadagni e le perdite nelle rendite dei consumatori e dei produttori Effetti sul benessere –Guadagni e perdite derivanti dall’intervento della politica economica nel mercato Valutazione delle misure di politica economica

8 Microeconomia8 Tasse sul consumo (accise) Definizione: Un’accisa è una tassa applicata su uno specifico prodotto, come la benzina, l’alcol, il tabacco o i biglietti aerei. (Il prezzo pagato dai consumatori eccede il prezzo ricevuto dai produttori di un ammontare T) Definizione: Un’accisa è una tassa applicata su uno specifico prodotto, come la benzina, l’alcol, il tabacco o i biglietti aerei. (Il prezzo pagato dai consumatori eccede il prezzo ricevuto dai produttori di un ammontare T) Capitolo 10

9 Microeconomia9 Tasse sul consumo (accise) Capitolo 10 D S B D A I consumatori perdono A + B, e i venditori perdono D + C, e il governo guadagna A + D in introiti. La perdita secca è data da B + C C Quantità Prezzo P0P0 Q0Q0 Q1Q1 PSPS PbPb t P b è il prezzo (inclusa l’imposta) pagato dai consumatori. P S è il prezzo che i venditori ricevono al netto dell’imposta.

10 Microeconomia10 Perdita secca Definizione: La perdita secca è la riduzione del beneficio economico netto risultante da un’inefficiente allocazione delle risorse. Capitolo 10

11 Microeconomia11 L’incidenza di una tassa Definizione: L’incidenza di una tassa è la misura dell’impatto di una tassa sui prezzi che i consumatori pagano e che i venditori ricevono in un mercato. Capitolo 10

12 Microeconomia12 L’incidenza di una tassa in due casi Quantità Prezzo S D S D Q0Q0 P0P0 P0P0 Q0Q0 Q1Q1 PbPb PSPS t Q1Q1 PbPb PSPS t Onere sul compratore Onere sul venditore Prezzo

13 Microeconomia13 L’incidenza di una tassa La relazione tra l’incidenza di una tassa e le elasticità dell’offerta e della domanda è:  P d /  P s =  Q s,P /  Q d,P dove:  Q s,P è l’elasticità al prezzo dell’offerta e  Q d,P è l’elasticità al prezzo della domanda. Capitolo 10

14 Microeconomia14 Per capire perché, si consideri l’effetto di una piccola tassa in un mercato caratterizzato dall’equilibrio (Q *,P * ).  Q d,P = (  Q/Q * )/(  P d /P * )…   Q/Q * = (  P d /P * )  Q d,P  Q s,P = (  Q/Q * )/(  P s /P * )…   Q/Q * = (  P s /P * )  Q s,P ma poichè il mercato sarà in equilibrio,  Q/Q * deve avere lo stesso valore in entrambi i casi, quindi (  P d /P * )  Q d,P = (  P s /P * )  Q s,P (  P d /  P s ) =  Q s,P /  Q d,P Capitolo 10 L’incidenza di una tassa

15 Microeconomia15 Esempio: Sia  Q d,P = - 0,5 e  Q s,P = 2. Allora  P d /  P s = 2/(-0,5) = - 4 Interpretazione: “l’aumento del prezzo pagato dai consumatori sarà pari a quattro volte la diminuzione del prezzo ricevuto dai produttori. Se viene imposta una tassa di €1, il prezzo pagato dai consumatori aumenterà di €0,80, mentre il prezzo ricevuto dai produttori diminuirà di €0,20" Nota: I sussidi sono tasse negative. Capitolo 10 L’incidenza di una tassa

16 Microeconomia16 Tassa sulla benzina D A Riduzione del surplus del consumatore Riduzione del Surplus del produttore P S =.72 P b = 1.22 Quantità (miliardi di litri all’anno) P 0 = t = Gettito fiscale: €0.50(89) = €44.5 miliardi. Il compratore paga 22 centesimi, e Il produttore paga 28 centesimi. SD 60 Prezzo (€ al litro)

17 Microeconomia17 Prezzi minimi e massimi Capitolo 10 I governi talvolta stabiliscono prezzi minimi o massimi per determinati beni e servizi. Un prezzo minimo ha effetto solo se è superiore al prezzo di equilibrio. Un prezzo massimo ha effetto solo se è inferiore al prezzo di equilibrio. I governi talvolta stabiliscono prezzi minimi o massimi per determinati beni e servizi. Un prezzo minimo ha effetto solo se è superiore al prezzo di equilibrio. Un prezzo massimo ha effetto solo se è inferiore al prezzo di equilibrio.

18 Microeconomia18 La perdita dei produttori è la somma del rettangolo A e del triangolo C. Il triangolo B e C assieme misurano la perdita secca B A C Il guadagno dei consumatori è la differenza tra il rettangolo A e il triangolo B Perdita secca Quantità Prezzo S D P0P0 Q0Q0 P max Q1Q1 Q2Q2 Si supponga che il governo imponga un prezzo massimo P max che è minore del prezzo di equilibrio di mercato P 0 Esempio: prezzo massimo

19 Microeconomia19 Esempio: il salario minimo B La perdita secca È data dai triangoli B and C. C A w min L1L1 L2L2 Disoccupazione È vietato pagare salari Inferiori a w min. In un mercato del lavoro concorrenziale ciò causa disoccupazione. S D w0w0 L0L0 L w


Scaricare ppt "Microeconomia1 Mercati concorrenziali: applicazioni Capitolo 10."

Presentazioni simili


Annunci Google