La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MASTER DSA LUMSA 30 novembre 2012 Seminario di tirocinio MARIA FILOMENA CASALE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MASTER DSA LUMSA 30 novembre 2012 Seminario di tirocinio MARIA FILOMENA CASALE."— Transcript della presentazione:

1 MASTER DSA LUMSA 30 novembre 2012 Seminario di tirocinio MARIA FILOMENA CASALE

2 Definizione di tirocinio attività che si esplica attraverso “il fare” in situazione reale dando centralità “all’esperienza” Il percorso formativo del tirocinio, accanto all’esperienza diretta, accompagnata da strumenti e tecniche di rilevazione, comprende momenti di riflessione attraverso i quali si realizzano esperienze, in grado di collegare le operazioni quotidiane del fare scuola con domande che nascono da precedenti conoscenze ed esperienze

3 un primo STEP centrato sull’ OSSERVAZIONE (esplorativa, diaristica, focalizzata) tesa a rilevare le pratiche educative in atto; Un secondo STEP si sposta l’attenzione verso prime ipotesi ed attuazione di un proprio progetto in un contesto preciso con l’utilizzo di STRUMENTI DOCIMOLOGICI e di VALUTAZIONE dei PROCESSI EDUCATIVI, riferiti al contesto alunno DSA,classe \sezione e all’ Istituto, legata cioè alla qualità dell’organizzazione complessiva del servizio

4 Osservazione esplorativa L’OSSERVAZIONE ESPLORATIVA permette di collocarsi dentro il contesto Si tratta di individuare i “dati di sfondo” su cui si sviluppano i processi. Per “dati di sfondo” intendiamo sia elementi strutturali, quali gli spazi, i materiali, le risorse umane ed economiche a disposizione, sia elementi legati alle scelte organizzative, i sistemi di regole che comprendono la gestione dei tempi e delle risorse economiche ed ambientali.

5 Osservazione Descrittiva L‘OSSERVAZIONE DESCRITTIVA La descrizione è una rilevazione a più riprese, con regolarità all’interno di un definito gruppo di bambini e adulti. Dunque questo tipo di osservazione non mira alla generalizzazione dei risultati, ma a comprendere l’unicità di quel gruppo: gli stili cognitivi, i ruoli sociali agiti, l’utilizzo delle risorse e delle strategie da parte dell’ insegnante……

6 Osservazione Focalizzata Tecnica di osservazione, che prevede l’utilizzo di griglie e che ha lo scopo di raccogliere dati di frequenza su comportamenti e in situazioni molto circoscritte. E’ necessario acquisire la consapevolezza rispetto a ciò che si vuole osservare in modo approfondito e quantificabile: “vedere” con più precisione ciò che effettivamente ci interessa, senza determinare a priori ciò che si deve “vedere”. E’ solo la descrizione complessiva del contesto che ci permette di avanzare poi una prima lettura dei dati di frequenza e quantitativi. AD ESEMPIO la griglia compilata sarà integrata all’osservazione della situazione (osservazione descrittiva) è avrà validità solo in quanto la definizione dei comportamenti specifici sarà confrontata con le categorie che determinano il contesto in cui i comportamenti stessi si sono verificati.

7 Progetto tirocinio OBIETTIVI DEL TIROCINIO 1) Arricchire la professionalità del tirocinante: Nell’accoglienza degli alunni con DSA Nella progettazione dei percorsi curricolari e delle attività didattiche più idonee agli alunni con DSA Nell’utilizzo di strumenti compensativi Nella messa in atto di misure dispensative

8 Nella relazione di accoglienza dei genitori di alunni con DSA Nella costruzione di sinergie con i professionisti, che a vario titolo,operano con gli alunni DSA

9 2) Individuare le caratteristiche della figura professionale del “referente di Istituto per i DSA” Osservazione delle classi nelle quali risultano inseriti gli alunni con DSA Partecipazione ai consigli di classe o ai gruppi di lavoro nei quali si affrontano le problematiche educative e didattiche connesse con la gestione delle classi con alunni con DSA

10 Partecipazione agli incontri per la redazione del PDP Partecipazione ad incontri con specialisti Partecipazione ad incontri di accoglienza o di consulenza ai genitori degli alunni con DSA

11 scuola accogliente In particolare nella scuola accogliente : Rendersi conto del funzionamento del servizio Osservazione in classe Rapporto con gli uffici di segreteria Comunicazioni Durante le lezioni : uso di strumenti (mappe-schemi) Metodologie di insegnamento e modalità di verifica e valutazione Consigli di classe Redazione del PDP

12 Centro per la valutazione, diagnosi e interventi sui DSA Nella struttura: Modalità di ACCOGLIENZA Bambino Ragazzo Genitori Primo colloquio raccolta delle principali notizie anamnestiche VALUTAZIONE per indagare il funzionamento cognitivo Incontro di restituzione e di orientamento all’intervento INTERVENTI Riabilitazione cognitiva CONSULENZA SUPPORTO ORGANIZZATIVO- DIDATTICO

13 Nel proprio Istituto Cosa osservare Vedi lezione del 21 giugno 2012 corredata di schede di osservazione IL CONTESTO EDUCATIVO APPLICAZIONE DELLA LEGGE 170 DOCUMENTAZIONE RELATIVA AGLI ALLIEVI CON DSA INSERIMENTO E ACCOGLIENZA DEGLI ALUNNI DSA NEL CONTESTO CLASSE PROGETTAIONE DIDATTICA DEL CONSIGLIO DI CLASSE

14 Cosa si è realizzato ATTIVITA’: INCONTRI STAFF COORDINAMENTO DOCENTE REFERENTE DOCENTI DI CLASSE :PROGRAMMAZIONE DI PERCORSI PERSONALIZZATI SPAZI:ATTREZZATURE, AULE,LAB USO DEGLI STRUMENTI DIDATTICI LE RELAZIONI ALLIEVO/INSEGNANTE

15 Restituzione e riflessione Presenza del tutor nella struttura e incontri di rielaborazione da concordare. BUON LAVORO


Scaricare ppt "MASTER DSA LUMSA 30 novembre 2012 Seminario di tirocinio MARIA FILOMENA CASALE."

Presentazioni simili


Annunci Google