La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Tumori a Brescia Osservatorio Epidemiologico. CONTINUO e PROGRESSIVO INNALZAMENTO DELLA SOPRAVVIVENZA: Da 79,6 a 82,6 anni= +3 Età media di morte 2000-2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Tumori a Brescia Osservatorio Epidemiologico. CONTINUO e PROGRESSIVO INNALZAMENTO DELLA SOPRAVVIVENZA: Da 79,6 a 82,6 anni= +3 Età media di morte 2000-2012."— Transcript della presentazione:

1 Tumori a Brescia Osservatorio Epidemiologico

2 CONTINUO e PROGRESSIVO INNALZAMENTO DELLA SOPRAVVIVENZA: Da 79,6 a 82,6 anni= +3 Età media di morte Da 71,0 a 75,3 anni= +4,3

3 L’ASL di Brescia assistiti

4 circa 200 malattie molto eterogenee caratteristica comune: crescita cellulare svincolata dai normali meccanismi di controllo dell’organismo Andamenti temporali diversi Distribuzioni geografiche diverse Letalità diversa (7% del pancreas al 96% tiroide donne) Fattori eziologici diversi

5 mutazioni genetiche, ormoni, funzionalità dell’apparato immunitario e, generalmente, non sono modificabili Ambiente (agenti infettivi, prodotti chimici, radiazioni) stile di vita (alimentazione, livello di attività fisica, fumo etc.) sono modificabili! Qual è la quota di tumori evitabili? Quali le cause?

6 American Association for Cancer Research – AACR Cancer Progress Report Available at: Accessed 16/06/2014

7 Nord +26% rispetto al Sud e più 19% rispetto al Centro

8 Alta letalità : mortalità=incidenza Individuazione di tumori silenti (prostata, melanoma, tiroide) Descrizione Trend temporale Confronti geografici

9 CAUSE DI MORTE ASL NEL deceduti

10 CAUSE DI MORTE NEL anni di vita persi

11 (67%)

12 Numerosità e percentuale relativa dei decessi e anni di vita persi per cause tumorali specifiche nel 2012

13 Trend mortalità per Tumori Maligni

14 CONFRONTI GEOGRAFICI La mortalità per tumori dell’ASL è stata, rispetto alla media nazionale, superiore del 12% nei maschi e del 6% nelle femmine. Eccessi simili a quelli riscontrati per l’intera Regione Lombardia ( ultimi dati disponibili ISTAT per causa).

15 CONFRONTI INTRA ASL:maschi Monte Orfano (+13% rispetto alla media) Brescia Ovest(+7%), Sebino e Bassa Bresciana centrale.

16 CONFRONTI INTRA ASL:femmine differenze tra i distretti erano poco significative ad eccezione del Garda con tassi significativament e più bassi in entrambi i sessi

17 Atlante della mortalità in Lombardia : mortalità per tutti i tumori

18

19 Tassi incidenza standardizzati sulla popolazione italiana (AIRTUM)

20 Tassi incidenza standardizzati sulla popolazione italiana (AIRTUM) per maschifemmine Nord Ovest (P9) Nord Est (P9) Bergamo* (2007-9) BRESCIA Como Cremona* (2005-7) Mantova Milano Milano 1 * (2007-9) Sondrio Varese Veneto676440

21 Per i maschi un’incidenza più elevata rispetto alla media dell’ASL nei distretti occidentali ed in particolare di Brescia Ovest (+6,4%), della Valle Trompia (+5,6%) di Monte Orfano (4,1%) e della Città (+3,3%) e con il distretto del Garda con l’incidenza più bassa (-11%). Per le donne l’incidenza e più elevata si riscontrava nel distretto cittadino (+ 6,2%) seguito da quello di Brescia Ovest (+3,6%) e di Monte Orfano (2,7%); il distretto del Garda presenta l’incidenza più bassa (-9%).

22 Non risultano esservi differenze statisticamente significative tra le varie circoscrizioni della città: Georeferenziazione popolazioni e casi in atto

23 Questo tumore rappresenta la prima causa di morte tumorale % di tutti i tumori polmonari ascrivibili al fumo di sigaretta Nei tredici anni del periodo vi sono stati nell’ASL di Brescia decessi (6.581 nei maschie nelle donne): in media ogni anno circa 645 decessi. Ha causato la perdita di anni di vita La sopravvivenza relativa a 5 anni dalla diagnosi è migliorata nell’ultimo decennio ma rimane bassa: del 14% nei maschi e del 18% nelle femmine

24 La mortalità per tumori vie respiratorie

25 Nei mostra un trend di crescita passando dai distretti orientali a quelli occidentali, con tassi significativamente più elevati a Monte Orfano (+18%) ed inferiori nel Garda (-20%) Nelle donne, invece, i tassi più elevati sono nel distretto cittadino (+29%) ed in parte in quello del Garda. La mortalità per tumori dell’ASL è stata, rispetto alla media nazionale: superiore del 11% nei maschi (uguale alla Lombardia). inferiore del 9% nelle femmine (mentre in Lombardia è superiore del 18%)

26 Tassi incidenza per tumori vie respiratorie in Lombardia

27 Familiarità Stili di vita :fattori dietetici ( consumo di carni rosse e di insaccati, farine e zuccheri raffinati), il sovrappeso e la ridotta attività fisica, il fumo e l’eccesso di alcool. Molta frutta e verdura sono protettivi. Il carcinoma del colon-retto è in assoluto il tumore a maggiore insorgenza nella popolazione italiana. Nei tredici anni del periodo vi sono stati nell’ASL di Brescia decessi ed ha causato la perdita di anni di vita La sopravvivenza relativa a 5 anni dalla diagnosi è molto migliorata ed è intorno al 64%

28 La mortalità per tumori del colon retto

29 In entrambi i sessi i tassi maggiori di mortalità per tumore colon rettale si sono notati nel distretto di Monte Orfano (+29% nei maschi e +27% nelle donne). La mortalità per tumori dell’ASL è stata, rispetto alla media nazionale: uguale nei nei maschi inferiore del 5% nelle femmine (non significativa statisticamente)

30 Tassi incidenza per tumori colon retto in Lombardia

31 Oltre il 70% dei casi di tumori primitivi del fegato sono riconducibili a fattori di rischio noti, in primis collegati alla prevalenza dell’infezione da virus dell’epatite C (HCV) ed in minor misura epatite B. Nelle aree del Nord-Italia circa un terzo dei tumori del fegato sono peraltro attribuibili all’abuso di bevande alcoliche Ulteriori fattori di rischio: aflatossine,,emocromatosi, obesità, steatoepatite non alcolica, il tabacco. Nei tredici anni del periodo vi sono stati nell’ASL di Brescia decessi ed ha causato la perdita di anni di vita La sopravvivenza relativa a 5 anni dalla diagnosi è bassa introno al 16%

32 La mortalità per tumori del fegato

33 La mortalità per tumori dell’ASL è stata, rispetto alla media nazionale: +68% nei nei maschi +31% nelle femmine (più elevata anche rispetto ai dati Lombardi) Inferiori i tassi in entrambi i sessi nel distretto cittadino (-21% e -31%) e nel Garda (-20% e -38%),

34 Atlante della mortalità in Lombardia : mortalità K fegato

35 Tassi incidenza per tumori del fegato in Lombardia

36

37 Registro esenzioni: Prevalenza epatopatie nei vari distretti

38 L’infezione da Helicobacter pylori (HP) rappresenta il principale fattore di rischio. Ulteriori fattori di rischio:abitudine al fumo, la storia familiare e le abitudini alimentari ( basso consumo di verdura e frutta e l’alto consumo di carni rosse, di cibi conservati con sale, nitrati e affumicatura) Nei tredici anni del periodo vi sono stati nell’ASL di Brescia decessi ed ha causato la perdita di anni di vita La sopravvivenza relativa a 5 anni dalla diagnosi è in modesto aumento ma rimane bassa introno al 35%

39 La mortalità per tumori dello stomaco

40 La mortalità per tumori dell’ASL è stata, rispetto alla media nazionale: +37% nei nei maschi (simile rispetto a quella Lombarda) Simile nelle femmine (simile rispetto a quella Lombarda) La mortalità per tumore dello stomaco è stata inferiore nel distretto del Garda (-23% nei maschi e -39% nelle donne) e nel distretto cittadino (-16% nei maschi e 15% nelle donne).

41 Atlante della mortalità in Lombardia : mortalità K stomaco

42 Tassi incidenza per tumori dello stomaco in Lombardia

43

44 È, in Italia e a Brescia, il tumore più diffuso tra le donne (1/3 circa del totale delle diagnosi tumorali) e la prima causa di morte per tumore. L’incidenza è più elevata nel Nord Italia e tra le donne con livello socioeconomico elevato. I fattori di rischio principali sono: menarca precoce e menopausa tardiva, la nulliparità o la prima gravidanza a termine dopo i 30 anni, il mancato allattamento al seno e l’uso di contraccettivi orali. Obesità, scarso esercizio fisico, alto consumo di carboidrati e di grassi saturi sono anch’essi considerati fattori di rischio importanti. Nei tredici anni del periodo vi sono stati nell’ASL di Brescia decessi ed ha causato la perdita di anni di vita La sopravvivenza relativa a 5 anni dalla diagnosi è in costante aumento ed è oggi pari al 87%.

45 La mortalità per tumori seno anni (età dello screening)

46 La mortalità per tumori dell’ASL è stata, rispetto alla media nazionale, superiore del 7%, un eccesso simile a quelli riscontrato per l’intera Regione Lombardia che aveva un +12% ( ultimi dati disponibili ISTAT per causa).

47 Tassi incidenza per tumori del seno in Lombardia

48

49 L’incidenza del tumore del seno risultava più elevata nel distretto cittadino (+8,5%) rispetto alla media ASL. Al contrario di quanto notato per tutti i tumori si notava un gradiente in crescita da ovest verso est. per confronto si tenga presente che nella ASL di Bergamo il distretto cittadino di Bergamo rispetto alla provincia faceva rilevare un +5% nelle femmine.

50 L’analisi per circoscrizione (quinquennio per cui sono stati ottenuti i dati anagrafici del comune) faceva rilevare i tassi più elevati nelle circoscrizioni Centro ed Ovest e quelli più bassi nella circoscrizione Sud; le differenze non erano statisticamente significative.(DATI PRELIMINARI)

51

52

53 Percentuale di DALYs persi

54 Confronti esterni mortalità maschifemmine italialombardiaitalialombardia TUTTI tumori maligni+12%=+6%= tumore stomaco ↑ === tumore colon retto==== tumore fegato+68% ↑↑↑ tumore pancreas ↑ = ↑ = tumore vie aree ↑ == ↓ tumore vescica ↓ == = rene ↑↑ ? ? tumori seno = ↓ emolinfopoietico====

55 DM Parkin1, L Boyd, LC Walker. The fraction of cancer attributable to lifestyle and environmental factors in the UK in Br J Cancer December 6; 105


Scaricare ppt "Tumori a Brescia Osservatorio Epidemiologico. CONTINUO e PROGRESSIVO INNALZAMENTO DELLA SOPRAVVIVENZA: Da 79,6 a 82,6 anni= +3 Età media di morte 2000-2012."

Presentazioni simili


Annunci Google