La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Benchmarking di Spesa Sanitaria Basilicata, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Toscana, Umbria, Veneto nicola c. salerno

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Benchmarking di Spesa Sanitaria Basilicata, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Toscana, Umbria, Veneto nicola c. salerno"— Transcript della presentazione:

1 Benchmarking di Spesa Sanitaria Basilicata, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Toscana, Umbria, Veneto nicola c. salerno PERUGIA, Novembre 2014 | VILLA UMBRA

2 1. Metodologia 2. Base Dati 3. Simul e Confronti Interregionali 4. Spunti per la Policy

3 Metodologia Tecnica delle proiezioni a medio-lungo applicata all’analisi degli andamenti storici

4 Metodologia Ecofin-Ocse Analisi dello storico utilizzando la stessa la stessa metodologia che Ecofin-Ocse applicano alle proiezioni Ecofin-Ocse: Si parte dal profilo di spesa sanitaria pro-capite per fascia di età Anno per anno, il profilo di spesa pro-capite per fascia età “scivola” in avanti della metà dell’incremento della vita attesa e si trasla verso l’alto di un fattore pari al tasso di crescita del Pil pro-capite addizionato di un mark-up I profili così proiettati sono moltiplicati per la numerosità delle fasce di età ai vari anni di proiezione Per sommatoria tra fasce si ottiene la spesa aggregata

5 Metodologia – Applicazione backward (I) Proiezione all’indietro del profilo di spesa: Si applica Ecofin-Ocse all’indietro. A partire dall’anno base, il profilo “scivola” all’indietro (si sottrae la metà dell’incremento della vita attesa) e si trasla verso il basso (si sottrae la dinamica del Pil pro-capite) Il profilo dell’anno base è espresso senza unità di misura, ponendo pari all’unità la spesa pro-capite della fascia anni Il profilo è “retrocesso” dal 2010 sino al 1990

6 Metodologia – Applicazione backward

7 Metodologia – Calibrazione per passare da numeri senza unità di misura a Euro correnti (II) Al 1990, il profilo di spesa è trasformato da valori senza unità di misura a valori in Euro correnti Questa trasformazione avviene ponendo la condizione che la spesa pro-capite di fascia, moltiplicata per i cittadini in ogni fascia, eguagli la spesa aggregata (nazionale o delle Regioni) Il profilo di spesa in Euro è ri-proiettato in avanti con la stessa metodologia Ecofin-Ocse, con “scivolamento” in avanti della metà dell’incremento della vita attesa e traslazione verso l’alto di un fattore pari al tasso di crescita del Pil pro- capite addizionato di un mark-up

8 Metodologia – Esempio calibrazione per Italia

9 Metodologia – Ri-proiezione forward del profilo in Euro correnti

10 Metodologia – I profili di spesa pro-capite (III) Per ogni anno tra 1990 e il 2010, si può disporre del profilo di spesa pro- capite per fascia di età in Euro correnti per tutte le unità di osservazione (Italia o qualsivoglia Regione) I valori assoluti cambiano a seconda del tasso di crescita prescelto, ma i rapporti inter-fascia di età dipendono soltanto dallo “scivolamento” in avanti o indietro e sono anche invarianti per tutte le unità di osservazione (Italia e Regioni)

11 Base Dati Profili di Spesa, Pil, Demografia

12 Da quale profilo si parte per inizializzare il processo? I profili acuto e Ltc sono stimati “graficamente” da RGS (2013), “Le Tendenze di Medio-Lungo Periodo del Sistema Pensionistico e Socio-Sanitario” Si stimano separatamente la componente acuta e quella di lungodegenza Poi le due componenti sono sommate Per inizializzare il processo si adotta il profilo medio nazionale Depurato dall’unità di misura, cioè ricondotto da valori in Euro a valori relativi (rapporti tra fasce), questo profilo può essere adottato come standard Dati – I profili di spesa pro-capite

13 Dati – Il profilo di spesa sanitaria corrente acuta (ospedaliera, specialistica, farmaceutica)

14 Dati – Il profilo di spesa Ltc (componente sanitaria a carico Ssn) Residenziale e Non-residenziale = 2/3 spesa totale Ltc Residenziale = 0,29% Pil ca. Non-Residenziale = 0,26% Pil ca. Nei grafici compare, per ogni voce di spesa e per ogni fascia di età, la spesa pro-capite di fascia in % spesa pro-capite complessiva relativa a quella voce di spesa

15 Dati – Il profilo di spesa Ltc (componente sanitaria a carico Ssn) La componente sanitaria della Ltc conta per lo 0,86% del Pil Il totale della spesa Ltc incide sul Pil per 1,84%

16 Dati – Il profilo stimato 2010 “graficamente”

17 Demografia Istat con spaccato per fasce di età e per Regioni… … inclusa la dinamica della vita attesa per fasce di età su arco Pil nominale di fonte Istat, con spaccato per Regione Spesa sanitaria corrente Ssn da HfA – Istat Profili di spesa pro-capite 2010 desunti “graficamente” da RGS (2013) Dati – Le altre Fonti

18 DISTRIBUZIONE % POPOLAZIONE PER FASCE ANAGRAFICHE (diff. vs. Italia)

19 Primo Confronto Valori del profilo di spesa utilizzati per ponderare la popolazione regionale

20 RAPPORTI DI SPESA PRO-CAPITE TRA FASCE (60-64 = 1)

21 POPOLAZIONE PONDERATA : POPOLAZIONE CRUDA

22 POPOLAZIONE PONDERATA : POPOLAZIONE CRUDA (scarto da ITA)

23 SPESA PRO-CAPITE PONDERATA (Euro correnti)

24 SPESA PRO-CAPITE PONDERATA (scarto % da ITA)

25

26 SPESA PRO-CAPITE PONDERATA (ITA 1990 = 1)

27

28

29 SPESA PRO-CAPITE PONDERATA (diff. % vs. ITA)

30 SPESA PRO-CAPITE PONDERATA (diff. media vs. ITA)

31 APPLICANDO SPESA PRO-CAPITE PONDERATA EMIROM A ALTRE REGIONI

32 APPLICANDO SPESA PRO-CAPITE PONDERATA “BEST-5” A ALTRE REGIONI

33 Secondo Confronto Valori del profilo di spesa utilizzati per ricostruire la spesa regionale

34 ITALIA (valori in % Pil)

35 TOSCANA

36 LOMBARDIA

37 VENETO

38 UMBRIA

39 MARCHE

40 LIGURIA

41 BASILICATA

42 EMILIA ROMAGNA

43 LAZIO

44 Terzo Confronto Valori del profilo di spesa utilizzati per ricostruire la spesa regionale nell’hp. che tutte le Regioni abbiano medesima spesa pro-capite per fascia di età e medesimo tasso di crescita della spesa

45 ITALIA (valori in % Pil) Spesa pro-capite 1990 pari alla media Italia e, per la curva “==“, anche mark-up medio Italia Spesa pro-capite 1990 pari alla media “Best-5” e, per la curva “==“, anche mark-up medio delle “Best-5”. La curva “…” riproduce la curva “==“ del precedente grafico

46 TOSCANA

47 LOMBARDIA

48 VENETO

49 UMBRIA

50 MARCHE

51 LIGURIA

52 BASILICATA

53 EMILIA ROMAGNA

54 LAZIO

55 Spunti per la Policy

56 Spunti per la Discussione Dietro questo tipo di benchmarking, c’è l’idea che gli standard possano essere dati dal profilo di spesa pro-capite per fasce di età delle Regioni migliori I rapporti di spesa pro-capite tra fasce di età potrebbero essere adottati come parametri per standardizzare la popolazione e suddividere il Fsn I parametri sarebbero rivedibili a medio termine (ogni 5-10 anni), assieme alla riprogrammazione del Fsn Come i “coefficienti Dini” del Ssn Una simile standardizzazione contiene già una chiara componente equitativa… …che può essere irrobustita con programmi di perequazione delle dotazioni infrastrutturali e con un percorso di convergenza agli standard graduale ma credibile e irreversibile

57 Spunti per la Discussione La stessa metodologia può essere utilizzata per proiezioni a medio-lungo termine regionalizzate Proiezioni regionalizzate sono importanti per: (1) Disegnare fase di transizione verso applicazione integrale degli standard (2) Dare trasparenza ai flussi di perequazione tra Regioni (3) Verificare le condizioni di sostenibilità prospettica del PayGo Con alcune cautele, sia il benchmarking sullo storico che le proiezioni regionalizzate possono essere svolte anche su sottocapitoli di spesa (es. la farmaceutica territoriale) Altre considerazioni finali…

58 Grazie per l’Attenzione Reforming


Scaricare ppt "Benchmarking di Spesa Sanitaria Basilicata, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Toscana, Umbria, Veneto nicola c. salerno"

Presentazioni simili


Annunci Google