La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SICUREZZA IN MARE A BORDO DELLE NAVI DA PESCA Prof. Di Candia Paolo ISTITUTO TECNICO NAUTICO STATALE “UGO TIBERIO” Termoli, 22 maggio 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SICUREZZA IN MARE A BORDO DELLE NAVI DA PESCA Prof. Di Candia Paolo ISTITUTO TECNICO NAUTICO STATALE “UGO TIBERIO” Termoli, 22 maggio 2009."— Transcript della presentazione:

1 SICUREZZA IN MARE A BORDO DELLE NAVI DA PESCA Prof. Di Candia Paolo ISTITUTO TECNICO NAUTICO STATALE “UGO TIBERIO” Termoli, 22 maggio 2009

2 SICUREZZA IN MARE VA INTESA NEL SENSO (Qualità percepita come limite in corrispondenza della quale l’operatività di un sistema è esente da pericoli) (Qualità percepita come limite in corrispondenza della quale l’operatività di un sistema è esente da pericoli)SALVAGUARDIA: DELLA VITA UMANA DELLA VITA UMANA DELLA NAVE DELLA NAVE DEL CARICO DEL CARICO DELL’AMBIENTE MARINO DELL’AMBIENTE MARINO

3 SICUREZZAINMARE EFFICIENZA NAVE SOCCORSO IN MARE ADDESTRAMENTO EQUIPAGGIO LE COMPONENTI PER GARANTIRE LA SICUREZZA IN MARE EFFICIENZA NAVE: buona costruzione, buone qualità nautiche (stabilità, manovrabilità, galleggiabilità, riserva di spinta), dotazioni di sicurezza antincendio, di salvataggio; ADDESTRAMENTO EQUIPAGGIO: piena conoscenza degli impianti e delle attrezzature; SOCCORSO: quando viene meno uno dei due lati del triangolo è necessario l’intervento da parte di altri uomini e mezzi.

4 Materia vasta e diversificata GLI ORGANI DA CUI DIPENDE LA SICUREZZA IN MARE SONO: L’autorità governativa marittima (stesura leggi, rapida approvazione) L’autorità governativa marittima (stesura leggi, rapida approvazione) Il RINa (controllo tecnico) Il RINa (controllo tecnico) Gli armatori (adeguamento alla normativa di sicurezza, collaborazione con l’autorità marittima) Gli armatori (adeguamento alla normativa di sicurezza, collaborazione con l’autorità marittima) Il personale navigante (sempre più addestrato alle moderne tecniche della navigazione, con corsi di aggiornamento e formazione) Il personale navigante (sempre più addestrato alle moderne tecniche della navigazione, con corsi di aggiornamento e formazione)

5 FACCIAMO ANCORA UN PO’ DI CHIAREZZA Il termine SICUREZZA viene utilizzato in maniera generica SICUREZZA ( prevenzione - informazione, formazione, attrezzature: bussola, orologio, barometro, binocolo, scandaglio, carte nautiche, strumenti di carteggio, fanali, radar ) SICUREZZA ( prevenzione - informazione, formazione, attrezzature: bussola, orologio, barometro, binocolo, scandaglio, carte nautiche, strumenti di carteggio, fanali, radar ) EMERGENZA (situazione di pericolo - formazione, attrezzature: salvagente con cima e boetta luminosa - uomo in mare - strumenti di radioposizione, VHF o RTF, fuochi, razzi, cassetta medicinali, estintori) EMERGENZA (situazione di pericolo - formazione, attrezzature: salvagente con cima e boetta luminosa - uomo in mare - strumenti di radioposizione, VHF o RTF, fuochi, razzi, cassetta medicinali, estintori) SOPRAVVIVENZA (rimanere in vita - addestramento, attrezzature: zattera, apparecchio galleggiante - atollo - cinture di salvataggio) SOPRAVVIVENZA (rimanere in vita - addestramento, attrezzature: zattera, apparecchio galleggiante - atollo - cinture di salvataggio) SOCCORSO (intervento - organizzazione mezzi/uomini) SOCCORSO (intervento - organizzazione mezzi/uomini)

6 In definitiva SICUREZZA = Prevenzione SICUREZZA = Prevenzione EMERGENZA = Cura EMERGENZA = Cura SOPRAVVIVENZA = Cura SOPRAVVIVENZA = Cura SOCCORSO = Cura SOCCORSO = Cura

7 LA COMUNITA’ EUROPEA Ha prodotto direttive agli Stati membri: - promuovere la cultura della sicurezza; - sviluppare l’istruzione professionale; - migliorare l’interazione tra equipaggio, nave e macchinari. L’ITALIA D.Lgs. 271/1999 D.Lgs. 271/1999 (Sicurezza e salute dei lavoratori a bordo navi da pesca) D.Lgs. 272/1999 D.Lgs. 272/1999 (Sicurezza lavoro riparazioni, Trasformazioni, servizi portuali) D.Lgs. 298/1999 D.Lgs. 298/1999 (Prescrizioni minime di sicurezza e Salute per il lavoro a bordo navi da pesca)

8 SICUREZZA E PREVENZIONE A BORDO DELLE IMBARCAZIONI/NAVI DA PESCA

9

10

11

12 LE STATISTICHE In ambito CE, il tasso annuo di incidenti mortali è pari al 2% (0,3% in altre categorie produttive). Avarie meccaniche 33 % Naufragio 9 % Incaglio 9 % Capovolgimento 2 % Collisioni 7 % Falle 4 % Incendi 3 % Condizioni meteo 1 % TRA LE ATTIVITA’ LAVORATIVE LA PESCA E’ QUELLA PIU’ RISCHIOSA

13 In Italia INCIDENTI DI LAVORO NELLA PESCA – DATI INAIL (NAVI DA PESCA < 10 TSL) MORTE INABILITA’ TEMPORANEA INABILITA’ PERMANENTE TOTALI INCIDENTI DI LAVORO NELLA PESCA – DATI IPSEMA (NAVI DA PESCA > 10 TSL) INCIDENTI MORTALI INCIDENTI TOTALI

14 SICUREZZA DELLE NAVI DA PESCA MEZZO NAUTICO galleggiabilità stabilità tenuta al mare incendio falla efficienza attrezzature PIATTAFORMA DI LAVORO disposizione del ponte di lavoro prestazione dei macchinari di coperta cavi d’acciaio funi ed accessori cadute a bordo instabilità di piattaforma operazioni di pesca FATTORI UMANO E AMBIENTALE istruzione equipaggio perizia di navigazione dispositivi di protezione ind. relazioni tra l’equipaggio sistema di remunerazione condizioni meteo rumore e vibrazioni

15 La stabilità Il peschereccio è stabile se, quando inclinato, tende a tornare in posizione orizzontale. STABILITA’ ADEGUATA La distanza GM deve essere almeno 60 cm. STABILITA’ ADEGUATA La distanza GM deve essere almeno 60 cm. Il baricentro G si deve trovare al di sotto del metacentro M.

16 Fattori che influenzano la stabilità - Altezza del carico - Altezza del carico (mantenere il più basso possibile (mantenere il più basso possibile la pila delle cassette) la pila delle cassette) - La baie sul ponte - La baie sul ponte (minimizzare la larghezza e il numero (minimizzare la larghezza e il numero delle baie per le superfici liquide libere) delle baie per le superfici liquide libere)

17 Fattori che influenzano la stabilità Carico sospeso Carico sospeso (ridurre al minimo queste (ridurre al minimo queste operazioni, evitare che il operazioni, evitare che il carico dondoli) carico dondoli) Altezza del punto di traino Altezza del punto di traino (mantenere il tiro in asse, dopo il calo della (mantenere il tiro in asse, dopo il calo della rete spostare il punto di attacco del traino rete spostare il punto di attacco del traino più basso). più basso).

18 TENUTA AL MARE CONDOTTA PRUDENTE DELL’UNITA ’ Mare di poppa Mare di poppa (imbarco di acqua a bordo – superfici liquide libere - rischio di traversamento. Cambiare rotta e/o velocità) (imbarco di acqua a bordo – superfici liquide libere - rischio di traversamento. Cambiare rotta e/o velocità) Mare al traverso Mare al traverso (rollio eccessivo. I frangenti possono portare al capovolgimento. Cambiare rotta e/o velocità) Mare al giardinetto Mare al giardinetto (situazione più pericolosa. Si sommano gli effetti precedenti. Cambiare rotta e/o velocità) (situazione più pericolosa. Si sommano gli effetti precedenti. Cambiare rotta e/o velocità)

19 PIATTAFORMA DI LAVORO Disposizione del ponte di lavoro I pescherecci più vecchi hanno il cofano per accedere all’APPAR.MOTORE. Oggi le navi da pesca con i motori semiveloci (minor volume) hanno eliminato il cofano spostando lateralmente il fumaiolo. IL PONTE DI LAVORO è libero da ostruzioni e i marinai possono lavorare più facilmente.

20 Cavi d’acciaio – Funi ed accessori possono causare gravi incidenti (rottura o trascinamento dei marinai in mare) Le funi vanno al verricello attraverso due fori praticati sul ponte superiore. In questi esempi le ghie corrono al di sopra dei marinai che lavorano nella parte poppiera del ponte

21 OPERAZIONI DI PESCA Dopo le operazioni di pesca, i divergenti restano appesi alle carrucole dell’arcone poppiero (rischi: urti, cadute entro entro o fuori bordo, schiacciamenti) Azionando due bracci idraulici i divergenti potranno essere sistemati tra parapetto e arcone.

22 OPERAZIONI DI PESCA Protezione dei cavi mediante tubi Aggancio del divergente Scala esterna con protezione

23 Un buon periodo di rollio T=6s/8 s Ridurre il rollio con piccole variazioni di rotta e/o velocità (riduzione con alette antirollio) INSTABILITA’ DI PIATTAFORMA I movimenti della nave (rollio, beccheggio, imbardata, abbrivio, scarroccio, sussulto) inducono accelerazioni fastidiose, abbassandone il rendimento sul lavoro.

24 INSTABILITA’ DI PIATTAFORMA Cadute a bordo e fuori bordo Il rischio di caduta in mare esiste quando, in condizioni meteo avverse, il marinaio si deve sporgere al di fuori del parapetto. Una tuta del genere (SOLAS – Costant Wear Suits, CE89/686) provvede al galleggiamento e all’isolamento termico.

25 INSTABILITA’ DI PIATTAFORMA Cadute a bordo e fuori bordo Specialmente sulle piccole: Rivestimento antiscivolo del ponteRivestimento antiscivolo del ponte Aumento dell’altezza del parapettoAumento dell’altezza del parapetto sistemazione di una scala fuoridordo sistemazione di una scala fuoridordo Cintura di sicurezza e cavo di ancorag.Cintura di sicurezza e cavo di ancorag. Indumenti di lavoro galleggianti o giubotti di salvataggioIndumenti di lavoro galleggianti o giubotti di salvataggio 1.Disp.arresto motore 2.Cavo di sicurezza 3.Ponte antisdrucciol. 4.Cintura di sicurezza

26 FATTORI UMANO E AMBIENTALE Lattività della pesca in mare comporta una serie di condizioni sfavorevoli che possono incidere sulla sicurezza dei lavoratori. Perturbazioni meteorologichePerturbazioni meteorologiche Benessere e comfort (esiguità degli spazi);Benessere e comfort (esiguità degli spazi); Modifiche delle normali condizioni di vita;Modifiche delle normali condizioni di vita; Relazioni umane anche con persone di diversa nazionalità;Relazioni umane anche con persone di diversa nazionalità; Turni di lavoro pesanti (inducono i pescatori a bere e fumare molto, con poca reattività in caso di emergenza)Turni di lavoro pesanti (inducono i pescatori a bere e fumare molto, con poca reattività in caso di emergenza)

27 Rumore e vibrazioni Agiscono sul pescatore senza interruzione Rumore: suono disordinatoRumore: suono disordinato (alla lunga porta a malattie dell’udito). Agisce sul cervello (mal di testa, insonnia, irritazione, affaticamento). Vibrazioni, si trasmettono al corpo umano attraverso i piedi, seduti e in cuccetta.Vibrazioni, si trasmettono al corpo umano attraverso i piedi, seduti e in cuccetta. Sistema di remunerazione Con il salario “alla parte” il marittimo è direttamente interessato al risultato economico e utilizza al massimo il suo lavoro a detrimento della salute e sicurezza.

28 Rumore e vibrazioni Agiscono sul pescatore senza interruzione, in ogni fase di pesca, anche a riposo. precauzioni Compartimento motore telesorvegliatointegralmente automatizzato;Compartimento motore telesorvegliato integralmente automatizzato; Isolare acusticamente sia il motore, sia la sala macchina tutta; una cabina a parte con quadro controllo e comando;Isolare acusticamente sia il motore, sia la sala macchina tutta; una cabina a parte con quadro controllo e comando; Cabine e mense con paratie rivestite di materiale fonoassorbenteCabine e mense con paratie rivestite di materiale fonoassorbente

29 VALUTAZIONE DEI RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE ORGANIZZAZIONE DELLA SICUREZZA A BORDO

30 CONCLUSIONI E SUGGERIMENTI Il problema della sicurezza a bordo deve essere affrontato da diverse angolazioni. 1. Protezione individuale (tute galleggiante termoisolanti) 2. Cinture e cavi (condizioni di mare avverse) 3. Scalette fisse o retrattili (risalita a bordo) 4. Aumentare i punti di appoggio/sostegno lungo la nave 5. Migliorare l’isolamento acustico dei locali alloggio 6. Allarmi ottici/acustici del carico sui cavi di traino 7. Telecamere per migliorare visibilità delle varie zone 8. Motorizzare l’arcone poppiero per facilitare il rientro dei divergenti 9. Installare macchinari di coperta che includano sistemi di telecomando 10. Promuovere la standardizzazione della flotta da pesca

31 A TUTTI VOI GRAZIE PER L’ATTENZIONE


Scaricare ppt "SICUREZZA IN MARE A BORDO DELLE NAVI DA PESCA Prof. Di Candia Paolo ISTITUTO TECNICO NAUTICO STATALE “UGO TIBERIO” Termoli, 22 maggio 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google