La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ESEMPIO DI IMPIANTO GEOTERMICO A POMPA DI CALORE Roccabruna (Cuneo) Data di attivazione: dicembre 2003 ESEMPIO DI IMPIANTO GEOTERMICO A POMPA DI CALORE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ESEMPIO DI IMPIANTO GEOTERMICO A POMPA DI CALORE Roccabruna (Cuneo) Data di attivazione: dicembre 2003 ESEMPIO DI IMPIANTO GEOTERMICO A POMPA DI CALORE."— Transcript della presentazione:

1 ESEMPIO DI IMPIANTO GEOTERMICO A POMPA DI CALORE Roccabruna (Cuneo) Data di attivazione: dicembre 2003 ESEMPIO DI IMPIANTO GEOTERMICO A POMPA DI CALORE Roccabruna (Cuneo) Data di attivazione: dicembre 2003 Trombetta Gori s.r.l. Trombetta Gori s.r.l. Via Giordana, 7 Moncalieri (TO) Via Giordana, 7 Moncalieri (TO)www.geologiweb.itwww.geologiweb.it ‘Restructura’ - Torino 2004 ‘Restructura’ - Torino 2004

2 Questa casa di Roccabruna è riscaldata con la geotermia

3 Dati generali Ubicazione: Piemonte sud occidentale; Quota: 720 m s.l.m. Superficie utile da scaldare: 250 mq Temperature minime stagionali: -15 °C;

4 Come si progetta un impianto geotermico a pompa di calore per un fabbricato

5 Occorre conoscere, preventivamente La potenza termica necessaria per riscaldare e produrre acqua sanitaria

6 QUINDI :

7 La potenza termica ricavabile per ogni ml di sonda geotermica dipende dal tipo di terreno e di roccia a contatto Risalire alle caratteristiche geologiche, geotermiche e stratigrafiche del sito

8

9 Seconda fase valutazione dei ml di sonde geotermiche necessarie a garantire l’apporto termico richiesto dall’impianto

10 Nel caso di Roccabruna, con 3 sonde di 100 m cadauna si ricavano gratuitamente dal terreno circa 12 KW/h

11 Le sonde possono essere verticali oppure, in particolari condizioni, orizzontali (tecnica sviluppata in Francia)

12 Terza fase esecuzione dei pozzi geotermici

13 Verifiche in corso d’opera Nel corso dell’esecuzione del primo pozzo geotermico, devono essere verificate le ipotesi stratigrafiche iniziali, ridefinendo all’occorrenza, i ml di perforazione necessari all’impianto per funzionare correttamente

14 Alla fine delle perforazioni, si procede con la posa delle sonde (munite di relativo contrappeso all’estremità)

15 Contrappeso Tubi polietilene

16 Il foro viene sigillato con iniezione di una miscela di cemento e bentonite.

17 A questo punto si collegano le sonde geotermiche al collettore e quindi alla POMPA di CALORE.

18 Pompa di calore

19 IL CALORE VIENE DISTRIBUITO CON SISTEMI A BASSA TEMPERATURA A PAVIMENTO, A PARETE E A SOFFITTO

20 n. Fori realizzati: 3 Profondità totale: 300 ml (100 cad.) Potenza termica disponibile: 23,5 Kw Potenza termica istallata: 16 Kw Superficie riscaldata: 170 mq + 10 mq di soppalco + 70 mq uffici = tot. 250 mq Temperature interne fabbricato: 20 °C costanti Temperature acqua sanitaria: + 45 °C Attivazione impianto: 16/12/2003 Dati dell’impianto di Roccabruna

21 Dati di monitoraggio dal 16/12/03 al 16/11/04

22

23 Confronto geotermia – altri sistemi

24 Esempio di impianto in corso di realizzazione Murisengo (AL)

25 CONSULENZA PROGETTUALE Geol. Fabrizio Cambursano Arch. Valentina Raccanelli


Scaricare ppt "ESEMPIO DI IMPIANTO GEOTERMICO A POMPA DI CALORE Roccabruna (Cuneo) Data di attivazione: dicembre 2003 ESEMPIO DI IMPIANTO GEOTERMICO A POMPA DI CALORE."

Presentazioni simili


Annunci Google