La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA VETRERIA DI LABORATORIO. Becher (bicchiere) Vetreria per il trattamento del campione E’ un recipiente per la raccolta, il trasferimento e la pesata.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA VETRERIA DI LABORATORIO. Becher (bicchiere) Vetreria per il trattamento del campione E’ un recipiente per la raccolta, il trasferimento e la pesata."— Transcript della presentazione:

1 LA VETRERIA DI LABORATORIO

2 Becher (bicchiere) Vetreria per il trattamento del campione E’ un recipiente per la raccolta, il trasferimento e la pesata di liquidi o solidi. Se è in vetro Pirex può essere usato per scaldare e bollire soluzioni acquose. Riporta una scala di volume approssimativa, ma non è uno strumento di misurazione Essendo aperto, non è adatto alla conservazione di soluzioni

3 3 Becher: Becher: bicchieri dotati di beccuccio nella parte superiore per facilitare il travaso dei liquidi. varia capacità ( ml) NON ci sono delle sottotarature ma data la forma bassa e larga di diametro NON sono adatti per misurazioni del volume  errore elevato A cosa servono? Riscaldare liquidi, travasare liquidi, sciogliere un soluto in un solvente

4 Beuta Vetreria per il trattamento del campione Ha caratteristiche simili al becker, ma la forma conica permette di agitare le soluzioni riducendo il rischio di fuoriuscite Può essere tappata con tappi di gomma per la conservazione di soluzioni.

5 5 Beuta (matracci conici) Beuta (matracci conici): nella parte superiore terminano con un collo cilindrico che può essere smerigliato in modo da poter apporre un tappo. varia capacità ( ml) A cosa servono? Contenitori per liquidi, quando si vogliono ridurre le perdite di liquido per evaporazione

6 Spruzzetta Vetreria per il trattamento del campione E’ un recipiente in plastica per conservare ed erogare solventi (acqua, etanolo, acetone, …) Il sistema a sifone serve ad erogare comodamente il liquido evitando l’evaporazione Non è uno strumento di erogazione preciso, quindi non va usata per l’erogazione di quantità esatte di liquido (va usata la Pasteur)

7 Contagocce o pipetta Pasteur Vetreria per il trattamento del campione E’ un contagocce composto di uno stelo di vetro e una “tettarella” di gomma. Serve a erogare liquidi goccia a goccia. Lo stelo di vetro è particolarmente fragile, quindi vanno maneggiate con cautela.

8 TarataGraduata Vetreria per la misurazione di volumi E’ adatta al prelievo e all’erogazione di un solo specifico volume di liquido. E’ la più precisa e accurata. Ad es. una pipetta tarata da 1 mL serve solo a prelevare ed erogare 1 mL di liquido Riporta una scala graduata che permette di prelevare ed erogare volumi di liquido in un certo intervallo. E’ meno accurata e precisa ma più versatile. Ad es. una pipetta graduata da 1 mL può prelevare e erogare volumi da 0,01 mL a 1 mL, a intervalli di 0,01 mL

9 Matraccio Vetreria tarata E’ una bottiglia con tappo, che riporta sul collo una tacca che indica il raggiungimento del volume nominale. Serve a preparare soluzioni a concentrazione esattamente nota, ad agitarle e a conservarle grazie al tappo (in plastica o vetro smerigliato) che ha una buona tenuta. Tacca di taratura

10 Pipetta tarata Vetreria tarata E’ uno strumento che serve a erogare un solo volume di liquido, normalmente più piccolo rispetto al matraccio. Riporta sullo stelo una o due tacche di taratura. Per erogare il volume nominale, la pipetta va riempita fino alla tacca superiore, poi svuotata completamente (pipette a 1 tacca) o fino alla tacca inferiore (pipette a 2 tacche) Tacca di taratura Tacche di taratura

11 11 Pipetta tarata Pipetta tarata: sono tubi sottili di vetro dotati di una bolla nella parte centrale. Lungo il tubo è posto il segno della taratura di un determinato volume: , 2, 5, 10, 25 ml… servono solo per prelevare quantità di liquido prestabilito e mai quantità intermedie Non esistendo altre tacche, intermedie a quella del volume totale possibile, le pipette tarate servono solo per prelevare quantità di liquido prestabilito e mai quantità intermedie Per aspirare i liquidi utilizzare SEMPRE opportuni dispositivi di aspirazione (PROPIPETTE) per evitare: rischio di aspirare in bocca liquidi pericolosi dover porre il viso su recipienti contenenti liquidi potenzialmente tossici. TUTTE LE OPERAZIONI CON LIQUIDI TOSSICI O PERICOLOSI VANNO COMUNQUE EFFETTUATE SOTTO CAPPA ASPIRANTE

12 A E S PROPIPETTA PROPIPETTA, come si usa? Svuotare l’aria comprimendo l’ampolla e tenendo premuta la valvola (A) Aspirare il liquido nella pipetta premendo (S) evitando che il liquido raggiunga il bulbo della propipetta Si eroga il liquido premendo la valvola laterale (E)

13 13 Pipetta graduata Pipetta graduata: sono tubi sottili di vetro di varia misura, MA privi DI BOLLA. Su tutta la lunghezza è posta una scala graduata in modo tale che, in qualsiasi punto, sia possibile leggere il volume contenuto e/o scaricato. Possono avere una capacità da 0.1 fino a 50 ml

14 14 Entrambi i tipi di pipette possono essere: 1) A SCARICAMENTO TOTALE: ovvero, per versare la corretta quantità di liquido, bisogna scaricarle fino alla punta 2) A SCARICAMENTO PARZIALE: ovvero, per versare la corretta quantità di liquido, bisogna scaricarle fino alla tacca posta in prossimità della punta della pipetta 1) 2)

15 15 Cilindro graduato Cilindro graduato: sono cilindri dotati di una base d’appoggio e con un beccuccio che consente di versare i liquidi con facilità. Lungo il cilindro è posta una scala graduata, che ci permette di misurare tutti i volumi intermedi rispetto alla sua capacità totale, che varia da 5 fino a 2000ml. Con i cilindri si effettuano misure CON UNA CERTA APPROSSIMAZIONE, in quanto il diamtero interno è piuttosto grande. Per limitare l’errore, bisogna utilizzare il cilindro di capacità più VICINA possibile al volume di liquido da misurare

16 Portare a volume Vetreria tarata Quando riempie un tubo sottile (collo del matraccio o stelo della pipetta), la superficie del liquido assume una forma incurvata (menisco). La parte inferiore del menisco va fatta coincidere con la tacca di taratura. Si può eseguire questa operazione sia osservando la tacca al suo livello (1), oppure leggermente dall’alto (2). Il secondo metodo è più accurato e preciso tacca “Menisco” tacca “Menisco” 1 2

17 Pipetta graduata Vetreria graduata Serve a erogare diversi volumi di liquido, leggibili su una scala graduata. Essendo meno accurate delle pipette tarate, è preferibile utilizzarle solo per prelevare volumi di liquido di cui non è critico conoscere l’esatto valore Alcune pipette sono dotate di un pistone per aspirare il liquido, altre devono essere utilizzate in combinazione con una propipetta.

18 Buretta Vetreria graduata E’ una pipetta graduata dotata di rubinetto, usata per dispensare quantità accuratamente note di liquido Si usa caricandola dall’alto (con imbuto e becker) e misurando il volume erogato come differenza fra volume iniziale e finale. Per una misurazione accurata occorre evitare che nella parte inferiore dello stelo rimangano intrappolate bolle d’aria

19 Lettura della buretta Vetreria graduata Sulla parte posteriore dello stelo è disegnata una striscia colorata (blu), che facilita la lettura del volume. In corrispondenza del menisco la rifrazione rende visibile una doppia freccia, in corrispondenza della quale si legge la scala graduata. Per evitare errori di parallasse va controllata l’altezza a cui si esegue la lettura.

20 Buretta Matracci tarati Pipette Cilindro graduato Propipette Vetreria graduata o tarata

21 21 Imbuto Imbuto: a gambo corto oppure lungo e di varia misura. A cosa servono? travasare liquidi o nelle filtrazioni per gravità Palloni Palloni:contenitori sferici dotati di uno o più colli cilindrici. varia capacità ( ml) A cosa servono? Portare all’ebollizione un solvente o una miscela

22 22 Provette Provette: sono tubi di vetro di varia misura, con o senza scala graduata A cosa servono? Contenitori per piccoli volumi di campione su cui effettuare delle analisi

23 Cristallizzatori Vetrini di orologio Mortai con pestello Spatole in ferro Recipienti per solidi

24 Vetrino da orologio Vetreria per il trattamento del campione E’ un recipiente aperto per la pesata di solidi o piccole quantità di liquidi. Per evitare dispersioni o evaporazione il materiale pesato va trasferito il prima possibile dal vetrino a un recipiente adatto, aiutandosi con una spatola o con un liquido

25 25 Mortaio Mortaio: sono in genere di porcellana, ma anche di agata o vetro resistente, di vario diametro e capacità. È dotato di apposito pestello. A cosa serve? Per ridurre in polvere le sostanze solide Spatoline Spatoline: servono per prelevare delle polveri dai contenitori Capsula o crogiolo Capsula o crogiolo: sono in genere di porcellana, ma anche di acciaio, nichel o platino. Sono contenitori bassi e larghi di vario diametro e capacità A cosa serve? Per riscaldare delle sostanze, raggiungendo temperature elevate

26 Filtrazione Gooch Beuta da vuoto Sostegno Pinze e morsetto Imbuto

27 TreppiedeRetina Bunsen Pinza grande in ferro Riscaldamento

28 28 Morsetto doppio Morsetto ad anello Sostegno ad asta

29 29 Il (becco di) BUNSEN ENTRATA DEL GAS VALVOLA DI SICUREZZA RUBINETTO DEL GAS GHIERA REGOLAZIONE GAS GHIERA REGOLAZIONE ARIA

30


Scaricare ppt "LA VETRERIA DI LABORATORIO. Becher (bicchiere) Vetreria per il trattamento del campione E’ un recipiente per la raccolta, il trasferimento e la pesata."

Presentazioni simili


Annunci Google