La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Meccanismi di incentivazione, alcune novità 12 maggio 2008 Daniele Forni – FIRE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Meccanismi di incentivazione, alcune novità 12 maggio 2008 Daniele Forni – FIRE."— Transcript della presentazione:

1 Meccanismi di incentivazione, alcune novità 12 maggio 2008 Daniele Forni – FIRE

2 2 Certificati Verdi

3 3 I Certificati Verdi in Europa I Certificati Verdi, intesi come meccanismo di mercato per l’incentivazione della produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile, sono presenti in varie nazioni europee: Belgio Italia Svezia Polonia Regno Unito Sono però meccanismi diversi e i certificati non sono al momento scambiabili al di fuori della Nazione.

4 4 Certificati verdi - schema Vendita a clienti idonei, autoconsumo o cessione come eccedenza MWh €/MWh Mercato GME Contrattazione bilaterale fra operatori Soggetto con obbligo del 3,8% (2007) da rinnovabili sulle immissioni in rete non coperto da propri impianti produttorirete Mercato dei Certificati Verdi Immissione in rete (o autoconsumo)

5 5 Certificati verdi - schema Vendita a clienti idonei, autoconsumo o cessione come eccedenza MWh €/MWh Mercato GME Contrattazione bilaterale fra operatori Soggetto con obbligo del 3,8% (2007) da rinnovabili sulle immissioni in rete non coperto da propri impianti produttorirete Mercato dei Certificati Verdi

6 6 “Tariffa omnicomprensiva” - schema Immissione in rete (obbligatorio) MWh €/MWh produttorirete Il “conto energia”, di durata 15 anni, attivabile su richiesta del produttore, con corrispettivi omnicomprensivi rivedibili ogni 3 anni, è stato introdotto: dall’art. 2 c. 145 L. 244/07, e per le biomasse dall’art. 26 bis della L. 222/07 Tariffa omnicomprensiva

7 7 Un meccanismo di mercato domandadomanda: produttori e importatori autocertificano entro il 31/3/n al GSE, produzione e importazione, di energia da fonti non rinnovabili*, dell’anno n-1. Entro il 31/3/n+1 dovranno soddisfare l’obbligo di C.V.: per il 3,8% ** (2006) del dichiarato. *Con franchigia dei primi 100 GWh/anno e al netto dell’energia elettrica cogenerata, degli autoconsumi di centrale e delle esportazioni **L’obbligo inizialmente del 2% è salito dello 0,35% all’anno dal 2004 al 2006 (art. 4 c.1 D.lgs 387/03) ed è stato portato allo 0,75% dal 2007 al 2001 (art. 2 c.146 L.244/07) offerta: la produzione di energia elettrica da impianti alimentati da fonti rinnovabili, da diritto per i primi 15 anni, dall’entrata in esercizio commerciale, ai Certificati Verdi (C.V.). Il periodo di riconoscimento dei C.V. inizialmente di 8 anni è stato esteso a 12 anni dall’art. 267 comma d del D.lgs 152/06 e a 15 anni dall’art. 2 c.144 L. 244/07 (che specifica anche al comma 151 che il prolungamento a 12 anni si applica solo agli impianti alimentati da fonte rinnovabile entrati in funzione dal 1/4/99 al 31/12/07). Il periodo di riconoscimento è 12 anni + 4 al 60% per gli impianti a biomassa entrati in esercizio tra il 29/4/06 e il 31/12/07 (D.lgs 387/03 + D.M. 24/10/05+ L.222/07).

8 8 Valore di mercato dei CV A partire dal 2008, i C.V. hanno un prezzo, riferito al MWh elettrico, pari alla differenza tra il valore di riferimento,fissato in 180 €/MWh (aggiornabile ogni 3 anni), e il valore medio annuo del prezzo di cessione dell’energia elettrica definito dall’AEEG registrato nell’anno precedente e comunicato dalla stessa Autorità entro il 31 gennaio. (secondo quanto stabilito dall’art. 2 c. 148 L. 244/07). Per il 2008, 112,88€/MWh è la differenza tra 180€/MWh e 67,12€/MWh, definito dalla AEEG con la delibera 24/08

9 9 Valore di mercato dei CV Precedentemente il GSE, sulla base della differenza fra il costo medio riconosciuto agli impianti CIP 6/92 e il prezzo di vendita tramite asta dell’energia da essi prodotta, determinava il valore di riferimento dei C.V. (IVA 20% esclusa): Anno €/MWh84,1882,4097,39108,92125,28125, * 112,88 *Prima della sentenza del Consiglio di Stato che ha respinto il ricorso contro la delibera AEEG 249/06 (fonte: GSE)

10 10 (fonte: C. Fumagalli, GME)

11 11 Ritiro C.V. in scadenza Dal 2008 e fino al raggiungimento dell’obiettivo del 25% del consumo interno di energia elettrica da fonti rinnovabili (e successivi aggiornamenti), il GSE, su richiesta del produttore, ritira i C.V. in scadenza, ulteriori rispetto a quelli necessari per assolvere all’obbligo, al prezzo medio riconosciuto ai C.V. nell’anno precedente dal GME e trasmesso al GSE entro il 31 gennaio. (art. 2 c.149 L. 244/07)

12 12 Legislazione di riferimento - 1 CIP 6/92 (pre C.V.) D.lgs 79/99 (o Bersani, attuazione direttiva 96/92/CE): introduce C.V. Decreto MICA 11/11/99 aspetti operativi e tecnici del meccanismo dei CV Decreto MAP 18/3/02 Modifiche e integrazioni al D.M. 11/11/99 Decreto MAP 14/3/03: avvio piattaforma negoziazione dei CV del GME D.lgs /12/03 (attuazione direttiva 2001/77/CE) Legge 239/04 (o Marzano) Decreti MAP 24/10/05 (H 2, TLR e nuove procedure GSE) D.lgs 152/06 Testo Unico Ambientale

13 13 Legislazione di riferimento - 2 Decreto MAP 5/5/06 Individuazione dei rifiuti e dei CDR ammessi a beneficiare del regime giuridico riservato alle fonti rinnovabili Accordo Italia-Albania 10/5/06 sullo scambio di energia e C.V. Legge 27/12/06 n.296 (Finanziaria 2007) D.lgs 20/07: Attuazione della direttiva 2004/8/CE sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento DL 159/07 e Legge 222/07 “C.V. agricoli” Legge 24/12/07 n.244 (Finanziaria 2008) Decreto MSE 21/12/07 nuove procedure IAFR (compreso H 2 e TLR)

14 14 Detrazione 55%

15 % Meccanismo introdotto dalla Finanziaria 2007 ed esteso da quella 2008 Detrazione dalle imposte sul reddito del 55% da ripartire in un numero di rate comprese tra 3 e 10, per interventi effettuati su edifici esistenti. o Riduzione fabbisogno energetico ( €) o Involucro (60.000€) o Installazione pannelli solari (60.000€) o Sostituzione di impianti di condizionamento invernale (30.000€) Possono usufruirne tutti i soggetti passivi di IRPEF o IRES, che possiedono, a qualsiasi titolo, l’immobile oggetto

16 % Siti internet di riferimento ENEA: Agenzia delle entrate: o le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico o varie circolari e risoluzioni sull’argomento

17 17 D.M. 11/3/08 valori limite fabbisogno energia primaria (allegato A) o valori di trasmittanza termica (allegato B) o caratteristiche generatori di calore a biomasse: o Rendimento (classe 3 UNI-EN 303-5) o Emissioni (allegato IX parte 5° Dlgs 152/06 o più restrittivi limiti regionali) o Biomasse combustibili (ammissibili per allegato X parte 5° Dlgs 152/06) o Per il calcolo dell'indice di prestazione energetica, il potere calorifico della biomassa viene considerato 0 o Per reti TLR: indice di conversione dichiarato dal gestore della rete

18 18 D.M. 7/4/08 Modifica di alcune disposizioni attuative Introduzioni di pompe di calore ad alta efficienza e con impianti geotermici a bassa entalpia, come previsto dalla Finanziaria 08 art. 1 c.286. I limiti minimi sono riportati negli allegati

19 19 D.M COP

20 20 D.M EER

21 21 D.M GUF

22 22 Vi ringrazio dell’attenzione


Scaricare ppt "Meccanismi di incentivazione, alcune novità 12 maggio 2008 Daniele Forni – FIRE."

Presentazioni simili


Annunci Google