La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Presentazione a cura di Alessandro Locurto 3° chimici.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Presentazione a cura di Alessandro Locurto 3° chimici."— Transcript della presentazione:

1 Presentazione a cura di Alessandro Locurto 3° chimici

2 -SCHEMA RIASSUNTIVO SULLA CRISI IN ITALIA E SPAGNASCHEMA RIASSUNTIVO SULLA CRISI IN ITALIA E SPAGNA - CRISI IN SPAGNA CRISI IN SPAGNA - CRISI IN ITALIA CRISI IN ITALIA - SCHEMA RIASSUNTIVO SULLO SVILUPPO IN OLANDA SCHEMA RIASSUNTIVO SULLO SVILUPPO IN OLANDA - SVILUPPO IN OLANDA SVILUPPO IN OLANDA

3 CRISI DEL SEICENTO IN ITALIA E SPAGNA ITALIASPAGNA Calo delle importazioni di argento dalle Americhe Mancanza di moneta circolante Fuga dalle campagne con cessione di fondi dai piccoli ai grandi proprietari CADUTA DEI PREZZI Riduzione dei margini del profitto delle imprese EPIDEMIE CARESTIE Calo demografico Crollo della domanda agricola AUMENTO DELLA DISOCCUPAZIONE Grosse differenze sociali tra ricchi e poveri

4 CRISI SPAGNOLA La crisi ebbe conseguenze particolarmente negative in Spagna. Gli spagnoli invece che investire i metalli preziosi importati dalle Americhe, continuarono a sperperare il denaro coniando monete, credendo che l’oro e l’argento fosse illimitato. Questo provocò una forte inflazione, che si propagò poi in tutta Europa. Il governo spagnolo si trovò indebitato, e fu costretto più volte a dichiarare bancarotta. Filippo III successore di Ferdinando D ’Aragona stroncò la politica espansionistica della Spagna provocando così, un indebolimento del prestigio spagnolo a livello nazionale. Successivamente si tentò una politica di accentramento del potere, aumentando le tasse anche per i nobili e creando un forte esercito permanente. L’insurrezione della Catalogna e il Portogallo mise in serie difficoltà la politica spagnola, tant’è che negli anni successivi la Spagna perse definitivamente il dominio sul Portogallo e sull’Europa atlantica.

5 CRISI IN ITALIA Gli ultimi anni del sedicesimo secolo e i primi del diciassettesimo, rappresentarono per l’Italia un periodo di relativa prosperità economica. Purtroppo però nel complesso, l’economia italiana non fu in grado di migliorare i propri sistemi di produzione, essa si mantenne al lungo in condizioni di arretratezza. L’Italia era sotto il dominio spagnolo, un governo di tipo oppressivo che sfruttava il paese attraverso una forte pressione fiscale. Infine il lusso della classe dirigente, la corruzione dell’amministrazione e l’indifferenza per la miseria delle masse esasperarono la popolazione italiana, che dette vita a numerose rivolte (1628 – 1647).

6 OLANDA Investe sulle attività artigianali Borghesia intraprendente Disponibilità di capitali Prosperità economica, paese simbolo di tolleranza Libertà religiosa innovazioni culturali Investimenti nel campo dell’ agricoltura

7 SVILUPPO IN OLANDA Alcuni paesi seppero dominare la crisi economica investendo sulle attività artigianali e mercantili: tra questi in primo luogo l’Olanda, poteva contare su una forte presenza della borghesia intraprendente e innovativa, sulla disponibilità di capitali e sulla capacità di gestire in modo oculato l’economia coloniale. Qui inoltre la crisi demografica fu arginata dall’arrivo dei calvinisti in fuga dalle Fiandre e dalla Spagna. Le Provincie Unite divennero il paese simbolo della tolleranza. -Libertà religiosa  forti innovazioni culturali. - investì in bonifiche e colture specializzate per il campo agricolo, e depositò i proventi nelle banche locali.


Scaricare ppt "Presentazione a cura di Alessandro Locurto 3° chimici."

Presentazioni simili


Annunci Google