La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La Restaurazione. La restaurazione Dopo la sconfitta di Napoleone le potenze vincitrici si riunirono a congresso a Vienna per definire la nuova situazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La Restaurazione. La restaurazione Dopo la sconfitta di Napoleone le potenze vincitrici si riunirono a congresso a Vienna per definire la nuova situazione."— Transcript della presentazione:

1 La Restaurazione

2 La restaurazione Dopo la sconfitta di Napoleone le potenze vincitrici si riunirono a congresso a Vienna per definire la nuova situazione dellEuropa. Il loro scopo fu quello di distruggere tutto ciò che la rivoluzione francese e Napoleone avevano fatto. Lintento era quello di restaurare il vecchio sistema politico degli stati europei, fondato sullassolutismo. La restaurazione si basò su due principi: 1. Equilibrio (nessuno stato doveva dominare sugli altri) 2. Legittimità (dovevano tornare al trono i vecchi sovrani che regnavano prima del periodo napoleonico)

3 Non sempre fu possibile applicare il principio di legittimità. In Francia andò al trono il fratello del vecchio re, Luigi XVIII, che però concesse una costituzione. Per controllare la situazione degli stati europei ed evitare nuove possibili rivolte, Prussia, Russia e Austria stipularono la Santa Alleanza; gli eserciti di queste potenze avrebbero potuto stroncare qualsiasi tentativo rivoluzionario. In particolare allAustria fu affidato il compito di controllare gli stati italiani. Alla restaurazione si opposero coloro che lottavano contro le monarchie assolute e i popoli che combattevano per ottenere lindipendenza La Santa Alleanza e lItalia dopo il 1815

4 Le varie idee politiche dellepoca Reazionari: sostenevano i principi della Restaurazione e davano un giudizio totalmente negativo sulla rivoluzione francese. Secondo loro il popolo era incapace di decidere da sé e doveva essere guidato da un sovrano assoluto. Conservatori: anchessi criticavano la rivoluzione francese, ma proponevano moderati cambiamenti negli stati Liberali: le loro idee, sostenute dalla borghesia, si affermarono nel corso dell800. Erano contrari allassolutismo e favorevoli alle costituzioni, alle libertà politiche e alla proprietà privata. Democratici: erano a favore delleguaglianza politica e chiedevano il suffragio universale Sorsero in diversi paesi europei delle società segrete che organizzarono movimenti rivoluzionari per ottenere la costituzione. In Italia la più importante fu la Carboneria, i cui membri comunicavano con una serie di simboli per evitare il controllo della polizia (apprendista, vendita, ecc.)

5 I moti rivoluzionari in Europa ( ) Negli anni si ebbe in Spagna un tentativo rivoluzionario, che portò alla concessione di una costituzione, ma il moto fu represso rapidamente. La Grecia si ribellò al dominio turco e, aiutata dalle potenze europee che erano favorevoli a un indebolimento dellimpero turco, ottenne lindipendenza nel Altri tentativi rivoluzionari velocemente stroncati, si ebbero in Russia e in Polonia. Al contrario il Belgio riuscì a ottenere lindipendenza dallOlanda. Infine in Francia nel 1830 uninsurrezione portò alla fuga del re Carlo X, che aveva seguito una politica reazionaria; al suo posto i liberali misero Luigi Filippo, che accettò nuovamente una costituzione che limitava il potere del re

6 I moti rivoluzionari in Italia ( ) Sotto lazione della Carboneria e di altri gruppi anche in Italia si ebbero dei tentativi rivoluzionari, guidati da patrioti liberali. Nel Regno delle due Sicilie un moto carbonaro portò alla concessione della costituzione; altre azioni si ebbero in Lombardia e in Piemonte, ma in tutti questi casi i moti furono rapidamente repressi. Gli organizzatori vennero arrestati e pesantemente condannati. Nel 1831 vi fu poi un altro tentativo nel piccolo ducato di Parma e Modena, anchesso senza risultati. Nonostante queste sconfitte, altri patrioti italiani ripresero la lotta per la libertà e lindipendenza dellItalia: questo movimento, destinato col tempo a rafforzarsi e a portare allunità del paese, si chiamò Risorgimento.

7 Lindipendenza del Sud America In questi anni le colonie spagnole e portoghesi si ribellarono e ottennero lindipendenza. Le rivolte furono guidate dai creoli, cioè i bianchi discendenti dai colonizzatori, ma nati in America. Sotto la guida di famosi personaggi come Simon Bolivar e José de San Martin, si formarono dunque gli stati che ancora oggi fanno parte del Sud America. Queste lotte furono favorite dagli USA, che speravano di avere vantaggi economici dai nuovi stati (materie prime, mercato di sbocco per i loro prodotti, ecc.). Nei nuovi stati indipendenti indios e neri non ebbero nessun potere e rimasero in condizione di grave sfruttamento

8 Finito


Scaricare ppt "La Restaurazione. La restaurazione Dopo la sconfitta di Napoleone le potenze vincitrici si riunirono a congresso a Vienna per definire la nuova situazione."

Presentazioni simili


Annunci Google