La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lezione 4 Rivoluzione industriale. Le premesse: agricoltura e demografia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lezione 4 Rivoluzione industriale. Le premesse: agricoltura e demografia."— Transcript della presentazione:

1 Lezione 4 Rivoluzione industriale. Le premesse: agricoltura e demografia

2

3 Secoli XV e XVI: in alcune aree il possesso feudale si allenta da feudatari a imprenditori agricoli: dalla rendita al profitto maggiore trasferibilità dei terreni le enclosures: appropriazione forzata e per lo più illegale - da parte di feudatari o di privati - delle terre del feudo tradizionalmente assegnate al libero uso delle comunità di villaggio

4 Le conseguenze dellallentamento del possesso feudale aumento della quantità di terreni messi sul libero mercato aumento degli investimenti in agricoltura crescita, sia percentuale che assoluta, della quota di derrate che vengono prodotte per essere immesse sui mercati e realizzare profitti [ma solo in alcune aree dEuropa e con fenomeni analoghi in alcune aree feudali]

5 La rivoluzione agraria del Sei-Settecento dove: dapprima in Olanda, quindi in Inghilterra quando: tra metà Seicento e inizio Settecento cosa: una serie di trasformazioni tecniche e organizzative della produzione agricola destinare ad aumentare notevolmente la produttività [attenzione: da non confondere con la rivoluzione agraria del Neolitico!]

6 Le principali componenti della rivoluzione agraria il passaggio dalla rotazione triennale a quella quadriennale la conseguente possibilità di integrare agricoltura e allevamento miglioramenti delle tecnologie colturali e di allevamento

7 Dal medioevo: rotazione triennale e maggese un anno di grano (il pane era la base fondamentale dellalimentazione europea) uno di colture primaverili (avena, orzo, piselli o fagioli) parzialmente in grado di reintegrare il terreno uno di riposo, il cosiddetto maggese.

8 campo 1. cereali campo 2. colture primaverili campo 3. maggese (riposo) primo anno secondo anno terzo anno campo 1. maggese (riposo) campo 2. maggese (riposo) campo 2. cereali campo 3. cereali campo 1. colture primaverili campo 3. colture primaverili Rotazione triennale: solo 2/3 delle terre utilizzate nel corso dellanno

9 La rotazione quadriennale e leliminazione del maggese alternanza di colture che sfruttano in misura diversa la fertilità naturale del terreno introduzione, per una parte del ciclo colturale, di piante che non solo non esauriscono gli elementi fertilizzanti naturali ma al contrario li reintegrano: le cosiddette piante foraggere (trifoglio, erba medica, lupinella) inadatte allalimentazione umana ma molto apprezzate dagli animali domestici. il maggese non è più necessario e la rotazione è continua la possibilità, grazie alle foraggere, di avere più animali a disposizione per il lavoro, la carne e il formaggio e, grazie ai loro escrementi, notevoli quantità di concime estremamente pregiato.

10 Rivoluzione agraria e rivoluzione industriale Le innovazioni tecnologiche e organizzative adottate prima in Olanda poi in Inghilterra favorirono la rivoluzione industriale inglesi in quattro modi: –favorì laccumulazione di capitali –aumentò la domanda di beni manifatturati da parte di un settore agricolo in crescita e tecnologicamente avanzato –aumentò la disponibilità di manodopera per il settore manifatturiero grazie alle espulsioni di contadini da campagne più produttive –aumentò la disponibilità di cibo per le popolazioni urbane

11 Le premesse demografiche dalla prima metà del Settecento una crescita sostenuta della popolazione un po in tutta Europa cambia il regime demografico europeo: da un regime di fecondità media e mortalità alta a un regime a fecondità alta e mortalità media o bassa

12 Risorse e crescita demografica nel regime antico: le fasi di espansione

13 Risorse e crescita demografica nel regime antico: le fasi di recessione

14 Dal 1740: tassi di crescita in aumento Tasso medio di crescita annuo della popolazione europea tra 1000 e 1700: 0,2% Tassi di crescita nella seconda metà del Settecento: –0,6% in Svezia –0,8% in Inghilterra, Galles, Pomerania, Slesia, Prussia –1,2% in Boemia Nel corso dellOttocento in Europa il tasso oscilla tra lo 0,5% e l1,5% con una media dell1%, media che garantisce il raddoppio di una popolazione in cinquantanni e una moltiplicazione per quattro in cento anni

15 Da un modello di crescita a un altro

16 Rivoluzione demografica e rivoluzione industriale Lespansione demografica favorisce in due modi la rivoluzione industriale: –aumentando la domanda di beni manifatturati e quindi stimolando laumento della produzione e della produttività –aumentando la quantità di manodopera disponibile, peraltro a costo piuttosto moderato Dal 1750 in poi in Inghilterra, daltro canto: - la rivoluzione agraria fa in modo che la crescita della produzione agricola sia più rapida di quella della popolazione e quindi non si verificano più blocchi demografici dovuti a limiti di risorse - il trasferimento di lavoratori nelle città industriali causa un cambiamento di abitudini (ci si sposa prima) e quindi un aumento di natalità, che compensa la più forte mortalità urbana - cosicché il circolo crescita della popolazione-crescita della produzione agricola-crescita della produzione industriale diventa tutto positivo


Scaricare ppt "Lezione 4 Rivoluzione industriale. Le premesse: agricoltura e demografia."

Presentazioni simili


Annunci Google