La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Impostare un modello di rendicontazione sociale: gli obiettivi strategici Lorena Peccolo Dirigente Scolastico Lombardia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Impostare un modello di rendicontazione sociale: gli obiettivi strategici Lorena Peccolo Dirigente Scolastico Lombardia."— Transcript della presentazione:

1 Impostare un modello di rendicontazione sociale: gli obiettivi strategici Lorena Peccolo Dirigente Scolastico Lombardia

2 La specificità della scuola Come la scuola interpreta il proprio compito istituzionale e lo contestualizza: - interpretazione dei bisogni - analisi di dinamiche in atto – aspettative Come costruisce un progetto unitario di formazione: - competenze di cittadinanza - investimento sulle capacità delle persone Come la scuola interpreta il proprio compito istituzionale e lo contestualizza: - interpretazione dei bisogni - analisi di dinamiche in atto – aspettative Come costruisce un progetto unitario di formazione: - competenze di cittadinanza - investimento sulle capacità delle persone

3 Il piano di miglioramento delle scuole Identità istituzionale – Missione, Visione, Valori Obiettivi strategici – selettivi, centrati sugli apprendimenti degli studenti, ambiziosi, realizzabili con impegno, temporalmente definiti, “falsificabili” Pianificazione dell’implementazione – Coerenza e consonanza tra: Obiettivi strategici Organizzazione Clima educazionale Pratiche educative

4 Analisi dei processi gli esiti formativi dipendono dal processo di ins.– appr. ma anche dalle condizioni organizzative incidere su queste dimensioni significa creare migliori condizioni alla formazione Il RAV è la struttura di analisi e valutazione che evidenzia come nella scuola il miglioramento nei processi possa incidere sugli apprendimenti gli esiti formativi dipendono dal processo di ins.– appr. ma anche dalle condizioni organizzative incidere su queste dimensioni significa creare migliori condizioni alla formazione Il RAV è la struttura di analisi e valutazione che evidenzia come nella scuola il miglioramento nei processi possa incidere sugli apprendimenti

5 I processi di analisi e valutazione A – PRATICHE EDUCATIVE E DIDATTICHE 1 – curricolo, progettazione e valutazione 2 – ambiente di apprendimento 3 – inclusione e differenziazione 4 - continuità e orientamento

6 B - PRATICHE GESTIONALI E ORGANIZZATIVE 5 – orientamento strategico e organizzativo della scuola 6 – sviluppo e valorizzazione delle risorse umane 7 – integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

7 Obiettivi strategici e processi del RAV La valutazione dei processi porta alla definizione di obiettivi di miglioramento? In che senso questi obiettivi sono “strategici”:  come affrontano la questione in termini di problema e di rendicontazione sociale?  di cosa si pensa di render conto e a chi?  cosa mobilitano  come le attese retroagiscono in termini di visione di sviluppo? La valutazione dei processi porta alla definizione di obiettivi di miglioramento? In che senso questi obiettivi sono “strategici”:  come affrontano la questione in termini di problema e di rendicontazione sociale?  di cosa si pensa di render conto e a chi?  cosa mobilitano  come le attese retroagiscono in termini di visione di sviluppo?

8 Domande chiave che emergono dal Rav - per analizzare la cultura presente nella scuola - per “orientare” gli obiettivi di miglioramento -Che interesse c’è nei confronti degli esiti formativi -Come sono interrogati e interpretati gli esiti -Quali sono le aspettative nei confronti degli alunni -Che senso e scopo hanno le scelte formative -Che spazio ha il confronto sulla didattica tra i docenti -Come vengono coinvolti e resi partecipi gli alunni -Quali nuove domande di formazione emergono dal contesto e sono prese in carico in modo condiviso -Che interesse c’è nei confronti degli esiti formativi -Come sono interrogati e interpretati gli esiti -Quali sono le aspettative nei confronti degli alunni -Che senso e scopo hanno le scelte formative -Che spazio ha il confronto sulla didattica tra i docenti -Come vengono coinvolti e resi partecipi gli alunni -Quali nuove domande di formazione emergono dal contesto e sono prese in carico in modo condiviso

9 -Quale spazio di dialogo hanno le famiglie, quale fiducia hanno nei confronti della scuola -Quale considerazione ha la scuola nel contesto -Quali sono i processi decisionali connessi al POF -Quali opportunità di crescita delle competenze professionali dei docenti -Quale cultura organizzativa e quale sviluppo della leadership educativa diffusa -Quale spazio di dialogo hanno le famiglie, quale fiducia hanno nei confronti della scuola -Quale considerazione ha la scuola nel contesto -Quali sono i processi decisionali connessi al POF -Quali opportunità di crescita delle competenze professionali dei docenti -Quale cultura organizzativa e quale sviluppo della leadership educativa diffusa

10 Gli obiettivi che si vanno configurando portano -Sviluppo autonomia (scelte, responsabilità …) -Crescita fiducia nei rapporti con l’esterno -Processo decisionale connesso al POF -Crescita del capitale umano -Sistematizzazione coerente di dati e documenti -Sviluppo identità della scuola e cultura organizzativa Gli obiettivi che si vanno configurando portano -Sviluppo autonomia (scelte, responsabilità …) -Crescita fiducia nei rapporti con l’esterno -Processo decisionale connesso al POF -Crescita del capitale umano -Sistematizzazione coerente di dati e documenti -Sviluppo identità della scuola e cultura organizzativa

11 Gli obiettivi strategici derivano dalla problematizzazione di aspetti dell’autovalutazione rappresentano i focus del miglioramento e della rendicontazione hanno importanti ricadute sull’insieme del processo formativo e dei rapporti fiduciari con gli stakehloder

12 implicano Raccolta di dati – analisi – attribuzione di senso – formulazione di aspettative di sviluppo Analisi di problemi, loro interpretazione e condivisione dell’interpretazione Impianto che tenga conto della fattibilità

13 Area degli apprendimenti Raccolta di dati e elaborazione per analisi per interpretazione e condivisione dei problemi e configurazione di priorità di interventi -Ragioni delle criticità e incongruenze tra i dati -Variabili che sono in gioco e cosa influisce -Quali aspetti del processo o gruppi di alunni devono diventare focus di maggiore attenzione -Quali riflessioni ed elaborazioni devono essere portate per la programmazione e gestione dell’appr. Raccolta di dati e elaborazione per analisi per interpretazione e condivisione dei problemi e configurazione di priorità di interventi -Ragioni delle criticità e incongruenze tra i dati -Variabili che sono in gioco e cosa influisce -Quali aspetti del processo o gruppi di alunni devono diventare focus di maggiore attenzione -Quali riflessioni ed elaborazioni devono essere portate per la programmazione e gestione dell’appr.

14 Area dell’organizzazione e gestione Sviluppo pratiche educative Sviluppo risorse umane Incremento coinvolgimento alunni genitori … Sviluppo dell’organizzazione Sviluppo pratiche educative Sviluppo risorse umane Incremento coinvolgimento alunni genitori … Sviluppo dell’organizzazione

15 Innovazione e sviluppo delle pratiche educative Problematizzazione di efficacia dei processi di insegnamento e dell’organizzazione della didattica scelte didattiche per lo sviluppo delle capacità Progettazione unitaria e integrata es. accoglienza e continuità – inclusività … gestione della classe, strumenti tecnologici … elaborazione curricolo, criteri di valutazione … Problematizzazione di efficacia dei processi di insegnamento e dell’organizzazione della didattica scelte didattiche per lo sviluppo delle capacità Progettazione unitaria e integrata es. accoglienza e continuità – inclusività … gestione della classe, strumenti tecnologici … elaborazione curricolo, criteri di valutazione …

16 Sviluppo risorse umane Leadership educativa distribuita Formazione Professionalità interattiva e creazione di team building Apprendimento organizzativo Ruolo del Dirigente scolastico Leadership educativa distribuita Formazione Professionalità interattiva e creazione di team building Apprendimento organizzativo Ruolo del Dirigente scolastico

17 Sviluppo organizzativo Clima: gruppi di lavoro e argomenti proposti forme di coordinamento e incentivazione Efficacia servizi amministrativi Raccordi esterni: reti, convenzioni … Infrastrutture: sistema di raccolta dati e archiviazione, laboratori, dotazioni di tecnologie Clima: gruppi di lavoro e argomenti proposti forme di coordinamento e incentivazione Efficacia servizi amministrativi Raccordi esterni: reti, convenzioni … Infrastrutture: sistema di raccolta dati e archiviazione, laboratori, dotazioni di tecnologie

18 Le condizioni perché si possa discutere degli esiti di apprendimento senza resistenze e difese: discussione sul significato di apprendimento, conoscenza e competenza formazione competenze per la cittadinanza insegnamento efficace valutazione e certificazione utilità del SNV Le condizioni perché si possa discutere degli esiti di apprendimento senza resistenze e difese: discussione sul significato di apprendimento, conoscenza e competenza formazione competenze per la cittadinanza insegnamento efficace valutazione e certificazione utilità del SNV

19 La rendicontazione degli obiettivi Descrizione delle motivazioni Definizione sintetica dell’obbiettivo e degli indicatori Descrizione dell’impatto sugli stakeholder Azioni messe in atto Le risorse impiegate I risultati Descrizione delle motivazioni Definizione sintetica dell’obbiettivo e degli indicatori Descrizione dell’impatto sugli stakeholder Azioni messe in atto Le risorse impiegate I risultati

20 Il processo di miglioramento Sui singoli obiettivi strategici: Focalizzare le ragioni delle criticità Riformulare Pianificare interventi Sull’impianto complessivo: Il senso della rendicontazione all’interno e all’esterno La capacità con il BS di dare e fare “sistema” Sul piano della fattibilità e dello sviluppo Sullo sviluppo del capitale umano Sui singoli obiettivi strategici: Focalizzare le ragioni delle criticità Riformulare Pianificare interventi Sull’impianto complessivo: Il senso della rendicontazione all’interno e all’esterno La capacità con il BS di dare e fare “sistema” Sul piano della fattibilità e dello sviluppo Sullo sviluppo del capitale umano


Scaricare ppt "Impostare un modello di rendicontazione sociale: gli obiettivi strategici Lorena Peccolo Dirigente Scolastico Lombardia."

Presentazioni simili


Annunci Google