La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Maria Rosa Del Buono1 PSICOLOGIA dell’APPRENDIMENTO Area 1- 2006/07 Università degli studi di Pavia M.Rosa Del Buono.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Maria Rosa Del Buono1 PSICOLOGIA dell’APPRENDIMENTO Area 1- 2006/07 Università degli studi di Pavia M.Rosa Del Buono."— Transcript della presentazione:

1 Maria Rosa Del Buono1 PSICOLOGIA dell’APPRENDIMENTO Area /07 Università degli studi di Pavia M.Rosa Del Buono

2 Maria Rosa Del Buono2 Cos’è l’apprendimento Cambiamento relativamente permanente derivato dall’esperienza precedente Cosa si modifica? Come?

3 Maria Rosa Del Buono3 Teorie dell’apprendimento La prospettiva comportamentista: Watson – USA - Inizi del 900 Si studia il comportamento osservabile piuttosto che la coscienza, l’apprendimento è acquisizione di nuovi comportamenti e abitudini.

4 Maria Rosa Del Buono4 Comportamentismo Condizionamento classico (Pavlov) Associazione tra uno stimolo e l’altro Condizionamento operante (Atkison.1999) Associazione tra una risposta dell’organismo e una conseguenza che ne deriva

5 Maria Rosa Del Buono5 Il condizionamento classico Forma semplice di apprendimento Spiega alcune situazioni della vita dell’uomo, in particolare risposte di tipo involontario e nell’acquisizione di reazioni emotive, come la paura e l’ansia.

6 Maria Rosa Del Buono6 Il condizionamento operante Il soggetto agisce nell’ambiente e lo modifica emettendo dei comportamenti in risposta a stimoli Importanza del rinforzo: primario e secondario, positivo e negativo, continuo e intermittente

7 Maria Rosa Del Buono7 Messa in crisi dell’equazione : apprendimento=prestazione Apprendimento latente=si manifesta successivamente solo in presenza del rinforzo Apprendimento per insight =soluzione che sembra prospettarsi improvvisamente, non in processo per prove ed errori,ma in una riconsiderazione qualitativa del campo e dei suoi elementi

8 Maria Rosa Del Buono8 La prospettiva cognitiva Cognitivismo (Neisser 1967) Human Information Processing (HIP): l’essere umano come elaboratore delle informazioni, che sono alla base del comportamento, attraverso i processi cognitivi come le rappresentazioni e i processi mentali.

9 Maria Rosa Del Buono9 Aspetti motivazionali ed emotivi dell’apprendimento Motivazione Emozione Affettività Processi cognitivi freddi Processi cognitivi caldi Uso efficace e metacognitivo delle strategie Obiettivi sui risultati e/o sui processi,su prestazione e/o su competenza

10 Maria Rosa Del Buono10 Motivazione Configurazione organizzata di esperienze soggettive, che consente di spiegare l’inizio, la direzione, l’intensità e la persistenza di un comportamento diretto a uno scopo Intrinseca( curiosità, interesse, successo) Estrinseca( premi, castighi, approvazione sociale) Innata e istintiva(bisogni) o mediata cognitivamente (aspettative e obiettivi) Attrazione e/o spinta,soggetto attivo o passivo

11 Maria Rosa Del Buono11 Motivazione: Credenze del singolo circa le proprie capacità di affrontare determinati compiti Autoefficacia Percezione di competenza Attribuzioni Senso di controllo Autodeterminazione

12 Maria Rosa Del Buono12 Motivazione: scopi che portano ad affrontare il compito Obiettivi Interessi Valori Motivazioni intrinseche

13 Maria Rosa Del Buono13 Motivazione: reazioni emotive al compito Ansia Rabbia Orgoglio Vergogna Sentimenti legati al valore di sé e all’autostima

14 Maria Rosa Del Buono14 Motivazione in dimensione interattiva In relazione al singolo In funzione del materiale proposto In funzione della situazione

15 Maria Rosa Del Buono15 Motivazione intrinseca Ha origine all’interno del soggetto Porta ad affrontare un compito per sé stesso,senza finalità esterne Riferimento a bisogni innati non solo di tipo fisiologico,ma di “competenza” Riferimento alla curiosità epistemica Importanza del ruolo dell’ambiente e degli stimoli

16 Maria Rosa Del Buono16 Motivazione Percezione di competenza Costrutto simile all’autoefficacia Percezione di controllo Concetto di autodeterminazione Teoria dell’attribuzione Sfida ottimale Motivazione interiorizzata

17 Maria Rosa Del Buono17 Percezione di competenza Si distingue dal bisogno innato in quanto si sviluppa per effetto dei successi e degli insuccessi incontrati,delle interpretazioni ad essi date e del sostegno ambientale che incide sulla qualità dei tentativi di padronanza.

18 Maria Rosa Del Buono18 Percezione di controllo Si riferisce alla sensazione di sentirsi personalmente agenti della situazione Questa percezione dipende dalla quantità di impegno dedicato nello svolgimento di una attività, dal tipo di approvazione ricevuta e dalla bontà dei risultati raggiunti

19 Maria Rosa Del Buono19 Sfida ottimale Situazione in cui la difficoltà del compito è tale per cui il soggetto la vive come una sfida possibile per mostrarsi competente

20 Maria Rosa Del Buono20 Motivazione interiorizzata Quando il soggetto impara ad autopremiarsi o ad autopunirsi,creandosi un sistema di autogratificazione. Significativa l’assunzione interna di motivazione estrinseca,facendola propria

21 Maria Rosa Del Buono21 Intelligenza Come entità:quantità fissa di abilità difficilmente modificabili e migliorabili per effetto di opportune esperienze e apprendimenti Abilità innate e prestazione Incrementale:modifica bile in senso positivo in base ad opportune stimolazioni Padronanza impegno


Scaricare ppt "Maria Rosa Del Buono1 PSICOLOGIA dell’APPRENDIMENTO Area 1- 2006/07 Università degli studi di Pavia M.Rosa Del Buono."

Presentazioni simili


Annunci Google