La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Università degli Studi di Macerata Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea in Scienze del Turismo Prova intercorso 30/11/2009 Psicologia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Università degli Studi di Macerata Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea in Scienze del Turismo Prova intercorso 30/11/2009 Psicologia."— Transcript della presentazione:

1 1 Università degli Studi di Macerata Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea in Scienze del Turismo Prova intercorso 30/11/2009 Psicologia turistica “ Il villaggio turistico, l’animazione e la formazione al Turismo ”

2 2

3 3 Il > Aprì ad Alcudìa, nelle Baleari Socio fondatore: Bitz Il primo > nella storia del turismo moderno I più importanti tour operator oggi: - >

4 4 - Sorgevano lungo un litorale - Bisognava portarsi da casa la biancheria - Cibo genuino: frutta, verdura, grigliate sulla spiaggia - Bibite escluse: si prendevano al bar facendo una sorta di “baratto” attraverso la consegna di palline colorate acquistate prima - Attirava solo giovani e sportivi Oggi invece questo tipo di vacanza attira persone di qualunque età e ceto. - Villaggi fatti di capanne di bambù o paglia Oggi, invece, troviamo i bungalows in muratura con servizi in camera e cambio della biancheria 2 volte a settimana

5 5 Capovillaggio Capi servizio Capi settore Responsabile economato Responsabile amministrativo Responsabile reception Governante Capo materiali Responsabile boutique Responsabile beauty center Responsabile area intrattenimento (RAI) Intrattenimento( RAI ) Sport : Capo sport Responsabile vela e canoa Responsabile tennis Responsabile arco Responsabile tornei Responsabile ginnastica Animazione: Capo animatore Scenografo Costumista Coreografo Tecnico suono e luci Hostess/ stewart Valturland: Responsabile Valturland Biberoneria – baby club- kid e mini club-Young club- tribe- babysitting

6 6 Prime ore della giornata impegnate nella ginnastica per risvegliare i muscoli

7 7 Gli animatori mettono poi a disposizione dei clienti le loro capacità, insegnando i principi basilari di vari sport quali canoa, surf, tiro con l’arco, tennis e vela

8 8

9 9 …Nel frattempo per i bambini che volessero partecipare, viene organizzata l’intera giornata con attività differenti volte al divertimento…

10 10 …Nel pomeriggio, le ore successive al pranzo vengono scandite da giochi e attività, come il gioco aperitivo e il gioco caffè…

11 11 …Ma non solo… Nelle località di mare vengono spesso sfruttati i litorali per organizzare giochi in gruppo…

12 12 In compagnia dell’animazione, riprendono le attività sportive come i balli di gruppo

13 13 Di solito, la vita serale si svolge inizialmente in anfiteatro dove l’animazione garantisce al pubblico spettacoli, rappresentazioni musicali o comiche, coninvolgendo talvolta i clienti stessi…

14 14 …Tutti gli eventi sono ideati, progettati e realizzati dall’equipe… …La riuscita degli stessi è strettamente legata alla coesione tra i componenti e alla forza di volontà dei singoli… L’EQUIPE E’ UN GRUPPO!

15 15 “ Il villaggio costituisce, nella sua quotidianità, il palcoscenico sul quale la società dello spettacolo che in esso vive, recita ogni giorno la sua parte, anzi, meglio, si rappresenta…”

16 16 Fino a poco tempo fa, le agenzie di viaggio e i tour operator erano solo un tramite per il turista per quanto riguarda la sistemazione della villeggiatura e i mezzi di trasporto. Il problema di come trascorrere il tempo al villaggio, quindi, era a carico del turista. Ed è cosi che nasce l'animazione... L'input è dato dalla consapevolezza che la vacanza non è solo fuga dalla quotidianità, ma può essere sinonimo di attività e brio, nel momento in cui i clienti sono soggetti a stimoli di vario tipo...

17 17 Fare animazione è come andare in bicicletta: … MA SENZA MANUBRIO VAI CONTRO IL MURO … · Occorre farsi guidare: Non si nasce imparati! · Occhio alla meta: il progetto, gli obiettivi, gli itinerari L’animazione persegue l’obiettivo di realizzare i desideri degli individui. Non è solo un servizio di intrattenimento ma anche un aiuto che ha valore educativo nella formazione e nello sviluppo della personalità.

18 18 coinvolgente creativo ed originale Collaboratore dinamico, ottimista e responsabile Comunicatore estroverso, simpatico e socievole

19 19 l) Non discutere, né tantomeno litigare di fronte agli ospiti. I panni sporchi si lavano in famiglia. 2) Dare sempre l’impressione di essere affiatati. 3) Non lamentarsi con la direzione. Il Capo-Equipe, e solo lui, interloquirà per voi. 4) Non farsi vedere a bighellonare e ad oziare di fronte agli ospiti. 5) Mai abbandonarsi a effusioni amorose in pubblico. 6) Non scaricare sugli altri i compiti a voi assegnati. 7) Rivolgersi sempre in modo cortese ai clienti, anche nell’eventualità di un rimprovero. 8) Curare e restituire intatto il materiale assegnato, senza inutili sprechi. 9) Mantenere sempre buoni rapporti col personale alberghiero. l0) Quali che siano la vostra qualifica e i vostri titoli accademici, ricordatevi che siete animatori.

20 20 L’aspetto psicologico Qui di seguito abbiamo indicato con l’aiuto degli assi cartesiani l’ideale della distribuzione del potenziale energetico(tracciato D)rispetto ad altri tracciati assolutamente da evitare(B e C), segnalando sull’asse delle ordinate (Y) i valori del potenziale da 0 a 100, e sull’asse delle ascisse (x) il tempo suddiviso in mesi, evidenziando il 15 Agosto, che rappresenta il nostro punto stagionale più importante e sicuramente durante il corso della stagione si possono verificare dei cali 0 degli aumenti di energia, ma devono essere quasi impercettibili per determinare il successo del nostro lavoro.

21 21 DIVIETO DI TRANSITO PER 'SOLITARI' L'animatore non procede da solo. Sa che l'animazione va fatta in gruppo perché ognuno ha i propri talenti: c'é chi sa organizzare, chi cantare, chi coinvolgere... Con collaborazione e affiatamento potete fare grandi cose! DIVIETO DI SORPASSO L'animatore non é in gara con gli altri, non si sente più bravo e non cerca di fare tutto lui. Fate in modo che per i ragazzi un animatore valga l'altro. LAVORI IN CORSO L'animatore é sempre al lavoro. Non si siede sui risultati ottenuti e cerca sempre di migliorarsi, con corsi, letture, prove e tanta buona volontà. Non esiste l'animatore arrivato! STRADA SDRUCCIOLEVOLE L'animatore incontra mille difficoltà e strade insidiose che lo tentano a lasciare. Meglio rallentare il ritmo e riflettere sulle difficoltà che cercare di distanziarle.

22 22 Non si deve dimenticare che nel villaggio turistico si è prima di tutto EQUIPE, professionisti del sorriso. Un vero professionista e, in questo caso un vero animatore, deve avere voglia di migliorarsi… Nel canto, nel ballo, nell'imparare nuovi giochi, nuove tecniche espressive, aumentare le proprie competenze ecc. Se l'animatore rappresenta un fondamentale strumento educativo, più lo strumento è efficiente, «lustro» e qualificato, e più il suo uso sarà sempre più incisivo! Attenzione però a non esagerare! Va bene migliorarsi, ma non essere invasivi ed egocentrici. Si deve pensare che è meglio fare troppo che pentirsi di non aver fatto. L'animatore non deve essere una presenza passiva, che subisce le iniziative e le attività. Non si deve aver paura di «lanciarsi», anche se qualche volta non si centrerà alla perfezione l'obiettivo. Una cosa è certa: chi non agisce non sbaglia mai...!

23 23

24 24 In Italia la formazione del personale che lavora in ambito turistico è stata per molto tempo inadeguata da un punto di vista sia quantitativo che qualitativo. Oggi però che il turismo è diventato una delle principali industrie a livello mondiale e che l’offerta turistica va differenziandosi creando maggiore concorrenza, l’esigenza di personale qualificato sta diventando sempre più importante.

25 25 L’operatore turistico deve possedere alcune caratteristiche: Capacità di Leadership; Competenza comunicativa e interculturale; Apertura Culturale; Disposizione all’Ospitalità.

26 26

27 27 L’operatore turistico deve sviluppare una visione del turismo “a lungo termine”, cioè una prospettiva che non sia mirata solo al guadagno immediato, ma che cerchi di favorire nel turista la propensione a ritornare in quella località precisa e a consigliarla ad amici e conoscenti.

28 28 …RISULTATI… Il personale che lavora nel settore è considerato qualificato, ben organizzato e preparato allo scopo di garantire ai turisti una vacanza ottima e indimenticabile. Il villaggio turistico è considerato la meta più ambita dalla maggior parte degli intervistati; La curiosità e il desiderio di novità sono preferiti rispetto alla sicurezza e alla familiarità con luoghi e persone;

29 29 “ Viaggiare è come sognare : la differenza è che non tutti, al risveglio, ricordano qualcosa, mentre ognuno conserva calda la memoria della meta da cui è tornato.” Edgar Allan Poe

30 Lavoro realizzato da : Alessia Assenti Flavio Bonfitto Martina Cucco Selene Forconi Angela Lanzara Eleonora Magnarello Maria Paola Paraggio Michele Priore Simone Sparacciari Giulia Tartabini


Scaricare ppt "1 Università degli Studi di Macerata Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea in Scienze del Turismo Prova intercorso 30/11/2009 Psicologia."

Presentazioni simili


Annunci Google