La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il sistema di sorveglianza della legionellosi nella Regione Puglia Maria Teresa Montagna “La legionellosi nelle strutture ospedaliere e turistico-alberghiere”

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il sistema di sorveglianza della legionellosi nella Regione Puglia Maria Teresa Montagna “La legionellosi nelle strutture ospedaliere e turistico-alberghiere”"— Transcript della presentazione:

1 Il sistema di sorveglianza della legionellosi nella Regione Puglia Maria Teresa Montagna “La legionellosi nelle strutture ospedaliere e turistico-alberghiere” Perugia, 29 ottobre 2005

2 Cittadini Operatori Rappresentanze sociali Mondo produttivo Mondo della comunicazione Istituzioni LA SALUTE: UN’ALLEANZA…

3 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO TUTELA DEI SOGGETTI INFORMAZIONE PIANI COMUNITARI DI INTERVENTO LA SALUTE: UN’ALLEANZA…

4 Osservatorio Epidemiologico Regionale …sorveglianza malattie infettive… Bari

5 Programma operativo Sistema Informatizzato Malattie Infettive (SIMI) Epatiti Virali Acute (SEIEVA) Tubercolosi Malattie Invasive da Haemophilus influenzae Registro Regionale AIDS Infezioni da HIV SORVEGLIANZA DELLA LEGIONELLOSI Malattie invasive da S. pneumoniae Influenza OER

6 Previsioni legionellosi/anno (OMS) ? 3-20 % nosocomiale casi di polmonite % comunitaria

7 OER

8 Clinica 2001 Ambientale 1999

9 marzo settembre 2005

10 19% Sorveglianza clinica casi di legionellosi (6.2%)

11 OER

12  Sorveglianza più accurata nei pz affetti da polmonite  Diagnosi clinica sempre supportata dai dati di laboratorio  Maggiore attenzione nella notifica dei casi CONSIDERAZIONI Il nostro programma di sorveglianza attiva ha determinato in Puglia un incremento delle notifiche con vantaggi per i pazienti che ricevono una migliore terapia e per l’eliminazione delle sorgenti di infezione. Pertanto è necessario……

13 Alberghi Abitazioni Strutture ospedaliere Case di cura INDAGINE AMBIENTALE (9073 campioni di acqua) giugno 1999-agosto 2005

14 ufc/litro (28.5%) (71.5%) Sorveglianza ambientale Strutture ospedaliere

15 MicrorganismoMicrorganismo % L.pneumophila L.pneumophila L.species 0.2 L.pneumophila 1+ L.pn SIEROTIPI ISOLATI

16 ufc/litro (28.3%) (71.7%) Sorveglianza ambientale Alberghi

17 BARI BRINDISI TARANTO LECCE CLUSTER FOGGIA

18 L.pneumophila L.pneumophila L.speciesL.species L.pneumophila 1+ L.pn L.pneumophila 1+ L.species L.pneumophila L.species MicrorganismoMicrorganismo % SIEROTIPI ISOLATI

19 Abitazioni

20 MicrorganismoMicrorganismo % % L.pneumophila L.pn L.speciesL.species L.pn. 1 + L.species SIEROTIPI ISOLATI

21 Case di cura ufc/litro (19.2%) (38.5%) Sorveglianza ambientale

22 DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA DEI SIEROTIPI L. pneumophila sg 1 L. pneumophila sg 3 L. pneumophila sg 6 L. pneumophila sg 4 L. micdadei L. pneumophila sg 5 FOGGIA BARI BRINDISI TARANTO LECCE

23 20,8% 12,5% 66.6% Legionella spp in ambito odontoiatrico % L. pneumophila sg 1 Legionella species* L. pneumophila sg % Ore %: <10 3 ufc/litro 41.7%: ufc/litro 25%: >10 4 ufc/litro *L.longbeachae, L.bozemanii, L.dumoffii, L.gormanii, L.jordanis, L.micdadei, L.anisa

24 Aerosol Rischio professionale…

25 44 soggetti esposti all’ambiente odontoiatrici 44 soggetti non esposti all’ambiente odontoiatrici Il titolo anticorpale considerato indicativo di infezione è stato >1:256 Popolazione esaminata…..

26 non esposti esposti positivi 31.8% 64.3% L.species 14.3% L.pneumophila % L.pn L.species 50% L.species 50% L.pneumophila L.species positivi 9.1% Risultati ………….

27 La sorveglianza ambientale ha permesso di evidenziare una diffusa contaminazione ambientale da Legionella spp Questo comporta un rischio per la salute umana in turisti, categorie professionali, pazienti ricoverati in strutture ospedaliere …… La prevenzione è l’unico strumento efficace per ridurre l’insorgenza di casi di malattia Considerazioni…

28 E’ stato confermato un rischio per infezioni da Legionella spp negli operatori odontoiatrici. Il riscontro è confortato dalla concordanza tra specie isolate nella rete idrica e Ac specifici Il rischio non è solo per l’operatore ma potenzialmente anche per tutti coloro che ricorrono all’assistenza odontoiatrica. E’ stato confermato un rischio per infezioni da Legionella spp negli operatori odontoiatrici. Il riscontro è confortato dalla concordanza tra specie isolate nella rete idrica e Ac specifici Il rischio non è solo per l’operatore ma potenzialmente anche per tutti coloro che ricorrono all’assistenza odontoiatrica. Considerazioni…

29 clinica clinica EWGLI ambiente ambiente


Scaricare ppt "Il sistema di sorveglianza della legionellosi nella Regione Puglia Maria Teresa Montagna “La legionellosi nelle strutture ospedaliere e turistico-alberghiere”"

Presentazioni simili


Annunci Google