La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gruppo tecnico regionale emergenze infettive Piano per lorganizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive deliberato dalla Giunta regionale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gruppo tecnico regionale emergenze infettive Piano per lorganizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive deliberato dalla Giunta regionale."— Transcript della presentazione:

1 Gruppo tecnico regionale emergenze infettive Piano per lorganizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive deliberato dalla Giunta regionale con DGR 10 – del 20 luglio 2009 Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Direzione Sanità NUOVA INFLUENZA A(H1N1)v: PECULIARITÀ IN AMBITO PEDIATRICO

2 Gruppo tecnico regionale emergenze infettive Piano per lorganizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive deliberato dalla Giunta regionale con DGR 10 – del 20 luglio 2009 Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Direzione Sanità I bambini con influenza devono in generale essere gestiti a domicilio. Per quelli a rischio di malattia grave o di complicanze può essere opportuno un controllo medico ripetuto, per identificare precocemente laggravarsi della situazione e provvedere ad un eventuale ricovero. Indicazioni al ricovero ospedaliero: bambini con segni e/o sintomi di influenza grave o complicata e bambini di età < 3 mesi indipendentemente dal quadro clinico. La diagnosi precisa del virus responsabile di una sindrome influenzale non è necessaria ai fini terapeutici. In Pronto soccorso e in Ospedale la diagnosi eziologia è utile a fini epidemiologici solo per i pazienti che necessitano di ricovero per complicanze correlate alla sindrome influenzale. Non vi sono dati certi sulla durata delleliminazione del nuovo virus A H1N1; i virus influenzali tendono però a replicarsi più a lungo nel bambino. Va sottolineato che un bambino con influenza non dovrebbe ritornare in comunità prima di 7 giorni dallinizio dei sintomi. Gestione del bambino con influenza

3 Gruppo tecnico regionale emergenze infettive Piano per lorganizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive deliberato dalla Giunta regionale con DGR 10 – del 20 luglio 2009 Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Direzione Sanità Il nuovo virus pandemico risulta sensibile agli inibitori della neuroaminidasi (oseltamivir e zanamivir). Poiché i dati disponibili suggeriscono che linfezione da A/H1N1 causi nella stragrande maggioranza dei casi una malattia respiratoria acuta autolimitantesi, i bambini che non presentino complicanze e non rientrino nelle categorie a rischio non richiedono trattamento con antivirali. Un uso sistematico ed indiscriminato di antivirali favorisce inoltre la comparsa di ceppi virali resistenti, come segnalato per linfluenza stagionale in paesi che ne hanno fatto largo impiego. Casi sporadici di resistenza ad antivirali sono segnalati anche per virus influenzale A/H1N1. Ricerche su modelli animali hanno mostrato una concentrazione del farmaco più elevata nel sistema nervoso centrale in ratti giovani rispetto a quelli adulti; complicanze neurologiche tra i pazienti in età pediatrica sono segnalate in paesi dove il prodotto è stato di largo impiego. Terapia con antivirali

4 Gruppo tecnico regionale emergenze infettive Piano per lorganizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive deliberato dalla Giunta regionale con DGR 10 – del 20 luglio 2009 Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità Direzione Sanità Luso di antibiotici non è raccomandato in corso di influenza in quanto non previene eventuali sovrainfezioni batteriche e può anzi condurre ad un aumento del fenomeno dellantibioticoresistenza. Daltra parte, alcuni batteri possono complicare le infezioni da virus influenzali. Limpiego di antimicrobici va quindi riservato solo ai casi con ragionevole evidenza di infezione batterica invasiva o localizzata. Luso degli inibitori delle neuraminidasi nei bambini e adolescenti deve essere limitato esclusivamente nei casi previsti dallOrdinanza ministeriale firmata il 30 settembre 2009 e in corso di pubblicazione che comprendono: bambini con sindromi influenzali appartenenti ai gruppi a rischio per gravi complicanze; bambini senza fattori di rischio ma ricoverati in ospedale per sintomi gravi attribuibili allinfezione da virus influenzale; bambini a rischio di gravi complicanze, non vaccinati, che abbiano avuto stretti contatti con persone con diagnosi di infezione da virus A(H1N1)v. Si prevede che nel periodo autunno-invernale le occasioni di possibile contatto con persone infette potrebbero essere molte e prolungate nel tempo pertanto si raccomanda luso profilattico del farmaco come previsto dallOrdinanza esclusivamente nel casi che ne possono realmente trarre beneficio.


Scaricare ppt "Gruppo tecnico regionale emergenze infettive Piano per lorganizzazione regionale della risposta alle emergenze infettive deliberato dalla Giunta regionale."

Presentazioni simili


Annunci Google