La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La razza come mito 3. Voltaire: la teoria della pluralità delle razze Lezioni d'Autore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La razza come mito 3. Voltaire: la teoria della pluralità delle razze Lezioni d'Autore."— Transcript della presentazione:

1 La razza come mito 3. Voltaire: la teoria della pluralità delle razze Lezioni d'Autore

2 Antonio Zatta, Stabilimenti de’ Francesi, Inglesi e Spagnoli nelle Isole Antille, Venezia, 1779, dal sito

3 Inizi del ‘500  la teoria climatica: l’azione esercitata da cause naturali, come i fattori atmosferici e climatici, spiega la varietà dei corpi, dei caratteri morali e degli ingegni nei diversi popoli. La teoria climatica suffraga la concezione del monogenismo biblico di un’origine unica di tutta l’umanità dal seme di Adamo e l’ipotesi biologica fissista: tutte le forme viventi hanno origine da un unico atto creativo di Dio e si sono conservate immutate fino a oggi. Teoria climatica e monogenismo

4 Poligenismo: origine naturale e spontanea degli uomini dalla terra al pari di tutti gli altri animali. Voltaire, in polemica con il monogenismo biblico e con la concezione cartesiana del carattere universale della ragione umana sostiene l’integrazione della teoria del determinismo climatico con una concezione poligenetica delle razze umane che sarebbero discese non da un’unica coppia, ma da più coppie, con differenti caratteristiche, apparse sulla terra contemporaneamente. Il poligenismo

5 Dalla constatazione di apparenti dislivelli di cultura e attitudini mentali tra le popolazioni, Voltaire formula l’ipotesi dell’esistenza di una scala gerarchica tra le razze. Essai sur les moeurs et l'esprit des nations del 1756: la specie umana ha in comune il possesso degli stessi organi vitali, dei sensi e del movimento, ma “solo un cieco può mettere in dubbio che i bianchi, i negri, gli albini, gli ottentotti, i lapponi, i cinesi e gli americani siano razze completamente diverse”. La gerarchia razziale

6 Voltaire e Diderot

7 Denis Diderot condanna l’etnocentrismo che legittima l’etnocidio, la propensione a sottomettere ogni altro gruppo etnico e a distruggere il suo relativo patrimonio culturale. Nel Supplemento al viaggio di Bougainville (1773), critica radicalmente i fondamenti culturali ed etici della civiltà europea, in particolare il colonialismo, e fa l’elogio della vita naturale dei tahitiani. Diderot: contro l’etnocentrismo

8 Voltaire divide le razze, dalla superiore alle inferiori, e paragona i selvaggi agli animali, a uomini dotati di una ragione imperfetta, privi di qualsiasi interesse per la conquista e talmente stupidi da farsi schiavizzare, pur essendo in forte superiorità numerica. Per Diderot il progresso è inteso come conformazione alla legge naturale, mentre la civiltà imprigiona l’uomo in un abisso senza fine. L’uguaglianza delle razze

9 FINE Lezioni d'Autore


Scaricare ppt "La razza come mito 3. Voltaire: la teoria della pluralità delle razze Lezioni d'Autore."

Presentazioni simili


Annunci Google