La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Mancinismo e Disprassie dott. Ivan Di Pierro. Leggende, credenze e pregiudizi L’arte della caccia e del combattimento Inseguendo il sole il ruolo delle.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Mancinismo e Disprassie dott. Ivan Di Pierro. Leggende, credenze e pregiudizi L’arte della caccia e del combattimento Inseguendo il sole il ruolo delle."— Transcript della presentazione:

1 Mancinismo e Disprassie dott. Ivan Di Pierro

2 Leggende, credenze e pregiudizi L’arte della caccia e del combattimento Inseguendo il sole il ruolo delle religioni

3 La parola Mancino Latino: - Mancino “Manus” (mano)+ il suffisso “Cus”(portatore di difetti fisici - mutilati/storpi) - Destra “dexter” aggettivo (a destra - favorevole) - Sinistra “sine dextra” (senza mano destra) “sinister” (sinistra/cattivo/traverso) “scaevus” (crudele/maldestro) “levus” (mano sinistra/stupido/sciocco)

4 “No ser zurdo” spagnolo - traduzione letterale = non essere mancino “Gauche” francese = goffo “Left-handed” inglese = impacciato “Skaios” greco = nefasto “Links” tedesco = maldestro

5 Il fallimento della pedagogia violenza morale violenza fisica - incitazione - persuasione - dissuasione - colpevolizzazione - umiliazione - autoritarismo - brutalità - proibizione/coercizione (Antica protesi per impostare la scrittura con la mano destra)

6 Lateralizzazione - Processo neurobiologico di affermazione e stabilizzazione della lateralità cerebrale e corporea attraverso la corrispondenza di un emisfero all’emicorpo opposto/controlaterale (Sistema Crociato). - Processo di adattamento all’ambiente al fine di favorire e rendere più efficienti le azioni umane attraverso riadattamenti prassici spontanei ed intenzionali.

7 1. Lateralità degli arti. 2. Lateralità degli organi sensoriali (occhio-orecchio). 3. Lateralità degli emisferi cerebrali (l’emisfero sinistro controlla la motricità fine e linguaggio, l’emisfero destro controlla le relazioni spaziali, visive e le sensazioni tattili). EMISFERO SINISTRO Verbale Seriale-sequenziale Temporale Digitale Categoriale Analitico Razionale Deduttivo Intenzionale Routinario Occidentale Maschile EMISfERO DESTRO Non verbale Parallelo-simultaneo Spaziale Analogico Gestaltico Olistico Immaginativo Intuitivo Istintuale Innovativo Orientale Femminile

8 Comunicazione interemisferica Lo scambio d’informazioni avvengono attraverso un’attività elettrochimica data dai neurotrasmettitori dei neuroni. Le strutture di connessione sono le sinapsi, che hanno la proprietà di eccitare o inibire la connessione. La corteccia cerebrale si divide in destro e sinistro, suddivise ognuno in 4 strutture (lobi): - Lobo temporale (associato al linguaggio e pensiero astratto); - Lobo occipitale (associato alla visione); - Lobo parietale (associato a funzioni sensitive, motorie e di orientamento); - Lobo frontale (associato all’attenzione). (immagine rappresentativa di una cellula nervosa)

9 Dominanza laterale corrisponde alla dominanza di un emisfero corticale sull’altro, dal momento che rende favorevoli o sfavorevoli i flussi corticali che gestiscono il comportamento. corresponsabile di tutte le azioni umane che impegnano bilateralmente il cervello e il cervelletto. Dando luogo così ad alcuni fenomeni: -migliore specializzazione emisferica; -migliori scambi neurali; -migliore efficienza del sistema crociato; -migliore abilità e primato dell’arto controlaterale rispetto all’opposto; -migliore direzionalità dell’agire umano nello spazio (orizzontale, verticale, obliquo); -migliore esecuzione degli schemi motori e percettivi crociati.

10 Mappa dei tipi di dominanza laterale 1. Destra primaria (pura). 2. Sinistra primaria (pura, mancinismo puro). 3. Crociata naturale – Arti superiori contro laterali agli arti inferiori. 4. Mista naturale – Dominanza destra o sinistra a seconda delle azioni. 5. Ambidestra naturale – Stessa tendenza ed abilità ad usare indifferentemente i due arti. 6. Sinistra non primaria (incerta, non pura) – Dominanza sinistra sicura con incerta fluenza ed efficacia nelle azioni, incerta organizzazione spazio-temporale, fluenza linguistica variabile. 7. Contrariata – mancinismo contrariato o auto contrariato alla mano (raramente destra contrariata). 8. Con interferenze ed orientata in senso inverso – Dominanza destra o sinistra con interferenze dell’altro arto. 9. In ritardo fisiologico – Dominanza non stabilizzata.

11 La Dislateralità disturbo di lateralizzazione, dovuto ad una condizione di mancata, ritardata o anomala dominanza laterale. Comporta una criticità di diverso grado, a carico delle azioni umane nello spazio e nel tempo, in particolare su: - direzionalità (orizzontale, verticale, obliqua); - verso (da destra a sinistra, dal basso verso l’alto, ecc.); - rotazioni; - specularità.

12 Mancinismo e dominanza laterale 1.Mancinismo puro ad alta fluidità verbale, connotato da dominanza sinistra a tutti gli arti (mano, occhio, piede, orecchio), senza esitazioni né interferenze, alta abilità delle funzioni esecutive ed alta fluidità verbale. 2.Mancinismo puro a bassa fluidità verbale, connotato da dominanza sinistra a tutti gli arti (mano, occhio, piede, orecchio), senza esitazioni né interferenze, alta abilità delle funzioni esecutive ma a bassa fluidità verbale. 3.Mancinismo disprassico, connotato da dominanza tendenzialmente sinistra ma con possibili forme miste, o interferenze o orientamenti da destra a sinistra, presenza di disprassie diffuse ed a bassa fluidità verbale.

13 La disprassia disordine funzionale qualitativo nella esecuzione coordinata di azioni volontarie nel tempo e nello spazio in assenza di impedimenti organici o di deficit sensoriali. Si accompagna a lentezza, difficoltà negli automatismi motori rapidi, nell’integrazione sensoriale e nella grafo- motricità.

14 linee eziologiche della disprassia Strutture interessate: - SISTEMA NEUROMOTORIO ASCENDENTE E DISCENDENTE dalla corteccia in giù e dalla periferia alla corteccia - CERVELLETTO organo del cervello, nucleo della base che svolge la funzione di “sequenzializzare”c il comportamento LOBI FRONTALI E ZONE MOTORIE

15 La disprassia DSM IV-R collocata nei disturbi della coordinazione motoria (DCD) ed i criteri diagnostici sono: marcata difficoltà o ritardo nello sviluppo della coordinazione motoria; le difficoltà di coordinazione non sono dovute a condizioni mediche patologiche; le difficoltà interferiscono con l’apprendimento scolastico e sono riscontrabili in tutte le attività quotidiane.

16 La disprassia ICD-10 disturbo evolutivo specifico della funzione motoria che prevede un quadro caratterizzato da: difficoltà di coordinazione sin dalle prime fasi di sviluppo e non dipendente da deficit neurosensoriali o neuromotori; compromissione variabile in funzione all’età; ritardo nell’acquisizione delle tappe di sviluppo motorio e del linguaggio; goffaggine nei movimenti; ritardo nell’ organizzazione di giochi e nel disegno; presenza di segni neurologici sfumati (a volte); difficoltà scolastiche e problemi emotivi-comportamentali.

17 il mancino disprassico La valutazione funzionale Avvertenze e indicazioni Polo SAF (successioni-automatismi-fluidità)

18 rilevazione della dominanza laterale Mano Piede Occhio Orecchio Lettura, Scrittura, Calcolo Autovalutazione

19 Mano Questionario di Edinburgh 1971

20 Piede -far saltare su un piede solo e girarsi su se stesso, poi con l’altra gamba (osservare anche equilibrio ed eleganza); -far dare un calcio ad un pallone (da fermo ed in movimento); -fare un salto complesso (sforbiciata, il soggetto è mancino di piede se lancerà in aria prima la gamba destra, poiché la gamba sinistra deve essere la più veloce a compiere il gesto motorio per evitare la caduta); -far saltellare lungo una linea retta; -far raccogliere palline con il piede.

21 Occhio 1) guardare dal buco della serratura; 2) usare un cartoncino arrotolato come cannocchiale e guardare l’orizzonte (; 3) guardare in un cartoncino bucato al centro (prendere con due mani e portarlo all’occhio); 4) far finta di scattare una foto chiudendo l’occhio “che non serve”; 5) per capire l’orientamento dello sguardo (tanto importante per la lettura) far disegnare al soggetto un grande cerchio (se lo disegna in segno orario, probabilmente è mancino, se lo disegna in senso antiorario, probabilmente è destro.

22 Orecchio 1) Portare un orologio all’orecchio; 2) Portare all’orecchio una conchiglia; 3) Avvicinare l’orecchio ad una porta; 4) Verificare a quale orecchio il soggetto fa schermo con la mano alla ricerca del rumore; 5) Prova di ritmo

23 Lettura, Scrittura, Calcolo - lentezza - esitazione - inciampi - perdita nell’a-capo - sostituzioni - inversioni - sillabazione - smarrimento

24 Effetti sull’apprendimento - lentezza - esitazione - inciampi - perdita nell’a-capo - sostituzioni - inversioni - sillabazione - smarrimento

25 - lavoro sinistra/destra - disortografia - non lettura - difficoltà mnemoniche - difficoltà nell’organizzazione del lavoro - alternalza di lentezza e velocità nelle funzioni esecutive - stancabilità, insofferenza, demotivazione - smarrimento nelle sequenze verbali o operative lunghe - errori di natura coordinativa (non logica o culturale) - sillabazione - smarrimento

26 ...Mi sveglio col piede sinistro quello “Giusto” forse già lo sai che a volte la follia sembra l’unica via per la felicità... Morgan “Altrove”


Scaricare ppt "Mancinismo e Disprassie dott. Ivan Di Pierro. Leggende, credenze e pregiudizi L’arte della caccia e del combattimento Inseguendo il sole il ruolo delle."

Presentazioni simili


Annunci Google