La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Allenamento funzionale. ALLENARE: COSA COME?! CAPACITA’ MOTORIE Tratti stabili e duraturi determinati in gran parte dal patrimonio genetico. Sottendono.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Allenamento funzionale. ALLENARE: COSA COME?! CAPACITA’ MOTORIE Tratti stabili e duraturi determinati in gran parte dal patrimonio genetico. Sottendono."— Transcript della presentazione:

1 Allenamento funzionale

2 ALLENARE: COSA COME?! CAPACITA’ MOTORIE Tratti stabili e duraturi determinati in gran parte dal patrimonio genetico. Sottendono all’esecuzione di abilità. ABILITA’ MOTORIE Capacità di realizzare una prestazione con la massima certezza, il minimo dispendio di energia (minimo tempo) si sviluppa come risultato dell’esercizio. (Schmidt e Wrisberg)

3

4 Dalla motricità generale al movimento sportivo ATTRAVERSO INTERVENTI PROGRAMMATI CHE PREVEDONO, IN TERMINI DI OBIETTIVI DA CONSEGUIRE, LO SVILUPPO DI: Il maggior numero di schemi motori Capacità senso percettive Capacità coordinative Capacità condizionali Acquisizione di abilità motorie

5 Functional Training È caratterizzato da un insieme di movimenti integrati multiplanari che coinvolgono l’accelerazione, la decelerazione e la stabilizzazione delle articolazioni, con la finalità di migliorare l’abilità dei movimenti, la forza dei muscoli stabilizzatori del tronco e l’efficienza neuro muscolare. (da Cuzzolin)

6 Allenamento Funzionale Caratteristiche del soggetto Caratteristiche della disciplina sportiva Caratteristiche della realtà dove si opera

7 PALLACANESTRO Accelerazioni decelerazioni in ogni direzione, movimenti laterali, diagonali e incrociati; salti ed atterraggi con componenti rotazionali; correre, passare, tirare, ricevere coordinando l’attrezzo specifico. (da Cuzzolin)

8 I MIEI OCCHIALI (accelerazioni decelerazioni) I MIEI OCCHIALI accelerazioni stabilizzazione decelerazioni Come tiene la posizione fondamentale? Come si arresta (bipod. monop.)? Come corre all’indietro? Come corre in diagonale? Come scivola? Come si muove negli spazi brevi? Come si muove quando gli viene richiesta frequenza? Come si muove quando gli viene richiesta ampiezza?

9 COSA VALUTARE ?

10 Funzionalità di base Nervosa Muscolare Articolare Strutturale

11 Funzionalità strutturale Conformazione scheletrica Conformazione muscolo tendinea Articolare legamentosa

12 Funzionalità muscolare Forza Rapporto ago/antagonisti Qualità fibre Rigidità tessuto connettivo Efficienza stabilizzatori

13 Funzionalità articolare Mobilità passiva Mobilità attiva Interazione multi segmentaria

14 Funzionalità sistema nervoso Efficienza coordinativa Stimoli afferenti Stimoli efferenti

15 AZIONE INTENZIONALE POSSEDERE LA RAPPRESENTAZIONE MENTALE DEL SUO DECORSO ANTICIPARNE LO SCOPO. Ciò che caratterizza un'abilità è proprio l’intenzionalità.

16 Functional Training Posizioni Fondamental Staggered One leg

17 tempi di gioco e tempi di pausa (Roberto Colli) Parametri metabolici rapporto fase di gioco/pausa 1/1 a fase di gioco lunga corrisponde pausa lunga a fase di gioco corta corrisponde pausa corta

18 Gioco/Pausa in un quarto di gara (Roberto Colli) Fasi di gioco che durano fino ad un max. di 20 sec. (16) Fasi di pausa che durano 20 molte Moltissime pause brevi (2/4 secondi) Dopo una fase di gioco che dura 80 sec. c’è una pausa di 40 sec. Parametri metabolici

19 (Roberto Colli) Parametri metabolici Cambio di attività (avviene ogni 4 km/h) ACCELERAZIONE/DECELERAZIONE mediamente 1000 cambi di attività in una partita; Tempo effettivo gioco 40 m. 1 cambio di attività ogni 2 sec. e mezzo Tempo con pausa 1 cambio attività ogni 5 sec.

20 (Roberto Colli) In una partita di basket un giocatore compie 1000 azioni di forza Parametri metabolici

21


Scaricare ppt "Allenamento funzionale. ALLENARE: COSA COME?! CAPACITA’ MOTORIE Tratti stabili e duraturi determinati in gran parte dal patrimonio genetico. Sottendono."

Presentazioni simili


Annunci Google