La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli Studi di Pisa Valerio Cutini insegnamento di Tecnica Urbanistica Corso di laurea triennale in Ing. Edile Ingegneria del Territorio Corso.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli Studi di Pisa Valerio Cutini insegnamento di Tecnica Urbanistica Corso di laurea triennale in Ing. Edile Ingegneria del Territorio Corso."— Transcript della presentazione:

1 Università degli Studi di Pisa Valerio Cutini insegnamento di Tecnica Urbanistica Corso di laurea triennale in Ing. Edile Ingegneria del Territorio Corso di laurea magistrale in Ing. Idraulica,Trasporti e Territorio Lezione n° 7. Il principio di gerarchia a.a / 2014

2 valerio cutini a.a La città / le città I modelli fin qui esaminati danno ragione dell’esistenza della città, della sua strutturazione interna, dei rapporti che intercorrono fra le sue parti e del suo sviluppo Una città così strutturata vive però in uno spazio astratto, definito in soli termini dicotomici città non-città città campagna spazio della concentrazione spazio della dispersione

3 valerio cutini a.a Il principio di gerarchia Come si organizzano fra loro le città?

4 valerio cutini a.a La teoria delle località centrali La teoria delle località centrali venne elaborata nel 1933 da Walter Christaller sulla base delle seguenti ipotesi uno spazio omogeneo ed isotropo, sia in termini di densità demografica che di caratteristiche fisiche e infrastrutturale la efficienza di una struttura economica caratterizzata da aree di mercato esagonali (struttura ad honeycomb “alla Lösch”)

5 valerio cutini a.a La teoria delle località centrali: definizioni e notazioni località centrale: è il punto centrale di un agglomerato urbano in cui si producono servizi, ovvero il luogo di produzione di beni centrali bene centrale: è il prodotto delle attività di servizio offerto dalla località centrale regione complementare: è la zona di influenza della località centrale, ovvero l’area di mercato in cui l’offerta di servizio prodotto da essa è soddisfatta Il concetto di località centrale non coincide pertanto con quello di città, e la sua grandezza non corrisponde alla sua dimensione demografica

6 valerio cutini a.a La teoria delle località centrali: definizioni e notazioni portata (range): la distanza massima a cui può essere venduto un bene, ovvero la distanza massima che la popolazione è disposta a percorrere per acquistare un bene centrale soglia (threshold): la distanza (ovvero l’area) corrispondente alla quantità minima di ciascun bene producibile in modo efficiente Il concetto di range è strettamente correlato al costo di trasporto Il concetto di threshold è strettamente correlato alle economie di scala

7 valerio cutini a.a La teoria delle località centrali: condizioni e ipotesi Ogni bene è prodotto se e solo se la sua portata supera la soglia territoriale minima per la produzione efficiente… Ogni bene è collocato lungo una scala gerarchica di beni sulla base dell’entità del proprio range Ogni centro produce il bene relativo al suo livello gerarchico e tutti i beni di ordine inferiore …ovvero se il suo range è maggiore della threshold

8 valerio cutini a.a La teoria delle località centrali: la logica Per ogni centro di ordine superiore esiste, in cascata, una pluralità di centri di ordine inferiore, fino al livello più basso, corrispondente al villaggio, di cui esiste il numero più elevato, ed in cui si producono beni di più limitata portata Per Christaller esistono tre condizioni che vincolano l’assetto localizzativo delle città determinandone l’ottima disposizione Queste condizioni sono i principi ordinatori: il vincolo del mercato il vincolo del traffico il vincolo della amministrazione politica

9 valerio cutini a.a La teoria delle località centrali: Il vincolo del mercato Si consideri una località centrale C che produce un bene 1 di un determinato ordine r 1 La distribuzione delle aree di mercato corrisponderà ad una struttura a nido d’ape, con i centri C al centro degli esagoni CCC C r1r1 Si consideri la produzione in C del bene 2 di ordine inferiore r 2 < r 1 r2r2 Ampie porzioni di territorio restano scoperte dall’accesso al bene 2; è necessaria la localizzazione di una nuova località centrale E così via con il bene 3, con il bene 4, etc. C2C2

10 valerio cutini a.a La teoria delle località centrali: Il vincolo del mercato L’articolazione gerarchica corrispondente alla struttura spaziale è, in base al vincolo del mercato: La gerarchia dei centri risulta articolata in steps con K = 3 La regione complementare di ogni centro è articolata in 3 regioni complementari di ordine immediatamente inferiore = 1 = = =

11 valerio cutini a.a La teoria delle località centrali: Il vincolo del traffico L’ottimale localizzazione dei centri, rispettando il vincolo del traffico, comporta la localizzazione in corrispondenza del punto intermedio fra due centri di ordine superiore C C C C C C C C

12 valerio cutini a.a La teoria delle località centrali: Il vincolo del traffico L’articolazione gerarchica corrispondente alla struttura spaziale è, in base al vincolo del traffico: La gerarchia dei centri risulta articolata in steps con K = 4 1= 1 64= = = 1 + 3

13 valerio cutini a.a La teoria delle località centrali: Il vincolo della amministrazione pubblica L’ottimale localizzazione dei centri, rispettando il vincolo della amministrazione pubblica, comporta per ogni centro una localizzazione tale che la regione complementare sia interamente compresa entro quella del centro di ordine superiore C CC C

14 valerio cutini a.a La teoria delle località centrali: Il vincolo della amministrazione pubblica L’articolazione gerarchica corrispondente alla struttura spaziale è, in base al vincolo della amministrazione pubblica: La gerarchia dei centri risulta articolata in steps con K = 6 1= 1 36= = 1 + 5

15 valerio cutini a.a La central places theory: pregi L’eleganza del modello di Christaller consiste nel fatto che sulla base di una limitata quantità di assunzioni esso riesce a dare ragione dei fenomeni indagati Christaller verificò l’attendibilità del suo modello nel contesto territoriale corrispondente alla Germania meridionale, fra Monaco, Norimberga e Francoforte Range (costi di trasporto) Threshold (economie di scala) assunzioni Ruolo funzionale dei centri urbani Dimensione dei centri urbani output Distribuzione spaziale dei centri urbani

16 valerio cutini a.a La central places theory: limiti Tuttora, il modello appare ancora adatto ad interpretare e a descrivere una struttura di centri urbani basata sulla distribuzione di servizi Nel caso della produzione industriale, invece, i costi di trasporto incidono poco sul prezzo del bene: ciò inficia la attendibilità del modello per strutture insediative fondate sul settore secondario In questo caso i costi di trasporto sono infatti sopportati prevalentemente dai consumatori e incidono in modo notevole sul costo dei servizi stessi

17 valerio cutini a.a La central places theory: limiti Nel caso di centri caratterizzati dalla distribuzione dei servizi è verosimile anche l’ipotesi che ogni centro accolga oltre alla produzione di un bene anche la produzione di tutti i beni di ordine inferiore Nei consumi di beni industriali è comune la domanda di “varietà” da parte del consumatore; ciò genera la frequente sovrapposizione delle aree di mercato. Questo fenomeno è invece assai più debole nel caso nella fornitura di servizi Ciò non vale sempre, invece, nei centri industriali, ove si evidenziano fenomeni di elevata specializzazione funzionale e compartimentazione produttiva

18 valerio cutini a.a La central places theory: limiti Il modello concepisce i centri urbani come la sede della produzione di servizi e della loro distribuzione alla regione all’intorno Non tiene in conto però che una città è anche una concentrazione di attività residenziali, un grande mercato del lavoro, un modo di organizzazione della società Questi aspetti non sono presenti nel modello di Christaller, modello che pertanto, agli occhi dei suoi detrattori, sembra costruire “una gerarchia di città senza città”

19 valerio cutini a.a La rank-size rule Presentata nel 1913 da Felix Auerbach, la rank-size rule è una regola empirica riguardante la distribuzione degli insediamenti urbani, ricavata sperimentalmente, per via induttiva, dall’osservazione della realtà Tale “regola”, pur priva di basi teoriche, appare significativa per la sua sorprendente rispondenza alla realtà, tanto che, a posteriori, è doveroso tentarne una giustificazione concettuale Felix Auerbach

20 valerio cutini a.a La rank-size rule: la logica Si ordinino tali insediamenti nel senso della decrescente consistenza demografica P, e si attribuisca a ciascuno di essi la posizione (rank) che questo occupa in tale graduatoria Ovvero: il prodotto della popolazione dell’i-esimo centro per la sua rank è costante, e pari alla popolazione del centro più popoloso, detto centro primate P x r = cost. = P 1 Si osserva sperimentalmente l’evidenza dell’espressione: Si considerino gli insediamenti urbani posti in un ambito territoriale dotato di omogeneità politica e economica

21 valerio cutini a.a La rank-size rule: rappresentazione La rank-size rule si presta ad una efficace rappresentazione grafica su un diagramma r, P P x r = P 1 su un diagramma log r, log P log P = log P 1 - log r r P log r log P iperbole equilatera retta inclinata a 45° sulle ascisse

22 valerio cutini a.a La rank-size rule: una revisitazione Negli anni ’40, la rank-size rule è stata oggetto di revisitazione da parte di George Zipf, che ne ha fornito la versione così modificata: che, in notazione logaritmica, assume la forma: George Zipf P x r  = cost. = P 1 logP = log P 1 -  log r

23 valerio cutini a.a La rank-size rule secondo Zipf: rappresentazione Anche nella versione di Zipf, la rank-size rule si presta ad una efficace rappresentazione grafica, soprattutto su un diagramma doppio-logaritmico log r log P logP = log P 1 -  log r retta inclinata negativamente sulle ascisse, con coefficiente angolare - 

24 valerio cutini a.a La rank-size rule : dissonanze Non sempre la distribuzione dei centri abitati collima perfettamente con la curva di Zipf Alcuni tipi di dissonanza rispetto ad essa sono talmente ricorrenti da risultare caratteristici La lettura e l’interpretazione di tali dissonanze possono fornire utili informazioni sulla struttura e sulle caratteristiche del sistema territoriale distribuzione primaziale distribuzione antiprimaziale distribuzione oligarchica

25 valerio cutini a.a La rank-size rule : la distribuzione primaziale La distribuzione di tipo primaziale descrive i sistemi di centri abitati organizzati intorno ad una città primate sovradimensionata rispetto al resto del sistema È la distribuzione tipica delle città che un tempo furono capitali di imperi più vasti degli attuali ambiti di influenza log r log P curva di Zipf curva della distribuzione effettiva esempi: Parigi/Francia, Vienna/Austria,…

26 valerio cutini a.a La rank-size rule : la distribuzione antiprimaziale La distribuzione di tipo antiprimaziale descrive i sistemi di centri abitati organizzati intorno ad una città primate sottodimensionata rispetto al resto del sistema È la distribuzione tipica dei sistemi risultanti dalla confederazione di ambiti amministrativi di minori dimensioni log r log P curva di Zipf curva della distribuzione effettiva esempi: Germania, Svizzera, Stati Uniti d’America,…

27 valerio cutini a.a La rank-size rule : la distribuzione oligarchica La distribuzione di tipo oligarchico descrive i sistemi di centri abitati organizzati intorno ad una città primate sovradimensionata rispetto al sistema, sotto alla quale è tuttavia presente un gruppo di città di dimensioni fra loro simili È la distribuzione tipica delle città furono capitali di imperi, e che oggi lo sono di confederazione di ambiti amministrativi minori log r log P curva di Zipf curva della distribuzione effettiva esempi: Londra/Gran Bretagna,…

28 valerio cutini a.a La rank-size rule: utilità analisi territoriale sincronica analisi territoriale diacronica mirata a studiare le specificità dei sistemi di città che emergono come dissonanze dalla rank-size rule La rank-size rule si presta ad essere utilizzata come strumento di: mirata a studiare la dinamica temporale dei sistemi di città esempio: il sistema insediativo del Trentino Alto Adige, che si rivela composto da due sistemi diversi (Trentino e A.Adige), organizzati intorno a 2 città primati esempio: il sistema insediativo delle città italiane, caratterizzato nel 1861 da una distribuzione di tipo antiprimaziale, e successivamente evoluto verso una distribuzione “alla Zipf”

29 valerio cutini a.a La rank-size rule: giustificazione concettuale Il coefficiente angolare  rappresenta la preponderanza (  >1) o la debolezza (  <1) delle economie di agglomerazione rispetto alle diseconomie di agglomerazione  dà quindi conto della tendenza a distribuzioni urbane più o meno concentrate o diffuse sul territorio Anche se la rank-size rule è priva di basi teoriche, è possibile cercare di comprendere “a posteriori” il suo significato log r log P logP = log P 1 -  log r

30 valerio cutini a.a Economie e diseconomie di agglomerazione Economie di agglomerazione e diseconomie di agglomerazione, con le quali avevamo iniziato ad indagare sulla natura della città, tornano quindi al termine del nostro percorso La modalità della distribuzione dei centri abitati sul territorio, che la rank-size rule consente di interpretare, è in definitiva il risultato della tensione fra le une e le altre log r log P


Scaricare ppt "Università degli Studi di Pisa Valerio Cutini insegnamento di Tecnica Urbanistica Corso di laurea triennale in Ing. Edile Ingegneria del Territorio Corso."

Presentazioni simili


Annunci Google