La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso CUAP Progettazione gestione e controllo dei programmi dell'Unione Europea Area Management Pubblico CHI SONO Erica Vagliengo Ho seguito: - INTERREG.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso CUAP Progettazione gestione e controllo dei programmi dell'Unione Europea Area Management Pubblico CHI SONO Erica Vagliengo Ho seguito: - INTERREG."— Transcript della presentazione:

1 Corso CUAP Progettazione gestione e controllo dei programmi dell'Unione Europea Area Management Pubblico CHI SONO Erica Vagliengo Ho seguito: - INTERREG III per la vecchia Comunità Montana Pinerolese Pedemontano - LEADER come animatrice presso il GAL EVV -Sono anche giornalista/web writer - il mio CV - e mail: CASE HISTORY il Gal Escartons e Valli Valdesi

2 Gal Escartons e Valli Valdesi PSL “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte PSR LEADER Liaison Entre Actions pour le Développement de l’Economie Rurale – Liaison Entre Actions pour le Développement de l’Economie Rurale – Collegamenti tra le azioni di sviluppo dell’economia rurale. Nato nel 1989 come iniziativa Comunitaria, è uno degli Assi di sviluppo per il sostegno delle aree rurali da parte della Comunità Europea. L’iniziativa, giunta alla sua quarta programmazione, prevede la realizzazione di un piano di sviluppo locale (PSL) elaborato attraverso la costituzione di un partenariato pubblico-privato. L’approccio LEADER si basa proprio sulla costituzione a livello locale di un gruppo di azione (GAL), formato da quei soggetti che sul territorio operano per la valorizzazione locale (enti locali, organizzazioni professionali, associazioni e consorzi), che danno vita a una società, la quale elabora un progetto e ottiene un finanziamento dalla Comunità Europea. Il GAL è chiamato anche a reperire le risorse finanziarie per gli investimenti che non sono coperti dal finanziamento europeo (circa il 54%). "L'Asse IV - Approccio Leader" del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) della Regione Piemonte promuove lo sviluppo integrato e sostenibile dei territori rurali attraverso la realizzazione di Programmi di Sviluppo Locale (PSL) presentati dai 13 Gruppi di Azione Locale (GAL), distribuiti sul territorio regionale. Nato nel 1989 come iniziativa Comunitaria, è uno degli Assi di sviluppo per il sostegno delle aree rurali da parte della Comunità Europea. L’iniziativa, giunta alla sua quarta programmazione, prevede la realizzazione di un piano di sviluppo locale (PSL) elaborato attraverso la costituzione di un partenariato pubblico-privato. L’approccio LEADER si basa proprio sulla costituzione a livello locale di un gruppo di azione (GAL), formato da quei soggetti che sul territorio operano per la valorizzazione locale (enti locali, organizzazioni professionali, associazioni e consorzi), che danno vita a una società, la quale elabora un progetto e ottiene un finanziamento dalla Comunità Europea. Il GAL è chiamato anche a reperire le risorse finanziarie per gli investimenti che non sono coperti dal finanziamento europeo (circa il 54%). "L'Asse IV - Approccio Leader" del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) della Regione Piemonte promuove lo sviluppo integrato e sostenibile dei territori rurali attraverso la realizzazione di Programmi di Sviluppo Locale (PSL) presentati dai 13 Gruppi di Azione Locale (GAL), distribuiti sul territorio regionale. Il programma è finanziato dai Fondi Strutturali e dal Fondo per lo sviluppo rurale (FEASR) Il programma è finanziato dai Fondi Strutturali e dal Fondo per lo sviluppo rurale (FEASR) Il programma finanzia interventi che vanno dal sostegno al settore agricolo e produttivo, al turismo, all’ambiente, ai servizi ed alla cultura, secondo procedure e norme stabilite dalla Comunità Europea e dalla Regione, ma, è il partenariato locale che indica su quali settori ed interventi intende basare la propria strategia di sviluppo. Il programma finanzia interventi che vanno dal sostegno al settore agricolo e produttivo, al turismo, all’ambiente, ai servizi ed alla cultura, secondo procedure e norme stabilite dalla Comunità Europea e dalla Regione, ma, è il partenariato locale che indica su quali settori ed interventi intende basare la propria strategia di sviluppo. In Italia sono stati selezionati 192 Gruppi di Azione Locale, impegnati nell'attuazione dei Piani di Sviluppo Locale (PSL) per un investimento complessivo di circa milioni di euro. In Italia sono stati selezionati 192 Gruppi di Azione Locale, impegnati nell'attuazione dei Piani di Sviluppo Locale (PSL) per un investimento complessivo di circa milioni di euro.

3 Gal Escartons e Valli Valdesi PSL “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte PSR LEADER Si parlerà di sviluppo locale di tipo partecipativo (CLDD): Una singola metodologia relativa allo sviluppo locale di tipo partecipativo per i fondi ESI che: - focalizzi l’attenzione su aree sub regionali specifiche; - sia di tipo partecipativo con il coinvolgimento di Gruppi di Azione Locale costituiti dai rappresentanti degli interessi socio economici locali pubblici e privati - sia messa in atto tramite strategie di sviluppo locale basate sull’area integrate e multisettoriali, concepite prendendo in considerazione le potenzialità e le esigenze locali - prenda in considerazione le potenzialità e le esigenze locali, includendo caratteristiche innovative nel contesto locale, la creazione di una rete e la cooperazione - il fine:: UTILIZZO INTEGRATO dei fondi per l’attuazione di strategie di sviluppo locale Per approfondimenti:

4 Gal Escartons e Valli Valdesi PSL “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte PSR PSR PSR Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte il PSR ha lavorato per proseguire il sostegno alla creazione e al consolidamento di poli locali di sviluppo integrato, in grado di rappresentare una significativa inversione di tendenza rispetto allo storico declino dei territori rurali del Piemonte con maggiori difficoltà socioeconomiche. Totale contributo pubblico: milioni di Euro. Totale contributo pubblico: milioni di Euro. PSR PSR Programma di sviluppo rurale della Regione Piemonte Bozza

5 Gal Escartons e Valli Valdesi PSL “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte PSR COS’E’ IL GAL Il termine Gal (Gruppo di Azione Locale) identifica la società che coordina in un’area ben definita un progetto di valorizzazione di un territorio, coinvolgendo enti pubblici, aziende private ed associazioni. Il progetto ideato dal Gal Escartons “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” ha colto le linee guida fornite dalla Regione Piemonte, tanto che è stato ritenuto meritevole di finanziamento. Questo intervento, inserito nell’ambito del programma europeo denominato “Sviluppo Rurale Asse 4 Leader”, ha una copertura del quadro comunitario di circa il 54%, il rimanente proviene dagli enti locali e dai soggetti beneficiari. Il termine Gal (Gruppo di Azione Locale) identifica la società che coordina in un’area ben definita un progetto di valorizzazione di un territorio, coinvolgendo enti pubblici, aziende private ed associazioni. Il progetto ideato dal Gal Escartons “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” ha colto le linee guida fornite dalla Regione Piemonte, tanto che è stato ritenuto meritevole di finanziamento. Questo intervento, inserito nell’ambito del programma europeo denominato “Sviluppo Rurale Asse 4 Leader”, ha una copertura del quadro comunitario di circa il 54%, il rimanente proviene dagli enti locali e dai soggetti beneficiari. Il GAL, attraverso il PSL (Piano di Sviluppo Locale), attua la strategia di sviluppo locale e la realizzazione di progetti di cooperazione per favorire il miglioramento della competitività agricola e forestale, dell’ambiente e dello spazio rurale e della qualità della vita. Il GAL, attraverso il PSL (Piano di Sviluppo Locale), attua la strategia di sviluppo locale e la realizzazione di progetti di cooperazione per favorire il miglioramento della competitività agricola e forestale, dell’ambiente e dello spazio rurale e della qualità della vita. GAL in Italia: 192 GAL in Italia: 192 GAL in Piemonte: 13 GAL in Piemonte: 13

6 Gal Escartons e Valli Valdesi PSL “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte PSR I NUMERI DEL GAL EVV Comuni: 50 Abitanti: Contributo LEADER: € Bandi pubblicati: 27 Domande finanziate: 74 Contributo concesso: € (al 31/03/2014) Piano finanziario: Costo totale: Euro ,39 Contributo pubblico Euro ,00 I FINANZIAMENTI L’ investimento previsto è di più di 10 milioni di Euro con un finanziamento del quadro comunitario di 5,5 milioni di Euro. Gli investimenti saranno attivati su questo territorio fino al I beneficiari sono gli Enti Pubblici e le Imprese che operano nel territorio del Gal. I finanziamenti, mediamente del 50% circa, sono concessi a fondo perduto sulla base del rispetto di parametri stabiliti a garanzia della qualità dell’intervento. E vengono regolati dall’emissione di bandi la cui istruttoria è seguita direttamente dal Gal. Detti bandi vengono pubblicati periodicamente e riguardano i diversi settori dell’azione Asse 4 Leader del piano di sviluppo locale, che va dalla valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale, al sostegno alle imprese del settore, turistico, agricolo e artigiano. I beneficiari sono gli Enti Pubblici e le Imprese che operano nel territorio del Gal. I finanziamenti, mediamente del 50% circa, sono concessi a fondo perduto sulla base del rispetto di parametri stabiliti a garanzia della qualità dell’intervento. E vengono regolati dall’emissione di bandi la cui istruttoria è seguita direttamente dal Gal. Detti bandi vengono pubblicati periodicamente e riguardano i diversi settori dell’azione Asse 4 Leader del piano di sviluppo locale, che va dalla valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale, al sostegno alle imprese del settore, turistico, agricolo e artigiano. I PAGAMENTI Autorità di gestione-Arpea-beneficiario (minimo a 3 mesi)

7 Gal Escartons e Valli Valdesi PSL “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte PSR La sede del Gal Escartons e Valli Valdesi si trova a Luserna San Giovanni (To), a Villa Olanda, in Val Pellice. Il Gal Escartons e Valli Valdesi opera su un territorio che comprende le valli alpine del bacino Pinerolese, della Val Susa e della Val Sangone, le stesse Valli che hanno ospitato i Giochi Olimpici invernali del 2006 e che gravitano sulla pianura a sud ovest dell’agglomerazione torinese. Il Gal Escartons e Valli Valdesi opera su un territorio che comprende le valli alpine del bacino Pinerolese, della Val Susa e della Val Sangone, le stesse Valli che hanno ospitato i Giochi Olimpici invernali del 2006 e che gravitano sulla pianura a sud ovest dell’agglomerazione torinese. I comuni facenti parte del GAL sono: Angrogna, Bardonecchia Bibiana, Bobbio Pellice, Bricherasio, Cesana Torinese, Chiomonte, Claviere, Coazze, Exilles, Giaglione, Giaveno (parziale), Gravere, Fenestrelle, Inverso Pinasca, Luserna San Giovanni (parziale), Lusernetta, Meana di Susa, Mompantero, Moncenisio, Novalesa, Massello, Oulx, Perosa Argentina, Perrero, Pinasca, Pomaretto, Porte, Pragelato, Prali, Pramollo, Prarostino, Rora', Roure, Salbertrand, Salza di Pinerolo, San Germano Chisone, San Giorio, San Pietro Val Lemina, San Secondo di Pinerolo, Sauze di Cesana, Sauze d'Oulx, Sestriere, Usseaux, Torre Pellice, Valgioie, Venaus, Villar Focchiardo, Villar Pellice, Villar Perosa. I comuni facenti parte del GAL sono: Angrogna, Bardonecchia Bibiana, Bobbio Pellice, Bricherasio, Cesana Torinese, Chiomonte, Claviere, Coazze, Exilles, Giaglione, Giaveno (parziale), Gravere, Fenestrelle, Inverso Pinasca, Luserna San Giovanni (parziale), Lusernetta, Meana di Susa, Mompantero, Moncenisio, Novalesa, Massello, Oulx, Perosa Argentina, Perrero, Pinasca, Pomaretto, Porte, Pragelato, Prali, Pramollo, Prarostino, Rora', Roure, Salbertrand, Salza di Pinerolo, San Germano Chisone, San Giorio, San Pietro Val Lemina, San Secondo di Pinerolo, Sauze di Cesana, Sauze d'Oulx, Sestriere, Usseaux, Torre Pellice, Valgioie, Venaus, Villar Focchiardo, Villar Pellice, Villar Perosa. FB

8 Gal Escartons e Valli Valdesi PSL “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte PSR LA STORIA Il Gal Escartons ha iniziato ad operare nel 2003 partendo da zero, organizzando la struttura, e i gruppi di lavoro per predisporre i primi piani e progetti, pubblicare bandi ed erogare i finanziamenti. Durante il periodo , il Gal ha assegnato 3 milioni di euro a fondo perduto ad aziende che a loro volta hanno attivato investimenti per altri 2 milioni di euro. Sotto il profilo sociale, il successo del progetto si è concretizzato nella collaborazione tra diverse realtà imprenditoriali e pubbliche del territorio, ognuna nel proprio ambito, ma con la consapevolezza di poter creare un gruppo di lavoro, superando la barriera dell’individualismo. In effetti, in 6 anni il Gal Escartons e Valli Valdesi, forte di una base societaria molto rappresentativa del territorio, si è relazionato con 40 Comuni e tantissime aziende private: sono nati così importanti interventi di filiera nel settore agricolo, forestale e dell’agro-industria. Tanti Comuni hanno realizzato interessanti percorsi alla scoperta della storia e della cultura locale. Un esempio è quello della“Carta natura e cultura”, che ha messo in rete strutture ricettive, musei, parchi, ristorazione e agriturismi. La “Carta natura e cultura”, distribuita gratuitamente agli ospiti delle valli del Gal, è stata una bella prova di accoglienza, un’offerta di qualità con un piccolo sconto per invitare il visitatore ad apprezzare le bellezze e le bontà dei luoghi e a tornarci. La carta, distribuita nel 2008, verrà riproposta nella programmazione Il Gal Escartons ha iniziato ad operare nel 2003 partendo da zero, organizzando la struttura, e i gruppi di lavoro per predisporre i primi piani e progetti, pubblicare bandi ed erogare i finanziamenti. Durante il periodo , il Gal ha assegnato 3 milioni di euro a fondo perduto ad aziende che a loro volta hanno attivato investimenti per altri 2 milioni di euro. Sotto il profilo sociale, il successo del progetto si è concretizzato nella collaborazione tra diverse realtà imprenditoriali e pubbliche del territorio, ognuna nel proprio ambito, ma con la consapevolezza di poter creare un gruppo di lavoro, superando la barriera dell’individualismo. In effetti, in 6 anni il Gal Escartons e Valli Valdesi, forte di una base societaria molto rappresentativa del territorio, si è relazionato con 40 Comuni e tantissime aziende private: sono nati così importanti interventi di filiera nel settore agricolo, forestale e dell’agro-industria. Tanti Comuni hanno realizzato interessanti percorsi alla scoperta della storia e della cultura locale. Un esempio è quello della“Carta natura e cultura”, che ha messo in rete strutture ricettive, musei, parchi, ristorazione e agriturismi. La “Carta natura e cultura”, distribuita gratuitamente agli ospiti delle valli del Gal, è stata una bella prova di accoglienza, un’offerta di qualità con un piccolo sconto per invitare il visitatore ad apprezzare le bellezze e le bontà dei luoghi e a tornarci. La carta, distribuita nel 2008, verrà riproposta nella programmazione

9 Gal Escartons e Valli Valdesi PSL “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte PSR

10 Il piano di azioni del Gal si basa su un modello di sviluppo sostenibile che prevede il sostegno alle microimprese per l’organizzazione di circuiti commerciali locali e l’avvio di processi di filiera intersettoriale. Il piano di azioni del Gal si basa su un modello di sviluppo sostenibile che prevede il sostegno alle microimprese per l’organizzazione di circuiti commerciali locali e l’avvio di processi di filiera intersettoriale. L’obiettivo è il mantenimento e il consolidamento delle microimprese, aiutandole negli investimenti innovativi e che valorizzano in primo luogo le risorse locali. L’obiettivo è il mantenimento e il consolidamento delle microimprese, aiutandole negli investimenti innovativi e che valorizzano in primo luogo le risorse locali. I settori di intervento sono l’agricoltura, l’artigianato, il turismo, oltre al patrimonio culturale e naturale. I settori di intervento sono l’agricoltura, l’artigianato, il turismo, oltre al patrimonio culturale e naturale. Il lavoro del Gal si sviluppa su diverse linee di intervento che, con diverse tipologie di azione, sostengono le microimprese dell’area nell’organizzazione dell’offerta turistica, nella valorizzazione del patrimonio e nell’organizzazione delle filiere. Il lavoro del Gal si sviluppa su diverse linee di intervento che, con diverse tipologie di azione, sostengono le microimprese dell’area nell’organizzazione dell’offerta turistica, nella valorizzazione del patrimonio e nell’organizzazione delle filiere. Linea di intervento 1 – sportello alle imprese Linea di intervento 1 – sportello alle imprese Linea di intervento 2 – organizzazione dell’offerta turistica Linea di intervento 2 – organizzazione dell’offerta turistica Linea di intervento 3 – valorizzazione del patrimonio Linea di intervento 3 – valorizzazione del patrimonio Linea di intervento 4 – sostegno alle imprese Linea di intervento 4 – sostegno alle imprese In modo trasversale le linee di intervento concorrono all’organizzazione di filiere intersettoriali quali: - la filiera del recupero architettonico, incentivando la realizzazione e messa in opera di manufatti di produzione locale, negli interventi di restauro, eseguiti secondo le indicazioni dellelinee guida (link) - la filiera della manutenzione del paesaggio, sostenendo la produzione a livello locale dei manufatti utilizzati nella manutenzione agraria e forestale e nella realizzazione di aree ricreative e percorsi naturalistici. Anche in questo caso gli interventi di manutenzione dovranno fare riferimento a specifiche indicazioni delle linee guida. - La valorizzazione delle produzioni locali nell’accoglienza turistica, attraverso la promozione e l’utilizzo dei prodotti agroalimentari nelle strutture ricettive. La strategia viene attuata attraverso la realizzazione di progetti e studi per la successiva predisposizione dei bandi di finanziamento. La strategia viene attuata attraverso la realizzazione di progetti e studi per la successiva predisposizione dei bandi di finanziamento.progetti e studibandiprogetti e studibandi

11 Gal Escartons e Valli Valdesi PSL “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte PSR

12

13

14

15

16

17 I BANDI PIU’ GETTONATI I BANDI PIU’ GETTONATI Bando architettura (per i privati) e il BANDO FILIERE: il territorio ha mostrato interesse soprattutto per la trasformazione agroalimentare. Meno coinvolto il settore manufatturiero legato alla produzione di manufatti per l’edilizia, a partire dalla produzione di carpenteria e manufatti in pietra, anche se il settore edile nel territorio è rilevante. In realtà si nota una forte crisi del settore che incide decisamente sulla capacità di investimento delle imprese e quindi del loro coinvolgimento nelle filiere. Problemi e criticità riscontrati nell’attivazione del Bando Filiere: scarsa possibilità di investimento. La crisi, pesante, si sente nella difficoltà di accesso al credito per il co- finanziamento e per la difficoltà di incasso dei crediti. Scarsa partecipazione ai progetti collettivi e visione molto individualistica della propria attività. CRITICITA’ Varie: gestione vecchia, basata sul Leader precedente, non in linea con i tempi attuali ha portato a una perdita di circa un anno e mezzo di operatività. I primi bandi sono stati pubblicati nella primavera Non c’è stato alcun investimento sulla comunicazione (come ci pensava all’inizio). Altro ex. di altra natura: nell’agosto del 2012 c’è stato un cambio di Presidente- come ha inciso il fattore politico sull’attività del Gal?. Inizialmente non sono stati fatti incontri con la popolazione. Inasprimento burocratico delle procedure da parte della Regione Piemonte, nuove norme cambiate in corsa, hanno ostacolato il lavoro. Diversi bandi sono andati deserti.

18 Gal Escartons e Valli Valdesi PSL “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte PSR Quali i risultati della programmazione ? Obiettivi raggiunti: Organizzazione di alcune filiere. Organizzazione di alcune filiere. Valorizzazione dei prodotti sul mercato locale. Valorizzazione dei prodotti sul mercato locale. Creazione di un consorzio di operatori turistici. Creazione di un consorzio di operatori turistici. Adozione dei manuali per il recupero da parte di quasi tutti i comuni del Gal. Adozione dei manuali per il recupero da parte di quasi tutti i comuni del Gal. Avviamento di uno sportello per i servizi alle imprese (2-3 persone seguite) Avviamento di uno sportello per i servizi alle imprese (2-3 persone seguite)

19 Gal Escartons e Valli Valdesi PSL “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte PSR Punti di forza e di debolezza: Il PSL concordato nel 2008 si rileva assolutamente inadeguato a rispondere alla situazione drammatica in cui si stanno trovando le imprese dell’area per il perdurare e l’accentuarsi della crisi economica. Il PSL concordato nel 2008 si rileva assolutamente inadeguato a rispondere alla situazione drammatica in cui si stanno trovando le imprese dell’area per il perdurare e l’accentuarsi della crisi economica. La creazione e incentivazione di un circuito locale per i prodotti si è rivelata una scelta opportuna e apprezzata, sicuramente da sostenere anche in futuro. La creazione e incentivazione di un circuito locale per i prodotti si è rivelata una scelta opportuna e apprezzata, sicuramente da sostenere anche in futuro.

20 Gal Escartons e Valli Valdesi PSL “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte PSR RUOLO DEL GAL, PUNTI DI FORZA E DI DEBOLEZZA Il Gal ha proseguito nella sua funzione di messa in rete degli operatori. Il Gal ha proseguito nella sua funzione di messa in rete degli operatori. Le maggiori difficoltà derivano dalla scarsità di risorse destinate all’animazione in riferimento all’ampiezza e varietà del territorio. Le maggiori difficoltà derivano dalla scarsità di risorse destinate all’animazione in riferimento all’ampiezza e varietà del territorio. Particolare difficoltà deriva dalla situazione di incertezza delle Comunità montane e di conseguenza del futuro del gal e della sua capacità di cofinanziamento. Particolare difficoltà deriva dalla situazione di incertezza delle Comunità montane e di conseguenza del futuro del gal e della sua capacità di cofinanziamento. Uno dei principali problemi si è rivelata la gestione del leader in relazione al rapporto con una pluralità di settori regionali con procedure, obiettivi, prassi e attese molto diversificate, che si è tradotto in apllicazione di bandi troppo disomogenei tra loro. Uno dei principali problemi si è rivelata la gestione del leader in relazione al rapporto con una pluralità di settori regionali con procedure, obiettivi, prassi e attese molto diversificate, che si è tradotto in apllicazione di bandi troppo disomogenei tra loro. A monte: mancanza di una comunicazione nei primi due anni del Gal (Fb aperto nel sito aggiornato molto poco- nessuna newsletter inviata- nessun house organ- nessuna lettera ai beneficiari (per fortuna) v. sito voce COMUNICAZIONE A monte: mancanza di una comunicazione nei primi due anni del Gal (Fb aperto nel sito aggiornato molto poco- nessuna newsletter inviata- nessun house organ- nessuna lettera ai beneficiari (per fortuna) v. sito voce COMUNICAZIONEhttp://www.evv.it/index.php?option=com_content&view=article&id=19&Itemid=16 Da settembre 2012 si è puntato sulla comunicazione ON LINE, sui comunicati stampa inviati a tappeto e sugli incontri sul territorio. Da settembre 2012 si è puntato sulla comunicazione ON LINE, sui comunicati stampa inviati a tappeto e sugli incontri sul territorio.

21 Gal Escartons e Valli Valdesi PSL “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte PSR PROBLEMATICHE PER LA NUOVA PROGRAMMAZIONE Difficoltà a reperire le risorse locali e la rappresentanza istituzionale ESIGENZE DI SVILUPPO/ POTENZIALITA’ CHE EMERGONO DALL’AREA Necessità di riconversione delle imprese in crisi e creazione di nuovi posti di lavoro. Necessità di riconversione delle imprese in crisi e creazione di nuovi posti di lavoro. Necessità di aiutare concretamente l’insediamento di nuove imprese anche se non particolarmente innovative. Necessità di aiutare concretamente l’insediamento di nuove imprese anche se non particolarmente innovative. Necessità di prendere in considerazione forme meno convenzionali di attività d’impresa e di sostenere i servizi alla persona. Necessità di prendere in considerazione forme meno convenzionali di attività d’impresa e di sostenere i servizi alla persona. Indispensabile prevedere misure a sostegno dela creazione di servizi di trasporto. Indispensabile prevedere misure a sostegno dela creazione di servizi di trasporto.

22 Gal Escartons e Valli Valdesi PSL “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte PSR OBIETTIVI TEMATICI E PRIORITA’ SU CUI PUNTARE PER DEFINIRE LA STRATEGIA Qualità della vita e servizi innovativi in ambito rurale Creare nuove opportunità di lavoro in settori tradizionalmente gestiti dall’ente pubblico MOLTO IMPORTANTE: La strategia deve essere semplificata, non resa più complessa. La semplificazione va a vantaggio della trasparenza e della facilità di accesso da parte delle imprese.

23 Gal Escartons e Valli Valdesi PSL “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte PSR CHE TIPO DI AREA E DIMENSIONE DI AREA E DIMENSIONE Necessario modificare l’area Gal in funzione di comuni che potrebbero non essere interessati e comuni della fascia pedemontana che invece vorrebbero entrare Necessario modificare l’area Gal in funzione di comuni che potrebbero non essere interessati e comuni della fascia pedemontana che invece vorrebbero entrare Necessità di perimetrare le aree effettivamente rurali Necessità di perimetrare le aree effettivamente rurali Se la struttura del Gal non può essere ampliata è sicuramente necessaria una riduzione della popolazione coinvolta, rivedendo eventualmente la perimetrazione dei comuni e delle aree ammissibili, escludendo popolazione che in ogni caso non potrebbe accedere ai finanziamenti. Se la struttura del Gal non può essere ampliata è sicuramente necessaria una riduzione della popolazione coinvolta, rivedendo eventualmente la perimetrazione dei comuni e delle aree ammissibili, escludendo popolazione che in ogni caso non potrebbe accedere ai finanziamenti. Per quanto riguarda l’area del gal, essendo mista, richiede un approccio misto alla questione dei parametri. Inutile conteggiare tra la popolazione ammissibile soggetti che in realtà sono esclusi dalle misure di finanziamento. Molti comuni dell’area del gal hanno popolazione residente proporzionalmente eccessiva rispetto al numero di imprese. Occorre valutare il rapporto popolazione residente/imprese/microimprese. Per quanto riguarda l’area del gal, essendo mista, richiede un approccio misto alla questione dei parametri. Inutile conteggiare tra la popolazione ammissibile soggetti che in realtà sono esclusi dalle misure di finanziamento. Molti comuni dell’area del gal hanno popolazione residente proporzionalmente eccessiva rispetto al numero di imprese. Occorre valutare il rapporto popolazione residente/imprese/microimprese.

24 Gal Escartons e Valli Valdesi PSL “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte PSR QUALE RUOLO/FUNZIONI ASSEGNARE AL GAL Maggiore autonomia nella realizzazione del PSL approvato, a fronte di linee guida applicative delle singole misure Chiarire quale sarà il futuro assetto istituzionale per la rappresentanza territoriale. In questa fase è difficile ipotizzare un ruolo per i Gal senza sapere su quali risorse locali potrà fare affidamento Il Gal dovrebbe assumere il ruolo di agenzia di sviluppo e diventare il soggetto attuatore dei programmi che interessano un dato territorio, in quanto ha sviluppato competenze e professionalità oltre ad aver acquisito una consolidata visibilità in tal senso.

25 Gal Escartons e Valli Valdesi PSL “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte PSR QUALI PARTNER COINVOLGERE Il coinvolgimento dei soggetti privati deve diventare effettivo e non solo legato a rappresentanza Il coinvolgimento dei soggetti privati deve diventare effettivo e non solo legato a rappresentanza I soci devono assumere atti deliberativi vincolanti della priorità rivestita dal Gal nell’ambito dello sviluppo locale I soci devono assumere atti deliberativi vincolanti della priorità rivestita dal Gal nell’ambito dello sviluppo locale Nuovi soci: Le associazioni culturali e le organizzazioni informali, che sono in grado di svolgere attività di animazione reaòle sul territorio Nuovi soci: Le associazioni culturali e le organizzazioni informali, che sono in grado di svolgere attività di animazione reaòle sul territorio Ruolo di cofinanziamneto e animazione del territorio Ruolo di cofinanziamneto e animazione del territorio La struttura del Gal non riesce a raggiungere i singoli beneficiari, occorre che il ruolo di mediazione dei soci diventi effettivo e vincolante. La struttura del Gal non riesce a raggiungere i singoli beneficiari, occorre che il ruolo di mediazione dei soci diventi effettivo e vincolante.

26 Gal Escartons e Valli Valdesi PSL “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte PSR FUTURO PROSSIMO FUTURO PROSSIMO LEADER Per il bando filiere: occorre trovare una soluzione per la difficoltà nell’accesso al credito, che risulta essere il principale freno agli investimenti Per il bando filiere: occorre trovare una soluzione per la difficoltà nell’accesso al credito, che risulta essere il principale freno agli investimenti In generale: investire sulla comunicazione on line e off line (incontri di presentazione con gli attori del territorio, già da ora. Aggiornamento costante del sito e della pagina Fb) In generale: investire sulla comunicazione on line e off line (incontri di presentazione con gli attori del territorio, già da ora. Aggiornamento costante del sito e della pagina Fb) La problematica più grande, al momento: non si sa nulla sulle sorti del Gal EVV. Il personale si sta occupando dei collaudi per chiudere le pratiche aperte entro il 31/12/2014 con i pagamenti. Il vecchio direttore si è dimesso. E’arrivato da poco un nuovo direttore che dovrebbe lavorare sul nuovo PSL. Il presidente ha difficoltà a reperire le contropartite dai soci. La Regione non si è ancora espressa sul finanziamento che darà al Gal Evv per la prossima programmazione, avendo il Gal in questione speso il 56, 57 % delle risorse ad aprile (v. slide). La problematica più grande, al momento: non si sa nulla sulle sorti del Gal EVV. Il personale si sta occupando dei collaudi per chiudere le pratiche aperte entro il 31/12/2014 con i pagamenti. Il vecchio direttore si è dimesso. E’arrivato da poco un nuovo direttore che dovrebbe lavorare sul nuovo PSL. Il presidente ha difficoltà a reperire le contropartite dai soci. La Regione non si è ancora espressa sul finanziamento che darà al Gal Evv per la prossima programmazione, avendo il Gal in questione speso il 56, 57 % delle risorse ad aprile (v. slide).

27 Gal Escartons e Valli Valdesi PSL “Fare impresa, fare sistema nel territorio delle Alte Valli” Programma di Sviluppo Rurale della Regione Piemonte PSR Il racconto del Psr della Regione Piemonte Il racconto del Psr della Regione Piemonte La Regione Piemonte, la scorsa primavera, ha lanciato la campagna di comunicazione “Campi controcampi: il Psr si racconta”, composta da una serie di brevi filmati per raccontare quello che si è fatto per l’agricoltura piemontese grazie al Programma di sviluppo rurale Giunti ormai a fine programmazione, si è voluto parlare di risultati, di cose fatte e non solo di obiettivi e strategie. Si è cercato quindi di raccontare storie, di intervistare i protagonisti e gli agricoltori, scegliendo casi reali e concreti, che rappresentano un esempio di ciò che in campo agricolo si può realizzare grazie ai fondi comunitari. I video sono fruibili on line sul sito della Regione:

28 LINK UTILI - INEA Istituto Nazionale di Economia Agraria(http://www.inea.it/) - INEA Istituto Nazionale di Economia Agraria(http://www.inea.it/)http://www.inea.it/ - Regione Piemonte (http://www.regione.piemonte.it/montagna/montagna /rurale/asse4.htm) - Regione Piemonte (http://www.regione.piemonte.it/montagna/montagna /rurale/asse4.htm)http://www.regione.piemonte.it/montagna/montagna /rurale/asse4.htmhttp://www.regione.piemonte.it/montagna/montagna /rurale/asse4.htm - Osservatorio LEADER UE (http://enrd.ec.europa.eu/ ) - Osservatorio LEADER UE (http://enrd.ec.europa.eu/ )http://enrd.ec.europa.eu/ (informazioni sui GAL italiani) (informazioni sui GAL italiani) (corsi di europrogettazione) (corsi di europrogettazione)


Scaricare ppt "Corso CUAP Progettazione gestione e controllo dei programmi dell'Unione Europea Area Management Pubblico CHI SONO Erica Vagliengo Ho seguito: - INTERREG."

Presentazioni simili


Annunci Google