La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ABORTO Dipartimento di Ginecologia, Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dr. Vittorio Palmara.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ABORTO Dipartimento di Ginecologia, Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dr. Vittorio Palmara."— Transcript della presentazione:

1 ABORTO Dipartimento di Ginecologia, Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dr. Vittorio Palmara

2 ABORTO SPONTANEO In Italia entro il 180° g. Presso i Paesi Anglosassoni entro il 139° g. PROVOCATO Legge 194/78

3 Poliamine, EPF, TGF Poliamine, EPF, TGF PAF, Alfa-Interferone PAF, Alfa-Interferone Uovo fecondato PGF2, PGE2, PAPP, SP1 Linfociti T Suppressor Linfociti T Suppressor Inattivano i Macrofagi ed i Linfociti T Killer Inattivano i Macrofagi ed i Linfociti T Killer EPF = early pregnancy factor; PAF = Platelets activating factor PAPP, SP1 = Proteine associate alla gravidanza; TGF = Trophoblastic growth factor

4 Nell’Aborto si distinguono: MINACCIA D’ABORTO MINACCIA D’ABORTO ABORTO INTERNO ABORTO INTERNO ABORTO IN ATTO ABORTO IN ATTO ABORTO COMPLETO ABORTO COMPLETO ABORTO INCOMPLETO ABORTO INCOMPLETO ABORTO SETTICO ABORTO SETTICO ABORTO RIPETUTO, RICORRENTE ABORTO RIPETUTO, RICORRENTE

5 MINACCIA D’ABORTO SINTOMI SPOTTING SPOTTING ALGIE PELVICHE ALGIE PELVICHE CANALE CERVICALE IMPERVIO CANALE CERVICALE IMPERVIO

6 ABORTO INTERNO Morte dell’embrione senza espulsione dello stesso SINTOMI: Nessuno Nessuno Spotting Spotting Canale cervicale impervio Canale cervicale impervio Assenza di B.C.F. ultrasonografico Assenza di B.C.F. ultrasonografico Scomparsa dei fenomeni simpatici gravidici Scomparsa dei fenomeni simpatici gravidici

7 ABORTO IN ATTO SINTOMI: METRORRAGIA METRORRAGIA ALGIE PELVICHE ALGIE PELVICHE CANALE CERVICALE PERVIO AL DITO CANALE CERVICALE PERVIO AL DITO Si può distinguere in: Completo Completo Incompleto Incompleto

8 ABORTO RICORRENTE TRE O PIU’ ABORTI CONSECUTIVI TRE O PIU’ ABORTI CONSECUTIVI

9 ABORTO SETTICO CAUSE: Interventi in ambiente non settico Interventi in ambiente non settico Complicanze infettive da aborto interno o incompleto Complicanze infettive da aborto interno o incompleto Presenza di I.U.D. concomitante Presenza di I.U.D. concomitanteSintomi: Febbre con brivido Febbre con brivido Crampi uterini Crampi uterini Perdite ematiche vaginali Perdite ematiche vaginali Dolori addominali diffusi Dolori addominali diffusi Meteorismo Meteorismo

10 ABORTO SETTICO GERMI INTERESSATI: Streptococchi, Stafilococchi, E. Coli, Aerobacter Aerogens EVOLUZIONE: Cellulite Pelvica Pelviperitonite Tromboflebite Pelvica Peritonite generalizzata Setticemia Setticemia

11 CAUSE D’ABORTO Fattore maschile Fattore maschile Fattore psicologico Fattore psicologico Cause genetiche Cause genetiche Fattori endocrini Fattori endocrini Malattie della tiroide Malattie della tiroide Difetti luteali Difetti luteali Fattori infettivi Fattori infettivi Cause Mulleriane Cause Mulleriane Cause immunologiche Cause immunologiche

12 PATOLOGIA AUTOIMMUNE ANTICORPI CHE CROSS-REAGISCONO CON ANTIGENI DEL TROFOBLASTO ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI Anticoagulante lupico (LAC) Anticoagulante lupico (LAC) Anticardiolipina (ACA) Anticardiolipina (ACA) Anticorpi antinucleo (ANA) Anticorpi antinucleo (ANA)

13 INCIDENZA ABORTO SPONTANEO ETA’ MATERNA ABORTO EPOCA GESTAZIONALE ABORTO FUMO, ALCOOL ABORTO

14 TERAPIA MINACCIA D’ABORTO RIPOSO ASSOLUTO RIPOSO ASSOLUTO PROGESTINICI ? PROGESTINICI ? In fase più avanzata TOCOLITICI TOCOLITICI CERCHIAGGIO CERVICALE CERCHIAGGIO CERVICALE

15 PARTO PRETERMINE Espulsione del feto dopo il 180° giorno e prima del 259° giorno 5-9% della totalità dei parti

16 CAUSE DI PARTO PRETERMINE MATERNE Diabete mellito, nefropatie, ipertensione essenziale, cardiopatie, gestosi, infezioni FETALI ed ANNESSIALI Gravidanza multipla, placenta previa, polidramnios, M.E.N., P.R.O.M ANOMALIE UTERINE Malformazioni uterine, incontinenza cervico-istmica

17 SINTOMI INIZIO INTEMPESTIVO DEL TRAVAGLIO DI PARTO RISCHI MATERNI = ASSENTI FETALI = PREMATURITA’

18 NEONATO PREMATURO

19 PREVENZIONE RIPOSO A LETTO RIPOSO A LETTO FARMACI TOCOLITICI FARMACI TOCOLITICI SOLFATO DI MAGNESIO SOLFATO DI MAGNESIO ANTIPROSTAGLANDINICI ANTIPROSTAGLANDINICI DERIVATI NITROGLICERINA DERIVATI NITROGLICERINA ANTAGONISTI DELL’OSSITOCINA ANTAGONISTI DELL’OSSITOCINA TERAPIA CORTISONICA TERAPIA CORTISONICA

20 BETA MIMETICI (Ritodrina cloridrato) Agiscono sui beta recettori delle cellule, attivando l’adenilciclasi ed aumentando l’AMP ciclico Si ha così una riduzione del calcio libero nel citoplasma ed un aumento di quello contenuto nei microsomi, così da realizzare un rilassamento delle fibrocellule muscolari lisce.

21 SOLFATO DI MAGNESIO A livello della fibra muscolare liscia dell’utero, agisce in competizione con lo ione calcio sul recettore di membrana. E’ maggiormente indicato in caso di eclampsia o preeclampsia. (Può essere associato alla ritodrina cloridrato, aumentandone solo l’effetto tocolitico e non quelli collaterali)

22 ANTIPROSTAGLANDINICI FANSASPIRINA Inibiscono la prostaglandino sintetasi a livello miometriale, aumentano l’AMP ciclico influenzando la permeabilità di membrana allo ione clcio.

23 DERIVATI DELLA NITROGLICERINA DEPONIT 5 – 10 mg DEPONIT 5 – 10 mg Inducono vasodilatazione a livello dei vasi uterini, maggiore irrorazione delle fibrocellule muscolari con conseguente miorilassamento.

24 ANTAGONISTI DELL’OSSITOCINA MOLECOLA:Tractocile compete con i recettori miometriali per l’ossitocina sopprimendone la contrattilità


Scaricare ppt "ABORTO Dipartimento di Ginecologia, Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dr. Vittorio Palmara."

Presentazioni simili


Annunci Google