La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituzioni di Diritto Pubblico D. Siclari Corso di laurea triennale in “Operatori pluridisciplinari e interculturali d’area mediterranea” Università per.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituzioni di Diritto Pubblico D. Siclari Corso di laurea triennale in “Operatori pluridisciplinari e interculturali d’area mediterranea” Università per."— Transcript della presentazione:

1 Istituzioni di Diritto Pubblico D. Siclari Corso di laurea triennale in “Operatori pluridisciplinari e interculturali d’area mediterranea” Università per Stranieri “D. Alighieri” di Reggio Calabria

2 Focus: Ordinamento giuridico e potere Stato

3 L’insieme delle norme Scopi = Ordinamento giuridico Garantire la sopravvivenza e lo sviluppo ordinato della società

4 Chi guida il gruppo? Cioè = Potere sociale Capacità di una parte degli appartenenti al gruppo di influenzare il comportamento degli altri Problema: Mezzo utilizzato per ottenerlo 3 tipi: -Potere economico -Potere ideologico -Potere politico

5 -Potere economico -Potere ideologico Potere basato sulla proprietà Es. il proprietario (di terre ecc.) ottiene che il non proprietario lavori per lui Potere che per imporre la propria volontà può ricorrere in extremis alla forza e alla coercizione. Potere che si avvale del possesso di forme di sapere, dottrine filosofiche religiose per esercitare un’azione di influenza sui membri di un gruppo Es.: intellettuali, sacerdoti e operatori mass media -Potere politico

6 Era moderna: Autonomia del potere politico Storicamente erano cumulati Uso della forza non più ai privati Potere che consente al detentore di imporre la propria volontà ricorrendo alla forza legittima

7 Uso della forza costituisce Extrema ratio ciò che importa è l’astratta utilizzabilità della forza Legittimazione Basi del potere politico: 1.Forza 2.(evita la prevaricazione del più forte) 3.legittimazione Il valore del potere politico non è solo la forza ma deriva da una adesione morale alla struttura del detentore di tale potere

8 Sottoposizione del potere politico al sistema giuridico Rischio: Come evitare gli arbitri? Mezzi: -Principio di legalità -Separazione dei poteri -Libertà costituzionali

9 Sovranità popolare e democratizzazione strutture amministrazione Lo Stato di diritto (sottoposizione alla legge) Democrazia riflessi: -Oggi il potere non solo deve essere previsto e normato da una regola ma deve trovare legittimazione nel consenso popolare: Elezioni e democrazia partecipativa

10 Nomen iuris dato ad una forma di organizzazione politica che esercita il monopolio della forza legittima in un determinato territorio e si avvale di un apparato amministrativo Lo Stato Nasce in Europa tra il XV e il XVII sec. e si differenzia dalle forme precedenti per: 1. Concentrazione del potere di comando legittimo sul territorio in capo da una sola autorità; 2. La presenza di un’organizzazione amministrativa in cui opera una burocrazia professionale.

11 Reazione alla dispersione del potere nel sistema feudale (tardo XII sec.) Storia Rapporto vassallo signore: -Il signore concedeva al vassallo un feudo (obblighi/diritti) -Il vassallo aveva obblighi di aiuto verso il signore (finanziari e militari) Il feudo era fonte di autosufficienza economica del vassallo e quadro spaziale del suo potere conseguenze Effetti ricadevano sulla pluralità dei soggetti appartenenti al feudo. Rapporti di potere erano di carattere personale e privato Coincidenza tra proprietà privatistica del feudo e potere di comando sui soggetti

12 Vassallo cedeva ai valvassori e valvassini che non erano legati al signore (disgregazione) Dispersione del potere Verso il policentrismo dell’organizzazione premeva: La società non era composta da individui ma da comunità combinate tra loro: -Familiari -Economiche -Religiosi -politiche conseguenze Vi erano sistemi giuridici differenziati per le varie comunità e facili erano i conflitti. Il sogg. poteva essere parte di più comunità allo stesso tempo.

13 La dispersione del potere, lo scisma religioso ( ) fattori alla base delle guerre civili e religiose in Europa Nascita dello Stato moderno per: - Concentrare la forza legittima - Assicurare un ordine sociale dopo secoli di insicurezza

14 Trattato di Westfalia 1648 Gli Stati europei sviluppano un sistema indipendente rispetto a papato e impero Stati assoluti

15 Elementi costitutivi Plurisoggettività Organizzazione Normazione Lo Stato è un ordinamento giuridico

16 Classificazione Dato fondativo originario derivato Sfere di competenza Generale Particolare

17 Elementi costitutivi dell’ordinamento Stato Sovranità Popolo Territorio

18 Sovranità dello Stato Art. 7 Cost. “lo Stato e la Chiesa sono (…) indipendenti e sovrani” (ordinamento originario) Art. 1 Cost. la sovranità appartiene al popolo: La sovranità va riferita solo al popolo anche se si impone la necessità di un apparato politico

19 Distinzione tra: Stato apparato Stato ordinamento Stato apparato Strutture che esercitano i poteri Stato ordinamento: Assetto giuridico ordinatore della collettività

20 Stato di diritto Stato apparato Passaggio dal sovrano legibus solutus Sottoposizione delle strutture alle regole giuridiche Art. 28 Costituzione conseguenze

21 Sovranità doppio valore Interno ed esterno In passato serviva quale criterio interno sugli ordinamenti sub-statali Oggi settori come politica monetaria spettano all’UE La sovranità scompare??? Conseguenze ???

22 Ordinamento internazionale Art. 11 Cost. - In condizioni di parità - Limitazioni di sovranità … Lo Stato accetta limitazioni esterne Ed ancora

23 Popolo Popolazione Nazione Popolo è l’insieme dei cittadini Popolazione: Tutti i soggetti residenti in un momento storico Nazione (art. 11): Tutti i soggetti legati da una comune matrice etnico-sociale-culturale

24 Popolo status di cittadino Diritti e doveri Acquisizione della cittadinanza l. 91/ Ius sanguinis - Ius soli (nato in Italia da genitori ignoti o apolidi) -coniuge straniero di cittadino italiano -Dallo straniero che possa vantare un ascendete (II grado) cittadino italiano -Dallo straniero adottato (over 18) -Dallo straniero che ha prestato servizio per lo Stato per almeno 5 anni -Dallo straniero dopo 10 anni di regolare residenza

25 Perdita della cittadinanza l. 91/1992 -Rinuncia oppure quando: Il cittadino che possieda o riacquisti cittadinanza straniera

26 Territorio -La sovranità si esercita su un territorio -Il territorio costituisce elemento materiale dello Stato Elementi: Terra ferma (confini naturali o artificiali) Mare territoriale (12 miglia) Piattaforma continentale (zoccolo continentale che circonda le terre emerse) Spazio aereo e sottosuolo limiti della sfruttabilità


Scaricare ppt "Istituzioni di Diritto Pubblico D. Siclari Corso di laurea triennale in “Operatori pluridisciplinari e interculturali d’area mediterranea” Università per."

Presentazioni simili


Annunci Google