La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

5 a EDIZIONE – A.A. 2008/09. Perché un Master in Procurement Management? I tre filoni formativi Obiettivi Perché formarsi a Tor Vergata Il percorso formativo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "5 a EDIZIONE – A.A. 2008/09. Perché un Master in Procurement Management? I tre filoni formativi Obiettivi Perché formarsi a Tor Vergata Il percorso formativo."— Transcript della presentazione:

1 5 a EDIZIONE – A.A. 2008/09

2 Perché un Master in Procurement Management? I tre filoni formativi Obiettivi Perché formarsi a Tor Vergata Il percorso formativo Il programma Le aree formative Lo Stage Esami e ammissione Il Tutor Gli attori coinvolti Il Consiglio del Corso Come saperne di più Indice

3 Perché un Master in Procurement Management? I sistemi di Procurement stanno subendo profonde modificazioni sia nelle grandi imprese che nella Pubblica Amministrazione. Il mercato italiano evidenzia una domanda consistente di professionalità adeguate nell’area del Procurement, con competenze sia nelle moderne strutture organizzative del business che nei sistemi tecnologici di supporto. L’Università di Roma “Tor Vergata” è stata vincitrice del premio “MEF Consip Master in E-Procurement”, bando di gara competitivo, indetto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e da Consip nel 2004 e riservato agli Atenei italiani, per l’istituzione di un Master universitario in e-procurement. Dopo tre anni di sviluppo dei curricula e delle competenze il Master è cresciuto per venire incontro alle crescenti richieste di formazione strategica e interdisciplinare da parte del mercato. Da qui la nuova denominazione “Master in Procurement Management - Approvvigionamenti e Appalti” con tre nuovi filoni: quello per la Pubblica Amministrazione, quello per il settore privato e quello per il settore militare. E’ in fase di approvazione un Master in Procurement Management in inglese per l’area dei Paesi dei Caraibi.

4 I tre filoni formativi Il Master in Procurement Management, a partire da questa edizione, ha tre filoni formativi:  filone per la Pubblica Amministrazione;  filone per la Difesa;  filone Supply Chain per il settore privato. I tre filoni sono strutturati su una parte comune e su approfondimenti specialistici propri al filone stesso, con testimonianze di settore e focus su tematiche non interdisciplinare.

5 Obiettivi Il Master in Procurement Management di II livello risponde alle esigenze di: creare professionisti esperti in procurement management, in grado di operare sia nel settore pubblico che nel settore privato; arricchire i profili professionali di esperti in acquisti acquisendo competenze interdisciplinari; fornire opportunità di crescita professionale a giovani brillanti e motivati e sviluppare capacità manageriali moderne. Il Master si propone di formare profili in grado di dare soluzione ai problemi che nascono in contesti fortemente dinamici sui piani della tecnologia e dei mercati, nei quali creatività e doti di leadership debbono essere coniugati con la capacità di affrontare problemi complessi di natura strategica, gestionale e organizzativa. Una particolare enfasi verrà data all’area etica di deontologia professionale.

6 Perché formarsi a Tor Vergata? La facoltà di Economia di Tor Vergata è riconosciuta a livello mondiale come Centro di Eccellenza sui temi del Procurement. Ha ospitato di recente la II° International Public Procurement Conference a cui hanno aderito relatori da più di 75 paesi del mondo. Gustavo Piga e Giancarlo Spagnolo (Presidente Consip e Direttore Ufficio Studi Consip dal 2002 al 2005), docenti presso il Master, sono i curatori del libro “Handbook of Procurement” pubblicato dalla Cambridge University Press (insieme al Professor Nicola Dimitri dell’Università di Siena), citato dal Parlamento Europeo nel workshop organizzato a Bruxelles il 6 marzo (http://www.economia.uniroma2.it/public/files/eprocurement/link_articolo.p df) Il Dipartimento di Economia e Istituzioni ha acquisito reputazione internazionale nella formazione sui temi del Procurement: nel 2006, sotto gli auspici della Commissione Europea sono stati svolti Moduli di Formazione sugli Appalti Pubblici per Alti Funzionari del Governo dell’Albania, della Bosnia Herzegovina, della Lituania e del Montenegro, in collaborazione con le seguenti Istituzioni: Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di lavori Servizi e Forniture, Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, CONSIP, Centro Nazionale per l’informatica nella Pubblica Amministrazione

7 Il Percorso Formativo Il percorso formativo è strutturato in: 10 Aree Formative (della durata di un mese ciascuna: una settimana frontale e tre on-line) e uno stage di almeno 3 mesi presso un’impresa rilevante, pubblica o privata. Le metodologie formative sono state orientate ad agevolare studenti con impegni lavorativi. L’impegno, per un totale di 60 crediti formativi, comprende: 300 ore in modalità frontale (30 ore al mese erogate nel corso di un’unica settimana con lezioni dal Lunedì al Venerdì); 200 ore in modalità on-line; stage: 500 ore. Sono previsti: seminari di approfondimento, casi di studio, allo scopo di presentare problemi reali e indicare le strategie più idonee alla loro soluzione, attività di laboratorio informatico ed esercitazioni, momenti di discussione comune.

8 Il Programma Il programma comprende le seguenti Aree Formative(A.F.): Etica & Procurement Contrattualistica Privata Normativa per il Procurement* Contrattualistica Pubblica* Teoria Economica per le gare Security & Procurement Gli Approvvigionamenti nell’Impresa: strategia e organizzazione La Funzione Acquisti – Pianificazione, gestione e controllo della spesa La Funzione Acquisti – Sviluppo delle relazioni con i fornitori Tecniche di negoziazione** Logistica e Gestione delle scorte** E procurement * Moduli esclusivamente per il filone per la Pubblica Amministrazione ** M oduli esclusivamente per il filone supply chain per il settore privato

9 A.F.: Etica & Procurement  Etica per il Business  Organizzazione delle Istituzioni  Le iniziative verdi  Conflitto di interessi  Problematiche Etiche e D.Lgs.231/01 Obiettivi e Finalità: Il modulo si propone di analizzare l’importanza che i comportamenti etici assumono nei rapporti con i fornitori di beni e servizi, mettendo in evidenza l’effetto, economico e giuridico, che essi hanno sulla gestione delle Società e degli Enti. Inoltre, vengono trattate le problematiche inerenti i conflitti di interessi che possono nascere nei rapporti tra i responsabili della funzione acquisti e i fornitori, al fine di individuare gli strumenti più idonei a gestire tali conflitti

10 A.F.: Contrattualistica Privata ■Disciplina generale del contratto ■Contratti di procurement ■Redazione dei contratti internazionali Obiettivi e Finalità: Il modulo, partendo dall’illustrazione della disciplina generale del contratto, approfondirà la disciplina dei contratti di procurement tipici e atipici, effettuando un esame della prassi e delle le norme vigenti a livello internazionale consentendo al professionista, già nella fase iniziale della negoziazione privata tra gli operatori impegnati nel campo del procurement, anche cross-border, di controllare i rischi e tutelare gli Interessi peculiari di tale sistema

11 A.F.: Normativa per il Procurement  Procedure per il Procurement  Legislazione dei contratti pubblici  Procedure e legislazione Obiettivi e Finalità: Obiettivo formativo del modulo è quello di assicurare una preparazione teorica di base in materia di contrattualità pubblica introducendo gli iscritti ai principi generali ed alle principali disposizioni in materia di contrattualistica pubblica, soprattutto a seguito della emanazione del nuovo codice dei contratti pubblici. A tale preparazione teorica si accompagna un accurato approfondimento delle modalità operative e procedimentali relative alle procedure telematiche d'acquisto. Particolare attenzione verrà dedicata al nuovo Regolamento degli appalti pubblici di prossima presentazione.

12 A.F.: Contrattualistica Pubblica  Partenariato pubblico e privato  Project finance  Contatti pubblici:tipicità e specialità  Case study: ACP Obiettivi e Finalità: Obiettivo del corso è quello di esaminare il quadro regolamentare a livello comunitario e nazionale in tema di partenariato pubblico privato anche alla luce delle principali novità introdotte per effetto dell’approvazione del Codice dei contratti pubblici e successive modifiche. Particolare attenzione sarà dedicata ai contratti pubblici, alle principali novità in tema di procedure di scelta del contraente ed ad alcuni modelli di partenariato pubblico privato: project financing, concessione di lavori pubblici, società miste, contraente generale.

13 A.F.:Teoria Economica per le gare  Economia dei mercati del Procurement pubblico  Analisi economica dei mercati  Casi studio nel disegno delle procedure competitive  Elementi di interazione strategica  Analisi economica degli accordi quadro  Strumenti informatici e statistici per l’analisi di mercato. Obiettivi e finalità: fornire un quadro degli aspetti strategici più innovativi del Procurement pubblico fornire gli strumenti di base per l‘analisi economica delle dinamiche concorrenziali e dell'intervento antitrust, con particolare riferimento alle gare fornire una cornice teorica per l’analisi degli Accordi Quadro fornire gli strumenti di base per l’elaborazione e l’analisi statistica dei dati raccolti in data base aziendali

14 A.F.: Security & Procurement  Security and ICT  Data Mining  Il sistema net-centrico della difesa  Il codice dell’amministrazione digitale Obiettivi e Finalità: L'obiettivo principale di questo corso è fornire una conoscenza accurata e critica del ruolo e del valore della privacy, della confidenzialità, e della sicurezza dei dati nell'età digitale. Poiché la privacy è un concetto complesso e disorganico, il corso mira a presentarne ed unirne le prospettive tecniche, economiche, legali, e di politica pubblica, con particolare attenzione alle problematiche nel settore di eProcurement.

15 A.F.: Gli Approvvigionamenti nell’Impresa: strategia e organizzazione  Supply chain e organizzazione aziendale  La gestione della supply chain  Integrazione con i clienti interni e con i fornitori  Modello SCOR  Il SCM nel settore difesa:esperienze in atto Obiettivi e Finalità: Il governo della complessità della costruzione, della connessione e della gestione della rete dei sistemi di fornitura, di produzione, di distribuzione e di interfaccia verso i clienti, ossia la supply-chain, richiede: -Comprensione dei mercati di sbocco e di acquisizione; - Competenze logistiche e produttive; - Attenzione nella progettazione delle strutture organizzative; - Gestione delle relazioni interne ed esterne; - Padronanza degli strumenti che la tecnologia offre. Queste competenze, il cui potenziamento è obiettivo di questo modulo, sono dunque costituiti da due prospettive: i ”basics” di strategia e organizzazione per gestire le competenze e gli strumenti di integrazione della Supply Chain, necessari per comprendere le dinamiche di sistema e i modelli e gli strumenti manageriali che vedono gli acquisiti come leva di miglioramento delle performance. Gli approvvigionamenti sono un aspetto dell’operatività aziendale per lungo tempo sottovalutato. L’attuale rivalutazione trova origine in diversi fattori concomitanti: -la progressiva deverticalizzazione delle imprese, che amplifica la responsabilità lasciata ai fornitori nella creazione di valore; -l’impatto delle nuove tecnologie informatiche, che ha consentito di instaurare nuove forme collaborative tra partner di fornitura; -la sempre crescente tendenza alla riduzione dei costi, che coinvolge necessariamente tutta la filiera della supply-chain

16 A.F.: La Funzione Acquisti: Pianificazione, gestione e controllo della spesa  Gestione della spesa ed analisi dell’offerta  Processi di Spend Management  Metodologie di controllo e di audit  Pratiche di strategie di acquisto: il GPP (Green Public Procurement)  Pratiche di negoziazione: il caso dei servizi di telefonia Obiettivi e Finalità: Lo studente al termine del modulo avrà migliorato le sue capacità di analizzare il mercato dell’offerta per sfruttarne in modo ottimale le opportunità, in modo da raggiungere gli obiettivi di risultato dell’azienda. Saprà meglio come approvvigionarsi secondo le specifiche enunciate ed i tempi opportuni, alle condizioni più vantaggiose, nei vincoli di budget previsti. Avrà appreso le metodologie, le tecniche e gli strumenti di controllo specifici della funzione acquisti atti a valutare e monitorare la gestione della spesa. Sarà stato esposto a 2 casi di riferimento rilevanti.

17 A.F.:La funzione acquisti: sviluppo delle relazioni con i fornitori  Sourcing e gestione fornitori  Gestione fornitori consip  Marketing degli acquisti  Tecniche e metodi di sviluppo delle relazioni in condizioni di monopolio  La gestione della supply chain  Relazione con i fornitori  La gestione del rischio fornitori  Il vendor rating  Quality management  Case study Obiettivi e Finalità: Il modulo ha lo scopo di dare gli strumenti culturali necessari ad affrontare il problema della qualità, affidabilità, stabilità dei rapporti di fornitura, attraverso la selezione dei fornitori e la valutazione delle loro prestazioni. Il 70% dei costi nelle imprese ed il 50% di quelli nella PA derivano dall’acquisto di risorse esterne sul mercato. Questo condiziona il raggiungimento degli obiettivi operativi ed economici, facendolo dipendere dalla adeguatezza della rete di fornitori, cioè dalla loro capacità, qualità, stabilità, dalla efficacia della loro interazione nella supply chain, e dalle loro prestazioni individuali. È quindi necessario selezionare accuratamente i fornitori e monitorarne le prestazioni. Per le imprese questo significa attuare un efficace processo di sourcing e qualificazione, e l’uso del vendor rating come strumento di sviluppo fornitori, mentre nella PA significa definire adeguate strategie di selezione dei proponenti nelle gare di appalto, ed utilizzare strumenti di vendor rating all’interno dei contratti per supportare meccanismi di incentivazione del livello di perfomance

18 A.F.: Tecniche di negoziazione  La Negoziazione: cos’è e a cosa serve  Principi generali della negoziazione  Comunicazione ed atteggiamento negoziale  Metodologia della Negoziazione  Gestire il conflitto  La chiusura della contrattazione ed il controllo degli accordi Obiettivi e finalità: La negoziazione è un’attività quotidiana che consapevolmente o meno ci troviamo chiamati a gestire sia in ambito privato che lavorativo. Questo corso si rivolge a professionisti nella funzione acquisti che hanno necessità di acquisire una superiore consapevolezza sia del processo che degli strumenti al fine di gestire eccellentemente l’attività negoziale e raggiungere efficacemente ed efficientemente risultati importanti per la propria organizzazione. Il corso si pone l’obiettivo di chiarire metodi e strumenti per strutturare, pianificare e gestire efficacemente l’intero processo negoziale partendo dalle risorse e forze in campo, inoltre, vuole coadiuvare l’acquisire di una maggiore consapevolezza circa le proprie modalità comunicative e relazionali per strutturare un percorso di miglioramento personale. Nell’utilizzo delle tecniche di negoziazione chiariremo le strategie e le tattiche cruciali atte a trasformare i conflitti in opportunità di cooperazione oltre le diverse modalità di mediazione facilitanti la conciliazione tra le parti, così da costruire nuove modalità relazionali durature ed efficaci.

19 A.F.: Logistica e gestione delle scorte  La logistica  La programmazione della produzione – gli approcci  La programmazione della produzione – MRP  La gestione delle scorte  Just in time e lean production  Agile Supply Chain  Performance based logistics Obiettivi e finalità fornire un quadro di riferimento del contesto generale logistico-operativo al cui interno l’attività di procurement viene svolta fornire gli strumenti per comprendere le esigenze della produzione che la funzione acquisti è chiamata a soddisfare in termini di affidabilità e qualità e non solo sulla competitività del prezzo di acquisto fornire i riferimenti di base sulla gestione delle scorte e sulle criticità di un’attenta gestione del capitale circolante analizzare le più recenti evoluzione negli approcci logistici verificare l’impatto sulla funzione acquisti di accordi logistici innovativi in chiave di valutazione delle opportunità e dei rischi.

20 A.F.: E Procurement  Centralizzazione e eproc  Eproc e oragnizzazione  Eproc e legge  Governance delle centrali di acquisto  Il caso OGC- UK Obiettivi e finalità La gestione delle procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici rappresenta uno degli ambiti di più intensa modernizzazione della pubblica amministrazione. I molteplici interventi normativi, sia a livello interno, sia a livello europeo, hanno inciso profondamente sulle procedure applicate all’evidenza pubblica. Il fine generale perseguito è favorire un più largo impiego delle nuove tecnologie dell’informazione e delle telecomunicazioni. Dopo un inquadramento generale sugli appalti pubblici elettronici, si analizzeranno, innanzitutto, i nuovi strumenti comunitari recepiti dal Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture (d. lgs 163/2006): aste elettroniche, sistemi dinamici di acquisizione e utilizzo dei mezzi elettronici nelle procedure d’appalto. Si valuterà, pertanto, l’impatto di tali novità sulla preesistente disciplina interna dell‘e-procurement contenuta nel d.P.R. 4 aprile 2002, n. 101, con particolare riguardo alle gare telematiche e agli accordi quadro. Si porrà, inoltre, l’attenzione su due importanti novità introdotte dal Codice: le centrali di committenza e gli accordi quadro. Tali istituti, già presenti nell’ordinamento nazionale (modello Consip), rappresentano sicuramente alcuni tra i più incisivi strumenti trainanti del processo di modernizzazione della gestione degli approvvigionamenti delle pubbliche amministrazioni. Il corso, infine, comprenderà una parte applicativa con l’analisi di alcuni casi studio (le gare telematiche espletate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

21 Stage -Lo stage presso una impresa rilevante, pubblica o privata, è ritenuto un momento applicativo essenziale del percorso formativo. Oggetto dello stage è lo studio specifico di una situazione di rilevanza teorica e pratica. Lo stage prevede la realizzazione di un Project Work. Gli stage saranno assicurati a tutti i partecipanti. Essi saranno organizzati presso un network di Imprese/Enti Pubblici affini con il Master in Procurement Management

22 Esami ed Ammissione Esami –Al termine di ogni Area Formativa verrà sostenuta una prova di verifica del profitto. Al termine del Master lo studente dovrà presentare un elaborato, basato sull’esperienza fatta durante lo stage, che contribuirà alla valutazione finale. Ammissione –Possono presentare domanda di ammissione al Master i soggetti in possesso di laurea specialistica o vecchio ordinamento. –Per l’a.a. 2008/9 la tassa di iscrizione al Master è di euro –Sulla base della valutazione effettuata dal consiglio del Corso potrà essere prevista la restituzione totale o parziale della tasse universitarie per gli studenti più meritevoli.

23 Il Tutor Il Tutor frontale –Assicura l’accessibilità dell’aula, la disponibilità dei supporti didattici, dei materiali. –è presente in aula durante tutte le ore di didattica frontale. –assicura i rapporti di comunicazione tra Studenti e Docenti. Il Tutor on line –Garantisce l’efficacia dell’intervento formativo, supportando lo studente con azioni sia di valenza amministrativa, tecnica, contenutistica, che di facilitazione del processo di apprendimento e di valutazione. –monitorizza con continuità il processo di apprendimento e la verifica del conseguimento degli obiettivi prefissati

24 Gli Attori coinvolti Facoltà di Economia La Facoltà vanta un’esperienza rilevante di didattica post-laurea e specialistica: l’offerta didattica prevede di fatto 21 Master di I e II livello e 9 dottorati di ricerca. E’ sede di numerosi convegni nazionali e internazionali. Negli ultimi quattro anni prima o seconda Facoltà di Economia in Italia per la sua qualità (Repubblica- Censis). Facoltà di Giurisprudenza Per la didattica post-laurea si svolgono diversi dottorati, corsi di formazione e perfezionamento. La Facoltà è particolarmente attenta ai profili dinamici del mondo esterno, attivandosi in convegni, seminari, corsi integrativi affidati a docenti di chiara fama di altre Università anche straniere o dirigenti del settore privato e pubblico. Facoltà di Ingegneria Sono istituiti, a supporto della formazione post-laurea, 13 dottorati di ricerca, svariati master e corsi di formazione e perfezionamento che sono uno strumento di formazione professionale flessibile e versatile, in grado di adattarsi alle richieste altamente specialistiche provenienti dal settore industriale, dal settore dei servizi, e dal settore ricerca e sviluppo. Scuola IAD (Istruzione a distanza)

25 Il Consiglio di Corso Direttore del Master Prof. Gustavo Piga Comitato Scientifico Prof. Alessandro Acquisti Prof. Angelo Clarizia Dott. Giancarlo Del Bufalo Prof.ssa Elisabetta Iossa Prof. Tommaso Valletti Dott.ssa Giuseppina Baffi Consiglio di Corso Prof. Gustavo Piga Prof. Simone Borra, Vice Direttore Prof. Michele Bagella Prof. Luca Gnan Prof. Corrado Cerruti Prof. Luciano Hinna Prof. Gustavo Olivieri Prof. ssa Paola Paniccia Prof. Aristide Police Prof. Aurelio Oronzo Simone Prof. Giancarlo Spagnolo Dott. Riccardo Colangelo Dott. Michele Guarino Ing. Paolo Labombarda

26 Come saperne di più Informazioni Direttore Prof. Gustavo Piga Segreteria e sede didattica Dipartimento di Economia e Istituzioni, Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Via Columbia 2, Roma; tel / Sig.ra Roberta Marta fax: 06/ Segreteria dei Corsi di Perfezionamento Tel 06/ web site: Come raggiungerci:

27 SPONSOR 5ª EDIZIONE Con il supporto di


Scaricare ppt "5 a EDIZIONE – A.A. 2008/09. Perché un Master in Procurement Management? I tre filoni formativi Obiettivi Perché formarsi a Tor Vergata Il percorso formativo."

Presentazioni simili


Annunci Google