La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Cannabis Ricreazionale e Cannabis Medicinale. Basi Molecolari della Differenza Alberto Minassi, 1 Giovanni Appendino 1 e Vincenzo Di Marzo 2 1 DISCAFF,Università.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Cannabis Ricreazionale e Cannabis Medicinale. Basi Molecolari della Differenza Alberto Minassi, 1 Giovanni Appendino 1 e Vincenzo Di Marzo 2 1 DISCAFF,Università."— Transcript della presentazione:

1 Cannabis Ricreazionale e Cannabis Medicinale. Basi Molecolari della Differenza Alberto Minassi, 1 Giovanni Appendino 1 e Vincenzo Di Marzo 2 1 DISCAFF,Università del Piemonte Orientale, Novara 2 Endocannabinoid Research Group, Pozzuoli (NA)

2 La Cannabis come pianta ambivalente: Farmaco e/o droga? Piante con potenzialità di uso ricreazionale/stupefacente o voluttuario hanno avuto un ruolo importante nella ricerca biomedica, fornendo farmaci essenziali o leads farmaceutici per la loro scoperta La Cannabis ha un uso millenario come pianta medicinale. Prima dell’inizio del periodo proibizionististico nel 1937, aveva una trentina di indicazioni ufficiali, incluse patologie difficile da trattare ancora oggi, quali dolore cronico, malattie neurodegenerative, anoressia ed insonnia. La Cannabis è tuttavia stata a lungo “dimenticata” come pianta medicinale, relegandola nel campo delle droghe ricreazionali. Gli studi recenti di chimica e farmacologia danno supporto alla ricca letteratura anedottica sugli effetti terpeutici della Cannabis, ed hanno portato ad una sua rivalutazione come pianta medicinale.

3 Piante medicinali ad uso stupefacente: Papavero da oppio

4 Piante medicinali ad uso stupefacente: Coca

5 Piante medicinali ad uso stupefacente: Stramonio

6 Piante medicinali ad uso voluttuario: Caffè

7 Piante medicinali ad uso voluttuario: Tabacco

8 La Cannabis come sistema complesso Nella Cannabis non esiste un singolo principio attivo, ma un fitocomplesso, la cui proprietà biologiche non sono ricondubili ad un costituente singolo La Cannabis ha un metabolismo “plastico”, caratterizzato da estrema varietà di espressione. Non esiste una singola Cannabis, ma tante Cannabis, a profilo chimico diverso

9 I recettori dei fitocannabinoidi come sistema complesso I composti attivi della Cannabis si comportano da agonisti solo parziali (attivano “ma non troppo”) e interferiscono a vicenda sulla loro azione biologica (effetto entourage, interazioni farmacocinetiche) Il sistema cannabinoide è “diffuso” e coordina le risposte di altri sistemi, con azione più regolatrice che effettrice

10 I (Fito)Cannabinoidi I principi attivi della Cannabis sono dei meroterpeni detti (fito)cannabinoidi I (fito)cannabinoidi derivano dalla combinazione di un elemento terpenico ad un fenolo di tipo chetidico, l’olivetolo

11 L’albero genealogico dei cannabinoidi. Il cannabigerolo come patriarca La combinazione di acido olivetolico e geranilpirofosfato general il pre- cannabigerolo, da cui originano poi tutti gli altri cannabinoidi

12 Una complicazione in più… I composti presenti originariamente nella Cannabis hanno un carbonio carbossilico sulla componente olivetolica (posizioine 2). Il carbonio addizionale è perso per riscaldamento THC, CBD, CBC….. non sono composti naturali, ma artefatti di estrazione!!

13 L’elaborazione del cannabigerolo può generare composti diversi Il cannabigerolo può ciclizzare con intervento dell’ossidrile fenolico della componente olivetolica, generando cannabicromene o, dopo ossidazione benzilica, con intervento del legame terminale della componente terpenica, generando cannabidiolo

14 Il cannabidiolo può essere (formalmente) ulteriormente ciclizzato a THC La trasformazione di CBD in THC non è mai stata dimostrata in vivo. Il cannabigerolo è probabilmente direttamente ciclizzato a THC, mediante un processo di doppia ciclizzazione ossidativa.

15 La degradazione ossidativa del THC genera il cannabinolo Il cannabinolo è stato il primo cannabinoide ottenuto in forma pura ed elucidato strutturalmente Il cannabinolo attiva CB 1 e CB 2, ma è notevolmente meno attivo di THC (4-10 volte)

16 Relazioni biogenetiche dei fitocannabinoidi La ciclizzazione di CBG a CBD o THC dipende da isoforme diverse di uno stesso enzima, corrispondenti a due alleli, B D e B T. La frequenza dei due alleli porta a piante che contengono prevalentemente CBD, THC od una miscela dei due composti

17 Cannabis ricreazionale e Cannabis medicinale hanno diverso profilo cannabinoide La Cannabis ricreazionale è “ottimizzata” in THC, il suo costituente psicotropo La Cannabis medicinale contiene miscele di cannabinoidi, che modificano l’azione del THC, attenuandone gli effetti psicotropi ed ampliandone il campo di azione biologica

18 I bersagli biologici dei (fito)cannabinoidi I (fito)cannabinoidi interagiscono con recettori ed enzimi specifici, modificando in modo reciproco la loro azione, sia a livello farmacodinamico che famacocinetico

19 I bersagli biologici dei (fito)cannabinoidi sono diversi Recettori metabotropici (la loro azione è mediata da secondi messaggeri): CB 1, CB 2 Recettori ionotropici (la loro azione è mediata da ioni): TRPV1, ANKTM1 Enzimi del sistema endocannabinoide: FAAH

20 Gli endocannabinoidi Gli endocannabinoidi sono dei composti endogeni che mimano l’azione del THC su recettori specifici. Gli endocannabinoidi sono dei derivati dell’acido arachidonico (esteri, ammidi, eteri) I due principali endocannabinoidi (AE e 2AG) sono rapidamente inattivati da FAAH

21 Effetti entourage dei (fito)cannabinoidi THC attiva CB 1 e CB 2 La usa azione è potenziata dall’ossidazione metabolica a 11-idrossiderivato, che penetra più facilmente nel cervello CBD inibisce il potenziamento metabolico bloccando l’ossidazione di THC a 11-OH THC. CBD “modera” l’azione psicotropa di THC, e mostra anche azione ansiolitica, benzodiazepino-simile

22 CBD e THC sono anche attivi su recettori chemestetici CBD attiva il recettore della capsaicina (TRPV1) e THC quello degli isocianati (ANKTM1). CBD inibisce la degradazione enzimatica di AE, che attiva non solo CBs, ma anche TRPV1 globalmente aumentando la componente “vanilloide” dell’azione biologica.

23 Conclusioni La cannabis e la sua azione biologica sono sistemi complessi, non riconducibili a singoli costituenti od singoli recettori biologici. Rispetto alla cannabis ricreazionale, quella medicinale ha composizione più complessa, ed è caratterizzato da: –Attenuazione degli effetti psicotropi di THC –Profilo farmacologico più ampio

24 La Cannabis medicinale come sfida scientifica e tecnologica Ottimizzazione del profilo fitochimico della pianta Produzione industriale della pianta Ottimizzazione della via di somministrazione (il fumo di Cannabis è irritante e ricco di catrame!) Formulazione degli estratti


Scaricare ppt "Cannabis Ricreazionale e Cannabis Medicinale. Basi Molecolari della Differenza Alberto Minassi, 1 Giovanni Appendino 1 e Vincenzo Di Marzo 2 1 DISCAFF,Università."

Presentazioni simili


Annunci Google