La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ritmi defibrillabili (FV, TV senza polso) Il monitor defibrillatore: defibrillazione precoce cardioversione elettrica sincronizzata; pacing transcutaneo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ritmi defibrillabili (FV, TV senza polso) Il monitor defibrillatore: defibrillazione precoce cardioversione elettrica sincronizzata; pacing transcutaneo."— Transcript della presentazione:

1 Ritmi defibrillabili (FV, TV senza polso) Il monitor defibrillatore: defibrillazione precoce cardioversione elettrica sincronizzata; pacing transcutaneo

2 Strumenti di Base: Ritmo (identificazione) Defibrillazione (come e quando) Pacing (come e quando)

3 Obbiettivi Sguardo d’insieme sul monitoraggio e l’identificazione del ritmo cardiaco Discussione sulla defibrillazione e il pacing

4 Identificazione del Ritmo

5 Interpretazione del Ritmo ECG Il trattamento è spesso possibile anche senza un’interpretazione raffinata dell’ECG Un ritmo può avere conseguenze emodinamiche diverse Tratta il paziente e non il ritmo

6 Come Leggere un Tracciato 1. E’ presente attività elettrica? 2. Qual è la frequenza ventricolare (QRS)? 3. Il ritmo del QRS è regolare o irregolare? 4. Il QRS è normale o allargato? 5. L’attività atriale è presente? 6. Qual è la correlazione con l’attività ventricolare?

7 Onda P = Onda P = Attività atriale QRS =Attività ventricolare 1) E’ presente attività elettrica? D1 D2 D3 aVR Quadratino grande = 0.20sec Quadratino piccolo = 0.04sec Taratura 1mV = 10mm Taratura 1mV = 10mm Velocità di scorrimento della carta di 25 mm/sec (standard)

8

9 2) Qual’è la Frequenza Ventricolare? Normale min Bradicardia< 60 min Tachicardia> 100 min 300 Frequenza = Numero di quadretti larghi tra un complesso QRS ed il successivo* * A velocità standard di 25 mm sec, 5 quadretti larghi = 1 secondo

10 3) Il Ritmo del QRS è Regolare o Irregolare? Confrontare l’intervallo R-R Irregolarmente irregolare = FA Incerto a frequenza elevata

11 4) Il Complesso QRS è Normale o Largo? QRS normale: –< 0.12 s (< 3 quadretti piccoli) –insorge prima della biforcazione del fascio di His

12 4) Il Complesso QRS è Normale o Largo? QRS allargato (> 0.12 s) ha origine da: –attività ventricolare, o –attività sopraventricolare con aberranza di conduzione

13 Una tachicardia a complessi larghi dovrebbe essere considerata di origine ventricolare fino a che non vi sia un buon motivo per sospettare il contrario.

14

15 5) L’attività Atriale è Presente? Osservare l’onda P (DII e V1) La sua frequenza, regolarità, morfologia. Onda di Flutter L’attività atriale può essere osservata rallentando la frequenza del QRS

16

17

18 6) Qual è la Relazione tra Attività Atriale e Ventricolare? (Disturbi di conduzione atrio-ventricolare BAV) A) Regolare, intervallo PR costante B) Irregolare, ma riconoscibile un rapporto C) Nessuna correlazione - dissociazione atrioventricolare

19 BAV Primo Grado

20 BAV Möbitz II BAV Secondo Grado BAV Möbitz I (L. Wenckebach)

21 BAV Terzo Grado Punto di insorgenza del ritmo ventricolare: –nodo AV min –ventricolo min

22 Ritmi dell’Arresto Cardiaco Ritmi defibrillabili Fibrillazione ventricolare Tachicardia ventricolare senza polso Ritmi non defibrillabili Asistolia Attività elettrica senza polso (PEA)

23 Fibrillazione Ventricolare Onde irregolari Non sono riconoscibili complessi QRS Frequenza ed ampiezza variabile Attività elettrica scoordinata Ampia / fine Escludere artefatti da –movimento –interferenza elettrica DEFIBRILLABILE

24 DEFIBRILLABILE Fibrillazione Ventricolare a Onde Ampie

25 DEFIBRILLABILE Fibrillazione Ventricolare a Onde Fini

26 DEFIBRILLABILE

27 Tachicardia Ventricolare Senza Polso TV monomorfa –Ritmo a complessi larghi –Frequenza elevata –Morfologia del QRS costante TV polimorfa –Torsione di punta DEFIBRILLABILE

28 DEFIBRILLABILE Tachicardia Ventricolare Monomorfa

29 DEFIBRILLABILE Tachicardia Ventricolare Polimorfa

30 TV polimorfa T.d.P.

31 Asistolia Assenza di attività ventricolare (QRS) Può presentare attività atriale (onde P) Raramente rappresentata da una linea retta ***Considerare una FV fine NON-defibrillabile

32 NON-defibrillabile Esempio di asistolia

33 NON-defibrillabile

34 D ISTINGUERE ASISTOLIA da F.V. fine P …. piastre (corretamente applicate) A …. ampiezza (adeguato potenziale) C …. collegamento (dei cavi) O …. ortogonalizza (cambiare posizione delle piastre o derivazione)

35 Attività Elettrica senza Polso Caratteristiche cliniche dell’arresto cardiaco Attività elettrica mantenuta con ritmo cardiaco all’ ECG (alcune volte normale) associato ad assenza di polso NON-defibrillabile

36 NON-defibrillabile PEA con ECG “normale”

37 NON-defibrillabile PEA

38 PEA

39 Domande?

40 Defibrillazione

41 Meccanismo della Defibrillazione Definizione “L’interruzione di una FV o TV a cinque secondi dall’erogazione dello shock” Una “massa critica” di miocardio viene depolarizzata Il pacemaker fisiologico riprende il controllo del ritmo

42

43 Defibrillazione Il successo dipende dalla quantità di energia che attraversa il miocardio La quantità di corrente che arriva al cuore dipende da: posizione delle piastre impedenza transtoracica energia somministrata conformazione toracica

44 Impedenza Transtoracica Dipende da: dimensione delle piastre interfaccia cute/piastre (GEL) pressione di contatto ( sequenzialità degli shock )

45 Onda di Defibrillazione Onda monofasica Onda bifasica

46 Bifasico piu’efficace utilizzando minori quantita’ di energia con shock ripetuti, non incrementati Provoca minori alterazioni del tratto ST

47 Defibrillatore Bifasico Richiede minor energia di scarica – accumulatore e batterie più piccoli – più leggero e meglio trasportabile Ripetere scariche <200 J ad onda bifasica garantisce migliori risultati nel risolvere una FV/TV, che l’aumentare energia in un defibrillatore monofasico

48 Sicurezza Non tenere mai le piastre con una sola mano Carica solo quando le piastre sono sul torace Evita contatti diretti od indiretti Rimuovi i residui di acqua dal torace del paziente Allontana alti flussi di ossigeno dalla zona di defibrillazione

49 Tecnica: Defibrillazione Manuale Osserva i segni dell’arresto cardiaco e diagnostica il ritmo di FV/TV al monitor Imposta il massimo livello di energia (200J bifasico – 360J monofasico) Posiziona le piastre sul paziente (GEL) Esclama “allontanarsi” Controlla visivamente la scena Controlla il monitor Somministrare UNO shock

50 Defibrillazione Manuale Dopo UNO shock riprendere con RCP iniziando dalle compressioni Rivalutare il ritmo dopo 2 min (5 cicli) a meno che non vi sia monitoraggio continuo Ripetere lo shock a livello massimo – richiedi aiuto ad un assitente, o, se solo rimetti le piastre nell’alloggiamento (selezionare l’energia solo prima della scarica) – attendere l’arrivo del medico prima di somministrare farmaci

51 Cardioversione Sincronizzata Indicata per convertire le tachiaritmie di origine sia atriale che ventricolare con polso Gli shock sono sincronizzati con il QRS Dopo aver premuto i pulsanti di scarica attendi il possibile ritardo, mantenendo le piastre (preferibilmente adesive) in sede Se paziente cosciente: sedazione e/o anestesia Controlla che il “SINC” sia attivato e sincronizzato sul QRS

52 Cardioversione- Defibrillazione Energie da utilizzare nelle varie aritmie Aritmiajoules TPSV Flutter Atriale Fibrillazione A TV FV

53 Conclusioni: Defibrillazione La defibrillazione è l’unico modo efficace di trattare un paziente in FV/TV senza polso per ripristinare un ritmo emodinamicamente efficace La defibrillazione deve essere effettuata rapidamente, efficacemente ed in modo sicuro La tecnologia ha permesso di creare macchine sofisticate di semplice utilizzo

54 Domande?

55 Probabilita’ di Sopravvivenza dopo A.C da FV / Intervallo tra perdita di coscienza ed FV % di successo Le probabilita’ di successo si riducono del 7-10% /minuto

56 Pacing

57 Pacemaker Artificiale E’ indicato quando il pacemaker naturale è troppo lento o inefficace Non indicato nella asistolia

58 Pacemaker Artificiali: Classificazione Non-invasivi – Pacing transcutaneo Invasivi – Pacing transvenoso temporaneo – Pacemaker impiantabile – Defibrillatore impiantabile (ICDs)

59 Tecniche non Invasive Pacing transcutaneo Veloce da posizionare Di facile utilizzo Evita i rischi dell’incannulamento venoso centrale Può essere utilizzato sia da medici che da infermieri

60 Pacing Transcutaneo: Tecnica Attaccare le placche autoadesive (e elettrodi ECG se richiesto) Solo Pacing = antero-posteriore Multi-funzione = antero-laterale

61

62

63

64

65

66 Pacing Transcutaneo: Tecnica Seleziona la modalità “demand” Imposta la frequenza ( per min) Seleziona l’energia sui valori più bassi Accendi il pacemaker Aumenta la corrente fino alla cattura elettrica ( mA)

67 Pacing Transcutaneo

68 Pacing Transcutaneo Tecnica Polso palpabile = efficacia emodinamica Spesso richiede analgesia e sedazione La RCP è sicura anche con le piastre attaccate Provvedimento temporaneo Chiama il cardiologo in aiuto

69 Conclusioni Il pacing non invasivo è di facile utilizzo E’ la terapia di scelta per il trattamento immediato delle bradiaritmie farmaco- resistenti E’ un trattamento temporaneo Chiama il cardiologo per un aiuto

70 Domande?


Scaricare ppt "Ritmi defibrillabili (FV, TV senza polso) Il monitor defibrillatore: defibrillazione precoce cardioversione elettrica sincronizzata; pacing transcutaneo."

Presentazioni simili


Annunci Google