La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 La pedagogia del corpo Corso di Pedagogia Generale Docente: Emanuele Isidori Università di Roma Foro Italico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 La pedagogia del corpo Corso di Pedagogia Generale Docente: Emanuele Isidori Università di Roma Foro Italico."— Transcript della presentazione:

1 1 La pedagogia del corpo Corso di Pedagogia Generale Docente: Emanuele Isidori Università di Roma Foro Italico

2 2 I punto: Pedagogia del corpo GENITIVO OGGETTIVOSOGGETTIVO

3 3 Soggettivo: IL CORPO IN QUANTO PORTATORE DI ISTANZE PEDAGOGICHE ED EDUCATIVE IL CORPO IN QUANTO PORTATORE DI ISTANZE PEDAGOGICHE ED EDUCATIVE (RIFLESSIONI FILOSOFICHE SULL’EDUCAZIONE; IL CORPO PORTATORE DI VALORI PER LA PERSONA È ormai un locus communis del discorso pedagogico

4 4 Oggettivo: Il corpo in quanto oggetto di una specifica pedagogia; Una pedagogia che studia il corpo scientificamente…o meglio una scienza pedagogica del corpo

5 5 È possibile una scienza pedagogica del corpo? È possibile una pedagogia del corpo che non rimanga a livello di “genericità predicatoria”?

6 6 Necessità di partire da due premesse: Che cosa è il corpo Che cosa è il corpo Che cosa è la pedagogia (in termini epistemologici) Che cosa è la pedagogia (in termini epistemologici)

7 7 IL CORPO è UN CONCETTO POLISEMICO Rimanda a più: - ambiti concettuali - dimensioni - scienze

8 8 ambiti concettuali: io soggetto coscienza sé identità forma mente persona

9 9 dimensioni trascendente biofisiologica religiosa culturale

10 10 CORPO Ambiti scientifici biologia sociologia psicologia filosofia medicina fisiologia antropologia

11 11 Difficoltà linguistica nel definirlo Si evidenziano i limiti del linguaggio I limiti della lingua italiana e di tutte le lingue Inglese: body, corpse, soma; Tedesco: Leib, Koerper; Greco: sarx, soma; Non si può mettere tra parentesi il corpo

12 12 Non si può sospendere il giudizio (epochè husserliana) Sospendere il giudizio per analizzare e descrivere scientificamente un fenomeno

13 13 Il corpo è la fonte stessa del linguaggio, la radice del pensiero

14 14 Perché la pedagogia deve interessarsi del corpo? La pedagogia è la scienza dell’educazione La pedagogia è la scienza dell’educazione L’educazione è sempre dell’uomo L’educazione è sempre dell’uomo L’uomo è corpo, essere biofisiologico votato alla trascendenza L’uomo è corpo, essere biofisiologico votato alla trascendenza Non si può definire l’educazione senza dire prima che cosa è il corpo (antropologia pedagogica)

15 15 Il corpo rappresenta una sfida per la pedagogia come scienza La pedagogia si è accorta dell’importanza del corpo di recente La pedagogia si è accorta dell’importanza del corpo di recente Rousseau, Nietzsche, Scuola di Francoforte Rousseau, Nietzsche, Scuola di Francoforte

16 16 In che cosa l’approccio della pedagogia come scienza differisce da quello delle altre scienze?

17 17 Tedesco Leib Koerper Principio vitale, soggetto capace di azione, votato all’oltre, al di più Principio materiale, oggetto passivo che non va oltre la datità biofisiologica.

18 18 Leib Koerper Corpo Possibilità Intenzionalità Spazio Tempo Dovere/Necessità

19 19 Spazio: il corpo è situato in un luogo, occupa uno spazio. Possibilità di essere altro rispetto a quello che è, di cambiare, di muoversi, di andare oltre, di occupare un altro luogo; Tempo: il corpo è collocato sempre in un tempo storico e i suoi cambiamenti non sono mai repentini ma seguono una concatenazione di eventi; Intenzionalità: il corpo è sempre tensione verso qualcuno o qualcosa; Necessità/dovere: l’uomo non ha solo la possibilità di cambiare se stesso ma il dovere di compiere questo cambiamento; Categorie per pensare il corpo e farne oggetto di conoscenza scientifica

20 20 Senza il cambiamento del corpo non ci sarebbe educazione e neppure civiltà. (G.B. Vico, Principi di scienza nuova)

21 21 L’EDUCAZIONE è cambiamento, una trasformazione guidata di un corpo soggetto situato in un luogo e in un tempo storico che diventa/ha la possibilità e il dovere di diventare qualcosa di migliore

22 22 Dovere- Necessità è una categoria ulteriore per pensare il corpo in chiave pedagogica. Dovere- Necessità è una categoria ulteriore per pensare il corpo in chiave pedagogica.

23 23 Foucault ha inteso l’educazione come un raddrizzamento del corpo, una sua coercizione La storia dell’educazione è stata la storia di questa coercizione/repressione (emozioni, istinti, passioni, ecc.). Il corpo non si è mai potuto esprimere (vedi la scuola)

24 24 Necessità di una pedagogia che liberi autenticamente il corpo

25 25 Ma si possono… Definire educazione tutte queste pratiche di asservimento/coercizione/repressione del corpo in funzione di un’ideologia dominante?

26 26 Vale a dire fuori da una cornice di valori Sono stati indicati come valori cose che erano in realtà condizionamenti Si è dimenticato l’aspetto spirituale e trascendente del corpo L’educazione non è solo téchne del corpo ma anche praxis e poiesis

27 27 Ne deriva un’attività naturale di antropogenesi corporea in cui Ne deriva un’attività naturale di antropogenesi corporea in cui natura e cultura, libertà e necessità sono un’unica cosa. L’educazione è un intervento-azione che è aiutato/a da una tecnica che non deve essere intesa come condizionata da un’ideologia ma segnata da una consapevolezza di scelte, valori, strategie per promuovere l’autoformazione del soggetto

28 28 La pedagogia come scienza umana è scienza del leib, che ha per “oggetto” un “corpo soggetto”. Possiamo dire che la pedagogia è scienza dell’intenzionalità che invita/persuade il corpo a realizzare la sua naturale antropogenesi corporea.

29 29 l’educatore = tecnico dell’intenzionalità

30 30 realizzare il divenire umano non l’ominizzazione Realizzare questo processo nella sua integralità (dalla materialità alla trascendenza) Importanza approccio sistemico e della teoria dell’emergenza.

31 31 La pedagogia come scienza che guida e orienta i movimenti di un corpo soggetto che passa dalla materialità alla trascendenza attraverso livelli di consapevolezza (coscienza) sempre più complessi. La pedagogia come scienza che guida e orienta i movimenti di un corpo soggetto che passa dalla materialità alla trascendenza attraverso livelli di consapevolezza (coscienza) sempre più complessi. Dalla motricità dipende l’attività neurologica del pensiero. Questa guida deve essere condotta in base a regole stabilite dalla comunità per realizzare all’interno di un quadro di valori e finalità metafisiche e trascendenti la naturale antropogenesi corporea.

32 32 Distinzione tra scienza del Leib (scienze umane) e scienze del koerper (anatomia, fisiologia, fisica, biologia, ecc…). Distinzione tra scienza del Leib (scienze umane) e scienze del koerper (anatomia, fisiologia, fisica, biologia, ecc…). Questa distinzione non dovrebbe avere più senso alla luce della nuova cultura/epistemologia che evidenzia la necessità di un superamento del carattere multi e interdisciplinare delle scienze che studiano il corpo (Morin).

33 33 Si aprono nuovi scenari epistemologici per la pedagogia: Si aprono nuovi scenari epistemologici per la pedagogia: - Funzione di sintesi dei contributi delle varie scienze in riferimento all’Homo educandus - Funzione simile alla filosofia


Scaricare ppt "1 La pedagogia del corpo Corso di Pedagogia Generale Docente: Emanuele Isidori Università di Roma Foro Italico."

Presentazioni simili


Annunci Google