La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DESCRIZIONE DI ALCUNI DOCUMENTI ARCHEOLOGICI. B.M. 21946.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DESCRIZIONE DI ALCUNI DOCUMENTI ARCHEOLOGICI. B.M. 21946."— Transcript della presentazione:

1 DESCRIZIONE DI ALCUNI DOCUMENTI ARCHEOLOGICI

2 B.M

3 Questa tavoletta è una di una serie che ricapitola gli eventi principali di ogni anno dal 747 a.C. fino ad almeno il 280 a.C. Ogni entrata è separata da una linea orizzontale e comincia con un riferimento all'anno del regno del re in questione. A seguito della sconfitta dei Assiri (come è descritta nella Cronaca per gli anni ), gli Egiziani costituirono la minaccia più grande dei Babilonesi. Nel 605 a.C. Nebuchadnezzar, il principe ereditario Babilonese, sostituisce suo padre Nabopolassar come capo supremo e conduce l'esercito sull Eufrate presso la città di Charchemish. Qui sconfigge gli Egiziani. Un anno più tardi Nabopolassar muore e Nebuchadnezzar fa ritorno a Babilonia per esservi incoronato. Nel corso degli anni seguenti mantiene il suo controllo sopra la Siria e lo estende sulla Palestine. Nel 601 a.C. marcia verso l'Egitto, ma si ritira dopo uno scontro con l'esercito egiziano. Dopo aver ri- equipaggiato il suo esercito, Nebuchadnezzar marcia versò la Siria nel 599 a.C. Poi ancora verso ovest, nel dicembre 598 a.C., poichè Jioiakim, il re di Giuda, aveva cessato di versargli i tributi. Lesercito di Nebuchadnezzar assedia Gerusalemme e lo cattura il 15/16 marzo 597 a.C.. Il nuovo re di Giuda, Jioiachin, è a sua volta arrestato e condotto in esilio a Babilonia. Una serie di spedizioni in Siria porta questa Cronaca fino alla fine del 594 a.C. Lunghezza: 8.25 cm Larghezza: 6.19 cm ANE Stanza 55, Later Mesopotamia, case 15, no. 24 J.B. Pritchard, Ancient Near Eastern texts relating to the Old Testament, 3rd ed. (Princeton University Press, 1969), pp T.C. Mitchell, The Bible in the British Museum: interpreting the evidence (London, The British Museum Press, 1988), pp. 82-3, no. 43 D.J. Wiseman, Chronicles of Chaldaean kings ( BC) in the British Museum (London, Trustees of the British Museum, 1956), pp , plates XIV-XVI A.K. Grayson, Babylonian and Assyrian chronicles (Locust Valley, J.J. Augustin, 1975), pp

4 CRONACA DI NABONIDE

5 Anche questa tavoletta fa parte di una serie e ricapitola gli eventi principali di ciascun anno dall'accessione di Nabonide, nel 556 a.C., fino al 530 a.C. La Cronaca mette in risalto che Nabonide si assentava per trascorrere in Arabia la maggior parte del tempo del suo regno, interrompendo così la partecipazione agli annuali festeggiamenti della primavera in Babilonia durante i quali la presenza del re era essenziale. Nabonide stabilì una base all'oasi di Teima sugli itinerari delle carovane e fece una campagna contro altre oasi ricche e negoziò le alleanze con gli arabi. Il re ha passò dieci anni in Arabia e lasciò lamministrazione di Babilonia a suo figlio, Bel-shar-usur (il Belshazzar dell Antico Testamento). Nel frattempo, Ciro, il re di Anshan e di Persia nel sud-ovest Iran, sconfigge Astiage re dei Medi (Iran occidentale). Questo estese il territorio di Ciro dall'Iran orientale fino al fiume di Halys in Anatolia. Creso, il re di Lidia, venne alle armi con lesercito persiano nel 547 a.C. I persiani respinsero Creso fino alla capitale della Lidia, a Sardis, che cadde dopo un assedio di due settimane. In seguito i Babilonesi si allearono con la Lidia e finalmente in settembre/ottobre del 539 a.C. gli eserciti persiani e Babilonesi vennero a contatto a Opis, ad est del Tigri. Ciro vinse, le città di Sippar e Babilonia caddero, Nabonide fu preso ed il re persiano entrava in Babilonia come nuovo capo. Lunghezza: cm Larghezza: 14.6 cm ANE Room 55, Later Mesopotamia, case 15, no. 26 J.B. Pritchard, Ancient Near Eastern texts relating to the Old Testament, 3rd ed. (Princeton University Press, 1969), pp A.K. Grayson, Babylonian and Assyrian chronicles (Locust Valley, J.J. Augustin, 1975), no. 7, pp. 1-15

6 CILINDRO DI NABUCODONOSOR

7 Questo cilindro dargilla è stato trovato nelle rovine della città di Babilonia. Il testo cuneiforme descrive i tre palazzi che Nebuchadnezzar II (che regnò dal 604 al 562 a.C.) ha costruito per sè a Babilonia. Il primo palazzo era una ricostruzione di quello usato da suo padre Nabopolassar ( a.C.); una volta rifatto, decise che non era abbastanza grande, quindi si costruì un nuovo palazzo sul versante nord di Babilonia. Questo palazzo aveva un parapetto blu ed era circondato dalle spesse pareti della fortificazione. In seguito eresse delle nuove mura della città, intorno al lato orientale di Babilonia e costruì un terzo palazzo vicino al fiume Eufrate, oggi conosciuto come il suo palazzo destate, poiché aveva un sistema di ventilazione di un tipo usato ancora oggi per rinfrescare le case nel Medio Oriente. Tutti e tre i palazzi sono stati costruiti con bitume e mattoni cotti, con i tetti ed i portelli fatti di legnami, di cedro, cipresso e abete fini dimportazione. Cilindri di questo tipo sono stati sepolti negli angoli di tutte le grandi costruzioni da Nebuchadnezzar e dai suoi successori. Avevano lo scopo dessere trovati e letti dai re futuri ogni volta che le costruzioni avrebbero dovuto essere riparate. Lunghezza: cm Diametro: cm ANE Room 55, Later Mesopotamia J. Oates, Babylon (London, Thames and Hudson, 1979), pp

8

9 Unaltra tavoletta della serie che ricapitola gli eventi principali di ciascun anno dal 747 a.C. al 280 a.C. Ogni entrata è separata da una linea orizzontale e comincia con un riferimento all'anno del regno del re in questione. Nella primavera 616 a.C., il re Babilonese Nabopolassar ( a.C.) guidò il suo esercito sull Eufrate in Siria (parte dell'impero Assiro). Nel 614 i Medi arrivarono dall'Iran e assediarono la città di Ashur. La Cronaca dice che l'esercito Babilonese non marciò per aiutare i Medi ma non raggiunsero il campo di battaglia se non dopo che la città era caduta. Nabopolassar incontrò Ciassarre, re dei Medi, e fecero un trattato. Secondo la tradizione questo è stato confermato dal matrimonio di Nebuchadnezzar, figlio del Nabopolassar, con la nipote di Ciassarre. Il testo della Cronaca relativo allanno 612 a.C. è danneggiato, ma i Medi si unirono ai Babilonesi e misero sotto assedio a Ninive da giugno ad agosto. Infine la città cadde e fu saccheggiata, benchè alcuni Assiri riuscissero a fuggire verso ovest. Un nuovo re Assiro, Ashur-uballit II, stanziò le sue truppe nella città di Harran. Lanno seguente i Babilonesi saccheggiarono la regione di Harran. Nel 610/9 Ashur-uballit e gli Egiziani venuti in suo aiuto, si ritirarono ad ovest dell Eufrate e nella saccheggiata (da Nabopolassar) Harran. Assiri ed Egiziani tentarono di riprendere la regione, ma fallirono. Da questo momento gli Assiri ed il loro re spariscono dalla storia. Lunghezza: cm Larghezza: 7.14 cm ANE Room 55, Later Mesopotamia, case 11 D.J. Wiseman, Chronicles of Chaldaean kings ( BC) in the British Museum (London, Trustees of the British Museum, 1956), pp , ff. Plates IX-XII A.K. Grayson, Babylonian and Assyrian chronicles (Locust Valley, J.J. Augustin, 1975), pp

10

11 Questo blocco di pietra finemente scolpito con caratteri cuneiformi è stato trovato nelle rovine di Babilonia prima del 1801, quando fu mostrato al rappresentante dell'East India Company a Bagdad, quindi il relativo nome moderno. Registra il desiderio del Nebuchadnezzar per glorificare Marduk attraverso la costruzione di molte opere nella capitale e nella vicina città di Borsippa. Altezza: cm Larghezza: cm Spessore: 9.52 cm Presented by H.M. Secretary of State for India ANE Room 55, Later Mesopotamia, case 16 R.F. Harper, Assyrian and Babylonian literature (London, D. Appleton and Co., 1901), pp D.J. Wiseman, Nebuchadnezzar and Babylon (London, Published for the British Academy by Oxford University Press, 1985)

12 CILINDRO DI CIRO

13 Questo cilindro d'argilla scritto in cuneiforme Babilonese con un resoconto di Ciro, re di Persia ( a.C.), della sua conquista di Babilonia nel 539 a.C. e la cattura di Nabonide, l'ultimo re Babilonese. Ciro vi afferma daver realizzato questo con l'aiuto di Marduk, il dio di Babilonia. Egli descrive i favori che ha fatto agli abitanti della città e dice a come ha restituito un certo numero di immagini dei dii, che Nabonide aveva condotto a Babilonia, ai loro templi per tutta la Mesopotamia e l'Iran occidentale. Allo stesso tempo ha provveduto per il ripristino di queste templi ed ha organizzato il ritorno alle loro patrie di un certo numero di popoli che erano stati tratti in Babilonia dai re Babilonesi. Anche se gli ebrei non sono accennati in questo documento, il loro ritorno nella Palestina, in seguito alla loro deportazione da parte di Nebuchadnezzar II, faceva parte di questa politica. Questo cilindro è stato talora descritto come la prima lettera dei diritti dell'uomo, ma esso in effetti riflette una lunga tradizione in Mesopotamia dove, fin dal terzo millennio a.C., i re iniziavano a regnare con le dichiarazioni delle loro riforme. Lunghezza: centimetri ANE Sul T.C. Mitchell, The Bible in the British Museum: interpreting the evidence (London, The British Museum Press, 1988), p. 83, no. 44 J.B. Pritchard, Ancient Near Eastern texts relating to the Old Testament, 3rd ed. (Princeton University Press, 1969), pp. 315

14

15 Il testo astronomico, o diario astronomico designato con la sigla V.A.T si trova nel Vordersiatischen Abteilung del museo di Berlino. Questo testo è stato datato 1° Nisan dellanno 37°- 1° Nisan dellanno 38° del regno di Nabucodonosor, re di Babilonia. In esso sono riportate osservazioni lunari e planetarie compiute nellintero arco del 37° anno del regno di Nabucodonosor. Fra le numerose osservazioni riportate sulla tavoletta una trentina sono descritte in modo così preciso da rendere relativamente facile agli astronomi moderni il compito di determinare lanno nel quale furono eseguite. In questo modo gli astronomi sono stati in grado di mostrare che tutte queste osservazioni (relative alla Luna, alle stelle e ai cinque pianeti: Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno, allora conosciuti) dovettero essere fatte nellanno 568/567 a.C. (nel calcolo astronomico si scrive – 567/566 dato che questo conteggio non ammette un anno zero fra il 1° a.C. e il 1° d.C.). Un testo astronomico che contiene le indicazioni di posizioni del sole, della luna, dei pianeti e delle stelle è definitivamente e inequivocabilmente fissato come periodo di tempo assoluto nellarco di molte migliaia danni.

16 Il diario astronomico V.A.T è una copia fatta durante il periodo seleucida. Nel testo sono stati trovati due errori di trascrizione, ma le altre osservazioni riportate in questo documento rientrano perfettamente nellanno 568/567 a.C. Il documento riporta: misurazioni dellora del tramonto o del sorgere della Luna, dati riguardanti le congiunzioni della luna con stelle ben specificate, più le posizioni di Giove, Mercurio, Venere, Marte e Saturno, per un periodo di dodici mesi e uneclisse di Luna. Quando si analizza il testo e lo si mette in relazione con lanno –567/566, si vede che le ore del sorgere e del tramontare della Luna vanno daccordo con i valori calcolati con uno scarto al massimo di dieci minuti. Le longitudini della Luna e dei pianeti si trovano daccordo con i dati dedotti dalla V.A.T con la differenza al massimo di un grado per la maggioranza delle informazioni. Gli astronomi moderni deducono che il diario astronomico rappresenta una copia fedele alloriginale. Essi sottolineano che unidentica combinazione di posizioni astronomiche non si ripete che a distanza di circa quarantamila anni, ciò comprova che le osservazioni della V.A.T debbono essere state fatte nellanno 568/567 a.C., perché corrispondono a una situazione che avrebbe potuto verificarsi soltanto molte migliaia di anni prima o dopo.

17 STELE DI Adda-Guppi

18 Nel settembre del 1956 D.S. Rice rinvenne una Stele, la Nabon. H1,B o Stele di Adda-Guppi che riporta: "Dal ventesimo anno di Assurbanipal, re dAssiria, quando io nacqui, fino allanno quarantaduesimo di Assurbanipal, lanno terzo di Assur-etellu-ili, suo figlio, lanno ventunesimo di Nabopolassar, lanno quarantatreesimo di Nabucodonosor, lanno secondo di Awel-Marduk, lanno quarto di Neriglissar, lanno novantacinquesimo del dio Sin, re degli dèi … Questa Stele riferisce dellavvicendamento sul trono di Babilonia, dal 20° anno di Assurbanipal fino al 9° anno di Nabonide, per un totale di 95 anni.


Scaricare ppt "DESCRIZIONE DI ALCUNI DOCUMENTI ARCHEOLOGICI. B.M. 21946."

Presentazioni simili


Annunci Google