La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A.s. 2004/2005 LA RELAZIONE NEI GRUPPI A cura del PROGETTO QUALITA Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A.s. 2004/2005 LA RELAZIONE NEI GRUPPI A cura del PROGETTO QUALITA Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale."— Transcript della presentazione:

1 a.s. 2004/2005 LA RELAZIONE NEI GRUPPI A cura del PROGETTO QUALITA Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Campania Direzione Generale

2 Il gruppo Si parla di gruppo quando le persone: Condividono alcuni obiettivi di fondo Vivono ruoli di interazione reciproca Condividono alcune regole Iniziano a provare il senso di appartenenza a.s. 2004/2005

3 Il gruppo di lavoro Si parla di gruppo di lavoro quando le persone costituiscono una pluralità in integrazione attraverso: Coesione Interdipendenza Negoziazione Condivisione Responsabilità degli obiettivi (di ascolto, informativi, elaborativi, progettuali, decisionali) a.s. 2004/2005

4 Il lavoro di gruppo (G. Contessa – dinamiche di gruppo e ricerca) AnalisiOggetto di ricercaInterpretazione Contenuti cosa si fa o si diceSuperficiale - Approfondito Semplice - Complesso Concreto - Teorico Interesse Reale - Moda Metodi come si lavora e ci si organizzaDemocratico – Autoritario Statico – Dinamico Punitivo – Permissivo Rituale - Spontaneo Processi chi dice o fa cosa, a chi e in che modoCollaborazione – Competizione Costruttività – Negatività Interpersonale – Gruppale Dinamiche cosa significa per il gruppoMotivazione – Disinteresse Appartenenza – Estraneità Leadership – Gregarismo Dipendenza – Interdipendenza Efficienza - Affettività a.s. 2004/2005

5 I tentativi per impedire la nascita di un Gruppo La fuga nel passato: vi ricordate come si lavorava bene quando… La fuga allesterno: avete visto ieri sera alla televisione… La fuga in avanti: una volta terminato questo lavoro… La fuga nella virtù: siamo a disposizione del conduttore… La fuga nellamore:come si sta bene in questo gruppo… Spostamento del conflitto: il ministero non si rende conto… Personalizzazione del conflitto: io non sarò mai daccordo con quanto dice… a.s. 2004/2005

6 Le dinamiche di gruppo (E. Spaltro) Difese Sintomi di difficoltà e di tendenza a rimanere nella cultura di coppia Episodi Sintomi di staticità e di persistenza sul confine tra cultura di coppia e cultura di gruppo Fenomeni Sintomi di passaggio alla cultura di gruppo Appaiamento Fuga nel passato Fuga allesterno Fuga in avanti Fuga nellamore Provocazione protettiva Spostamento del conflitto Confusione di ruolo Lamento per evitare laiuto Assistenza al conduttore Attacco e fuga Silenzi Condensazioni Dipendenza Risonanza Regressione Transfert Leadership Socializzazione del linguaggio Rispecchiamento Catene di associazioni Interdipendenza Feed-back Equilibri Capri espiatori Circolazione della leadership Accettazione delle differenze a.s. 2004/2005

7 Attori del gruppo: protagonisti e comparse (Seth Allcorn) a.s. 2004/2005

8 Attori del gruppo: protagonisti e comparse PULSARSUPER NOVA BUCO NEROGIGANTE ROSSA NANA BIANCA TEMADOMINANTE RivincitaPerfezio nismo RitiroOstentazione di sé Dipendenza STILE Orgoglio, arroganza Meticolo sità, conformi smo Autonomia, rifiuto del contatto Ricerca di ammirazione, sfida, bisogno di lodi Insicurezza, rifiuto dellapprovazion e, invisibilità a.s. 2004/2005

9 Superstar Eccellono nella leadership Altamente efficienti Disponibilissimi alle relazioni interpersonali Possiedono un alto grado di creatività a.s. 2004/2005

10 Fonti della leadership Formali Legittimità Possibilità di dare ricompense Coercizione Informali Essere un riferimento Avere carisma Avere una buona reputazione Avere competenza rispetto agli obiettivi del gruppo a.s. 2004/2005

11 Leadership Leader 1.Gestisce i processi 2.Motiva gli altri 3.Comunica assertivamente Sviluppa una rete di collaboratori Delega Ascolta Quale il Potente che non sa ascoltare? (Lao tze) a.s. 2004/2005

12 Il collaboratore del leader (Beginner) Il principiante entusiasta Ha bisogno di istruzioni specifiche per progredire Discente disillusoSta imparando, ha poche soddisfazioni, deve essere sostenuto Collaboratore capace È cauto, ha certezza di sé, non è ancora autonomo a.s. 2004/2005

13 Gli stadi di sviluppo del gruppo Stadio 1 – orientamento Provare una tensione media ed alte aspettative Provare una certa ansia: come mi integro? Valutare la situazione e le figure centrali Dipendere dallautorità e dalla gerarchia Necessità di trovarsi una collocazione e di stabilizzarsi a.s. 2004/2005

14 Gli stadi di sviluppo del gruppo Stadio 2 - insoddisfazione Si sperimenta uno scostamento tra aspettative e realtà Ci si sente insoddisfatti della dipendenza dalla autorità Ci si sente frustrati: nervosi rispetto agli obiettivi, compiti e piani dazione Ci si sente incompetenti e confusi Si reagisce negativamente nei confronti del leader e degli altri membri Competizione per potere e/o attenzione Si sperimenta la polarizzazione: dipendenza/controdipendenza a.s. 2004/2005

15 Gli stadi di sviluppo del gruppo Stadio 3 – la svolta Decresce linsoddisfazione Si vanno superando le differenze fra aspettative e realtà Si risolvono polarizzazioni e animosità Si sviluppano armonia, fiducia, sostegno e rispetto Si sviluppano autostima e sicurezza Si genera maggior apertura e vengono forniti una maggior numero di informazioni di ritorno Responsabilità e controllo vengono condivisi Viene usato un linguaggio comune a.s. 2004/2005

16 Gli stadi di sviluppo del gruppo Stadio 4 – produzione Sentirsi stimolati dal partecipare alle attività di gruppo Lavorare in attiva collaborazione ed in maniera interdipendente con tutto il gruppo o con parte di esso Percepire la forza del gruppo Mostrare grande fiducia nella possibilità di realizzare i compiti Condividere la leadership Avere un atteggiamento positivo nei confronti del successo del lavoro Ottenere risultati di alto livello a.s. 2004/2005

17 Le sei fasi di sviluppo di un gruppo Fase di sviluppo del gruppo Fase costituente Fase di identificazione Fase di coagulo Fase di maturità Fase di crisi abbandonica Stati soggettivi preminenti InsicurezzaEsposizioneConfrontoAppartenenzaSeparazione Tensioni principali del gruppo Appropriazione del territorio Censimento delle risorse Gestione delle risorse e dei conflitti Gestione del potere Convivialità TipiInformazione comprensione Elaborazione valutazione DecisioneProgettoTrasferimento a.s. 2004/2005

18 Stadi di crescita di un gruppo di lavoro - 1 Fase di costituzione I partecipanti sono orientati alla conoscenza reciproca, prevale ancora la dimensione soggettivo-individuale Ciascun membro può avvertire sentimenti di insicurezza, in quanto non è ancora certo del proprio ruolo e del grado di accettazione Man mano che si sviluppa laccettazione e si crea un senso di fiducia migliorano i livelli di aggregazione e di coesione Le attività più adeguate in questa fase sono di tipo diagnostico-induttivo a.s. 2004/2005

19 Stadi di crescita di un gruppo di lavoro - 2 Fase di identificazione-aggregazione Se il gruppo naturale si fonda sulluguaglianza, il gruppo di lavoro si basa sul riconoscimento della diversità: di competenza, di professionalità, di ruolo Uno dei problemi principali del gruppo di lavoro è quello di gestire le differenze in modo da non provocare conflitti distruttivi La capacità di gestione delle differenze segna il passaggio dal legame di interazione, tipico della fase precedente, a quello di interdipendenza Il gruppo è in grado di perseguire obiettivi informativi ed elaborativi a.s. 2004/2005

20 Stadi di crescita di un gruppo di lavoro -3 Fase di maturazione È caratterizzata dal legame di integrazione, che permette alle differenze di essere accettate e condivise, così da poter conseguentemente accettare e gestire anche i conflitti, negoziare e condividere metodi e obiettivi Il gruppo è pronto a perseguire obiettivi decisionali e progettuali a.s. 2004/2005

21 Le interazioni tra le determinanti dellefficienza di gruppo 1 variabili indipendenti Variabili strutturali - Dimensione del gruppo - Eterogeneità dei membri - Caratteristiche personali - Gerarchia di status preesistente - Canali di comunicazione prestabiliti a.s. 2004/2005

22 Le interazioni tra le determinanti dellefficienza di gruppo 2 variabili indipendenti Variabili ambientali Ambiente fisico del gruppo Posizione funzionale del gruppo nellorganizzazione Rapporti del gruppo con altri presenti nella comunità a.s. 2004/2005

23 Le interazioni tra le determinanti dellefficienza di gruppo 3 variabili indipendenti Variabili del compito Natura del compito Grado di difficoltà Quantità di tempo disponibile a.s. 2004/2005

24 Le interazioni tra le determinanti dellefficienza di gruppo 4 variabili intermedie Tipo di direzione Motivazione al compito del gruppo Rapporti di amicizia fra i membri Distribuzione della partecipazione a.s. 2004/2005

25 Le interazioni tra le determinanti dellefficienza di gruppo 5 variabili dipendenti Produttività del gruppo Soddisfazione dei membri a.s. 2004/2005

26 I.P.A. (Interaction Process Analisys) di Bales membri categorie ABCDEFGHGR 1. Dimostra solidarietà, stima. Aiuta ed elogia gli altri 2. Allenta le tensioni. Ride, scherza, si dimostra soddisfatto 3. Si dimostra daccordo, accetta, comprende, si dimostra altruista 4. Offre suggerimenti 5. Esprime opinioni, desideri, sentimenti. Valuta, giudica 6. Fornisce orientamenti. Informa, chiarisce, formula, ripete, conferma 7. Chiede orientamenti, informazioni, conferme 8. Chiede opinioni, valutazioni, pareri, espressione di sentimenti 9. Chiede suggerimenti 10. Dimostra disaccordo. Mette in dubbio, rifiuta 11. Dimostra tensione, accresce la tensione, tende a porsi fuori dal gruppo 12. Dimostra antagonismo. Cerca di imporsi, aggredisce, tenta di sminuire lo status degli altri a.s. 2004/2005

27 Team building Obiettivi. Un gruppo di lavoro non può essere efficace se gli obiettivi da perseguire non sono chiari e condivisi. Metodo. Criteri generali che regolano lattività del gruppo. Modalità operative che ottimizzano limpiego delle risorse disponibili. Ruoli. Il gruppo efficace sa utilizzare al meglio le differenti competenze dei suoi membri. Leadership. Determinante per le prestazioni, il clima, la comunicazione, le decisioni. a.s. 2004/2005

28 Team building Comunicazione. Permette il funzionamento del gruppo garantendo lo scambio di informazioni. Clima. Linsieme delle percezioni, dei vissuti, dei sentimenti dei membri del gruppo. Sviluppo. Costruzione del sistema di competenze del gruppo r crescita dei sistemi di competenze individuali. a.s. 2004/2005

29


Scaricare ppt "A.s. 2004/2005 LA RELAZIONE NEI GRUPPI A cura del PROGETTO QUALITA Ministero dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale."

Presentazioni simili


Annunci Google