La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LEADERSHIP E SISTEMA DI DELEGA NEI MODELLI A RETE AVIS Mario Becciu Roma, 5 Novembre 2006.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LEADERSHIP E SISTEMA DI DELEGA NEI MODELLI A RETE AVIS Mario Becciu Roma, 5 Novembre 2006."— Transcript della presentazione:

1 LEADERSHIP E SISTEMA DI DELEGA NEI MODELLI A RETE AVIS Mario Becciu Roma, 5 Novembre 2006

2

3 VARIABILI ORGANIZZATIVE STRUTTURA ORGANIZZATIVA – Organi e funzioni – Relazioni tra organi MECCANISMI OPERATIVI – Sistemi e processi che definiscono lagire individuale dentro le organizzazioni in funzione degli obiettivi

4 VARIABILI ORGANIZZATIVE STILE DIREZIONALE – Modalità dei rapporti tra gli attori organizzativi e capacità dei singoli attori di influenzare i comportamenti degli altri CULTURA – Sistema di valori, significati e norme che attuano processi di socializzazione guidano il comportamento dei membri dellorganizzazione

5 EVOLUZIONE DELLE LOGICHE ORGANIZZATIVE ORG. PIRAMIDALE – Ottimizzazione della funzione organizzativa ORG. ORIZZONTALE – Ottimizzazione della funzione partecipativa ORG. A RETE – Ottimizzazione della funzione comunitaria

6 SPECIFICITÀ DELLE ORGANIZZAZIONI ORGANIZZAZIONE PIRAMIDALE – Efficienza organizzativa – Leadership come sistema di controllo – Autoreferenzialità – Separazione tra le parti del sistema organizzativo – Aumento del fabbisogno dintegrazione

7 SPECIFICITÀ DELLE ORGANIZZAZIONI ORGANIZZAZIONE ORIZZONTALE – Dalla struttura al processo – Focalizzazione sui flussi e sui processi – Leadership come governo dei processi – Diminuzione del fabbisogno di integrazione – Essenzialità organizzativa – Organizzazione in funzione degli utenti – Superamento dei confini interni allorganizzazione

8 SPECIFICITÀ DELLE ORGANIZZAZIONI ORGANIZZAZIONE A RETE – Dai processi interni ai processi esterni – Focalizzazione sullinnovazione – Superamento dei confini – Organizzazioni flessibili e mutevoli

9 SPECIFICITÀ DELLE ORGANIZZAZIONI ORGANIZZAZIONE A RETE – Leadership come governo dei cambiamenti e dellinnovazione – Dallorganizzazione alla comunità – Lavoro per progetti – Ridefinizione dinamica dellidentità associativa – Ridefinizione dinamica della vision e della mission (solidarietà vs. responsabilità; donazione vs.cittadinanza attiva)

10 INTERROGATIVI Come evitare che una associazione di associazioni e di soci polverizzi la sua unitarietà di visione e di missione al moltiplicarsi di autonomie organizzative locali? Come far si che lapertura alla comunità locale ed il radicamento in essa non snaturino il senso di identità e di appartenenza allunica organizzazione associativa?

11 RUOLO DELLA LEADERSHIP GUIDARE E GESTIRE I PROCESSI GUIDARE E GESTIRE LINNOVAZIONE RIVITALIZZARE LIDENTITÀ FAVORIRE E PROMUOVERE IL SENSO DI APPARTENENZA RACCOGLIERE E RISPONDERE ALLE SFIDE DEL PRESENTE IN TEMA DI SOLIDARIETÀ, RESPONSABILITÀ E CITTADINANZA ATTIVA

12 POSSONO I SINGOLI INDIVIDUI RISPONDERE ALLA COMPLESSITÀ DI TALI FUNZIONI?

13 EVOLUZIONE DEL CONCETTO MODELLI CENTRATI SUL LEADER MODELLI CENTRATI SUL CONTESTO MODELLI CENTRATI SULLITERDIPENDENZA SISTEMICA LEADER/CONTESTO

14 EVOLUZIONE DEL CONCETTO LEADERSHIP EFFICACE LEADERSHIP SITUAZIONALE LEADERSHIP AUTOREVOLE LEADERSHIP APPROPRIATA LEADERSHIP DIFFUSA LEADERSHIP COMUNITARIA

15 LEADERSHIP EFFICACE SI CARATTERIZZA PER: PRODUTTIVITÀ EFFICIENZA MANTENIMENTO DEL SISTEMA ORGANIZZATIVO

16 LEADERSHIP SITUAZIONALE SI CARATTERIZZA PER: INTERDIPENDENZA LEADER/GRUPPO NON PRESENZA DI LEADERSHIP OTTIMALE DIFFERENTI MODALITÀ DI LEADERSHIP LA PRESENZA DELLA LEADERSHIP DI DELEGA

17

18 LEADERSHIP AUTOREVOLE SI CARATTERIZZA PER: QUALITÀ PERSONALI DEL LEADER EQUILIBRIO TRA PRODUTTIVITÀ E CLIMA UMANO VALORIZZAZIONE DELLA DIGNITÀ DELLE PERSONE ESSERE ORIENTATA ALLA CRESCITA DELLE PERSONE

19

20 Un capo qualunque fa si che gli altri pensino che il capo sia straordinario. Un capo straordinario fa si che gli altri pensino che loro stessi sono straordinari. Hagerty

21 Attraverso la GUIDA AUTOREVOLE il leader, pur svolgendo funzioni orientative e normative, funge da FACILITATORE che lavora non per il gruppo ma CON il gruppo valorizza le RISORSE dei singoli promuove la DIALOGICITÀ nelle interazioni Stimola la CORRESPONSABILITÀ nel raggiungimento delle mete personali e comuni

22 FUNZIONI DEL LEADER L. E. = leadership emotiva L. D. = leadership direttiva L. A. = leadership autorevole compito relazione L. D. L. A. L. E.

23 LEADERSHIP APPROPRIATA SI CARATTERIZZA PER: COERENZA RISPETTO ALLA VISION E ALLA MISSION DELLASSOCIAZIONE ESSERE ADEGUATA RISPETTO AI BISOGNI DEL TERRITORIO ESSERE RISPONDENTE ALLE RISORSE UMANE DISPONIBILI

24 LEADERSHIP DIFFUSA SI CARATTERIZZA PER: CORRESPONSABILITÀ DA PARTE DI TUTTI I MEMBRI FOCALIZZAZIONE SULLA QUALITÀ DEI CONTRIBUTI VALORIZZAZIONE DEL PENSIERO CRITICO, CREATIVO E STRATEGICO

25 LEADERSHIP COMUNITARIA SI CARATTERIZZA PER: FOCALIZZAZIONE SUI CAMBIAMENTI PRODOTTI DAL VIVERE DENTRO LA COMUNITÀ INDIVIDUAZIONE DEI BISOGNI STRATEGICI DELLA COMUNITÀ DIFFUSIONE DELLA CULTURA DELLA SOLIDARIETÀ SVILUPPO DI RETI DI SOSTEGNO SOLIDALE

26 LA FUNZIONI DI LEADERSHIP IN AVIS: VISIONE SINTETICA INVESTIRE SUL SENSO DI APPARTENENZA INVESTIRE SULLA FORMAZIONE ALLA CULTURA DELLA COMPLESSITÀ, AL PENSIERO STRATEGICO E ALLA QUALITÀ SOCIALE PROMUOVERE I CAMBIAMENTI E GESTIRE LINNOVAZIONE PARTECIPARE COME PROTAGONISTI ALLA COSTRUZIONE DI COLLETTIVITÀ SOLIDALI

27 LA FUNZIONI DI LEADERSHIP IN AVIS: VISIONE SINTETICA Fra tutti gli elementi precedenti la leadership si caratterizza per: La definizione della direzione del cambiamento Lo sviluppo di una visione del futuro Il governo delle strategie generative dei cambiamenti nelle associazioni e nei soci Lorientamento delle persone perché aderiscano alla vision La motivazione delle persone attraverso il rispondere ai loro bisogni fondamentali

28 LA FUNZIONI DI LEADERSHIP IN AVIS: VISIONE SINTETICA ESSERE LEADER, OVVERO GUIDARE IL CAMBIAMENTO, SIGNIFICA ELABORARE VISIONI E INFONDERE LENERGIA NECESSARIA PER TRASFORMARE LE VISIONI IN REALTÀ non si può guardare la realtà con lo specchietto retrovisore (J.P. Kotter, 1999)

29 QUALITÀ PERSONALI RICHIESTE ALLESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI LEADERSHIP QUALITÀ MORALI (ETICA DELLA SOLIDARIETÀ) QUALITÀ A LIVELLO COGNITIVO (FLESSIBILITÀ, PROBLEM SOLVER, INTUIZIONE, PREVISIONALITÀ) QUALITÀ A LIVELLO SOCIORELAZIONALE (COMUNICATORE DI QUALITÀ) QUALITÀ A LVELLO COMPORTAMENTALE (BUON MODELLO DI PERSONA SOLIDALE)

30 LA COMUNICAZIONE DI QUALITÀ NEI CONTESTI ASSOCIATIVI LA COMUNICAZIONE È DI QUALITÀ QUANDO: le intenzioni coincidono con gli effetti si realizza la pariteticità tra gli interlocutori si metacomunica valorizzazione reciproca (Becciu - Colasanti)


Scaricare ppt "LEADERSHIP E SISTEMA DI DELEGA NEI MODELLI A RETE AVIS Mario Becciu Roma, 5 Novembre 2006."

Presentazioni simili


Annunci Google