La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1° viaggio missionario Anni: circa il 40-45 d.C. Luogo di partenza: Antiochia di Siria Compagni di viaggio (fatto sia via mare che via terra): Barnaba.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1° viaggio missionario Anni: circa il 40-45 d.C. Luogo di partenza: Antiochia di Siria Compagni di viaggio (fatto sia via mare che via terra): Barnaba."— Transcript della presentazione:

1 1° viaggio missionario Anni: circa il d.C. Luogo di partenza: Antiochia di Siria Compagni di viaggio (fatto sia via mare che via terra): Barnaba e Giovanni-Marco, che però ad un certo punto va via Località toccate: Cipro (luogo di origine di Barnaba) e alcune regioni del sud dellattuale Turchia. Fatti importanti o curiosi: nella città di Listra Paolo e Barnaba sono scambiati per due degli dei romano-greci: Zeus ed Hermes.

2 Cera a Listra un uomo paralizzato alle gambe. Egli ascoltava il discorso di Paolo e questi, guardandolo e notando che aveva fede, disse : «Alzati diritto in piedi!» ed egli si mise a camminare. La gente allora, al vedere ciò che Paolo aveva fatto, esclamò: «Gli dei sono scesi tra di noi in figura umana!». E chiamavano Barnaba Zeus e Paolo Hermes, perché era lui il più capace di fare discorsi. Intanto il sacerdote di Zeus, il cui tempio era allingresso della città, portando tori e corone, voleva offrire un sacrificio insieme alla folla. Sentendo ciò, gli apostoli Barnaba e Paolo gridavano: «Cittadini, perché fate questo? Anche noi siamo esseri umani, come voi, e vi predichiamo di convertirvi da questi dei falsi al Dio vivente che ha fatto il cielo, la terra, il mare e tutte le cose che in essi si trovano. E così dicendo, riuscirono a fatica a far desistere la folla dalloffrire loro un sacrificio.

3 Lepisodio è raffigurato nel soffitto della chiesa di San Paolo Maggiore Ritrova gli elementi: 1) gli animali da sacrificare e le cose che servono per il sacrificio; 2) Paolo e Barnaba e nota cosa dicono attraverso i gesti

4 Ad Antiochia, al ritorno dal primo viaggio missionario, Paolo e Barnaba hanno una brutta sorpresa: alcuni cristiani di stirpe ebraica non accettavano che persone non ebree potessero diventare cristiane. Pensavano infatti che per essere cristiani, prima di tutto bisognasse essere fedeli alle Leggi ebraiche e seguire tutte le prescrizioni rituali. Per risolvere definitivamente la questione, Paolo e Barnaba vanno a Gerusalemme, per parlare con gli altri apostoli e decidere una volta per tutte. La soluzione viene raggiunta, dopo discussioni e qualche scontro, in quello che viene chiamato Concilio di Gerusalemme. Dopo un intervento decisivo del capo del gruppo degli apostoli, cioè di Pietro, la decisione finale è a pieno favore di Paolo e Barnaba: PER ESSERE CRISTIANI NON È NECESSARIO DIVENTARE PRIMA EBREI Non è una cosa da poco: si inizia a capire che il cristianesimo, pur nascendo dallebraismo, è una religione diversa.

5 Alcune opere darte mostrano Paolo e Pietro che discutono tra di loro…

6 … altre li mettono luno accanto allaltro: di fronte o abbracciati o primi tra gli apostoli, i più vicini a Gesù. QUESTO INDICA LUNITA DI TUTTA LA CHIESA, FORMATA DA CRISTIANI PROVENIENTI SIA DAL POPOLO EBRAICO CHE DA TUTTI GLI ALTRI POPOLI simboleggiati dallapostolo Pietro simboleggiati dallapostolo Paolo

7 Il metodo di Paolo era questo: - predicava prima di tutto nelle sinagoghe, agli ebrei, cercando di dimostrare che Gesù era il Messia (con risultati spesso molto scarsi, se non addirittura di opposizione netta, botte o carcere…) - poi si rivolgeva ai non ebrei, andando a parlare nelle piazze, nei luoghi di mercato, nei porti: ovunque potesse essere ascoltato. Spesso almeno qualcuno credeva alle sue parole e pian piano si formava un gruppo di credenti.

8 - passato un po di tempo Paolo partiva per unaltra città, dopo aver lasciato qualcuno a capo della comunità cristiana - spesso manteneva i contatti con le comunità da lui fondate attraverso delle lettere

9 Per i cristiani queste lettere sono molto importanti e sono state raccolte: insieme ai Vangeli formano il Nuovo Testamento. I cristiani cattolici leggono dei brani tratti dalle sue lettere (e da quelle degli altri apostoli) in ogni Messa della domenica.

10 2° viaggio missionario Anni: circa il d.C. Luogo di partenza: Antiochia di Siria Compagni di viaggio: Sila e da un certo punto in poi anche Timoteo Località toccate: alcuni porti e città interne dellattuale Turchia e varie città della Grecia. Fatti importanti o curiosi: 1) Paolo descrive una visione avuta in sogno: un uomo della Macedonia, regione della Grecia, lo supplica di aiutarli. Paolo allora pensa che Dio voglia che vada là; è un passaggio importante: inizia levangelizzazione dellEuropa. 2) Paolo predica in città di grande cultura, tra le quali Atene, in cui fa un discorso allareopago (cfr. Atti 17,1ss)

11 Paolo ad Atene, fremeva al vedere la città piena di idoli. Discuteva nella sinagoga con i Giudei e e ogni giorno sulla piazza principale con quelli che incontrava. Alcuni filosofi lo condussero sullAreòpago e dissero: «Possiamo dunque sapere qual è questa nuova dottrina predicata da te?». Il commento dellEvangelista Luca, autore degli Atti degli Apostoli, è ironico: tutti gli Ateniesi e gli stranieri là residenti non avevano passatempo più gradito che parlare e sentir parlare. VOCABOLARIO: areopago il colle di Atene, il cui nome deriva dal dio Ares, in cui si radunava lassemblea degli anziani, dei saggi

12 Cittadini ateniesi, vedo che siete molto timorati degli dei. Passando e osservando i monumenti, ho trovato anche un altare con liscrizione: Al Dio ignoto. Quello che voi adorate senza conoscere, io ve lo annunzio: Il Dio che ha fatto il mondo e tutto ciò che contiene, che è signore del cielo e della terra, non dimora in templi costruiti dalle mani delluomo … non dobbiamo pensare che la divinità sia simile alloro, allargento e alla pietra, che porti limpronta dellarte e dellimmaginazione umana. Ora Dio ordina a tutti gli uomini di tutti i luoghi di convertirsi e cambiare vita, perché ha stabilito un giorno in cui giudicherà la terra per mezzo di un uomo che egli ha designato, dandone a tutti prova sicura col risuscitarlo dai morti». Quando sentirono parlare di risurrezione di morti, alcuni lo deridevano, altri dissero: «Ti sentiremo su questo unaltra volta». Ed ecco il discorso di Paolo (circa! nessuno ha preso appunti!) Cioè: bel discorso finché parla di Dio, ma quando parla di resurrezione… Ciao!

13 Nella basilica di San Paolo Maggiore, in un enorme affresco del soffitto è raffigurato questo famoso discorso

14 Primo piano: rovine sono un elemento simbolico più che realistico: indicano che la civiltà e la religione greco-romana dopo poco sarà vinta dal cristianesimo Parte centrale: tante persone, in diversi atteggiamenti, con alcuni elementi architettonici che fanno capire dove si svolge questo fatto Parte superiore: il cielo, anchesso con alcuni personaggi.

15 Cè laltare al dio ignoto (infatti non ha sopra nessuna statua) e due persone che lo indicano Finché parla di Dio tanti lo ascoltano, colpiti da quello che dice e, Paolo pregano chiamano altri ad ascoltarlo o consultando i loro libri per vedere se ha ragione.

16 Ma quando Paolo inizia a spiegare che Dio ha fatto risorgere Gesù dai morti… tanti se ne vanno!

17 Paolo annuncia Dio, raffigurato qui dalla luce dallalto. Subito sotto, ci sono raffigurate tre donne che simboleggiano le tre virtù fondamentali: Vestita di bianco con la croce, il calice e lostia è la FEDE Vestita di verde e con in mano unancora (segno di salvezza già dal tempo dei primi cristiani) è la SPERANZA Vestita di rosso e con un bambino in braccio per allattarlo è la CARITA


Scaricare ppt "1° viaggio missionario Anni: circa il 40-45 d.C. Luogo di partenza: Antiochia di Siria Compagni di viaggio (fatto sia via mare che via terra): Barnaba."

Presentazioni simili


Annunci Google