La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

…Si meravigliavano del suo insegnamento. Alla sequela di 1www.lucianomeddi.eu.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "…Si meravigliavano del suo insegnamento. Alla sequela di 1www.lucianomeddi.eu."— Transcript della presentazione:

1 …Si meravigliavano del suo insegnamento. Alla sequela di 1www.lucianomeddi.eu

2 In ascolto… Ascolto assiduo della parola di Dio, celebrazione liturgica e comunione nella carità sono, dunque, le dimensioni costitutive della vita ecclesiale; esse hanno unintrinseca forza educativa, poiché mediante il loro continuo esercizio il credente è progressivamente conformato a Cristo. Mentre testimonia la fede in letizia e semplicità, la comunità diviene capace di condividere i beni materiali e spirituali. Già così il compito educativo si mostra quale «esigenza costitutiva e permanente della vita della Chiesa» La Chiesa discepola, madre e maestra in Educare alla vita buona del Vangelo, n. 21 2www.lucianomeddi.eu

3 Temi 1.Una troppo lunga assenza 2.Gesù Maestro 3.I discepoli del Maestro 4.Vi insegnerà ogni cosa: il Maestro interiore 5.Comunità, discepola e maestra 3www.lucianomeddi.eu

4 1. Una troppo lunga assenza Perché in S. Angelo in Formis non cè il racconto delle parabole di Gesù? 4www.lucianomeddi.eu

5 1. Una troppo lunga assenza Se il Vangelo È importante solo per la morte e risurrezione, i racconti di Gesù sono solo anticipazione e allegoria dei sacramenti e il dono dello Spirito è solo come redenzione Allora per essere cristiani il vangelo non è importante; è solo un racconto che serve a motivare la dottrina Ma se desideriamo essere discepoli…. 5www.lucianomeddi.eu

6 1. Una troppo lunga assenza Il ritorno dallesilio –La Chiesa ha sempre venerato le divine Scritture come ha fatto per il Corpo stesso di Cristo, non mancando mai, soprattutto nella sacra liturgia, di nutrirsi del pane di vita dalla mensa sia della parola di Dio che del Corpo di Cristo, e di porgerlo ai fedeli. (DV 21) –La catechesi, secondo le circostanze, svilupperà tutta la ricchezza dei misteri di Gesù. Qui basta indicare alcuni elementi comuni a tutti i misteri della vita di Cristo (I), per accennare poi ai principali misteri della vita nascosta (II) e pubblica (III) di Gesù. (CCC 513) 6www.lucianomeddi.eu

7 2. Gesù Maestro 7www.lucianomeddi.eu

8 2. Gesù Maestro È lattività scelta da Gesù: egli annuncia, insegna, forma i discepoli, discute… Molti i titoli di Gesù. Ma egli pensa a se stesso nella linea dei profeti Pensa la salvezza –Come conversione –Realizzata da un insegnamento 8www.lucianomeddi.eu

9 2. Gesù Maestro È diventato maestro –Attraverso la meditazione delle narrazioni bibliche –Rilette con la attualità –Convertendo la sua vita alla comprensione progressiva 9www.lucianomeddi.eu

10 2. Gesù Maestro La formazione dei discepoli –Vivendo in comunità –Attualizzando le parabole –Spiegando le conseguenze della sua missione –Illuminando e guarendo la trasformazione che comporta ladesione a lui –Chiedendo conferma della loro scelta 10www.lucianomeddi.eu

11 3. I discepoli del Maestro Beato Angelico, Sermone della Montagna 11www.lucianomeddi.eu

12 3. I discepoli del Maestro I Vangeli nascono per raccontare lesperienza della risurrezione –Sottolineano la conferma della sua missione –È Signore, È Messia, È manifestazione di Dio stesso –Ma il motivo è il senso della sua vita 12www.lucianomeddi.eu

13 3. I discepoli del Maestro La memoria delle parole di Gesù –È stata trasmessa con il linguaggio del suo tempo –Secondo le difficoltà delle diverse comunità –Occorre leggere il vangelo in modo da farci raccontare il suo messaggio 13www.lucianomeddi.eu

14 3. I discepoli del Maestro Le parole di Gesù\1 La presenza del Regno di Dio e nuovo Esodo –Lc 4: È nella collaborazione allanno giubilare –Mt 25: nel servizio agli esclusi della società –Mt 5: è descritta nel discorso della montagna 14www.lucianomeddi.eu

15 3. I discepoli del Maestro Le parole di Gesù\2 Il regno nel conflitto della storia –Resistenze interiori alla conversione –Resistenze delle autorità religiose e politiche –Resistenze della natura cosmica 15www.lucianomeddi.eu

16 3. I discepoli del Maestro Le parole di Gesù\3 La formazione dei discepoli –Alla nuova giustizia –Alla essenzialità della vita –Alla esperienza di fraternità e discernimento comune –Al perdono reciproco 16www.lucianomeddi.eu

17 3. I discepoli del Maestro Le parole di Gesù\4 Il manifesto della identità –Sia fatta la tua volontà –Moltiplichiamo il pane –Riconciliamoci fraternamente –Non cadiamo nella tentazione di non credere allavvento del Regno 17www.lucianomeddi.eu

18 4. Educati dalla parola Vi insegnerà ogni cosa: il Maestro interiore

19 4. Educati dalla parola Invocare lo Spirito –Lo Spirito presiede la creazione delluomo Gesù –Presiede (spinge ) la vocazione e conversione di Gesù –Lo educa alla comprensione della volontà del Padre –Lo fa esultare per le grandi opere che Dio compie –Lo sostiene nei momenti della prova –Lo riempie nella risurrezione 19www.lucianomeddi.eu

20 4. Educati dalla parola La lectio –Lettura –Parole chiavi o temi generatori della scrittura (la bibbia si legge con la Bibbia) –Il contesto del testo –La vita della comunità dello scrittore 20www.lucianomeddi.eu

21 4. Educati dalla parola Lattualizzazione –Per il senso della vita –Per la conversione e la guarigione personale –Per giudicare la storia –Per comprendere il compito della comunità –Per capire la dottrina della fede 21www.lucianomeddi.eu

22 4. Educati dalla parola La contemplazione –Desiderare lagire di Dio su di noi e la comunità –Abbandonarsi alla trasformazione dello Spirito –Simbolizzare, ritualizzare e celebrare il messaggio 22www.lucianomeddi.eu

23 4. Educati dalla parola La prassi –La parola compie la sua via negli atti (praxis) degli apostoli –La decisione personale e comunitaria –Attraverso il discernimento comunitario –La invocazione dei carismi –Il compito della ministerialità 23www.lucianomeddi.eu

24 4. Comunità, discepola e maestra Van Gogh seminatore

25 4. Comunità, discepola e maestra Comunicatori come Gesù\1 Narrare e raccontare il Vangelo –Gesù racconta, noi narriamo? –Il Vangelo è proclamato quando rispettato nei suoi significati –Il vangelo è raccontato quando viene letto dentro la storia viva della comunità e dei credenti

26 4. Comunità, discepola e maestra Comunicatori come Gesù\2 La provocazione e il giudizio della parabola –La comunicazione centrata sulla richiesta di prendere posizione –Ma anche sul giudizio da dare al nostro tempo: non sapete conoscere questo tempo?

27 4. Comunità, discepola e maestra Comunicatori come Gesù\3 La disputa teologico-culturale –Si tratta di evangelizzare la cultura (Segni dei tempi: GS 4) perché accolga il Vangelo –Ma anche di riconoscere le presenze di Dio, la inculturazione della fede (segni per i tempi: GS 11) per un vero dialogo

28 4. Comunità, discepola e maestra Comunicatori come Gesù\4 Il dialogo con il Padre –Il deserto nella città e nella vita personale –La preghiera apostolica di Gesù (Martini 2011): fare la volontà –La costruzione della interiorità: consapevolezza e unione psico- spirituale

29 4. Comunità, discepola e maestra Comunicatori come Gesù\5 Nuove parabole mediatiche e comunicazione interpersonale –Democraticità, interattività e personalità narrativa della comunicazione attuale –Il compito di una vera comunicazione per la accoglienza e umanizzazione della relazione umana


Scaricare ppt "…Si meravigliavano del suo insegnamento. Alla sequela di 1www.lucianomeddi.eu."

Presentazioni simili


Annunci Google