La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof. Antonio Moccaldi I rischi dei lavoratori in agricoltura Seminario UIL Fiuggi 18 febbraio 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof. Antonio Moccaldi I rischi dei lavoratori in agricoltura Seminario UIL Fiuggi 18 febbraio 2009."— Transcript della presentazione:

1 Prof. Antonio Moccaldi I rischi dei lavoratori in agricoltura Seminario UIL Fiuggi 18 febbraio 2009

2 Lambiente di lavoro agricolo Lambiente di lavoro agricolo è considerato un ambiente a rischio nel quale ogni attività ha una sua specifica pericolosità legata ai fattori di nocività ad essa connessi. Prof. Antonio Moccaldi

3 Nellambiente agricolo le malattie professionali possono essere classificate in tre gruppi causali: Malattie legate allambiente di lavoro; Malattie da materiali da lavoro tra cui prodotti di colture, animali, concimi, prodotti fitosanitari; Malattie da strumento di lavoro. Lambiente di lavoro agricolo e le malattie professionali Prof. Antonio Moccaldi

4 affezioni broncopolmonari da polveri di canapa, juta, lino, cotone, pesticidi, e fertilizzanti dermatiti da contatto con sostanze chimiche, foglie, frutti e fiori di alcune piante, malattie infettive e parassitarie, oculopatie da sostanze vegetali e da sostanze chimiche organiche ed inorganiche, intossicazioni acute da pesticidi. Lambiente di lavoro agricolo e le malattie professionali Prof. Antonio Moccaldi

5 Affezioni viraliAffezioni da rickettsie arbovirustifo esantematico. febbre bottonosa, etc. rabbia afta epizooticapsittacosi Affezioni battericheInfezioni da spirochete tetanoleptospirosi salmonellosifebbre ricorrente carbonchioPatologie protozoarie brucellosiMalaria morvaToxoplasmosi tularemialeishmaniosi campilobatteriosiInfestazioni listeriosinematodi (anchilostomiasi, trichinosi) yersiniasicestodi (tenia solium,t. saginata, echinococcosi) mal rossinoMicosi Lambiente di lavoro agricolo e il rischio biologico Prof. Antonio Moccaldi

6 Lambiente di lavoro agricolo e il rischio chimico Agenti chimici utilizzati in agricoltura Prodotti fitosanitari Disinfettanti o batterici (allevamenti) Antisettici o batteriostatici (allevamenti) Disinfettanti chimici (zootecnia, depositi alimenti, mangimi, ambienti di lavoro) Altri (Solventi, lubrificanti, coloranti) Prof. Antonio Moccaldi

7 Agenti chimici come prodotti di degradazione o di fermentazione Prodotti della fermentazione e degradazione biologica di sostanze organiche nei ricoveri zootecnici (ammoniaca, idrogeno solforato), nei silos (gas nitrosi), in cantina (anidride carbonica) Residui di combustione da impianti di riscaldamento (monossido di carbonio), fumi da impianti fissi (serre) o macchine e attrezzature mobili (trattici, motoseghe) Lambiente di lavoro agricolo e il rischio chimico Prof. Antonio Moccaldi

8 I prodotti fitosanitari I prodotti fitosanitari comprendono circa 700 principi attivi formulati in più di 8000 prodotti commerciali. I principi attivi costituiscono una classe eterogenea di composti, comprendente sostanze organiche naturali o di sintesi e composti inorganici. Prof. Antonio Moccaldi

9 Il consumo di prodotti antiparassitari di uso agricolo è pari a circa quintali annui (dati ISTAT, 2007), comprendenti quintali di principi attivi (dati ISTAT 2007). Non sono disponibili i quantitativi utilizzati per uso domestico/civile In Italia sono registrati circa 7000 prodotti antiparassitari di uso agricolo e circa 600 principi attivi. Il numero di prodotti di uso domestico/civile non risulta disponibile; I prodotti fitosanitari Prof. Antonio Moccaldi

10 Conferenza Stampa Strasburgo, 13 gennaio 2009 Nuove norme UE per pesticidi più sostenibili Con lo scopo di migliorare la tutela della salute e dell'ambiente, il Parlamento ha adottato due testi legislativi sullautorizzazione e la vendita dei pesticidi nonché sul loro uso sostenibile e la promozione della difesa integrata. Ampliando la possibilità di scelta negli Stati membri, sono però bandite alcune sostanze altamente tossiche ed è vietato l'uso di pesticidi nei giardini pubblici e nei parchi gioco. Sono poi fissate severe condizioni per l'irrorazione aerea e la tutela delle acque. CUT-OFF CRITERIA Prof. Antonio Moccaldi

11 Emendamento alla direttiva 2006/42/CE (nuova Direttiva Macchine) Facendo seguito alla direttiva sulluso sostenibile dei pesticidi la Commissione Europea sta preparando un emendamento alla direttiva 2006/42/CE al fine di inserire nei Requisiti Essenziali di Sicurezza alcuni requisiti relativi alla protezione dellambiente che si applicheranno esclusivamente alle macchine per la distribuzione di pesticidi

12 D. Lgs. 81/2008 Il quadro normativo di riferimento Salute e sicurezza nellambiente di lavoro agricolo Lagricoltura presenta caratteristiche peculiari e differenziate da tutti gli altri settori produttivi. Infatti, la molteplicità e leterogeneità dei diversi lavori colturali, la varietà delle forme di conduzione delle aziende, la polverizzazione e dispersione di queste nel territorio, la variabilità del terreno (soprattutto in riferimento alle pendenze e alle caratteristiche fisico - chimiche), letà lavorativa degli addetti, determinano la molteplicità e leterogeneità delle diverse situazioni di rischio e di conseguenza anche delle diverse soluzioni adottate. Prof. Antonio Moccaldi

13 D. Lgs. 81/2008 Art.3 Campo di applicazione Il decreto si applica a tutti i settori, a tutte le tipologie di rischio, a tutte le lavoratrici e lavoratori indipendentemente dal rapporto di lavoro, compresi i lavoratori autonomi. Nel caso di lavoratori che lavorano con un contratto di somministrazione, tutti gli obblighi di prevenzione protezione sono a carico dellutilizzatore. NUOVO SCENARIO Il quadro normativo di riferimento Salute e sicurezza nellambiente di lavoro agricolo Prof. Antonio Moccaldi

14 D. Lgs. 81/2008 Art. 21. Disposizioni relative ai componenti dell'impresa familiare di cui all'articolo 230-bis del codice civile e ai lavoratori autonomi 1. I componenti dell'impresa familiare di cui all'articolo 230- bis del codice civile, i lavoratori autonomi che compiono opere o servizi ai sensi dell'articolo 2222 del codice civile, i piccoli imprenditori di cui all'articolo 2083 del codice civile e i soci delle società semplici operanti nel settore agricolo devono: a) utilizzare attrezzature di lavoro in conformità alle disposizioni di cui al titolo III; b) munirsi di dispositivi di protezione individuale ed utilizzarli conformemente alle disposizioni di cui al titolo III; Il quadro normativo di riferimento Salute e sicurezza nellambiente di lavoro agricolo Prof. Antonio Moccaldi

15 Dati statistici Prof. Antonio Moccaldi INFORTUNI DENUNCIATI SETTORE AGRICOLO - ANNO infortuni totali 124 Infortuni mortali di cui INFORTUNI DENUNCIATI SETTORE AGRICOLO - ANNO infortuni totali 105 Infortuni mortali di cui

16 INDICE DI FREQUENZA GENERALE 52, % rispetto al 2006 ANNO 2007 Prof. Antonio Moccaldi

17 Settore agricolo (statistiche EUROSTAT) 13% infortuni mortali sul totale Agente materiale di infortunio (anno 2006) infortuni determinati da macchine 14,4% sul totale del settore 5.725infortuni determinati da macchine motrici 9,1 % sul totale del settore 99% dei casi di infortuni è determinato dal trattore Dati statistici Prof. Antonio Moccaldi

18 Dati statistici LAVORATORI AUTONOMI Anno % (6.687 casi) di cui 7 % (4.448 casi) Infortuni causati dalle macchine da macchine motrici LAVORATORI DIPENDENTI Anno % (2.371 casi) di cui 2% (1.277 casi) Infortuni causati Infortuni causati dalle macchine da macchine motrici Prof. Antonio Moccaldi

19 I dati statistici (fonte INAIL) evidenziano che nel corso del 2006 sono stati registrati solo poche decine di infortuni mortali determinati dal trattore. Ciononostante da indagini condotte dallISPESL sul territorio e da informazioni emerse da ricerche svolte sui principali mezzi di informazione (quotidiani ed agenzie di stampa) emerge che il numero di infortuni con il trattore quale agente materiale è significativamente superiore. Dati rilevati a mezzo stampa

20 Nel corso del 2008 lISPESL ha rilevato: 168 eventi infortunistici connessi con luso del trattore di cui 126 mortali di questi 153 sono stati determinati dal capovolgimento del trattore di cui 114 mortali Dati rilevati a mezzo stampa

21 La differenza fra i dati rilevati a mezzo stampa dallISPESL e quelli registrati dallINAIL probabilmente è da attribuire al fatto che lINAIL a partire dal 1993 ha escluso dallassicurazione obbligatoria i lavoratori agricoli non professionalmente addetti. Dati rilevati a mezzo stampa

22 Adeguamento delle macchine già in uso in riferimento soprattutto ai requisiti di sicurezza individuati nella Direttiva 95/63/CE Leliminazione delle situazioni di pericolo sulle macchine di nuova immissione sul mercato Programmi di ricerca dellISPESL: Prof. Antonio Moccaldi

23 Adeguamento delle macchine già in uso Prof. Antonio Moccaldi

24 Adeguamento delle macchine già in uso Prof. Antonio Moccaldi

25 Adeguamento delle macchine già in uso Prof. Antonio Moccaldi

26 EN 703: 1995 MACCHINE AGRICOLE DESILATRICI; EN 14017: 2005 MACCHINE AGRICOLE – DISTRIBUTORI DI FERTILIZZANTI MINERALI; ISO MACCHINE AGRICOLE – FALCIATRICI ROTATIVE E TRINCIATRICI – metodi di prova per teli di protezione; EN 709: 1997 MACCHINE AGRICOLE E FORESTALI MOTOCOLTIVATORI PROVVISTI DI COLTIVATORI ROTATIVI, MOTOZAPPATRICI, MOTOZAPPATRICI CON RUOTA(E) MOTRICE(I) Interventi sullevoluzione della normativa tecnica Prof. Antonio Moccaldi

27 EN 690: 1994 MACCHINE AGRICOLE SPANDILETAME EN 13524: 2003 MACCHINE PER LA MANUTENZIONE DEI BORDI STRADALI EN 836: 1997 – MACCHINE DA GIARDINAGGIO RASAERBA NORMA PER IL RIBALTAMENTO DELLE MACCHINE AGRICOLE SEMOVENTI Interventi sullevoluzione della normativa tecnica Prof. Antonio Moccaldi

28 Il ruolo dellISPESL Attività di ricerca Piano attività triennale Commissione Consultiva per i Prodotti Fitosanitari Il rischio per la salute dei lavoratori in agricoltura Prof. Antonio Moccaldi

29 Il settore agricolo in Italia Attività di ricerca: alcuni esempi P01 - Agenti chimici pericolosi e cancerogeni L01 - Valutazione del rischio di esposizione a prodotti fitosanitari. Collaborazioni International Centre for Pesticides and Health Risk Prevention (ICPS). Agrofarma. Centro Ricerche Lamezia Terme Prof. Antonio Moccaldi

30 Il settore agricolo in Italia Attività di ricerca: alcuni esempi Obiettivi Messa a punto di criteri e di procedure armonizzate finalizzate alla valutazione del rischio per operatori, lavoratori e astanti nellambito del processo di autorizzazione nazionale dei prodotti fitosanitari. Definizione di scenari di esposizione nazionali a prodotti fitosanitari e valutazione delle aree di maggiore criticità (esposizione in serra, esposizione dei residenti, tempi di rientro). Risultati attesi Messa a punto di una procedura armonizzata per la valutazione del rischio di esposizione occupazionale a prodotti fitosanitari in attuazione della Direttiva 91/414/CEE. Prof. Antonio Moccaldi

31 P03 - Patologie respiratorie, rischio biologico ed allergologico in ambito occupazionale L03 - Zoonosi occupazionali Risultati attesi Contributo alla conoscenza sullattuale distribuzione di alcune zoonosi sul territorio nazionale, soprattutto per quanto riguarda la popolazione lavorativa; I dati di prevalenza anticorpale nei confronti dei patogeni considerati nelle popolazioni oggetto dello studio saranno confrontati con i dati europei al fine di evidenziare lesistenza o meno del rischio reale di infezione per alcune categorie di soggetti (in particolare per i lavoratori); La valutazione del rischio da agenti biologici nello specifico settore permetterà l'individuazione di precise misure di prevenzione e protezione in ambito lavorativo Il settore agricolo in Italia Attività di ricerca: alcuni esempi Prof. Antonio Moccaldi

32 Obiettivi Monitorare alcune zoonosi occupazionali mediante studi sieroepidemiologici in particolari categorie lavorative di regioni italiane; Confrontare i dati di sieroprevalenza ottenuti con studi similari europei; Individuare i fattori di rischio nei lavoratori professionalmente esposti (forestali, allevatori, veterinari, addetti alla coltivazione agricola…) Identificare idonee misure preventive e protettive per i lavoratori maggiormente a rischio di esposizione Promuovere una cultura della prevenzione mediante campagne di informazione/formazione rivolte da una parte a lavoratori esposti ad infezioni zoonotiche, dallaltra a medici, veterinari ed operatori delle ASL coinvolti nel controllo delle malattie infettive Il settore agricolo in Italia Prof. Antonio Moccaldi

33 LINEE DI RICERCA - ISPESL Piano triennale di attività Prof. Antonio Moccaldi DipartimentoLinea di ricerca Titolo della linea di ricerca DMLL. 03La prevenzione in ambito agricolo per la salute e la sicurezza degli operatori DIPIAL. 02Sviluppo di biomarcatori di genotossicità e analisi della diversità microbica nellavalutazione dellimpatto degli inquinanti in agricoltura DTSL. 04La gestione del rischio nelle lavorazioni agricole meccanizzate

34 LINEE DI RICERCA - ISPESL Piano triennale di attività Prof. Antonio Moccaldi DipartimentoLinea di ricerca Titolo della linea di ricerca DMLL. 01Indagini epidemiologiche in lavoratori esposti ad agenti infettivi responsabili di zoonosi vettore-trasmesse DMLL. 03Zoonosi occupazionali DTSL. 19Analisi dei requisiti di sicurezza per la protezione del conducente e del passeggero contro il pericolo di capovolgimento nei trattori agricoli o forestali

35 LINEE DI RICERCA - ISPESL Piano triennale di attività Prof. Antonio Moccaldi DipartimentoLinea di ricerca Titolo della linea di ricerca DTSL. 20Definizione delle caratteristiche funzionali e di resistenza dei dispositivi di protezione interbloccati per alberi cardanici di trasmissione dalla presa di potenza dei trattori DTSL. 21Analisi dei sistemi di interruzione del moto in caso di ingolfamento degli organi di presa delle macchine agricole rotoimballatrici e individuazione dei relativi valori limite di attivazione

36 LINEE DI RICERCA - ISPESL Piano triennale di attività Prof. Antonio Moccaldi DipartimentoLinea di ricerca Titolo della linea di ricerca DTSL. 22La protezione contro il contatto non intenzionale con gli organi di spandimento nelle macchine agricole spandiletame DTSL. 23Rischio di proiezione di oggetti nelle macchine agricole falciatrici e nelle falciatrici per la manutenzione delle strade DTSL. 24Ladeguamento di macchine agricole desilatrici, miscelatrici e/o trinciatrici e distributrici di insilati contro il rischio di contatti accidentali con gli organi di miscelazione e desilamento


Scaricare ppt "Prof. Antonio Moccaldi I rischi dei lavoratori in agricoltura Seminario UIL Fiuggi 18 febbraio 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google