La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INTEGRATORI:Le normative Italiane ed Europee ed i regolamenti applicativi. INTEGRATORI: Le normative Italiane ed Europee ed i regolamenti applicativi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INTEGRATORI:Le normative Italiane ed Europee ed i regolamenti applicativi. INTEGRATORI: Le normative Italiane ed Europee ed i regolamenti applicativi."— Transcript della presentazione:

1 INTEGRATORI:Le normative Italiane ed Europee ed i regolamenti applicativi. INTEGRATORI: Le normative Italiane ed Europee ed i regolamenti applicativi. Tipologia delle richieste pervenute al Numero Verde Dott. G. Savino Medico Specialista in Farmacologia Clinica

2 D.L.vo 27 gennaio 1992, n. 109 D.L.vo 27 gennaio 1992, n.111 Circolare 7 giugno 1999, n.8 Direttiva 2002/46/CE PROVVEDIMENTO del Ministero della Salute 19 novembre 2002 Linee guida sugli integratori alimentari (Ministero della Salute - dicembre 2002) D.L.vo 21 maggio 2004, n.169 Direttiva 2004/27/CE Circolare 25 novembre 2004, n.2 D.L.vo 17 febbraio 2005 Normativa

3 DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 1992, n. 109 Attuazione delle direttive n. 89/395/CEE e n. 89/396/CEE concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicita' dei prodotti alimentari. Decreto sui prodotti alimentari in genere

4 DECRETO LEGISLATIVO N° 111 DEL 27 GENNAIO 1992 G. U. Suppl. Ordin. n. 39 del 17 febbraio 1992 Attuazione della direttiva 89/398/CEE concernente i prodotti alimentari destinati ad una alimentazione particolare Classificazione Produzione, autorizzazzione allimmissione in commercio Etichettatura

5 Art. 1. Campo di applicazione. 1.I prodotti alimentari destinati ad una alimentazione particolare sono prodotti alimentari che, per la loro particolare composizione o per il particolare processo di fabbricazione, presentano le seguenti caratteristiche: a)si distinguono nettamente dagli alimenti di consumo corrente; b)sono adatti all'obiettivo nutrizionale indicato; c)vengono commercializzati in modo da indicare che sono conformi a tale obiettivo.

6 Art. 1. Campo di applicazione. 2. I prodotti alimentari di cui al comma 1 devono rispondere alle esigenze nutrizionali particolari delle seguenti categorie di persone: a)le persone il cui processo di assimilazione o il cui metabolismo è perturbato; b)le persone che si trovano in condizioni fisiologiche particolari per cui possono trarre benefici particolari dall'assunzione controllata di talune sostanze negli alimenti; c)i lattanti o i bambini nella prima infanzia, in buona salute. Indicazioni generiche

7 ALLEGATO I - GRUPPI DI PRODOTTI ALIMENTARI DESTINATI AD UNA ALIMENTAZIONE PARTICOLARE PER I QUALI SONO PREVISTE DISPOSIZIONI PARTICOLARI CHE SARANNO OGGETTO DI SPECIFICI DECRETI MINISTERIALI 1) Formule per lattanti. 2) Formule di proseguimento ed altri alimenti per lo svezzamento. 3) Altri alimenti per la prima infanzia. 4) Alimenti con valore energetico scarso o ridotto destinati al controllo del peso. 5) Alimenti destinati a fini medici speciali. 6) Alimenti con scarso tenore di sodio compresi i sali dietetici, iposodici, asodici. 7) Alimenti senza glutine. 8) Alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare soprattutto per gli sportivi. 9) Alimenti destinati ad individui affetti da turbe del metabolismo glucidico (diabete).

8 Circolare 7 giugno 1999, n.8 Linee guida sugli alimenti adatti ad un intenso sforzo muscolare soprattutto per gli sportivi Classificazione meno generica Norme sulletichettatura (punto n.8, allegato 1, D.L.vo 27 gennaio 1992, n.111) …nell'attesa di una emananda direttiva comunitaria specifica

9 Circolare 7 giugno 1999, n.8 Linee guida sugli alimenti adatti ad un intenso sforzo muscolare soprattutto per gli sportivi a)Integrazione energetica b)Con minerali destinati a reintegrare le perdite idrosaline c)Integrazione di proteine d)Integrazione di aminoacidi e derivati e)Altri prodotti con valenza nutrizionale adatti ad un intenso sforzo muscolare f)Combinazioni di suddetti prodotti

10 Circolare 7 giugno 1999, n.8 Linee guida sugli alimenti adatti ad un intenso sforzo muscolare soprattutto per gli sportivi d) Integratori di aminoacidi e derivati CREATINA Uso correlato a particolari esigenze quali aumentato fabbisogno o ridotta sintesi Per dose di 4-6 g/die periodo di assunzione massimo 30 giorni I n caso di uso prolungato (oltre le 6-8 settimane) è necessario il parere del medico. Il prodotto è controindicato nei casi di patologia renale, in gravidanza e al di sotto dei 12 anni Avvertenze da riportare in etichetta I n caso di uso prolungato (oltre le 6-8 settimane) è necessario il parere del medico. Il prodotto è controindicato nei casi di patologia renale, in gravidanza e al di sotto dei 12 anni

11 Direttiva 2002/46/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 10 giugno 2002, per il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative agli integratori alimentari

12 considerando quanto segue: …sono commercializzati in numero crescente nella Comunità prodotti alimentari contenenti fonti concentrate di sostanze nutritive, proposti quali supplementi delle sostanze nutritive assunte con la normale alimentazione.

13 … In circostanze normali, una dieta adeguata ed equilibrata è in grado di fornire, nelle proporzioni considerate idonee e raccomandate da studi scientifici generalmente riconosciuti, tutti gli elementi necessari al normale sviluppo e al mantenimento in buona salute dell'organismo.

14 …I consumatori, in ragione di un particolare stile di vita o per motivi diversi, possono decidere di integrare l'apporto di determinati nutrienti della loro dieta mediante integratori alimentari. Per garantire ai consumatori un elevato livello di tutela e una maggior facilità di scelta, è necessario che i prodotti commercializzati siano sicuri e rechino opportuna e corretta etichettatura.

15 "integratori alimentari" prodotti alimentari destinati ad integrare la dieta normale e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive o di altre sostanze aventi un effetto nutritivo o fisiologico, sia monocomposti che pluricomposti, in forme di dosaggio, vale a dire in forme di commercializzazione quali capsule, pastiglie, compresse, pillole e simili, polveri in bustina, liquidi contenuti in fiale, flaconi a contagocce e altre forme simili, di liquidi e polveri destinati ad essere assunti in piccoli quantitativi unitari DEFINIZIONE

16 La direttiva in questione avrebbe dovuto regolare con norme specifiche la composizione dei vari prodotti proposti in commercio come integratori stabilendo i dosaggi minimi e massimi di tutti gli eventuali ingredienti…

17 In una prima fase, la presente direttiva stabilisce norme specifiche per le vitamine e i minerali usati come integratori alimentari. È necessario che gli integratori alimentari che contengono vitamine o minerali e i propri ingredienti siano conformi alle norme specifiche relative alle vitamine e ai minerali stabilite dalla presente direttiva.

18 In una seconda fase, quando saranno resi disponibili dati scientifici sufficienti e appropriati, occorrerà definire norme specifiche relative ai nutrienti diversi dalle vitamine o dai minerali o alle altre sostanze aventi un effetto nutritivo o fisiologico utilizzati come ingredienti di integratori alimentari. Fino all'adozione di tali norme comunitarie specifiche … possono essere applicate le norme nazionali relative ai nutrienti e alle altre sostanze aventi un effetto nutritivo o fisiologico utilizzati come ingredienti degli integratori alimentari per i quali non siano state adottate norme comunitarie specifiche.

19 MINISTERO DELLA SALUTE PROVVEDIMENTO 19 novembre 2002 Elenco dei prodotti autorizzati ai sensi dell'art. 8 del decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 111, come alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare soprattutto per gli sportivi.

20 IL MINISTRO DELLA SALUTE Visto il decreto legislativo 27 gennaio 1992…etc Viste le risultanze agli atti; Decreta: Art. 1. In attuazione delle norme citate in premessa, e' approvato l'allegato elenco relativo alle etichette dei prodotti autorizzati ai sensi dell'art. 8 del decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 111, alla data del 30 settembre 2002, come alimenti adattati ad un intenso sforzo muscolare soprattutto per gli sportivi. Art. 2. Per prodotti autorizzati, non inseriti nell'elenco, le imprese interessate possono presentare, entro novanta giorni dalla data di pubblicazione del presente decreto e corredata da idonea documentazione, istanza di integrazione e/o rettifica al presente elenco. Il presente decreto e' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Roma, 19 novembre 2002 Il Ministro: SIRCHIA

21

22

23 Linee Guida su integratori alimentari, alimenti arricchiti e funzionali Criteri di composizione e di etichettatura (Revisione dicembre 2002) a)Integratori di vitamine e/o di minerali b)Alimenti arricchiti e funzionali c)Integratori di altri "fattori nutrizionali" d)Integratori di aminoacidi e)Derivati di aminoacidi f)Integratori di proteine e/o energetici g)Integratori di acidi grassi h)Integratori a base di probiotici i)Integratori di fibra j)Integratori o complementi alimentari a base di ingredienti costituiti da piante o derivati k)Disposizioni specifiche per prodotti contenenti come ingredienti piante o derivati

24 e) Derivati di aminoacidi …. CREATINA Apporto massimo giornaliero: 3000 mg Indicazioni: La creatina è un derivato degli aminoacidi naturalmente prodotto dall'organismo e contenuto in vari alimenti. Trasformata nella sua forma fosforilata, è coinvolta nel mantenimento delle riserve energetiche cellulari. Avvertenze: in caso di uso prolungato (oltre le 6-8 settimane) è necessario il parere del medico. Il prodotto è controindicato nei casi di patologia renale, in gravidanza e al di sotto dei 12 anni.

25 Benzi G, Ceci A.J Sports Med Phys Fitness 2001 Mar;41(1):1-10 Creatine as nutritional supplementation and medicinal product Sono raccomandati regimi differenti di creatina per differenti tipi di atleti: soggetti in buona salute, che seguano una dieta ricca in grassi e povera in proteine e carboidrati dediti ad attività sportiva saltuaria ricreazionale, 70 kg di peso = 2.5 – 3 g/die per non più di 2 settimane. Atleti semi-professionisti o professionisti, attività sportiva intensa quotidiana, 70 kg di peso = fino a 6 g/die per 2 settimane Lutilizzo di regimi prolungati di assunzione oltre i 6 g/die sono riservati a casi particolari di deficienza nutrizionale o congenita.

26 Roma, 17 luglio 2003 Egregio Dottore, Lenfasi eccessiva sul valore della magrezza e sul ricorso generalizzato a prodotti e pratiche dimagranti, cui si assiste in questi ultimi tempi, è da considerare un fattore di rischio per lo sviluppo di disturbi del comportamento alimentare e di quadri di squilibrio nutrizionale, passibili di evolvere in gravi danni alla salute. Nellattesa che si arrivi ad emanare più adeguati provvedimenti riguardanti luso e la pubblicità degli integratori alimentari, considerando la forte tendenza della popolazione a praticare diete fai da te, La invito a collaborare con questo Ministero ai fini di educare i cittadini ad un corretto utilizzo di tali prodotti, che non devono essere usati al posto di una salutare alimentazione, ma eventualmente integrarla, quando realmente necessario. Come sapete, non esistono integratori alimentari ad attività dimagrante o pillole magiche in grado di determinare rapidi cali di peso senza compromettere la salute di chi le utilizza. Solo il ricorso ad una corretta dieta e ad un adeguato movimento muscolare permettono di dimagrire, in sicurezza e con risultati stabili nel tempo. Conto sul Suo appoggio per aiutare la popolazione a comprendere che attribuire attività dimagranti a prodotti che non possono averla è sbagliato e pericoloso. Abbiamo inviato ai produttori di integratori lallegata Raccomandazione, invitandoli a sostenere il nostro messaggio. Le sarei grato se Ella volesse aiutarci a diffonderlo, consigliando per il meglio le persone che a Lei si rivolgono. La ringrazio in anticipo per quanto vorrà fare e Le invio i miei saluti più cordiali. Prof. Girolamo Sirchia

27

28 Decreto Ministeriale 9 aprile 2004 (G.U. n.100 del ) Elenco degli stabilimenti autorizzati alla data del 20 febbraio 2004, alla produzione ed al confezionamento degli alimenti destinati ad una alimentazione particolare.

29 DECRETO LEGISLATIVO: Attuazione della direttiva 2002/46/CE relativa agli integratori alimentari. Consiglio dei Ministri: 21/05/2004

30 Art. 1 (Campo di applicazione) 1. Il presente decreto si applica agli integratori alimentari commercializzati come prodotti alimentari e presentati come tali. 2. I prodotti di cui al comma 1 sono commercializzati in forma preconfezionata. Art. 2 (Definizione) 1. Ai fini del presente decreto si intendono per: integratori alimentari i prodotti alimentari destinati ad integrare la comune dieta e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive, quali le vitamine e i minerali, o di altre sostanze aventi un effetto nutritivo o fisiologico, in particolare ma non in via esclusiva aminoacidi, acidi grassi essenziali, fibre ed estratti di origine vegetale, sia monocomposti che pluricomposti, in forme predosate. 2. I termini: complemento alimentare o: supplemento alimentare sono da intendersi come sinonimi di: integratore alimentare. … … …

31 Art. 5 (Apporto di vitamine, minerali e altre sostanze) 1. In attesa delladozione di specifiche disposizioni comunitarie, i livelli ammessi di vitamine, minerali ed altre sostanze sono definiti nelle linee guida sugli integratori alimentari pubblicate dal Ministero della salute.

32 …… Art. 6 (Etichettatura) … Pubblicità Art. 7 (Pubblicità) 1. Nel caso di integratori propagandati in qualunque modo come coadiuvanti di regimi dietetici ipocalorici volti alla riduzione del peso, non è consentito alcun riferimento ai tempi o alla quantità di perdita di peso conseguenti al loro impiego.

33 Art. 7… 2. Per gli integratori di cui al comma 1 i messaggi pubblicitari devono richiamare la necessità di seguire comunque una dieta ipocalorica adeguata e di rimuovere stili di vita troppo sedentari. 3. Ove si tratti di prodotti per i quali sono previste delle avvertenze, il messaggio pubblicitario deve contenere un invito esplicito a leggerle con attenzione. 4. La pubblicità dei prodotti contenenti come ingredienti piante o altre sostanze comunque naturali non deve indurre a far credere che solo per effetto di tale derivazione non vi sia il rischio di incorrere in effetti collaterali indesiderati. … …

34 Art. 8 (Determinazione dei valori dichiarati) Art. 9 (Produzione e confezionamento) Art. 10 (Immissione in commercio) Art. 11 (Commissione consultiva) Art. 12 (Rinvii normativi per gli aspetti concernenti la qualità e la sicurezza duso) Art. 13 (Vigilanza) Art. 14 (Tariffe) Art. 15 (Sanzioni) Art. 16 (Abrogazioni) Art. 17 (Norme tecniche) Art. 18 (Clausola di cedevolezza) Art. 19 (Norme transitorie) 1. I prodotti immessi sul mercato o etichettati prima del 1° agosto 2005, non conformi al presente decreto ma conformi alle disposizioni preesistenti, possono continuare ad essere commercializzati fino allo smaltimento delle scorte.

35

36 l'etichettatura degli integratori alimentari deve contenere: il termine "integratore", la categoria degli integratori alimentari e/o il nome dell'alimento e la quantità di ogni alimento (in forma numerica o di percentuale rispetto alla dose giornaliera raccomandata dal produttore); la dose giornaliera consigliata per il prodotto e un'avvertenza sui rischi per la salute in caso di dose eccessiva; una dichiarazione dalla quale risulti che l'integratore non si sostituisce ad un'alimentazione variata; l'indicazione: "non è un medicinale", allorché la presentazione del prodotto è simile a quella di un medicinale; un avvertimento indicante che i prodotti devono essere tenuti fuori dalla portata dei bambini piccoli. Inoltre, sull'etichetta degli integratori alimentari non devono figurare: indicazioni attribuenti al prodotto proprietà di prevenzione, di trattamento o di guarigione di una malattia dell'uomo; indicazioni affermanti o suggerenti che un regime alimentare equilibrato e vario non costituisce una fonte sufficiente di elementi nutritivi in generale. Etichettatura

37 La nuova direttiva europea 2004/27/CE (marzo 2004) Articolo 1, comma 2, della 2004/27/CE 2) medicinale: a) ogni sostanza o associazione di sostanze presentata come avente proprietà curative o profilattiche delle malattie umane; o b) ogni sostanza o associazione di sostanze che possa essere utilizzata sulluomo o somministrata alluomo allo scopo di ripristinare, correggere o modificare funzioni fisiologiche, esercitando unazione farmacologica, immunologica o metabolica, ovvero stabilire una diagnosi medica;

38 Dunque, la funzione di favorire il mantenimento delle funzioni fisiologiche dellorganismo attribuita agli integratori alimentari potrebbe, per esempio, essere interpretata (alla luce della definizione b) come unattività profilattica rientrante nella definizione a di medicinale; inoltre, la rivendicazione, come spesso avviene, della capacità di un integratore alimentare di potenziare le difese immunitarie potrebbe far transitare questo tipo di prodotto nella categoria dei farmaci.

39 Inoltre, nellArticolo 2 della direttiva in questione si legge: 2. In caso di dubbio, se un prodotto, tenuto conto dellinsieme delle sue caratteristiche, può rientrare contemporaneamente nella definizione di medicinale e nella definizione di un prodotto disciplinato da unaltra normativa comunitaria, si applicano le disposizioni della presente direttiva. Vale a dire, se un prodotto contenesse una sostanza vegetale cui è documentatamente attribuito un valore terapeutico (es.: estratti di iperico, valeriana, ecc.), dovrebbe cadere sotto la regolamentazione farmaceutica anche se disciplinato come alimento.

40 MINISTERO DELLA SALUTE CIRCOLARE 25 novembre 2004, n.2 Prodotti a base di piante e derivati aventi finalita' salutistiche. Considerando che … e' stata recentemente approvata la direttiva 2004/27/CE che, all'art. 1, modifica la definizione di medicinale … e' importante sottolineare che, ai sensi dell'art. 2, della direttiva 2004/27/CE, in caso di dubbio, se un prodotto, tenuto conto dell'insieme delle sue caratteristiche, puo' rientrare contemporaneamente nella definizione di medicinale e nella definizione di un prodotto disciplinato da un'altra normativa comunitaria, si applica la direttiva 2004/27/CE, cioe' quella farmaceutica.

41 La complessa situazione normativa... richiede, ovviamente, un processo di chiarificazione interpretativa, da condursi a livello della Unione europea, che consenta un'agevole determinazione di quale normativa sia applicabile ai prodotti vegetali che per loro natura non appartengono con chiarezza ad un determinato settore (cosiddetti prodotti borderline) per evitare intralci al mercato interno e prevenire lo sviluppo di aspetti contenziosi con il possibile coinvolgimento della Corte europea di giustizia. La Commissione europea, consapevole di tale necessita', ha gia' avviato gli opportuni approfondimenti. Alcuni meccanismi di chiarificazione sono previsti nel prossimo futuro … la Commissione europea e' tenuta a produrre entro il 12 luglio 2007 un rapporto sull'opportunita' di stabilire specifiche regole…

42 Il Ministero della salute, (intanto…n.d.a.) essendo attualmente il settore degli integratori alimentari di competenza normativa comunitaria, ha avviato, in conformita' alle vigenti regole, una procedura comunitaria per pervenire all'adozione di una lista di vegetali il cui uso deliberato negli integratori alimentari dovrebbe essere escluso. Un primo elenco alla base di questa proposta e' accessibile sul sito web del Ministero della salute «www.ministerosalute.it».

43

44 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 17 febbraio 2005 Elenco dei minerali e delle fonti vitaminico-minerali ammessi negli integratori, in deroga alle previsioni degli allegati I e II del decreto legislativo 21 maggio 2004, n. 169, in applicazione del disposto dell'articolo 3, comma 3, del decreto legislativo medesimo.

45 Il concetto di integrare dà limpressione di completezza, di un rimedio possibile allidea che gli alimenti siano insufficienti ad assicurare la nostra efficienza e quindi la nostra salute. Pregiudizio comune è che il cibo che mangiamo non sia in grado di sopperire al fabbisogno quotidiano di nutrienti e che quindi vada integrato… Mai come in questi ultimi decenni, nei Paesi industrializzati, vi è stata abbondanza di cibo; un cibo iperproteico ed ipercalorico che spesso è alla base dellobesità che si sta diffondendo in modo pauroso e preoccupante. Perchè allora la necessità di integratori alimentari ?. S. Garattini, Negri News, 2003

46 Sarebbe opportuno consentire il totale utilizzo dei mezzi medicamentosi per il cittadino-atleta non-sano, mentre, in carenza di alterazioni patologiche o fisiopatologiche, l'utilizzo di qualsiasi sostanza esogena dovrebbe configurarsi come doping. Prof. G. Benzi

47 Nonostante direttive comunitarie, decreti e circolari, la vendita di integratori segue spesso canali poco controllati e poco controllabili come gli internet stores Nonostante gli autorevoli pareri il mercato degli integratori è in continua espansione

48 Nel 1998 gli investigatori della FDA (Food and Drugs Administration) in California hanno scoperto che un terzo dei circa 260 prodotti erboristici importati dall'Asia erano contaminati con farmaci non elencati in etichetta, o contenevano piombo, arsenico o mercurio. Nel mese di febbraio 2000 funzionari statali hanno scoperto che cinque prodotti erboristici cinesi contenevano sostanze ad azione ipoglicemizzante Washington Post, 19 marzo 2000

49 In Italia fino al mese di aprile 2002 tra i prodotti indicati per una integrazione alimentare dellatleta presenti sul mercato, circa 170 sono risultati positivi per la presenza di sostanze potenzialmente dopanti dichiarate o meno nella composizione del prodotto. Addirittura alcune partite di aminoacidi ramificati sono risultate positive per la presenza assolutamente inspiegabile di tracce di nandrolone …

50 Doping: progetto integratori, ecco un bollino anti-rischio (ANSA) - ROMA, 29/04/2005 Il CONI ha lanciato un progetto per marchiare con un bollino speciale gli integratori che non sono a rischio doping. Il progetto e' condotto insieme con l'Inran, Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, e prevede un protocollo per lo studio, l'analisi degli integratori alimentari e l'informazione sui contenuti degli stessi. In alcuni casi, infatti, i prodotti sono risultati non conformi alle regole antidoping, portando alla positivita' di atleti.

51 Le confezioni dei medicinali autorizzati che contengono sostanze con possibile effetto di doping, dovranno avere un bollino (pittogramma) riconoscibile immediatamente all'esterno della confezione : la scritta DOPING all'interno di un cartello rosso (tipo segnaletica stradale) di divieto. Decreto del Ministero della Salute 24/09/03 Modalità di attuazione delle disposizioni contenute nell'articolo 7 della legge 14 dicembre 2000, n. 376, recante "Disciplina della tutela sanitaria delle attività sportive e della lotta contro il doping".

52 Molta confusione

53 TALLONE D'ACHILLE COME PARTECIPARE SENZA FARSI MALE Realizzato con il contributo della: Commissione Europea Direzione Generale per l'Educazione e la Cultura Hanno contribuito alla realizzazione del progetto: Unione Europea, Provincia di Modena, Comune di Modena, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Azienda USL Modena, Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena, Piano per la Salute della provincia di Modena, Casa di cura Villa Igea, Ufficio Scolastico Regionale per l'Emilia- Romagna - Direzione Generale - Centro Servizi Amministrativi di Modena, CONI, CSI - Centro Sportivo Italiano, UISP, Volley Modena

54 Cosè? E una linea dedicata con numero verde (telefonata gratuita da tutta Italia) attraverso la quale si possono avere informazioni sulle sostanze dopanti o sospette tali, sui loro effetti sulla prestazione sportiva, sugli effetti collaterali, sui rischi relativi al loro uso, sulle interazioni con altri farmaci, sostanze, cibi e bevande. E possibile avere informazioni anche su integratori e prodotti di erboristeria, sui farmaci in generale relativamente al loro impiego, alle indicazioni duso ed alla loro eventuale pericolosità nella pratica sportiva. Quando funziona ? La linea è attiva dal 18 marzo 2002 ed è a disposizione degli utenti tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle ore 14:00 alle ore 16:00, le risposte ai quesiti vengono fornite al momento della telefonata oppure via fax o via entro 24 ore dalla formulazione della domanda. Chi Risponde ? In linea rispondono i MEDICI delle Scuole di Specializzazione in Tossicologia Medica e Farmacologia Clinica della Facoltà di Medicina dellUniversità degli Studi di Modena.

55 Utenze Telefono Pulito TOTALE contatti dal 18/03/2002 al 11/01/

56 Utenze Telefono Pulito Dati calcolati al mese di gennaio 2005 Atleti non professionisti Privati Atleti professionisti Medici o Esperti 78,2 % 16 % 5,8 % 0

57 Utenze Telefono Pulito Emilia Romagna Lazio Veneto Lombardia Campania Sicilia Piemonte Puglia Friuli V.G. Toscana Abruzzo Calabria Basilicata Liguria 20 % 12 % 11% 8,1% 8,9% 7,2% 7% 6,8% 6% 5% 4% 2% 1,2% 0,8%

58 Utenze Telefono Pulito 82% 18%

59 Sport praticati dagli utenti o per cui è stato posto il quesito Ciclismo Podismo Body Building Calcio Arti Marziali 62% 20% 12% 5% 1%

60 Argomento dei quesiti Integratori e Farmaci Informazioni Legislative* Richiesta materiale informativo Segnalazione casi di doping 91% 7% 2% 5 * Codice Antidoping Movimento Olimpico

61 Sostanze per cui è stato posto il quesito Creatina, Aminoacidi a catena ramificata (BCAA), integratori (61%) Anabolizzanti (nandrolone e testosterone) (16%) THG ( 10% ) Darbepoietina (NESP) e Modulatori Allosterici-Hb/O 2 (6%) Amfetamine e termogenici (4%) Diuretici (3%)

62 Sempre più di frequente si riscontrano, soprattutto tra i giovani, condotte di abuso o uso improprio di supplementi dietetici finalizzate ad ottenere prima possibile ed al meglio una particolare ed ideale condizione psico-fisica.

63 Questionario 320 ragazzi 9 domande Mirandola, 17/05/2005

64 Domanda n° 3 Si parla tanto di doping nello sport, di atleti che hanno utilizzato ed utilizzano farmaci e sostanze varie per ottenere una prestazione sempre migliore nella pratica sportiva cosa ne pensi ?

65 Risposte: 1) Un farmaco, se è davvero innocuo, può essere utilizzato se proprio non ce la fai a vincere 2) Non è necessario usare veri e propri farmaci, puoi migliorare le tue prestazioni anche utilizzando integratori e supplementi dietetici che puoi comprare al supermercato invece di ricorrere alla farmacia. 3) Non sei convinto/a che valga la pena ricorrere a sostanze (di ogni tipo, farmaci o integratori che siano) per ottenere un risultato, ma a volte ci hai pensato pur non avendolo mai fatto. 4) Non sei informato/a abbastanza sugli effetti ed i rischi relativi alluso di sostanze nella pratica sportiva, avresti bisogno di saperne di più per esprimere unopinione 5) Hai una precisa e chiara conoscenza sui rischi e gli effetti relativi alluso delle sostanze nella pratica sportiva quindi sai e sapresti quali sostanze usare e come e quando usarle. 6) Non ti interessa alcun tipo di sostanza, limportante è divertirsi, anche a costo di perdere.

66 la disinformazione è uno dei principali fattori che predispongono alluso improprio ed allabuso di supplementi dietetici, soprattutto in ambito amatoriale. Le normative ed i controlli sono indispensabili, ma fondamentale è promuovere un corretto stile di vita ed un adeguato regime alimentare.

67 Lintegrazione alimentare è indispensabile solo in casi specifici e particolari, è praticabile per scelta individuale, ma tale scelta non può prescindere da una adeguata conoscenza dei reali benefici e dagli effetti collaterali che da essa possono derivare, tanto meno dalla capacità di distinguere e scegliere il prodotto realmente valido tra i numerosi ed evidenti tentativi di confondere le idee.

68 Io per la mia salute farei qualunque cosa tranne la dieta e il moto. (O. Wilde)


Scaricare ppt "INTEGRATORI:Le normative Italiane ed Europee ed i regolamenti applicativi. INTEGRATORI: Le normative Italiane ed Europee ed i regolamenti applicativi."

Presentazioni simili


Annunci Google