La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Relazione annuale 2005 sullevoluzione del fenomeno delle droghe in Europa Nome, luogo, data e ora.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Relazione annuale 2005 sullevoluzione del fenomeno delle droghe in Europa Nome, luogo, data e ora."— Transcript della presentazione:

1 Relazione annuale 2005 sullevoluzione del fenomeno delle droghe in Europa Nome, luogo, data e ora

2 Ultime notizie sul fenomeno delle droghe in Europa Panoramica del fenomeno europeo delle droghe in 29 paesi Dati e analisi: in tutta Europa e per paese Tendenze e risposte più recenti Questioni specifiche Reati contro lordine pubblico legati alla droga Alternative al carcere Buprenorfina

3 Un pacchetto multilingue davanguardia Relazione annuale 2005: Disponibile in formato cartaceo e on-line in 22 lingue: Ulteriore materiale disponibile on-line in lingua inglese: Questioni specifiche Bollettino statistico Relazioni nazionali Reitox

4 Titoli di testa 2005 Parte I

5 Titoli di testa 2005 La cocaina sta diventando la sostanza stimolante preferita da parecchi giovani europei in svariate parti dEuropa Tendenza al rialzo nelluso delle amfetamine e dellecstasy La cannabis è ancora la droga più diffusa in Europa – le differenze nazionali si restringono Fino a 2 milioni di consumatori problematici di stupefacenti nellUE Politossicomania – fattore di primaria importanza nellambito del fenomeno delle droghe nellUE

6 Titoli di testa 2005 (continua) La trasmissione eterosessuale supera il consumo di droga per via parenterale come via di contagio dei nuovi casi di AIDS Bassa prevalenza dellHIV tra i consumatori di droga per via parenterale Le epatiti B e C sono tra le principali cause di malattia tra i consumatori per via parenterale La principale causa di decesso tra i consumatori di oppiacei è loverdose – il numero dei decessi di persone in giovane età è in diminuzione

7 Cocaina – sostanza stimolante preferita da parecchi giovani europei in diverse parti dEuropa Cocaina: ora un elemento di primaria importanza nel quadro europeo delle droghe Gli indicatori di traffico e consumo indicano un incremento nellimportazione e nelluso di tale droga Si riscontrano ancora delle forti differenze tra i vari paesi Tra il 2002 e il 2003 la quantità di cocaina sequestrata nellUE è quasi raddoppiata (si è passati da 47 tonnellate a più di 90 tonnellate)

8 Allincirca 9 milioni di europei hanno provato la cocaina nel corso della loro vita (il 3% di tutta la popolazione adulta) Probabilmente tra 3 e 3,5 milioni di persone hanno provato la droga nel corso dellultimo anno (l1% di tutta la popolazione adulta) Allincirca 1,5 milioni di persone rientra tra gli utilizzatori abituali (mese passato) (lo 0,5% di tutta la popolazione adulta) Tra l1% e l11,6% degli adolescenti ha provato la cocaina. Il consumo si riscontra in particolare tra i maschi in giovane età, residenti in aree urbane Fatti e dati sulla cocaina

9 Fatti e dati sulla cocaina (continuazione) I livelli più elevati di consumo recente tra gli adolescenti si riscontrano in Spagna e nel Regno Unito (più del 4%, analogamente agli USA) Almeno il 10% delle domande di trattamento terapeutico per problemi legati alla droga nellUE è associato alluso di cocaina Ruolo determinante allincirca nel 10% delle morti per droga, anche se i decessi dovuti soltanto alluso di cocaina sono rari Nuova preoccupazione: legami con problemi cardiovascolari La cocaina crack è limitata a poche grandi città (NL, UK)

10 Consumo recente di cocaina (anno passato) tra adolescenti (15–34 anni)

11 Altri stimolanti – tendenze principali Tendenza crescente nel consumo di amfetamine e ecstasy nella maggior parte dei paesi dellUE (Adolescenti) Percentuali più elevate di consumo recente di anfetamina (adolescenti) in Danimarca, in Estonia e nel Regno Unito (+/-3%). Il Regno Unito è il solo paese dellUE ove si registra una diminuzione consistente nei recenti consumi Percentuali più elevate di consumo recente di ecstasy (adolescenti) in Estonia, Spagna, Repubblica Ceca e nel Regno Unito. Stabilizzazione in Germania, Grecia e nel Regno Unito

12 Altri stimolanti (continua) LEuropa è ancora il centro principale di produzione di ecstasy, anche se la produzione si estende ad altre parti del mondo La produzione globale e i sequestri di amfetamine sono ancora accentrati in Europa Problemi crescenti dovuti al consumo di metamfetamine in Africa, Asia, Australia, Nuova Zelanda e negli USA. Consumo significativo nellUE, solo nella Repubblica Ceca e Slovacchia Sperimentazione con i funghi magici, ora un fenomeno relativamente comune (15–16 anni)

13 Tendenze nelluso recente di amfetamine ed ecstasy (ultimo anno) da parte di adolescenti (15–34 anni)

14 La cannabis è ancora la droga più diffusa dellUE Più di 62 milioni di europei hanno provato la cannabis (ovverosia più del 20% di tutta la popolazione adulta) Circa 20 milioni di persone lhanno utilizzata nel corso dellultimo anno (più del 6% di tutta la popolazione adulta) Allincirca 9,5 milioni di persone ne fanno attualmente uso (allincirca il 4% di tutti gli adulti) Si stima che allincirca 3 milioni di adolescenti, in particolare modo di sesso maschile, la assumano giornalmente o quasi

15 Cannabis – le differenze nazionali si riducono 1995 e Dati ESPAD da sondaggi sulluso delle droghe da parte dei giovani europei in età scolare (15–16 anni) 1995 (prevalenza una tantum nelluso di cannabis): differenze assai pronunciate tra i vari paesi (41% Regno Unito, 37% Irlanda, anche se il tasso della maggior parte dei paesi è inferiore al 10%) nove Stati membri dellUE hanno riferito di stime in merito alluso una tantum superiori al 20% I dati ESPAD e i dati di altri sondaggi mostrano qualche segnale di convergenza. Gli incrementi più pronunciati si registrano nei nuovi Stati membri dellEuropa centrale ed orientale

16 Tendenze nelluso (ultimo anno) della cannabis tra adolescenti (di età compresa tra 15 e 34 anni)

17 Fino a 2 milioni di consumatori problematici di stupefacenti nellUE Tra 1,2 e 2,1 milioni di consumatori problematici di stupefacenti e tra e 1,3 milioni di consumatori per via parenterale Le stime sulla prevalenza una tantum dalla metà sino alla fine degli anni 90 evidenziano un certo incremento nel numero di consumatori problematici di droga in Danimarca, Austria, Finlandia, Svezia e Norvegia Stabilizzazione o declino nella Repubblica Ceca, in Germania, Grecia e Irlanda Altrove, non si riscontrano delle chiare conclusioni sulle tendenze

18 Consumatori problematici di stupefacenti (continua) È possibile che il numero dei nuovi consumatori deroina in tutta Europa sia calato (lapice nella maggior parte dei paesi si è riscontrato allinizio degli anni 90) Il numero di consumatori di eroina che assume questa sostanza per via parenterale è diminuito in diversi paesi In Danimarca, Grecia, Spagna, Francia, Italia e nel Regno Unito, meno del 50% dei nuovi consumatori di oppiacei che entrano in terapia dichiarano di assumere la droga per via parenterale

19 Policonsumo Ora un aspetto caratteristico centrale del fenomeno delle droghe nellUE Analisi specifica della sostanza non più realistica Lanalisi dellimpatto sulla salute pubblica delluso delle droghe oggi deve prendere in considerazione il quadro complesso del consumo intercorrelato delle sostanze psicoattive, comprese alcool e tabacco

20 La trasmissione eterosessuale supera il consumo di droga per via parenterale come via di contagio dei nuovi casi di AIDS La maggioranza dei casi di AIDS riscontrati nellUE >2001 è attribuita al consumo per via parenterale; la trasmissione eterosessuale sta ora prendendo piede Perché? Migliore accesso per i consumatori di stupefacenti per via parenterale sieropositivi alla terapia antiretrovirale estremamente attiva (HAART). Più del 75% di coloro che necessitano di HAART può ora accedervi nella maggioranza dellEuropa occidentale Migliore accesso per i consumatori di stupefacenti per via parenterale a servizi di terapia/riduzione dei danni; un certo calo nellassunzione per via parenterale

21 Casi di AIDS per gruppo di trasmissione e anno di diagnosi (1987–2003) adattati per comunicare i ritardi, UE

22 Nel complesso, bassa prevalenza dellHIV tra i consumatori di droga per via parenterale Prevalenza di infezioni da HIV tra i consumatori per via parenterale – bassa nella maggioranza degli Stati membri dellUE e nei paesi candidati Tassi di infezione pari, o inferiori, all1% dei consumatori per via parenterale in Repubblica ceca, Grecia, Ungheria, Slovenia, Slovacchia, Finlandia, Regno Unito, Bulgaria e Romania Tassi più elevati (+/- 10%) in Estonia, Spagna, Francia, Italia, Lettonia, Paesi Bassi, Polonia e Portogallo Lepatite B e C è ancora una delle principali cause di malattia tra i consumatori per via parenterale in Europa

23 Principale causa di decesso tra i consumatori di oppiacei è loverdose – numero dei decessi di persone in giovane età è in calo Percentuale più bassa di decessi di soggetti di età inferiore a 25 anni dovuti a overdose nella maggior parte dei paesi dellUE-15, il che indica il calo dei nuovi tossicodipendenti e del numero dei consumatori per via parenterale in giovane età Quadro diverso nei nuovi Stati membri dellUE e nei paesi candidati, dove i casi di decesso dei giovani di età inferiore a 25 anni sono aumentati dalla metà degli anni 90 al 2002 Il numero complessivo dei casi di decesso per droga segnalati nei paesi dellUE 15 ed in Norvegia è calato da nel 2001 a nel 2002, pari a una diminuzione del 15% In tutta lUE, i decessi per droga si collocano su livelli storicamente elevati, ma vi sono indicazioni in base a cui essi possono avere raggiunto livelli massimi

24 Trend di lungo periodo dei decessi acuti per droga nellUE, 1985–2003

25 Titoli di testa 2005 Parte II

26 Titoli di testa 2005 Più di mezzo milione di europei usufruisce attualmente di una terapia sostitutiva. Luso di buprenorfina è ora più comune Il ricorso a terapie per altri problemi di droga è ora maggiormente limitato Preoccupazione per limpatto delluso delle droghe sulle comunità Incremento delle violazioni della normativa sugli stupefacenti nella maggior parte dellUE I singoli paesi optano per il trattamento terapeutico come alternativa al carcere

27 Più di mezzo milione di europei usufruisce attualmente di una terapia sostitutiva Forte incremento nei servizi per la dipendenza da oppiacei (sette volte di più rispetto alla decade passata) +/ individui ripartiti su 28 paesi (EU-25, NO, BG, RO) ricevono un trattamento sostitutivo La disponibilità varia ancora marcatamente in Europa, in particolare tra i paesi dellEU-15 e i nuovi Stati membri nonché i paesi in via dadesione I 10 nuovi Stati membri, BG + RO incidono soltanto per più dell1% dei fruitori delle terapie sostitutive in Europa

28 Buprenorfina, una scelta terapeutica sempre più comune Allincirca all80% di coloro che usufruiscono di una terapia sostitutiva viene prescritto il metadone È ora disponibile una più ampia gamma di opzioni terapeutiche. Quasi il 20% di coloro che usufruiscono di una terapia sostitutiva riceve ora la buprenorfina Entro la fine del 2004, in tutti i paesi dellEU-15 si è riscontrata una qualche forma di terapia a base di buprenorfina Nei 10 nuovi Stati membri, tale terapia è di uso comune soltanto nella Repubblica ceca

29 Il ricorso a terapie per altri problemi di droga è ancora limitato Malgrado la crescita delle terapie sostitutive per il trattamento della dipendenza da oppiacei, il trattamento per altri tipi di droga resta limitato Le opzioni terapeutiche generali per i consumatori di cocaina sono scarsamente sviluppate Pochi paesi offrono servizi su misura concepiti per i consumatori problematici di cannabis, malgrado la crescente domanda di servizi terapeutici Si necessita di maggiori investimenti per assicurare che le opzioni terapeutiche siano disponibili a tutti coloro che ne hanno bisogno, indipendentemente da dove vivono o quale sia la droga che utilizzano

30 Impatto delluso delle droghe sulle nostre comunità La nuova tendenza del controllo delle politiche della droga è quella di concentrarsi su comportamenti associati alla droga che, nel complesso, hanno un impatto negativo sulla comunità nel suo insieme Reati contro lordine pubblico, nuova unica definizione che racchiude comportamenti anti-sociali, turbative ed eventi di vario genere (ad esempio consumo di droga in pubblico, spaccio di droga sulla strada) Riduzione dei reati contro lordine pubblico riconducibili alla droga, ora un obiettivo chiave della politica nazionale della droga in cinque paesi. Altri paesi affrontano gli eventi che rientrano in tale fattispecie facendo più ampiamente riferimento alla sicurezza o allordine pubblico Altre risposte: leggi contro reati contro lordine pubblico specificatamente riconducibili alla droga, mantenimento dellordine a livello locale, ecc.

31 Incremento delle violazioni della normativa sugli stupefacenti nella maggior parte dellUE Violazioni della normativa sugli stupefacenti (reati contro la normativa sugli stupefacenti) – tendenza crescente in 20 paesi (1998–2003) Luso o il possesso di droghe (uso personale) costituiscono la proporzione più elevata dei reati contro la normativa sugli stupefacenti La proporzione dei reati contro la normativa sugli stupefacenti che interessa la cocaina è generalmente aumentata (1998–2003). La cannabis è ancora la droga maggiormente citata nei reati contro la normativa sugli stupefacenti nella maggior parte dellUE I reati legati alleroina sono dimuniti in tutti ipaesi di riferimento (1998–2003), fatta eccezione per lAustria e il Regno Unito

32 I singoli paesi optano per il trattamento terapeutico come alternativa al carcere Per molti consumatori problematici di stupefacenti il carcere può essere un ambiente particolarmente dannoso Vi è un ampio consenso politico per trasferire i detenuti tossicodipendenti dal carcere alla terapia Le carceri sono sovraffollate – lopzione della terapia può costituire un metodo di condanna meno dispendioso dal punto di vista finanziario Il nuovo piano dazione delle droghe dellUE 2005–2008 invita gli Stati membri a fare un uso efficace e sviluppare ulteriori alternative alla detenzione per i tossicodipendenti che commettono reati legati alluso della droga

33 I decisori politici sostengono la raccolta dei dati LOEDT ha lavorato per più di un decennio con gli Stati membri per descrivere un quadro completo del fenomeno europeo delle droghe La quantità e la qualità dei dati presenti nella relazione annuale 2005 riflettono limpegno dei decisori politici di tutta lUE di investire e sostenere processi di raccolta dei dati Forte consenso sulla necessità di basare le azioni da intraprendere su una solida comprensione della situazione delle droghe e di condividere lesperienza su ciò che è efficace per affrontare il problema Queste ambizioni sono presenti nella nuova strategia e nel nuovo piano dazione dellUE sulle droghe


Scaricare ppt "Relazione annuale 2005 sullevoluzione del fenomeno delle droghe in Europa Nome, luogo, data e ora."

Presentazioni simili


Annunci Google