La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

TITOLO DELLA PRESENTAZIONE Inserisci il sottotitolo C ONVEGNO U TIFAR R ICCIONE 2 APRILE 2011 C ONVEGNO C ONFPROFESSIONI R OMA 14 APRILE 2011 Federalismo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "TITOLO DELLA PRESENTAZIONE Inserisci il sottotitolo C ONVEGNO U TIFAR R ICCIONE 2 APRILE 2011 C ONVEGNO C ONFPROFESSIONI R OMA 14 APRILE 2011 Federalismo."— Transcript della presentazione:

1 TITOLO DELLA PRESENTAZIONE Inserisci il sottotitolo C ONVEGNO U TIFAR R ICCIONE 2 APRILE 2011 C ONVEGNO C ONFPROFESSIONI R OMA 14 APRILE 2011 Federalismo Fiscale Determinazione dei Fabbisogni Standard Federalismo Fiscale Determinazione dei Fabbisogni Standard

2 P ERCHÉ G LI S TANDARD 1 Per superare il principio dei costi storici che possono finanziare inefficienze* *Inefficienza: eccesso di spesa rispetto al livello di servizio erogato !

3 I L P ERCORSO 2 Costruire un sistema di modelli per la determinazione dei fabbisogni standard Attraverso la determinazione di costi standard congrui ai LEP e LEA (Livelli Essenziali di Prestazione e Assistenza) OBIETTIVI IN UN CONTESTO DI COMPLIANCE Consentire un graduale e virtuoso processo di miglioramento dellefficienza dei servizi dellEnte Locale REQUISITI Trasparenza Riconoscibilità Persuasività

4 Mappatura Individuazione dei modelli organizzativi Individuazione degli attuali livelli di prestazioni e assistenza Analisi dei costi storici Definizione normativa dei LEP/LEA Percorsi personalizzati Individuazione di Percorsi personalizzati (obiettivi di servizio*) Ruolo Di Sose *Gli obiettivi di servizio, definiti comune per comune, devono essere concretamente realizzabili e, per chi si trova sotto la soglia di un corretto rapporto Lep/Costi/Fabbisogni, vanno pianificati in un adeguato orizzonte temporale. 3

5 M ETODO DI L AVORO 4 La condivisione nel processo di costruzione del sistema Nella predisposizione dei questionari Nella individuazione dei modelli organizzativi Nella valutazione dei risultati Nellanalisi della fase di applicazione Nei processi di evoluzione del sistema

6 I L UOGHI E G LI A TTORI 5 TAVOLI TECNICI DI LAVORO IstatIfel Comuni e Province RGS….

7 I T EMPI Determinazione dei fabbisogni standard per un terzo delle funzioni fondamentali In vigore dal Determinazione dei fabbisogni standard per due terzi delle funzioni fondamentali In vigore dal Determinazione dei fabbisogni standard per tutte le funzioni fondamentali In vigore dal 2014

8 L E F UNZIONI F ONDAMENTALI 7 Comuni Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controlloFunzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Funzioni di polizia localeFunzioni di polizia locale Funzioni di istruzione pubblicaFunzioni di istruzione pubblica Funzioni nel campo della viabilità e dei trasportiFunzioni nel campo della viabilità e dei trasporti Funzioni riguardanti la gestione del territorio e dellambienteFunzioni riguardanti la gestione del territorio e dellambiente Funzioni del settore socialeFunzioni del settore socialeProvince Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controlloFunzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Funzioni di istruzione pubblicaFunzioni di istruzione pubblica Funzioni nel campo dei trasportiFunzioni nel campo dei trasporti Funzioni riguardanti la gestione del territorioFunzioni riguardanti la gestione del territorio Funzioni nel campo della tutela ambientaleFunzioni nel campo della tutela ambientale Funzioni nel campo dello sviluppo economico (servizi del mercato del lavoro)Funzioni nel campo dello sviluppo economico (servizi del mercato del lavoro)

9 L E F ASI 8 A) Identificazione delle informazioni e dei dati di natura strutturale e contabile B) Individuazione dei modelli organizzativi e dei livelli quantitativi delle prestazioni C) Lanalisi dei costi D) Individuazione di un modello di stima dei fabbisogni standard E) Definizione di un sistema di indicatori per valutare i singoli servizi

10 L E F ONTI I NFORMATIVE 9 dalle banche dati ufficiali (ISTAT, Ministero degli interni, Ministero dellEconomia e delle Finanze, ecc.) dalle banche dati ufficiali (ISTAT, Ministero degli interni, Ministero dellEconomia e delle Finanze, ecc.) tramite rilevazione diretta con appositi questionari da inviare ai Comuni e alle Province tramite rilevazione diretta con appositi questionari da inviare ai Comuni e alle Province

11 I M ODELLI O RGANIZZATIVI 10 determinati sulla base di un sistema di indicatori in relazione a ciascuna funzione fondamentale e ai relativi servizi determinati sulla base di un sistema di indicatori in relazione a ciascuna funzione fondamentale e ai relativi servizi

12 LA NALISI D EI C OSTI 11 individuazione di quelli più significativi individuazione di quelli più significativi determinazione degli intervalli di normalità determinazione degli intervalli di normalità

13 I L M ODELLO D I S TIMA D EI F ABBISOGNI S TANDARD 12 sulla base di criteri di rappresentatività sulla base di criteri di rappresentatività attraverso la sperimentazione di diverse tecniche statistiche attraverso la sperimentazione di diverse tecniche statistiche

14 L A V ALUTAZIONE D EI S ERVIZI 13 La definizione di un sistema di indicatori, anche in riferimento ai diversi modelli organizzativi Per valutare ladeguatezza dei servizi Per valutare ladeguatezza dei servizi Per consentire agli enti locali di migliorarli Per consentire agli enti locali di migliorarli

15 14 La metodologia dovrà tener conto delle specificità legate ai recuperi di efficienza ottenuti attraverso le Unioni di Comuni. L E A GGREGAZIONI D I E NTI L OCALI

16 I L IMITI A)locali 15 Dalla determinazione dei fabbisogni standard sono esclusi: Gli enti locali situati nelle regioni a Statuto Speciale e nelle Province Autonome Per tutti anche alcune funzioni che rimangono nella discrezione dellEnte Locale, sia per lerogazione che per il finanziamento (reperimento fondi)

17 I L P ROCESSO V IRTUOSO I NDOTTO 16 Migliorare i livelli di efficienza nellerogazione dei servizi Liberare risorse per aumentare i servizi Migliorare il rapporto Ente Locale/cittadino, agevolare il reperimento di nuove entrate e il contrasto allevasione fiscale Non solo superare il principio di spesa storica ma anche:

18 A che Punto Siamo: in Dettaglio gli Accessi al Portale Dati al 13 aprile 2011 EnteTotale Non ancora accreditati Cambio password Cambio password e questionario visionato Inizio compilazione on line del questionario Questionario compilato e chiuso Numero% % % % % Comuni ,20%1191,78%3415,09%4166,21%487472,72% Province86 0,00%22,33%78,14%44,65%7384,88% Unioni di Comuni ,01%31,02%186,12%186,12%15552,72% Totale ,85%1241,75%3665,17%4386,18%510272,04% Legenda: Non ancora accreditati: totale utenti che non hanno effettuato il primo accesso Solo effettuato cambio password: totale utenti che hanno effettuato il solo cambio della password Cambio pw e questionario visionato: totale utenti che hanno cambiato la password, aperto il questionario ma non hanno avviato la compilazione on line Inizio compilazione on line del questionario: totale utenti che hanno aperto il questionario ed avviato la compilazione on line Questionario compilato e chiuso: totale utenti che hanno chiuso il questionario

19 I L M ONITORAGGI I L M ONITORAGGIO Evoluzione del modello di stima dei fabbisogni standard Analisi periodica dei comportamenti Processo virtuoso verso lefficienza 18

20 L E PRIME ANALISI SULLE RISPOSTE AI QUESTIONARI 19 Comuni: Funzioni di polizia locale Numero Variabili di tipo strutturale 100 Numero Variabili di tipo contabile 130 Numero Annotazioni compilate (31%)

21 L E PRIME ANALISI SULLE RISPOSTE AI QUESTIONARI 20 Province: Funzioni nel campo dello sviluppo economico (servizi del mercato del lavoro) Numero Variabili di tipo strutturale 152 Numero Variabili di tipo contabile 231 Numero Annotazioni compilate 49 (69%)

22 Gestione in Comunità montana 197 L E PRIME ANALISI SULLE RISPOSTE AI QUESTIONARI 21 Servizi di polizia locale gestiti informa associata Gestione in Consorzio 152 Gestione in Convenzione 925 Altre forme di gestione associata 164 Gestione in Unione di Comuni 841

23 L E PRIME ANALISI SULLE RISPOSTE AI QUESTIONARI 22 Gestione in Consorzio 0 Gestione in Convenzione 8 Altre forme di gestione associata 164 Soggetti partecipati dallEnte 15 Servizi del mercato del lavoro gestiti in forma associata

24 L E PRIME ANALISI SULLE RISPOSTE AI QUESTIONARI 23 Incidenza % delle singole voci di spesa sul totale delle spese 13 Indicatori relativi alle dotazioni strumentali 26 Indicatori relativi a variabili esogene da fonti ufficiali 4 Indicatori sul costo del personale 36 Gli indicatori di performance per le Funzioni di polizia locale dei Comuni Indicatori relativi ai servizi svolti 6


Scaricare ppt "TITOLO DELLA PRESENTAZIONE Inserisci il sottotitolo C ONVEGNO U TIFAR R ICCIONE 2 APRILE 2011 C ONVEGNO C ONFPROFESSIONI R OMA 14 APRILE 2011 Federalismo."

Presentazioni simili


Annunci Google