La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

OSTRAVA, 5 ottobre 2010 GIORNATE EUROPEE DELLA DISABILITA PROCEDURE E PRATICHE DI SELEZIONE DEI PROFESSIONISTI DI ASSISTENZA ED EDUCATIVI NEI SERVIZI PER.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "OSTRAVA, 5 ottobre 2010 GIORNATE EUROPEE DELLA DISABILITA PROCEDURE E PRATICHE DI SELEZIONE DEI PROFESSIONISTI DI ASSISTENZA ED EDUCATIVI NEI SERVIZI PER."— Transcript della presentazione:

1 OSTRAVA, 5 ottobre 2010 GIORNATE EUROPEE DELLA DISABILITA PROCEDURE E PRATICHE DI SELEZIONE DEI PROFESSIONISTI DI ASSISTENZA ED EDUCATIVI NEI SERVIZI PER LE PERSONE DISABILI LESPERIENZA DEL CONSORZIO EPTA BOLOGNA-ITALIA Intervento di Francesco Spoto Direttore Risorse Umane e Relazioni Internazionali Consorzio Epta Bologna 1

2 Bologna e la regione Emilia Romagna sono una realtà particolare della economia sociale 2

3 BOLOGNA Bologna, città di abitanti, è situata nella regione Emilia Romagna, è importante in Italia per la sua università e per la qualità dei servizi per i cittadini, in particolare quelli alla persona: scuola, educazione, assistenza, sanità. Nella regione Emilia Romagna sono presenti circa 670 cooperative sociali, di cui 150 a Bologna. 3

4 CONSORZIO EPTA Il Consorzio Epta si è costituito il 1 giugno 2000 con i seguenti obiettivi: - Ottimizzare risorse umane ed economiche, offrendo alle proprie cooperative associate servizi centralizzati, amministrativi e tecnici, quali amministrazione, ricerca e selezione del personale, formazione, certificazione di qualità -Progettare e promuovere servizi innovativi -Acquisire servizi in appalto affidandone la gestione alle cooperative del consorzio 4

5 CONSORZIO EPTA Oggi è costituito da 8 cooperative sociali in cui lavorano circa 520 professionisti, di cui 210 educatori e 35 operatori sociosanitari Altri professionisti presenti: assistenti allinfanzia, autisti soccorritori, logopedisti, fisioterapisti, psicomotricisti, psicologi, pedagogisti, amministrativi, coordinatori, direttori Il fatturato nel 2009 :

6 Cooperative Sociali Settori di intervento Eta Beta, Alfabeta, Geco, La Carovana, Nuova Sanità Servizi socio educativi per infanzia/adolescenza adulti, integrazione scolastica; assistenza domiciliare, inserimento lavorativo Axia, Croce Azzurra Riabilitazione, assistenza ed emergenza sanitaria Accademia Catis Centro di formazione continua per professionisti sociali e sanitari 6

7 PRINCIPALI PROFILI PROFESSIONALI IMPEGNATI IN INTERVENTI DIRETTI EDUCATIVI E DASSISTENZA ALLE PERSONE DISABILI EDUCATORE SOCIALE EDUCATORE SERVIZI PER L INFANZIA E LA FAMIGLIA EDUCATORE PROFESSIONALE OPERATORE SOCIOSANITARIO 7

8 Scuole dove i disabili sono integrati e in cui intervengono educatori e operatori sociosanitari Nidi di infanzia (0-3 anni) Scuole materne (4-5 anni) Scuole elementari (6-10 anni) Scuole medie inferiori (11-13 anni) Scuole medie superiori (14-18 anni) Lobbligo scolastico in Italia è previsto fino ai 16 anni di età- i bambini disabili sono integrati nelle scuole dal 1977 (legge) 8

9 Servizi ed interventi per disabili dove intervengono educatori ed operatori sociosanitari Centri diurni Centri residenziali Gruppi appartamento Laboratori protetti Inserimenti lavorativi esterni Interventi individuali per il tempo libero Interventi individuali domiciliari 9

10 Formazione di Educatore LUniversità presso le facoltà di Scienze della Formazione e di Medicina Chirurgia forma e rilascia il diploma di educatore a diverso orientamento 10

11 Scienze della formazione EDUCATORE SOCIALE E CULTURALE durata 3 anni- 300 ore stage Funzioni: progetta e svolge attività educative, sociali, culturali e di animazione, lavora in equipe multidisciplinare Contesto di lavoro: servizi sociali e sociosanitari(integrazione scolastica, residenziali, diurni, domiciliari, territoriali) in favore di minori, anziani, adulti disagiati, disabili, detenuti, nomadi e in servizi culturali, ricreativi,sportivi (centri di aggregazione giovanile, ludoteche, biblioteche ecc.) 11

12 Scienze della formazione Educatore nei servizi per linfanzia e la famiglia Durata 3 anni- 300 ore di stage Funzioni: assiste nella cura e nelleducazione di bambini di età 0-3 anni e intrattiene rapporti con la famiglia, progetta e realizza attività e percorsi di autonomia per i bambini e di accoglienza per le famiglie. Contesti di lavoro: asili nido, centri gioco, servizi di sostegno alla genitorialità 12

13 Medicina e Chirurgia EDUCATORE PROFESSIONALE/TECNICO DELLA RIABILITAZIONE Durata 3 anni- 750 ore di stage Funzioni: programmazione, gestione e verifica di interventi educativi individuali mirati al recupero ed allo sviluppo di soggetti in difficoltà; realizza progetti educativi integrati; lavora in equipe multidisciplinare Contesto di lavoro: area sanitaria, servizi di aree psichiatria, disabilità, tossicodipendenza, anziani, minori 13

14 Leducatore nei servizi per disabili nel Consorzio Epta Leducatore, lavora principalmente nel sostegno scolastico, negli interventi individuali domiciliari e di tempo libero, negli inserimenti lavorativi Occupazione part time o full time Spesso lo stesso educatore che interviene nella disabilità può intervenire nel settore giovani (servizi di aggregazione giovanile e gruppi socio educativi) in orari pomeridiani Oggi un educatore diplomato percepisce un salario netto mensile di circa 1050 per un impiego full time (38 ore settimanali ), di circa 1000 se non diplomato – riferimento al contratto nazionale delle cooperative sociali 14

15 Operatore socio sanitario E formato in corsi promossi e finanziati dalla Regione Emilia Romagna e gestiti da centri di formazione con rilascio di attestato professionale 15

16 Corso di Formazione Operatore Socio Sanitario 1000 ore (corso di prima formazione) di cui 450 di stage 300 ore (corso riqualifica operatori esperti senza vecchio diploma) di cui 120 di stage 110 ore (corso di riqualifica operatori con vecchio diploma) Funzioni: assistenza diretta ed aiuto domestico, intervento igienico sanitario e di carattere sociale a persone parzialmente o non autonome Lavora con minori e con adulti, in tutti i servizi socio sanitari ed assistenziali, centri diurni-residenziali, ospedali, interventi domiciliari e nella integrazione scolastica 16

17 Loperatore socio sanitario nei servizi per disabili in Epta Loperatore socio sanitario interviene nei servizi di assistenza domiciliare per disabili adulti o minori, talvolta nel sostegno scolastico. Occupazione part time o full time. Oggi un operatore socio sanitario con attestato, percepisce un salario mensile netto di 950 per un impiego full time (38 ore settimanali )- senza attestato il salario è di circa 900 -riferimento al contratto nazionale delle cooperative sociali. 17

18 Condizioni contrattuali Contratto nazionale collettivo delle cooperative sociali : Il contratto prevede 10 livelli di categoria Alcuni esempi di inquadramento: Leducatore diplomato è al 6°livello Leducatore non diplomato è al 5° livello loperatore socio sanitario con attestato è al 4° Loperatore socio sanitario senza attestato è al 3° livello un coordinatore di servizi è al 7° un direttore al 9° un direttore generale al 10° 18

19 Condizioni contrattuali I salari delle diverse figure professionali si differenziano del 5-10% circa da un livello allaltro Il tempo pieno prevede 38 ore settimanali Sono previsti 29 giorni di ferie lanno il trattamento economico di fine rapporto (1 mese di salario per ogni anno lavorato) la tredicesima mensilità (un salario supplementare annuale) Il riconoscimento della malattia retribuita La copertura della maternità per 80% del salarioper 14 mesi (la cooperativa può scegliere di riconoscere anche il 100%) 19

20 Servizio di selezione Obiettivi: Soddisfare le esigenze di assunzione di personale delle cooperative di Epta Individuare e fornire candidati motivati, competenti e qualificati con requisiti adeguati alle mansioni previste Promuovere e valorizzare limmagine, lo stile e le attività di Epta allesterno 20

21 Il servizio di ricerca e selezione del personale Si è costituito il 1 settembre 2005 Ha la certificazione di qualità norma ISO dal novembre 2005 Vi lavora il responsabile delle risorse umane, part time (media 26 ore settimanali), integrato da un collaboratore in specifiche situazioni di bisogno Dispone di banca dati su sistema intranet 21

22 Alcuni dati storici del servizio di selezione Ogni anno accoglie circa 1600 domande di lavoro Fonti principali di reperimento candidati: Sito web, posta mail, fax, Ogni anno svolge circa n.300 colloqui annui di selezione Ogni anno le cooperative del Consorzio Epta richiedono al servizio selezione e assumono mediamente n.70 professionisti (di cui oltre il 65% educatori) 22

23 Dati storici del servizio (Tra 1/09/2005 e 31/12/2009) N.318 professionisti assunti : 201 educatori 59 autisti soccorritori 42 operatori sociosanitari 7 assistenti allinfanzia 6 amministrativi 3 coordinatori 23

24 Fasi del servizio Fase 1 selezione dei candidati Ricezione dei curricula Analisi dei curricula Archiviazione informatizzata dei curricula (per mese e per professione ) Convocazione dei candidati e svolgimento colloquio di selezione Valutazione dei candidati ( scheda con punteggio giudizio e commento scritto) 24

25 Fasi del servizio Fase 2 - Erogazione del servizio del personale alle cooperative associate al Consorzio Epta Richiesta delle cooperative al servizio di selezione Risposta del servizio (entro 15giorni dalla richiesta) Conclusione del processo 25

26 Modulo di richiesta personale Data della richiesta Cooperativa e nome del responsabile Data della risposta del servizio selezione Epta Qualifica professionale Patente- auto Nome e sede servizio Ruolo professionale Compiti Competenze Anni esperienza servizio e/o settore Formazioni Orario settimanale Flessibilità di orario Tipo contratto 26

27 Il colloquio di selezione Il candidato viene contattato telefonicamente e convocato dal responsabile di servizio Il colloquio ha la durata di circa 70 minuti Viene condotto dal responsabile del servizio Si svolge nella sede legale del Consorzio Epta, nellufficio del responsabile 27

28 Descrizione del colloquio fase 1 Durata 15 minuti Accoglienza del candidato e presentazione reciproca presentazione del colloquio: obiettivi, contenuti e modalità Presentazione del consorzio Epta: mission, cooperative, settori e attività 28

29 Descrizione del colloquio fase 2 Durata 5 minuti Domande dettagliate e richieste dal candidato sulle informazioni ricevute nella fase 1 29

30 Descrizione del colloquio fase 3 Durata 40 minuti Intervista del candidato e redazione di appunti scritti da parte del selezionatore Intervista con domande sulle aree: Motivazionale Potenzialità Competenze 30

31 Area motivazionale 1-Quali sono le motivazioni che hanno influenzato la scelta di lavorare nella cooperazione sociale ed in un particolare settore (per esempio nella disabilità) e nella professione della relazione di aiuto 2-in considerazione della propria esperienza lavorativa svolta, verificare se alcune motivazioni sono cambiate, se si quali-come-perché-quando sono cambiate 3-Quali sono le motivazioni per cui ha fatto domanda di lavoro 4-Quali sono i propri obiettivi professionali che si intendono perseguire e realizzare 31

32 Area potenzialità 1-Quali sono le proprie caratteristiche rispetto la puntualità (orari, compiti, attività), la flessibilità (orario, compiti e attività), lassunzione di responsabilità, la resistenza allo stress e la prevenzione del burn out nella professione di aiuto 2-Quali sono le proprie caratteristiche relazionali rispetto il proprio inserimento in un nuovo contesto di lavoro 3-Qual è la propria disponibilità ad apprendere nuove competenze, a trasferire ed insegnare le proprie competenze in un nuovo ambiente di lavoro, a svolgere percorsi di formazione iniziale e di formazione continua 32

33 Area potenzialità 4-Qual è la propria disponibilità ad una possibile evoluzione di ruolo e di mansioni lavorative 5-Cosa offre il candidato in termini di risorse, di potenzialità e di competenze professionali 33

34 Area competenze 1-Descrizione dellattuale esperienza lavorativa (ruolo,mansioni,organizzazione di lavoro, valutazione di punti forti e punti deboli del proprio servizio per se stesso, per gli utenti, per le famiglie, per i colleghi-superiori ) o di stage, studi, volontariato 2-aspetti critici e successi nellattuale o più recente esperienza lavorativa 34

35 Area competenze 3-in considerazione delle proprie esperienze professionali svolte, individuare ed esplicitare i propri punti forti ed i propri punti deboli nel sapere-sapere essere-sapere fare inerenti il proprio ruolo professionale e la propria attività 4-Quali sono le proprie caratteristiche, attitudini e competenze rispetto il lavoro di gruppo, il gruppo di lavoro(integrarsi,differenziarsi, condividere, criticare,affrontare e gestire conflitti), il lavoro individuale e la relazione con lutenza 35

36 Area competenze 5-Cosa significa e cosa implica lavorare per obiettivi e per progetti personalizzati, programmare,intervenire,verificare, dare visibilità al proprio lavoro, documentare e lavorare in rete con altri soggetti 6-Quali sono stati i percorsi di riflessione e di sostegno alla propria professione 7-Quali sono i settori e le attività di maggiore interesse di Epta in cui vorrebbe il candidato inserirsi e perché 36

37 Fase conclusiva Durata 10 minuti Eventuali domande o informazioni richieste dal candidato Bilancio condiviso del colloquio svolto con esplicitazione del seguito del percorso di selezione Esito: il candidato può essere inserito presso una cooperativa (tramite ulteriore colloquio specifico di validazione della selezione precedente) oppure il candidato resta in banca dati per opportunità lavorative future 37

38 Alcuni temi specifici trattati nel colloquio con leducatore Conoscenza di alcune diagnosi Descrizione del concetto di dignità ed integrazione sociale del disabile Disponibilità a lavorare con qualsiasi tipo di disabilità Descrizione delle modalità di intervento su un caso di persona disabile (nella propria esperienza lavorativa) Come affrontare leventuale aggressività del disabile 38

39 Alcuni temi specifici trattati nel colloquio con leducatore La relazione con la famiglia del disabile La capacità di essere mediatori tra il disabile ed il contesto in cui è inserito La capacità di tenere la giusta distanza nella relazione con lutente (separare coinvolgimento emotivo dal ruolo professionale) La capacità di lavorare in equipe e in autonomia 39

40 Alcuni temi specifici nel colloquio con loperatore socio sanitario Conoscenza di alcune diagnosi Descrizione del concetto di dignità ed integrazione sociale del disabile Disponibilità a lavorare con qualsiasi tipo di disabilità Descrizione delle modalità di intervento assistenziale su un caso di persona disabile nella propria esperienza lavorativa Modalità di intervento rispetto igiene, cura del corpo, alimentazione, malattia etc… 40

41 Alcuni temi specifici nel colloquio con loperatore socio sanitario Come affrontare leventuale aggressività del disabile La capacità di tenere la giusta distanza nella relazione con lutente (separare coinvolgimento emotivo dal ruolo professionale) La relazione con la famiglia del disabile La capacità di essere mediatori tra il disabile ed il contesto in cui è inserito La capacità di lavorare in equipe ed in autonomia Tenere aggiornata la cartella del disabile con verifica degli obiettivi del progetto individualizzato 41

42 Alcuni aspetti metodologici nel colloquio Saper accogliere e mettere a proprio agio il candidato Saper essere chiari e sinceri nella comunicazione Condividere la metodologia, lobiettivo del colloquio, lesito e la valutazione del colloquio Sapere ascoltare attivamente e lasciare spazio di espressione al candidato, astenersi da pregiudizi Valorizzare al massimo le caratteristiche del candidato 42

43 La valutazione del candidato Durante il colloquio il responsabile scrive appunti relativi allintervista Terminato il colloquio, entro 1 giorno, il responsabile compila la scheda di valutazione scrive un commento sul candidato e provvede a dare punteggi alle aree di intervista La scheda di valutazione, archiviata sul sistema intranet, viene inviata insieme al curriculum alla cooperativa che ha richiesto un professionista specifico con determinate caratteristiche 43

44 Punteggi e giudizi della valutazione Pt 0 insufficente Pt 2 sufficiente Pt 3 discreto Pt 4 buono Pt 6 ottimo Nella scheda si avrà quindi: un giudizio ed un punteggio relativo allarea motivazionale-potenzialità-competenze un punteggio totale un commento scritto che motivi lattribuzione di tali punteggi 44

45 Punti forti del servizio selezione Disporre di un sistema informatico ben organizzato e di una efficiente e dettagliata banca dati Saper presidiare il servizio: ogni giorno leggere ed archiviare i curricula, svolgere costantemente colloqui anche in periodi in cui non vi sono richieste di personale, lavorare quindi in anticipo sui bisogni Saper rispondere in modo adeguato, rapido ed in anticipo alle richieste di personale delle cooperative (spesso anche a distanza di 2-3 giorni dalla data di richiesta) 45

46 Punti forti del servizio selezione Saper promuovere il Consorzio Epta allesterno (dare informazioni, distribuire materiale documentativo) Conoscere bene le professioni e le caratteristiche ricercate Saper coinvolgere e sapere interessare il candidato verso Epta Saper avere cura nel mantenere i contatti con i candidati conosciuti e valutati positivamente anche a distanza di mesi-anni 46

47 Punti deboli del servizio selezione Dovere talvolta rispondere a numerose e contemporanee richieste complesse per offerte contrattuali deboli verso i candidati a cui per esempio si richiedono competenze spiccate Esempio: Educatore part time (19 ore settimanali) su un servizio di sostegno scolastico (3 ore per 4 mattine + 1 ora di programmazione) e intervento domiciliare/tempo libero (2 pomeriggi di 3 ore) I due servizi si svolgono nelle stesse o diverse giornate a distanza di 20 km luno dallaltro. 47

48 Punti deboli del servizio selezione Offerta di contratto a tempo determinato Requisiti richiesti: diploma di educatore sociale Essere automuniti (leducatore deve trasportare in auto lutente nellintervento di tempo libero) forte esperienza e competenza su: casi di autismo, gestione dellaggressività, sistema dellintegrazione scolastica, relazione con la famiglia del disabile, intervento individuale, lavoro in equipe multidisciplinare 48

49 Punti deboli del servizio selezione Collocarsi in un sistema generale dove vi è molta concorrenza tra le numerose cooperative che ricercano personale Ricevere spesso richieste in urgenza da soddisfare (entro pochi giorni) Non potere pianificare lattività di risposta ai bisogni perché spesso le cooperative non riescono a programmare i loro bisogni di personale 49

50 Grazie, Merci, Dekuje per lattenzione Francesco Spoto 50


Scaricare ppt "OSTRAVA, 5 ottobre 2010 GIORNATE EUROPEE DELLA DISABILITA PROCEDURE E PRATICHE DI SELEZIONE DEI PROFESSIONISTI DI ASSISTENZA ED EDUCATIVI NEI SERVIZI PER."

Presentazioni simili


Annunci Google