La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Il sistema delle relazioni sindacali nella contrattazione collettiva nazionale di lavoro per il personale del SSN. Marta Branca Dirigente Aran Catanzaro,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Il sistema delle relazioni sindacali nella contrattazione collettiva nazionale di lavoro per il personale del SSN. Marta Branca Dirigente Aran Catanzaro,"— Transcript della presentazione:

1

2 1 Il sistema delle relazioni sindacali nella contrattazione collettiva nazionale di lavoro per il personale del SSN. Marta Branca Dirigente Aran Catanzaro, 27 Giugno 2007

3 2 L n. 421 Delega al Governo per la razionalizzazione e la revisione delle discipline in materia di sanità, di pubblico impiego, di previdenza e di finanza territoriale. D.Lgs n. 29 Razionalizzazione dell'organizzazione delle amministrazioni pubbliche e revisione della disciplina in materia di pubblico impiego, a norma dell'articolo 2 della L. 23 ottobre 1992, n D.Lgs n. 470 Disposizioni correttive del D.Lgs. 3 febbraio 1993, n. 29, recante razionalizzazione dell'organizzazione delle amministrazioni pubbliche e revisione della disciplina in materia di pubblico impiego D.Lgs n. 546 Ulteriori modifiche al D.Lgs. 3 febbraio 1993, n. 29, sul pubblico impiego Prima privatizzazione del pubblico impiego L n. 59 Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della Pubblica Amministrazione e per la semplificazione amministrativa. * D.Lgs n. 396 Modificazioni al D.Lgs. 3 febbraio 1993, n. 29, in materia di contrattazione collettiva e di rappresentatività sindacale nel settore del pubblico impiego, a norma dell'articolo 11, commi 4 e 6, della L. 15 marzo 1997, n. 59. Seconda privatizzazione del pubblico impiego * D.Lgs n. 80 Nuove disposizioni in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nelle amministrazioni pubbliche, di giurisdizione nelle controversie di lavoro e di giurisdizione amministrativa, emanate in attuazione dell'articolo 11, comma 4, della L. 15 marzo 1997, n. 59. D.Lgs n. 387 Ulteriori disposizioni integrative e correttive del D.Lgs. 3 febbraio 1993, n. 29, e successive modificazioni, e del D.Lgs. 31 marzo 1998, n. 80. Ora d.lgs. 165/2001 T.U. pubblico impiego

4 3 Privatizzazione del rapporto di lavoro dei dipendenti e dirigenti pubblici ed allineamento delle fonti con il settore privato Applicazione delle stesse politiche salariali del settore privato nel rinnovo dei CCNL secondo le regole dellAccordo sulla politica dei redditi stipulato nel 1993 fra Governo e Sindacati Affidamento allARAN della contrattazione collettiva nazionale per tutti i settori pubblici Modello del dialogo sociale (Relazioni sindacali). Rappresentatività delle OO.SS. -accrescere efficienza delle amm.ni in relazione a quella dellUE - razionalizzare costo lavoro pubblico - migliore utilizzo RU nella PA (formazione e sviluppo professionale, pari opportunità uomini e donne, condizioni uniformi al lavoro privato) Riforma del pubblico impiego del 1993

5 4 Protocollo 23 luglio 1993 sulla politica dei redditi e delloccupazione, sugli assetti contrattuali, sulle politiche del lavoro e sul sostegno al sistema produttivo. Politica dei redditi e delloccupazione Assetti contrattuali (Doppio livello di negoziazione, nazionale e integrativo come il più idoneo a contemperare lesigenza del controllo centrale con le istanze di decentramento e flessibilità) Politiche del lavoro (gestione crisi occupazionali, occupazione giovanile e formazione, riattivazione mercato del lavoro Sostegno al sistema produttivo (Ricerca e innovazione tecnologica, istruzione e formazione professionale, finanza per le imprese e internazionalizzazione, riequilibrio territoriale, infrastrutture e domanda pubblica, politica delle tariffe) Garanzia del potere di acquisto dei salari attraverso la concertazione nazionale Assegnazione al livello decentrato (aziendale o territoriale) della contrattazione sul salario variabile. Deve essere correlato a risultati di produttività riscontrabili nella migliorata efficienza e redditività aziendale

6 5 D.Lgs n. 396 Modificazioni al D.Lgs. 29/1993, in materia di contrattazione collettiva e di rappresentatività sindacale nel settore del pubblico impiego, a norma dell'articolo 11, commi 4 e 6, della L. 59/1997 Ha ristrutturato lARAN, riordinandola e potenziandola. Ha istituito i Comitati di settore che devono emanare gli indirizzi contrattuali e esprimere parere sullipotesi di accordo collettivo negoziato dallARAN. Ha modificato forme e contenuti della contrattazione collettiva che si svolge secondo un procedimento di matrice negoziale e non più amministrativa. Ha ridefinito i criteri per la rappresentatività sindacale, sia a livello nazionale che decentrato, imponendo la costituzione delle RSU, organismi di rappresentanza democratica eletti su base concorrenziale da tutti i dipendenti pubblici dellunità amministrativa decentrata.

7 6 Livelli di contrattazione Livello NAZIONALE (I livello) Livello LOCALE (INTEGRATIVO) (II livello) Si svolge in ARAN Dà luogo a Si svolge in ogni pubblica Amministrazione. Dà luogo a I livelli sono stabiliti dallAccordo sulla politica dei redditi del Governo-OO.SS.e confermati dalla legge di riforma del pubblico impiego CCNQ CCNL C.I.

8 7 STRUTTURA DELLARAN

9 8 Art. 46 d.lgs. 165/2001: Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni Rappresenta legalmente le PP.AA. agli effetti della contrattazione collettiva nazionale. Esercita a livello nazionale, in base agli indirizzi ricevuti, ogni attività relativa: - alle relazioni sindacali - alla negoziazione dei contratti collettivi - alla assistenza alle PP.AA. Ai fini delluniforme applicazione dei CCNL Cura le attività di studio, monitoraggio e documentazione necessarie allesercizio della contrattazione collettiva. Comitato direttivo: 5 componenti (3 di nomina governativa, tra cui il Presidente, 1 designato dalla conferenza unificata Stato-regioni e Stato-Città, 1 designato da ANCI e UPI)

10 9 COMPARTI DI CONTRATTAZIONE MINISTERI SCUOLA AZIENDE AUTONOME S.S.N. UNIVERSITA ENTI DI RICERCA ENTI PUBBLICI NON ECONOMICI ARAN AGENZIE FISCALI P.C.M. ACCADEMIE – CONSERVATORI REGIONI – AUTONOMIE LOCALI comitati di settore

11 10 AREE DELLA DIRIGENZA Area I Area II Area III Area IV Area V Ministeri EE.PP. Aziende autonome Enti di ricerca Università P.C.M. Regioni-Autonomie locali Sanità Ruoli SPTA Medico-veterinaria Dirigenza scolastica Agenzie fiscali Area VI Area VII

12 11 Durata dei contratti 4 anni per la parte normativa 2 anni per la parte economica Contratti del prossimo quadriennio: parte normativa I biennio economico II biennio economico Nel SSN: Sono stipulati sei CCNL: due per ogni separata area di contrattazione

13 12 Primo biennio Tetto di inflazione programmata per quel periodo calcolata sulla massa salariale di ogni settore dellanno precedente il rinnovo Secondo biennio la possibile differenza tra il tetto di inflazione programmata del I biennio e l inflazione reale nello stesso periodo Le regole stabilite dallAccordo sulla politica dei redditi del 1993, valido per tutti i settori pubblici, prevedono Inflazione programmata nel secondo periodo Dalla legge finanziaria nazionale per garantire lavvio delle riforme. dalle Regioni, Autonomie locali ed altre P.A, per il tramite dei comitati di settore per la contrattazione di II livello Le risorse possono essere integrate RISORSE

14 13 Soggetti Soggetti per stipulazione CCNL ARAN (Rappresentanza Pubbliche Amministrazioni) SINDACATI DI CATEGORIA (che raggiungono il 5% al livello nazionale quale media tra il dato associativo ed elettorale) CONFEDERAZIONI sindacali cui gli stessi aderiscono SINDACATI rappresentativi

15 14 Comitato di settore comparto Sanità Composizione: -Assessore Finanze Lombardia (Presidente) - Assessore sanità Emilia Romagna - Assessore sanità Friuli VG - Assessore sanità Toscana - Assessore sanità Veneto - Assessore sanità Puglia - Assessore sanità Provincia aut. Trento - 2 rappresentanti Ministero Salute (Governo) Elabora linee di indirizzo per i CCNL del comparto e aree dirigenziali.

16 15 FASI DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA NAZIONALE Definizione mediante appositi contratti quadro (tra Aran e confederazioni sindacali rappresentative) dei comparti e delle aree dirigenziali della contrattazione collettiva nazionale riguardanti settori omogenei o affini (atto di indirizzo deliberati dallorganismo di coordinamento dei comitati di settore e trattative condotte dalle confederazioni rappresentative Definizione degli intendimenti negoziali (Trasmissione allAran dellatto di indirizzo da parte del Comitato di settore) Definizione rappresentatività

17 16 Continua:FASI DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA NAZIONALE Invio allAran dellatto di indirizzo e conseguente avvio delle trattative tra le parti sindacali e lAran (ciascun comitato di settore viene costantemente informato sullo svolgimento delle trattative). Raggiungimento ipotesi di accordo tra Aran e parti sindacali ed invio dellaccordo, al comitato di settore, per il parere. Subprocedimento presso il Dipartimento Funzione Pubblica con invio dellipotesi di CCNL al Ministero dellEconomia. Acquisizione del parere favorevole del Comitato di settore (entro 5 gg.) sul testo contrattuale e sui conseguenti oneri diretti e indiretti a carico delle amministrazioni interessate. Espressione del parere da parte del Presidente del Consiglio per il tramite Ministro FP, previa deliberazione Consiglio Ministri. In caso di parere negativo del Comitato di settore si riapre la trattativa In caso di divergenza fra valutazione del Comitato di settore e Consiglio dei Ministri, viene escluso ogni concorso al finanziamento del contratto da parte dello Stato.

18 17 Continua:FASI DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA NAZIONALE Invio allAran della deliberazione del Consiglio dei Ministri di autorizzazione del Ministro FP ad esprimere il parere favorevole al fine della sottoscrizione definitiva. Trasmissione il giorno successivo, da parte dellAran, del CCNL e della quantificazione dei costi contrattuali alla Corte dei Conti, con la relazione tecnico-illustrativa allegata, ai fini della certificazione circa la compatibilità con gli strumenti di programmazione e di bilancio (la procedura di certificazione deve concludersi entro 40 giorni). Eventuale acquisizione da parte della CdC di valutazione di 3 esperti designati da FP di concerto con Economia CERTIFICAZIONE POSITIVA dellattendibilità dei costi quantificati o mancata certificazione nel termine di 15 gg. con formazione del silenzio-assenso. CERTIFICAZIONE NON POSITIVA

19 18 POSITIVA Continua:FASI DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA NAZIONALE Comunicazione da parte della CdC alla FP, al Comitato di settore ed allAran dellesito positivo della certificazione. NON POSITIVA Assunzione delle iniziative necessarie da parte dellAran, sentito il comitato di settore, per adeguare la quantificazione dei costi contrattuali ai fini della certificazione. Qualora non si ritenga possibile adeguare la quantificazione dei costi, lAran convoca le OO.SS. Per la riapertura delle trattative. Sottoscrizione definitiva del CCNL in sede Aran previa verifica che allaccordo aderiscano il 51% delle OO.SS. quale media tra dato associativo ed elettorale. Le iniziative assunte dallAran in seguito alla valutazione espressa dalla CdC sono comunicate al Governo e alla CdC la quale, in caso di diversa quantificazione delibera nuovamente Deliberazione positiva In caso di nuova deliberazione negativa la CdC relaziona al Parlamento sulla definitiva quantificazione dei costi contrattuali, sulla copertura finanziaria e sulla compatibilità con gli strumenti di programmazione e bilancio

20 19 Continua: FASI DELLA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA NAZIONALE POSITIVANON POSITIVA Pubblicazione in G.U. Il CCNL è efficace dal giorno successivo alla sottoscrizione (indipendentemente dalla pubblicazione in G.U.) Riapertura delle trattative. Ovvero Mandato del Comitato di settore al Presidente dellAran a sottoscrivere ugualmente il CCNL. Sottoscrizione definitiva Modifica art. 47 D.Lgs. 165/2001 sulla tempistica di chiusura del CCNL (art. 1, co. 548 finanziaria 2007)

21 20 I tempi dei CCNL aree dirigenziali del PREINTESE TECNICHE: Trasmissione Preintese Comitato settore: Parere favorevole Comitato settore: Trasmissione Preintese DFP (Governo e Ministero Economia): Parere favorevole DFP: Sottoscrizione ipotesi e trasmissione Comitato settore: Parere favorevole Comitato settore : Trasmissione ipotesi DFP : Richiesta chiarimenti DFP : Continua….

22 21 I tempi dei CCNL aree dirigenziali del Osservazioni integrative Aran : Parere favorevole DFP : Trasmissione ipotesi CdC, con relazioni : Certificazione non positiva CdC : Conferma parere favorevole Comitato settore: Invio DFP decisione di sottoscrivere i CCNL: Presa atto DFP decisione di sottoscrivere: SOTTOSCRIZIONE CCNL:

23 22 Mancanza di tempi certi nella fase di approvazione da parte del Governo degli atti di indirizzo e nellespressione del parere sulle ipotesi. Ambiguità del ruolo del rappresentante del Governo nellambito del Comitato di settore. Scarsa incidenza e capacità di influenza delle regioni nella fase negoziale e nel confronto con le OO.SS. Gli aspetti problematici individuati dal Comitato di settore

24 23 Proposte di cambiamento del Comitato di settore Eliminazione presenza rappresentante Governo nel Comitato di settore Caratterizzazione regionalista della sezione dellAran che stipula i CCNL della sanità Sostituzione passaggi al Governo con pareri espressi in Conferenza Stato-Regioni

25 24 Possibili conseguenze del nuovo modello proposto A) Ritorno della contrattazione in mano a soggetti politici C) Soppressione Aran B) Venir meno di una strategia unitaria nel rinnovo dei CCNL delle diverse aree e comparti contrattuali

26 25 Art. 40 L. 132/1968 Al contratto decentrato era demandato di regolare gli istituti normativi ed economici espressamente riservati dallaccordo nazionale alla competenza locale Il trattamento economico e gli istituti normativi di carattere economico del rapporto di impiego di tutto il personale sono disciplinati mediante accordo nazionale unico, di durata triennale, stipulato tra il Governo, le regioni e l'Associazione nazionale dei comuni italiani (ANCI) e le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative in campo nazionale delle categorie interessate. La delegazione del Governo, delle regioni e dell'ANCI per la stipula degli accordi anzidetti, è costituita rispettivamente: da un rappresentante della Presidenza del Consiglio dei ministri e dai Ministri della sanità, del lavoro e della previdenza sociale e del tesoro; da cinque rappresentanti designati dalle regioni attraverso la commissione interregionale di cui all'articolo 13 della legge 16 maggio 1970, n. 281; da sei rappresentanti designati dall'ANCI. L'accordo nazionale di cui al comma precedente è reso esecutivo con decreto del Presidente della Repubblica su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri. I competenti organi locali adottano entro 30 giorni dalla pubblicazione del suddetto decreto i necessari e dovuti atti deliberativi. Art. 47 L. 833/1978 EVOLUZIONE DELLA CONTRATTAZIONE DECENTRATA

27 26 1. Nell'ambito e nei limiti fissati dalla disciplina emanata a seguito degli accordi sindacali di cui ai precedenti articoli, e segnatamente per quanto concerne i criteri per l'organizzazione del lavoro di cui all' articolo 3, n. 2, la disciplina dei carichi di lavoro, la formulazione di proposte per l'attuazione degli istituti concernenti la formazione professionale e l'addestramento, nonché tutte le altre misure volte ad assicurare l'efficienza degli uffici, sono consentiti accordi decentrati per singole branche della pubblica amministrazione e per singoli enti, anche per aree territorialmente delimitate negli accordi di comparto. Tali accordi non possono comportare oneri aggiuntivi se non nei limiti previsti dagli accordi sindacali di cui al precedente articolo 11. ……………………………………………………. L. 93/83 - Art. 14: Accordi decentrati La contrattazione decentrata come braccio operativo di quella nazionale di cui la legge si avvaleva per lesplicazione della contitolarità del potere dellamministrazione e del sindacato stimolandolo ad assumere il ruolo di cogestore con il diritto di veto allesplicazione dellattività organizzatoria dellamministrazione. Impreparazione dei dirigenti ad opporre resistenza. contrattazione collettiva pubblica come vincolo consociativo Crescita fuori controllo della spesa pubblica

28 27 Accentuata esigenza di decentramento e flessibilità Uso distorto della contrattazione decentrata rivolta allesclusivo soddisfacimento di microinteressi senza contemperarli con i macrointeressi della produttività ed efficienza della PA Notevole grado di informalità nelle modalità attuative della contrattazione decentrata che ne accentua i caratteri di tipo consociativo e cogestionale piuttosto che normativo Esigenza di semplificare le fonti e avviare il processo di privatizzazione D.lgs. 29/1993 – nuovo sistema di relazioni sindacali e di controllo della spesa CARATTERI GIURIDICI DELLA CONTRATTAZIONE DECENTRATA

29 28 Prima versione del d.lgs. 29/93: il sistema delle relazioni sindacali è ispirato al rispetto della separazione dei ruoli tra amm.ne e sindacato Regole di trasparenza, correttezza e buona fede valide per la gestione del rapporto di lavoro pubblico-privato Abbandono del consociativismo e ricerca di condivisione dei cambiamenti in atto nella PA Art. 45: 1. La contrattazione collettiva è nazionale e decentrata. Essa si svolge su tutte le materie relative al rapporto di lavoro, con esclusione di quelle riservate alla legge e agli atti normativi e amministrativi secondo il disposto dell'articolo 2, comma 1, lettera c), della L. 23 ottobre 1992, n …………………………………….. 4. La contrattazione collettiva decentrata è finalizzata al contemperamento tra le esigenze organizzative, la tutela dei dipendenti e l'interesse degli utenti. Essa si svolge sulle materie e nei limiti stabiliti dai contratti collettivi nazionali. …………………………………………… 6. I contratti collettivi quadro sono stipulati dall'agenzia di cui all'art. 50, per la parte pubblica, e, per la parte sindacale, dalle confederazioni maggiormente rappresentative sul piano nazionale. 7. I contratti collettivi nazionali di comparto sono stipulati dall'agenzia di cui all'art. 50 per la parte pubblica, e, per la parte sindacale, dalle confederazioni maggiormente rappresentative sul piano nazionale, nonché dalle organizzazioni maggiormente rappresentative sul piano nazionale nell'ambito del comparto. 8. I contratti collettivi decentrati sono stipulati, per la parte pubblica, da una delegazione composta dal titolare del potere di rappresentanza delle singole amministrazioni o da un suo delegato, che la presiede, e da rappresentanti dei titolari degli uffici interessati, e, per la parte sindacale, da una rappresentanza composta secondo modalità definite dalla contrattazione collettiva nazionale e nell'ambito della provincia autonoma di Bolzano e della regione Valle d'Aosta anche dalle confederazioni sindacali maggiormente rappresentative sul piano provinciale e regionale rispettivamente ai sensi dell'art. 9 del D.P.R. 6 gennaio 1978, n. 58, e del D.Lgs. 28 dicembre 1989, n Scomparsa del livello di contrattazione regionale (previsto dai DPR 270/87 e 384/90)

30 29 La contrattazione decentrata nella stagione contrattuale CCNL comparto (artt. 3-12) e CCNL aree dirigenziali (artt. 3-12): Hanno individuato i livelli, i soggetti negoziali e le materie della contrattazione decentrata MA Difficoltà nellabbandono di prassi di cogestione e fallimento dellapplicazione di interessanti istituti premianti (progressioni economiche o incentivi) legati al merito, voluti a parole ma non nei fatti.

31 30 D.Lgs n. 396 Modificazioni al D.Lgs. 29/1993, in materia di contrattazione collettiva e di rappresentatività sindacale nel settore del pubblico impiego, a norma dell'articolo 11, commi 4 e 6, della L. 59/1997 VERSO LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA L. 59/97 Ampio decentramento amministrativo in vista del federalismo Accelerare processo di privatizzazione e cambiamento PA Ridurre al minimo le regole pubblicistiche nellorganizzazione della PA Il nuovo Art. 45 del d.lgs. 29/1993: (Contratti collettivi nazionali e integrativi) 1. La contrattazione collettiva si svolge su tutte le materie relative al rapporto di lavoro ed alle relazioni sindacali. 2. Gli atti interni di organizzazione aventi riflessi sui rapporti di lavoro formano oggetto delle procedure di informazione e di esame regolate dall'articolo 10 e dai contratti collettivi. …………………………………………………………. 4. La contrattazione collettiva disciplina, in coerenza con il settore privato, la durata dei contratti collettivi nazionali e integrativi, la struttura contrattuale e i rapporti tra i diversi livelli. Le pubbliche amministrazioni attivano autonomi livelli di contrattazione collettiva integrativa, nel rispetto dei vincoli di bilancio risultanti dagli strumenti di programmazione annuale e pluriennale di ciascuna amministrazione. La contrattazione collettiva integrativa si svolge sulle materie e nei limiti stabiliti dai contratti collettivi nazionali, tra i soggetti e con le procedure negoziali che questi ultimi prevedono; essa puo' avere ambito territoriale e riguardare piu' amministrazioni. Le pubbliche amministrazioni non possono sottoscrivere in sede decentrata contratti collettivi integrativi in contrasto con vincoli risultanti dai contratti collettivi nazionali o che comportino oneri non previsti negli strumenti di programmazione annuale e pluriennale di ciascuna amministrazione. Le clausole difformi sono nulle e non possono essere applicate. 5. Le pubbliche amministrazioni adempiono agli obblighi assunti con i contratti collettivi nazionali o integrativi dalla data della sottoscrizione definitiva e ne assicurano l'osservanza nelle forme previste dai rispettivi ordinamenti

32 31 Art. 10 D.Lgs. 29/93 (come sostituito dal d.lgs. 80/1998) – oggi art. 9 d.lgs. 165/2001 Partecipazione sindacale 1. I contratti collettivi nazionali disciplinano i rapporti sindacali e gli istituti della partecipazione anche con riferimento agli atti interni di organizzazione aventi riflessi sul rapporto di lavoro. Non più cogestione ma condivisione sia pure nei distinti ruoli delle parti ORGANO DI VERTICE Potere di indirizzo politico-amministrativo DIRIGENZA Gestione operativa SINDACATO Difesa dei diritti e interessi del lavoratore

33 32 ORGANO DI VERTICE -Esercita le funzioni di indirizzo politico-amministrativo definendo gli obiettivi e i programmi da attuare e adottando i conseguenti atti. - Verifica la rispondenza dei risultati dellattività amministrativa e della gestione agli indirizzi impartiti. - Definisce obiettivi, priorità, piani, programmi e direttive generali per la gestione. - Conferisce e revoca gli incarichi dirigenziali. - Effettua nomine e designazioni. - Assegna ai dirigenti preposti ai centri di responsabilità le risorse umane, strumentali ed economico-finanziarie da destinare al raggiungimento dei risultati di gestione. - Adotta la programmazione triennale del fabbisogno di personale e le relative variazioni. - Ha la legale rappresentanza dellazienda, è responsabile della gestione complessiva, realizza – con piena autonomia gestionale – gli obiettivi di salute e funzionamento dei servizi assegnati dalla Regione in funzione delle relative risorse. (art. 4, comma 1, d.lgs. 165/2001)

34 33 DIRIGENZA - E responsabile in via esclusiva dellattività amministrativa, tecnica e sanitaria, della gestione delle risorse assegnate e dei relativi risultati. - Adotta atti e provvedimenti amministrativi. - Esercita i poteri di spesa rientranti nelle competenze della propria struttura. - Promuove e resiste alle liti con potere di conciliare e transigere. - Organizza e gestisce il personale e i rapporti sindacali. - La dirigenza sanitaria gode di autonomia tecnico- professionale ed è responsabile del risultato dei programmi concordati. (art. 4, comma 2, d.lgs. 165/2001)

35 34 SINDACATO - Nel tutelare i diritti economici e gli interessi professionali dei lavoratori, partecipa allattività dellamministrazione attraverso i seguenti momenti istituzionali: contrattazione integrativa, concertazione, informazione, consultazione. - Può intervenire, con le modalità previste dai CCNL negli atti interni di organizzazione aventi riflessi sul rapporto di lavoro. - In relazione alla contrattazione integrativa, in tutte le materie a contenuto economico diretto detiene, in pratica, un potere di veto a determinazioni unilaterali dellamministrazione-datore di lavoro. - Non negozia più, come nel passato, istituti che attengono allorganizzazione del lavoro quali orario di servizio, straordinario e pronta disponibilità, mobilità, turni ecc. In queste materie è titolare di un nuovo livello di relazioni – la concertazione – che libera lamministrazione da vincoli negoziali dopo 30 gg. di infruttuosi tentativi di pervenire ad un accordo. - In virtù delle norme del D.lgs. 29/1993 non partecipa più a commissioni esaminatrici di concorso, a commissioni di disciplina e a qualsiasi altra manifestazione di gestione diretta delle risorse umane.

36 35 : Obiettivi e strumenti Il sistema delle relazioni sindacali, nel rispetto delle distinzioni delle responsabilità delle aziende e degli enti del comparto e dei sindacati, è riordinato in modo coerente con lobiettivo di contemperare linteresse al miglioramento delle condizioni di lavoro e alla crescita professionale dei dipendenti con lesigenza delle aziende ed enti di incrementare e mantenere elevate lefficacia e lefficienza dei servizi erogati alla collettività. Il predetto obiettivo comporta la necessità di uno stabile sistema di relazioni sindacali, che si articola nei seguenti modelli relazionali: LE RELAZIONI SINDACALI NEI CCNL E : OBIETTIVI E STRUMENTI

37 36 continua: RELAZIONI SINDACALI: obiettivi e strumenti Contrattazione collettiva a livello nazionale Contrattazione collettiva integrativa, che si svolge a livello di azienda o ente, sulle materie e con le modalità indicate dal CCNL Concertazione Consultazione Informazione Costituzione di commissioni paritetiche PARTECIPAZIONE Interpretazione autentica dei contratti collettivi

38 37 Materie Sono fissate dal contratto nazionale Laccordo è necessario solo per le materie economiche (produttività, indennità, etc.) Laccordo non è necessario nelle altre materie. Se esso non è raggiunto nel periodo di 60 gg. fissato dal CCNL, lazienda può decidere senza. Risorse Il tetto delle risorse del II livello è stabilito nel contratto nazionale daccordo con i comitati di settore. Materie e risorse della contrattazione integrativa

39 38 Contrattazione integrativa Concertazione Consultazione Informazione Materie tassative fissate dal CCNL Materie fissate da leggi, CCNL o altre decise dallazienda Materie fissate dal C.I. Partecipazione Commissioni pari opportunità, mobbing, osservatori La fissazione delle materie dei primi due livelli nel CCNL non limita lazienda ma la tutela dalle richieste delle OO.SS. invasive dellorganizzazione ed improntate a cogestire. Lobbligo assunto a livello nazionale va rispettato. LIVELLI DI RELAZIONI SINDACALI NELLA SEDE AZIENDALE

40 39 STIPULARE, SOLO SE CONVENIENTE Attività negoziale che può essere anche a termine. CONTRATTARE È UN OBBLIGO; STIPULARE, SOLO SE CONVENIENTE Contrattazione = Attività non negoziale a termine. Si conclude con un verbale in cui si registrano posizioni parti Concertazione = Attività informale prevista da leggi, CCNL e azienda Consultazione = Atti relativi al rapporto di lavoro individuati dallazienda in C.I. Può essere preventiva o successiva Informazione = Le procedure di contrattazione e concertazione sono definite dal CCNL; quelle di consultazione ed informazione in azienda Contrattazione, concertazione, consultazione informazione

41 40 Criteri generali della produttività collettiva ed individuale Criteri generali per ripartizione risorse derivanti da: A contenuto economico diretto: obbligatorio contratto integrativo Art. 43 legge 449/1997 Economie part - time Specifiche leggi finalizzate incentivare prestazioni personale Accessorio personale trasferito per delega funzioni Risorse aggiuntive Risparmi su riduzione stabile dotazione organica Spostamento di risorse tra fondi ed al loro interno Modalità e verifiche per lattuazione della riduzione dellorario di lavoro Materie di C.I. nel comparto sanità (art. 4 CCNL 7 aprile 1999)

42 41 Modalità e verifiche per riduzione orario a 35 ore Criteri generali per le politiche orario lavoro A contenuto economico indiretto Programmi annuali e pluriennali formazione Indirizzi e criteri per miglioramento ambiente lavoro dlgs 626/1994 Effetti e conseguenze riconversioni servizi su personale Individuazione casi elevabilità contingente part - time Non è obbligatorio contratto integrativo se non si raggiunge laccordo nei 60 gg. dallinizio trattative Materie di C.I. nel comparto sanità (art. 4 CCNL 7 aprile 1999) Pari opportunità

43 42 CCNL , Art. 4: Contrattazione collettiva integrativa aree dirigenziali 1. Materie riferite al rapporto tra la parte pubblica e quella sindacale (art. 4, comma 2, lett. a) 2. Materie relative allutilizzo delle risorse, definite nel CCNL e per le quali il medesimo rinvia lindividuazione dei criteri generali alla sede aziendale (art. 4, comma 2, lett. b) 3. Materie attinenti temi prettamente collegati alle condizioni di lavoro nelle singole aziende e per le quali la contrattazione nazionale non sarebbe nelle condizioni di dare una risposta efficace (art. 4, comma 2, lett. c, d, e, f, g)

44 43 MATERIE DI CONTRATTAZIONE COLLETTIVA INTEGRATIVA ART. 4, comma 2, lett. A: Individuazione delle posizioni dirigenziali cui titolari devono essere esonerati dallo sciopero, ai sensi della L. 146/90, secondo quanto previsto dallaccordo sulle norme di garanzia dei servizi pubblici essenziali relativi allarea dirigenziali. (accordi: medici-veterinari, SPTA) ART. 4, comma 2, lett. B – Criteri generali per: 1. Definizione della percentuale di risorse del fondo di risultato da destinare alla realizzazione degli obiettivi aziendali generali affidati alle articolazioni interne individuate dal d.lgs. 502/92, dalle leggi regionali di organizzazione e dagli atti aziendali, ai fini dellattribuzione della retribuzione di risultato ai dirigenti. Detta retribuzione è strettamente correlata alla realizzazione degli obiettivi assegnati e viene quindi corrisposta a consuntivo dei risultati totali o parziali raggiunti, ovvero per stati di avanzamento, in ogni caso dopo la necessaria verifica almeno trimestrale, secondo le modalità dellart. 65 CCNL Nella determinazione della retribuzione di risultato si tiene conto degli effetti di ricaduta dei sistemi di valutazione dellattività dei dirigenti; Vd. Art. 12 CCNL , II biennio A contenuto economico diretto: obbligatorio contratto integrativo

45 44 MATERIE DI CONTRATTAZIONE COLLETTIVA INTEGRATIVA ART. 4, comma 2, lett. B: 2. Attuazione art. 43 L. 449/97 (contratti di sponsorizzazione, accordi di collaborazione con soggetti privati al fine di favorire linnovazione dellorganizzazione amministrativa e realizzare maggiori economie nonché una migliore qualità dei servizi sanitari); 3. Distribuzione delle risorse contrattuali tra i 3 fondi previsti e delle risorse regionali eventualmente assegnate; 4. Modalità di attribuzione ai dirigenti cui è conferito uno degli incarichi previsti dallart. 27, comma 1, lett. b), c) e d) del CCNL della retribuzione collegata ai risultati ed agli obiettivi e programmi assegnati secondo gli incarichi conferiti; 5. Lo spostamento di risorse tra i tre fondi ed al loro interno, in apposita sessione di bilancio, la finalizzazione tra i vari istituti nonché la rideterminazione degli stessi in conseguenza della riduzione di organico derivante da stabili processi di riorganizzazione previsti dalla programmazione sanitaria regionale ai sensi dellart. 9, comma 4. Ove non si raggiunga laccordo si applicano le regole originarie. A contenuto economico diretto: obbligatorio contratto integrativo

46 45 MATERIE DI CONTRATTAZIONE COLLETTIVA INTEGRATIVA ART. 4, c. 2, lett. C: Linee generali di indirizzo e programmi annuali e pluriennali dellattività di formazione manageriale e formazione continua comprendente laggiornamento e la formazione dei dirigenti, anche in relazione allapplicazione dellart. 16 bis e segg. del d.lgs. 502/92 e smi. Linee guida regionali ART. 4, c. 2, lett. D: Pari opportunità, con le procedure indicate dallart. 8 del CCNL anche per le finalità di cui alla L. 125/91. ART. 4, c. 2, lett. E: Criteri generali sui tempi e modalità di applicazione delle norme relative alla tutela in materia di igiene, ambiente, sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro con riferimento al d.lgs. 626/94 e smi e nei limiti stabiliti dal CCNQ (relativo allattuazione del D.lgs. 626). ART. 4, c. 2, lett. F: Implicazioni derivanti dagli effetti delle innovazioni organizzative e tecnologiche e dei processi di esternalizzazione, disattivazione o riqualificazione e riconversione dei servizi, sulla qualità del lavoro, sulla professionalità e mobilità dei dirigenti. ART. 4, c. 2, lett. G: Criteri generali per la definizione del regolamento ALPI per la disciplina e lorganizzazione dellattività libero-professionale intramuraria nonché per lattribuzione dei relativi proventi agli interessati. Linee guida regionali Su tali materie – non direttamente implicanti erogazione di trattamento economico – decorsi 30 gg. senza raggiungere laccordo, le parti riacquisiscono la propria libertà dazione (c. 4) E obbligatorio avviare il confronto ma non raggiungere laccordo. Principio del diverso rapporto tra dirigente e O.S.

47 46 Tempi e procedure per la stipulazione e rinnovo del contratto integrativo (Art. 5 CCNL e art. 4 CCNL ) Quadriennio normativo - Biennio economico Opportunità di trattare tutte le materie in ununica sessione negoziale per realizzare equilibri negoziali. La Regione può decidere di non emanare linee di indirizzo ex art. 9 CCNL (comma 2) Costituzione delegazione di parte pubblica (30 gg stipula CCNL) e convocazione delegazione sindacale (15 gg. o 30 gg. presentazione piattaforme) Controllo sulla compatibilità dei costi della contrattazione integrativa con i vincoli di bilancio da parte del Collegio sindacale) 15 gg. Il CCIA deve contenere clausole su tempi, modalità e procedure di verifica di attuazione Trasmissione CI allAran (art. 46, c. 5, d.lgs. 165/2001) Ipotesi di CCIA (i soggetti che non hanno firmato possono farlo in sede di sottoscrizione definitiva) 5 gg.

48 47 Da contrattazione decentrata a contrattazione integrativa CCNL 1994 – 1997 : contrattazione decentrata Risorse nazionali Risorse decentrata CCNL 1998 – 2001: contrattazione integrativa Risorse nazionali RISORSE INTEGRATIVA Fondo fasce, posizioni etc fondo condizioni lavoro Fondo produttività

49 48 Per le RSU deriva dal risultato elettorale La rappresentatività dei componenti delle OOSS firmatarie dei CCNL è nazionale ed è misurata dallARAN. Le federazioni di più sindacati sono soggetto unitario sindacati non ammessi al CCNL anche se a livello locale hanno la media del 5% tra dato associativo ed elettorale i sindacati ammessi alle trattative nazionali non firmatari del CCNL Singoli componenti di federazioni sindacali Concetto di rappresentatività a livello locale NON SONO AMMISSIBILI ALLA C.I:

50 49 Regole accertamento rappresentatività a livello nazionale dati elettorali (ottenuti nelle elezioni per RSU in ogni Azienda) MEDIAtra COMPARTI COMPARTI: sindacati che raggiungono dati associativi (dipendono dai contributi lavoratori ai sindacati. Il pagamento è attestato da ciascuna P.A.) 5% Accertamento biennale, effettuato dallARAN Aree dirigenza Aree dirigenza: misurazione solo sul dato associativo in mancanza RSU

51 50 La rappresentatività a regime conferma della biennalità dellaccertamento stabilità biennale della delegazione i movimenti associativi avvenuti dopo laccertamento producono i propri effetti dal biennio successivo autonomia dei singoli contratti ART. 19 CCNQ DEL 7 AGOSTO 1998

52 51 RSU COMPONENTI OO.SS. FIRMATARIE DEL CCNL Organismo eletto triennalmente Designati dalle relative OO.SS Nessun potere di individuazione dei soggetti sindacali è demandato alla azienda discendendo la rappresentanza dallart. 42 del dlgs 165 del 2001 e, per gli aspetti ad esso demandati, dal CCNQ sui diritti e prerogative sindacali Soggetti entrambi necessari nella C.I Delegazione Sindacale trattante nel II livello

53 52 RSU ciò giustifica nella delegazione trattante la presenza delle organizzazioni sindacali firmatarie dei contratti nazionali per garantire il collegamento con le scelte negoziali nazionali nelle RSU del pubblico impiego possono essere presenti anche eletti su liste di sindacati non rappresentativi

54 53 GLI ISTITUTI DELLA PARTECIPAZIONE INFORMAZIONE Lazienda o ente, allo scopo di rendere trasparente e costruttivo il rapporto tra le parti a tutti i livelli delle relazioni sindacali, informa periodicamente e tempestivamente i soggetti sindacali sugli atti organizzativi di valenza generale, anche di carattere finanziario, concernenti il rapporto di lavoro, lorganizzazione degli uffici, la gestione complessiva delle risorse umane e la costituzione dei fondi (solo CCNL dirigenza). Ai fini di una più compiuta informazione le parti, su richiesta, si incontrano con cadenza almeno annuale ed in ogni caso in presenza di: iniziative concernenti le linee di organizzazione degli uffici e dei servizi; iniziative per linnovazione tecnologica degli stessi; eventuali processi di dismissione, esternalizzazione, trasformazione. Nelle materie per cui è prevista contrattazione integrativa, concertazione o consultazione linformazione è preventiva. (Il CI individua altre materie su cui linformazione dovrà essere preventiva o successiva. Solo CCNL dirigenza)

55 54 Continua: GLI ISTITUTI DELLA PARTECIPAZIONE CONCERTAZIONE aree dirigenziali I soggetti sindacali, ricevuta linformazione, possono attivare, mediante richiesta scritta, la concertazione sui CRITERI GENERALI inerenti alle seguenti materie: - Affidamento, mutamento e revoca degli incarichi dirigenziali; - Articolazione delle posizioni organizzative, delle funzioni e delle connesse responsabilità ai fini della retribuzione di posizione: - criteri generali di valutazione dellattività dei dirigenti; - articolazione dellorario e dei piani per assicurare le emergenze; - condizioni, requisiti e limiti per il ricorso alla risoluzione consensuale. Si avvia entro 48 ore dalla richiesta e si conclude entro 30 gg. Dellesito è redatto verbale da cui risultino le rispettive posizioni.

56 55 Verifica periodica produttività strutture operative Articolazione orario servizio Criteri per definizione carichi di lavoro Svolgimento selezioni passaggi ctg. Andamento processi occupazionali Sistema classificatorio in ordine a: Concertazione inizia nelle 48 h dalla richiesta e si conclude entro 30 gg. con un verbale che registra le posizioni delle parti. Posizioni organizzative (criteri di conferimento, sistemi di valutazione e graduazione delle funzioni) Sistemi valutazione permanente ART. 6 CCNL Comparto MATERIE DI CONCERTAZIONE

57 56 Continua: GLI ISTITUTI DELLA PARTECIPAZIONE CONSULTAZIONE E facoltativa e si estende anche ai casi in cui gli atti interni di organizzazione aventi riflessi sul rapporto di lavoro siano emanati a livello sovra aziendale (per es. aree vaste, ecc.). E obbligatoria su: -organizzazione e disciplina di strutture, servizi e uffici, ivi compresa quella dipartimentale e distrettuale, nonché consistenza e variazione delle dotazioni organiche; - casi di cui allart. 19 del D.Lgs. 626/94 e smi (Attribuzioni del rappresentante per la sicurezza) COMMISSIONI PARITETICHE Allo scopo di assicurare una migliore partecipazione del dirigente alle attività dellazienda o ente è prevista la possibilità di costituire, in relazione alle dimensioni dellazienda e senza oneri aggiuntivi, commissioni bilaterali ovvero osservatori per lapprofondimento di specifiche problematiche, in particolare concernenti lorganizzazione del lavoro in relazione a processi di riorganizzazione dellazienda ovvero alla riconversione o disattivazione delle strutture sanitarie nonché lambiente, ligiene e sicurezza del lavoro e le attività di formazione.

58 57 Legge 125/1991 Azioni positive per la realizzazione della parità uomo-donna nel lavoro Eliminare le disparità di trattamento nella formazione scolastica e professionale, nonché nell'accesso al lavoro Promuovere l'inserimento delle donne nei settori professionali in cui sono ancora poco presenti Favorire l'accesso al lavoro autonomo e alla formazione e riqualificazione imprenditoriale Favorire una diversa organizzazione del lavoro, al fine di coniugare vita familiare e lavorativa Favorire la diversificazione delle scelte professionali delle donne soprattutto attraverso l'orientamento scolastico e professionale e gli strumenti della formazione

59 58 D.Lgs. 29/1993 (oggi D.Lgs. 165/2001) Norme generali sullordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche Art. 7: 1.Le amministrazioni pubbliche garantiscono parità e pari opportunità tra uomini e donne per laccesso al lavoro ed il trattamento sul lavoro. 4.Le amministrazioni pubbliche curano la formazione e laggiornamento del personale, ivi compreso quello con qualifiche dirigenziali, garantendo altresì ladeguamento dei programmi formativi, al fine di contribuire allo sviluppo della cultura di genere della P.A. Art. 61 (oggi art. 57): 1. Le P.A. al fine di garantire pari opportunità tra uomini e donne per lacceso al lavoro ed il trattamento sul lavoro: a)riservano alle donne, salva motivata impossibilità, almeno 1/3 dei posti di componente delle commissioni di concorso…….; b)adottano propri atti regolamentari per assicurare pari opportunità fra uomini e donne sul lavoro…..; c)garantiscono la partecipazione delle proprie dipendenti ai corsi di formazione e di aggiornamento professionale…adottando modalità organizzative atte a favorirne la partecipazione, consentendo la conciliazione fra vita professionale e familiare; d)possono finanziare programmi di azioni positive e lattività dei Comitati pari opportunità nellambito delle proprie disponibilità di bilancio. 2. Le P.A., secondo le modalità di cui allart. 9 (partecipazione sindacale) adottano tutte le misure per attuare le direttive della U.E. in materia di pari opportunità….

60 59 Comitati per le pari opportunità art. 8 CCNL Compiti: raccolta dati sulle materie di propria competenza che lamministrazione è tenuta a fornire formulazione proposte sui temi di competenza da portare in contrattazione integrativa promozione iniziative per lattuazione delle direttive dellUnione Europea per laffermazione sul lavoro della pari dignità delle persone, nonché azioni positive ai sensi della L. 125/1991

61 60 Continua: art. 8 CCNL C.P.O. Costituzione: 1 componente per ciascuna O.S. firmataria del CCNL e numero pari rappresentanti aziendali. Il Presidente è un rappresentante dellazienda, il vicepresidente è designato dal Presidente. Il Comitato propone misure per favorire effettive condizioni di parità dei dirigenti nel lavoro e nello sviluppo professionale, su: accesso ai corsi di formazione manageriale; processi di mobilità; flessibilità degli orari in rapporto a quelli dei servizi sociali.

62 61 Continua: art. 8 CCNL C.P.O. Durata: 4 anni, rinnovabili una sola volta. Altro: Relazione annuale sulle condizioni dei dirigenti in azienda fornendo informazioni sulla situazione occupazionale in relazione alla presenza nelle varie discipline nonché sulla partecipazione ai processi formativi. Lazienda garantisce al Comitato strumenti per il funzionamento. Valorizza e pubblicizza i risultati del lavoro del Comitato.

63 62 Art. 43 CCNL integrativo Codice di comportamento relativo alle molestie sessuali nei luoghi di lavoro 1. Le aziende, nel rispetto delle forme di partecipazione di cui al CCNL 8 giugno 2000 adottano, con proprio atto, il codice di condotta relativo ai provvedimenti da assumere nella lotta contro le molestie sessuali nei luoghi di lavoro, come previsto dalla raccomandazione della Commissione Europea del 27 novembre 1991, n. 92/131/CEE. Le parti, allo scopo di fornire linee guida uniformi in materia, allegano a titolo esemplificativo il codice tipo valido per tutte le aree negoziali del Comparto Sanità.

64 63

65 64 MOBBING Serie di atti, atteggiamenti o comportamenti diversi e ripetuti nel tempo, in modo sistematico e abituale aventi connotazioni aggressive, denigratorie e vessatorie tali da comportare un degrado delle condizioni di lavoro e idonee a compromettere la salute fisica e psichica o la professionalità o la dignità del lavoratore stesso nellambito dellunità operativa di appartenenza o addirittura tali da escluderlo dal contesto lavorativo di riferimento.

66 65 DISCIPLINA CONTRATTUALE FINALITA Costruire uno spazio di mediazione sindacale per: Contrastare e reprimere la diffusione del mobbing Migliorare la qualità e la sicurezza dellambiente di lavoro Prevenire il verificarsi di possibili situazioni pericolose per la salute fisica e mentale del lavoratore

67 66 NOVITA: art. 7 CCNL Comitato paritetico sul fenomeno del mobbing Compiti: raccolta dati sullaspetto qualitativo e quantitativo del fenomeno individuazione cause del fenomeno – verifica dellesistenza di condizioni di lavoro o fattori organizzativi e gestionali che possano determinare linsorgere di situazioni persecutorie o di violenza morale proposta di azioni positive per la prevenzione e repressione delle situazioni di criticità formulazione proposte per definire codici di condotta Entro 60 gg. dallentrata i vigore del CCNL.

68 67 Il Comitato valuta inoltre lattuazione di idonea FORMAZIONE per: affermare una cultura organizzativa che comporti una maggiore consapevolezza della gravità del fenomeno e delle sue conseguenze individuali e sociali; favorire la coesione e la solidarietà di dirigenti e dipendenti mediante più specifica conoscenza di ruoli e dinamiche interpersonali allinterno dei servizi, anche al fine di incentivare il recupero della motivazione e affezione allambiente lavorativo Continua: art. 7 CCNL comitato mobbing Adempimenti azienda: costituzione e funzionamento sportelli di ascolto istituzione figura Consigliere di fiducia definizione codici di condotta

69 68 Durata: 4 anni, rinnovabili. Altro: Non è previsto compenso per la partecipazione. Mantenere collegamento con Comitato pari opportunità. Regolamento interno di funzionamento. Relazione annuale attività svolta. Continua: art. 7 CCNL comitato mobbing Costituzione: 1 componente per ciascuna O.S. firmataria del CCNL e numero pari rappresentanti aziendali + rappresentante CPO Il Presidente è un rappresentante dellazienda, il vicepresidente è componente sindacale. Lazienda garantisce al Comitato strumenti per il funzionamento. Valorizza e pubblicizza i risultati del lavoro del Comitato.

70 69 Obiettivi del CCNL 3 novembre 2005 Consolidamento del sistema delle relazioni sindacali (artt. da 3 a 9) Riscritti: art. 4 Contrattazione collettiva integrativa art. 5 Tempi e procedure per il rinnovo del contratto collettivo integrativo art. 6 Informazione, concertazione, consultazione e commissioni paritetiche Riscritti: art. 4 Contrattazione collettiva integrativa art. 5 Tempi e procedure per il rinnovo del contratto collettivo integrativo art. 6 Informazione, concertazione, consultazione e commissioni paritetiche Confermati: art. 8 Comitati pari opportunità, art. 9 Soggetti sindacali, art. 10 Composizione delle delegazioni, art. 11 Clausole di raffreddamento, art. 12 Interpretazione autentica dei CCNL (CCNL ) art. 2 Diritto di assemblea, art. 3 Contributi sindacali, art. 4 Patronato sindacale (CCNL ) Interesse dei dipendenti al miglioramento condizioni di lavoro e crescita professionale + esigenza dellazienda di incrementare e mantenere elevati efficacia ed efficienza dei servizi erogati.

71 70 Dirigenza - art. 9 CCNL : Soggetti sindacali 1. In attesa che la rappresentanza sindacale dei dirigenti della presente area venga disciplinata, in coerenza con la natura delle funzioni dirigenziali, da appositi accordi, i soggetti sindacali nei luoghi di lavoro sono le rappresentanze sindacali aziendali (RSA) costituite espressamente ai sensi dell'art. 19 legge 300/1970 dalle organizzazioni sindacali rappresentative in quanto ammesse alle trattative per la sottoscrizione dei relativi contratti collettivi nazionali. 2. Per effetto del comma 1, il complessivo monte dei permessi sindacali fruibile, pari ad 81 minuti per dirigente stabilito dall'art. 8, comma 1 del contratto collettivo quadro sulle modalità di utilizzo dei distacchi, aspettative e permessi nonché sulle altre prerogative sindacali del , compete con le modalità stabilite dall'art. 10 del medesimo accordo solo ai sottoindicati dirigenti sindacali : - componenti delle RSA costituite dalle organizzazioni sindacali di cui al comma 1, ai sensi dell'art. 19 della legge 300/970; - componenti delle organizzazioni sindacali rappresentative (firmatarie aventi titolo a partecipare) ammesse alla contrattazione (collettiva integrativa) nazionale. 3. Ai dirigenti sindacali componenti degli organismi statutari delle confederazioni ed organizzazioni sindacali di categoria rappresentative non collocati in distacco o aspettativa, qualora non coincidenti con nessuno dei soggetti di cui al comma 2 competono i soli permessi di cui all'art. 11 del citato CCNQ del 7 agosto In attesa degli accordi del comma 1, la rappresentatività delle organizzazioni sindacali firmatarie del presente contratto esclusivamente al fine della ripartizione del contingente dei permessi aziendali sarà accertata in ciascuna sede aziendale sulla base del solo dato associativo espresso dalla percentuale delle deleghe per il versamento dei contributi sindacali rispetto al totale delle deleghe rilasciate nell'ambito considerato. 5. Per la titolarità delle altre prerogative si rinvia a quanto previsto dall'art. 13, comma 1 del CCNQ del

72 71 Comparto - art. 8 CCNL : Titolarità dei permessi e delle prerogative sindacali nei luoghi di lavoro 1. La titolarità dei permessi sindacali nei luoghi di lavoro, così come previsto dall'art. 10, comma 1 dell'accordo collettivo quadro sui distacchi, aspettative e permessi nonché sulle altre prerogative sindacali, sottoscritto il 7 agosto 1998, compete con le modalità e nelle quantità previste dall'accordo stesso ai seguenti soggetti : a) componenti delle rappresentanze sindacali unitarie (R.S.U.) elette ai sensi dell'accordo collettivo quadro per la costituzione delle rappresentanze sindacali unitarie per il personale dei comparti delle pubbliche amministrazioni e per la definizione del relativo regolamento elettorale, stipulato il 7 agosto 1998 ; b) ai dirigenti sindacali delle organizzazioni sindacali rappresentative: - dei terminali di tipo associativo delle associazioni sindacali rappresentative che dopo l'elezione delle R.S.U. siano rimasti operativi nei luoghi di lavoro ; - delle organizzazioni sindacali rappresentative (firmatarie aventi titolo a partecipare) ammesse alla contrattazione (collettiva integrativa) nazionale, ai sensi dell'art. 9, comma 2; - componenti degli organismi statutari delle proprie confederazioni ed organizzazioni sindacali di categoria rappresentative non collocati in distacco o aspettativa, qualora non coincidenti con nessuno dei soggetti di cui alla lett. a) o quelli dei due precedenti alinea. 2. Per la titolarità delle altre prerogative si rinvia a quanto previsto dall'art. 13 dell'accordo quadro di cui al comma 1.

73 72 Dirigenza - art. 10 CCNL :Composizione delle delegazioni 1. La delegazione trattante di parte pubblica, in sede decentrata, è costituita come segue: - dal titolare del potere di rappresentanza dell'azienda o da un suo delegato; - dai rappresentanti dei titolari degli uffici interessati appositamente individuati dall'azienda. 2. Per le organizzazioni sindacali, la delegazione è composta: - da componenti di ciascuna delle rappresentanze sindacali di cui all'art. 9, comma 1 ; - dai componenti delle organizzazioni sindacali di categoria territoriali firmatarie del presente CCNL; 3. Il dirigente eletto o designato quale componente nelle rappresentanze di cui all'art. 9 non può far parte della delegazione trattante di parte pubblica. 4. Le aziende possono avvalersi, nella contrattazione collettiva integrativa, dell'assistenza dell'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni (A.RA.N.).

74 73 Comparto - art. 9 CCNL :Composizione delle delegazioni 1. La delegazione trattante di parte pubblica, in sede decentrata, è costituita come segue: - dal titolare del potere di rappresentanza dell'azienda o ente o da un suo delegato; - dai rappresentanti dei titolari degli uffici interessati. 2. Per le organizzazioni sindacali, la delegazione è composta: - dalle R.S.U; - dai rappresentanti delle organizzazioni sindacali di categoria firmatarie del presente C.C.N.L. 3. Le aziende e gli enti possono avvalersi, nella contrattazione collettiva integrativa, dell'assistenza dell'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni (A.RA.N.).

75 74 Dirigenza - art. 11 CCNL ; Comparto - art. 10 CCNL :Clausole di raffreddamento 1. Il sistema delle relazioni sindacali è improntato ai principi di responsabilità, correttezza, buona fede e trasparenza dei comportamenti ed orientato alla prevenzione dei conflitti. 2. Nel rispetto dei suddetti principi, entro il primo mese del negoziato relativo alla contrattazione collettiva integrativa, le parti non assumono iniziative unilaterali né procedono ad azioni dirette. La contrattazione collettiva integrativa si svolge in conformità alle convenienze e ai distinti ruoli delle parti non implicando l'obbligo di addivenire a un accordo nelle materie previste dall'art. 4, comma 3. Le parti, comunque, compiono ogni ragionevole sforzo per raggiungere l'accordo nelle materie demandate. 3. Analogamente si procede durante il periodo in cui si svolgono la concertazione o la consultazione, nel quale le parti non assumono iniziative unilaterali sulle materie oggetto delle previste relazioni sindacali.

76 75 Dirigenza - art. 12 CCNL ; Comparto – art. 11 CCNL : Interpretazione autentica dei contratti collettivi 1. Quando insorgano controversie aventi carattere di generalità sull'interpretazione dei contratti collettivi, le parti che li hanno sottoscritti si incontrano entro trenta giorni dalla richiesta allo scopo di definire consensualmente il significato della clausola controversa. L'eventuale accordo stipulato con le procedure di cui all'articolo 51 del d.lgs. 29 del 1993 o quelle previste dall'art. 5, per i contratti collettivi integrativi, sostituisce la clausola in questione sin dall'inizio della vigenza del contratto. 2. La medesima procedura può essere attuata per le questioni aventi carattere di generalità, anche a richiesta di una delle parti prima che insorgano le controversie.

77 76 art. 2 CCNL integrativo dirigenza : Diritto di assemblea 1. I dirigenti hanno diritto a partecipare, durante l'orario di lavoro, ad assemblee sindacali, in idonei locali concordati tra le organizzazioni sindacali e le aziende, per n. 12 ore annue pro capite senza decurtazione della retribuzione. 2. Le assemblee che riguardano la generalità dei dirigenti o gruppi di essi possono essere indette, con specifico ordine del giorno, su materie di interesse sindacale e del lavoro, singolarmente o congiuntamente da una o più organizzazioni sindacali rappresentative nell'area della dirigenza medico veterinaria ai sensi dell'art. 1, comma 5 del CCNQ del 27 febbraio 2001 sulle prerogative sindacali. 3. Per quanto non previsto e modificato dal presente articolo, resta ferma la disciplina del diritto di assemblea prevista dall'art. 2 del CCNQ 7 agosto 1998 sulle modalità di utilizzo dei distacchi, aspettative e permessi, nonché delle altre prerogative sindacali. 4. E' disapplicato l'art. 94 del D.P.R. 28 novembre 1990, n. 384.

78 77 art. 2 CCNL integrativo comparto :Diritto di assemblea 1. I dipendenti hanno diritto a partecipare, durante l'orario di lavoro, ad assemblee sindacali, in idonei locali concordati con le aziende per n. 12 ore annue pro capite senza decurtazione della retribuzione 2. Le assemblee che riguardano la generalità dei dipendenti o gruppi di essi possono essere indette con specifico ordine del giorno su materie di interesse sindacale e del lavoro: - singolarmente o congiuntamente da una o più organizzazioni sindacali rappresentative nel comparto ai sensi dell'art.1, comma 5 del CCNQ del 9 agosto 2000 sulle prerogative sindacali; - dalla R.S.U. nel suo complesso e non dai singoli componenti, con le modalità dell'art. 8, comma 1 dell' accordo quadro sulla elezione delle RSU del 7 agosto 1998; - da una o più organizzazioni sindacali rappresentative del comparto, di cui al primo alinea, congiuntamente con la RSU. 3. Per quanto non previsto e modificato dal presente articolo resta ferma la disciplina del diritto di assemblea prevista dall'art. 2 del CCNQ 7 agosto 1998 sulle modalità di utilizzo dei distacchi, aspettative e permessi nonché delle altre prerogative sindacali. 4. È disapplicato l'art. 26 del DPR 384/1990.

79 78 art. 3 CCNL integrativo dirigenza : Contributi sindacali 1. I dirigenti hanno facoltà di rilasciare delega a favore dell'organizzazione sindacale da loro prescelta per la riscossione di una quota mensile dello stipendio per il pagamento dei contributi sindacali nella misura stabilita dai competenti organi statutari. La delega è rilasciata per iscritto ed è trasmessa dal dirigente all'azienda ed all'organizzazione sindacale interessata o da quest'ultima direttamente all'azienda. 2. La delega ha effetto dal primo giorno del mese successivo a quello del rilascio. 3. Il dirigente può revocare in qualsiasi momento la delega rilasciata ai sensi del comma 1 inoltrando la relativa comunicazione all'azienda di appartenenza ed all'organizzazione sindacale interessata. L'effetto della revoca decorre dal primo giorno del mese successivo alla sua presentazione. 4. Le trattenute operate dalle singole aziende sulle retribuzioni dei dirigenti in base alle deleghe ricevute sono versate con cadenza mensile alle organizzazioni sindacali interessate. Con l'azienda stessa sono, altresì, concordate le modalità che consentano il monitoraggio degli iscritti, dei cancellati o dei trasferiti nel rispetto delle norme vigenti. 5. Le aziende sono tenute, nei confronti dei terzi, alla segretezza sui nominativi del personale delegante nonché sui versamenti effettuati alle organizzazioni interessate. 6. Con l'entrata in vigore del presente contratto è definitivamente disapplicato l'art. 12 del CCNL 5 dicembre …………………………….

80 79 Dirigenza - art. 4 CCNL integrativo : 1. I dirigenti in attività o in quiescenza possono farsi rappresentare dai sindacati ammessi alle trattative nazionali, ai sensi dell'art. 43 del D. Lgs. 165/2001 o dall'istituto di patronato sindacale, per l'espletamento delle procedure riguardanti prestazioni assistenziali e previdenziali, davanti ai competenti organi dell'azienda. 2. E' disapplicato l'art. 101 del D.P.R. 384/1990. Patronato sindacale Comparto - art. 3 CCNL integrativo : 1. I dipendenti in attività o in quiescenza possono farsi rappresentare dai sindacati ammessi alle trattative nazionali, ai sensi dell'art. 43 del D. Lgs. 165/2001 o dall'istituto di patronato sindacale, per l'espletamento delle procedure riguardanti prestazioni assistenziali e previdenziali, davanti ai competenti organi dell'azienda. 2. E' disapplicato l'art. 33 del D.P.R. 384/1990.

81 80 Dirigenza - Art. 8 CCNL ; Comparto – art. 6 CCNL : Norma di rinvio ed integrazioni: le prerogative sindacali sono fruibili anche dalle OO.SS. non firmatarie del CCNL purchè ammesse alle trattative nazionali (cfr. art. 43, c. 6, d.lgs. 165/2001) Prerogative e diritti sindacali: - CCNQ 7 agosto 1998 (art. 10, c. 2) modalità di accredito dei dirigenti sindacali presso le aziende - CCNQ 27 gennaio CCNQ 9 agosto CCNQ 13 febbraio 2001

82 81 Obiettivi del CCNL 3 novembre 2005 Adattamento delle norme contrattuali alle leggi sopravvenute o interventi correttivi Coordinamento regionale (art. 9) Rapporto di lavoro - Legge 138/2004 (artt.10, 11, 12 e 13)

83 82 e. Definizione criteri di valutazione dei dirigenti Coordinamento Regionale (art. 9) Materie di coordinamento comma 1: a. Utilizzo delle risorse (aggiuntive) regionali - art. 57 (anche comparto) b. Realizzazione della formazione continua (anche comparto) d. Metodologie di incremento dei fondi aziendali in caso di aumento dotazione organica (anche comparto) c. Utilizzo quota risorse derivanti dalla riduzione stabile della dotazione organica (anche comparto) Flessibilità gestione fondi

84 83 Coordinamento Regionale (art. 9) …segue Materie di coordinamento: f. Definizione di criteri per lo sviluppo di un sistema di standards finalizzati allindividuazione di un quadro omogeneo dei volumi prestazionali g. Definizione di criteri generali per la razionalizzazione ed ottimizzazione delle attività connesse alla continuità assistenziale (ad es. servizi di guardia) e allurgenza ed emergenza h. Applicazione della mobilità dei dirigenti in caso di eccedenza nei processi di ristrutturazione aziendale i. Criteri per lo svolgimento della libera professione intramuraria correlata allandamento delle liste dattesa

85 84 Il comma 4 Possibilità di integrare le materie espressamente previste al comma 1. Definizione allinterno di protocolli definiti in ciascuna Regione e previsti dal sistema delle relazioni sindacali regionali. Analisi risultanze e impatto che le procedure di revisione del trattamento economico del CCNL hanno prodotto sui fondi delle varie aziende della Regione. In caso di incapienza di qualche azienda la Regione svolge azione di compensazione (perequazione) tra aziende Problematiche connesse ai processi di riordino previsti dalla programmazione regionale.

86 85 Coordinamento Regionale (art. 9) Le linee di indirizzo devono essere emanate dalla Regione entro 120 giorni dalla sottoscrizione del CCNL In assenza di linee di indirizzo ripresa delle relazioni sindacali aziendali anche nelle predette materie …segue

87 86

88 87 Spero che non ti secchi se ho portato cuscino e coperte. Durante la tua ultima presentazione ho perso conoscenza e mi sono rotto il naso sul tavolo. Dovè finita leducazione?


Scaricare ppt "1 Il sistema delle relazioni sindacali nella contrattazione collettiva nazionale di lavoro per il personale del SSN. Marta Branca Dirigente Aran Catanzaro,"

Presentazioni simili


Annunci Google