La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Strutturazione organizzativa. Stephen Barley Tesi principale Organizzazione non è una cornice prestabilita (struttura, regole, modi di comportarsi, ecc.);

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Strutturazione organizzativa. Stephen Barley Tesi principale Organizzazione non è una cornice prestabilita (struttura, regole, modi di comportarsi, ecc.);"— Transcript della presentazione:

1 Strutturazione organizzativa

2 Stephen Barley

3 Tesi principale Organizzazione non è una cornice prestabilita (struttura, regole, modi di comportarsi, ecc.); è una realtà cangiante, plasmata dalle pratiche dei soggetti che ne fanno parte, che interagiscono…

4 Concetto di ‘script’ Bozza (canovaccio) che stabilisce le interazioni, i ruoli, i modi di comportamento che gli ‘attori’ (ossia i membri delle organizzazioni) devono avere

5 Progressivo rafforzarsi dello script

6 Esperienze Arricchirsi, rafforzarsi, inspessirsi dello script

7 Entità sempre in cambiamento… Nuovi fattori umani, tecnici, conoscitivi, finanziari, ecc. Processi di strutturazione (di ridefinizione delle strutture, regole, modi di comportarsi, ecc. dei membri delle organizzazioni)  mutamenti unici e irripetibili

8 Conclusioni L’organizzazione è per definizione una entità (con la sua struttura, ecc.) aperta, che può variare non appena nuovi fattori umani, tecnici, ecc. entrano in gioco

9 Sensemaking

10 Approcci soggettivisti Idea che per comprendere le organizzazioni occorre comprenderne i processi di creazione di senso. Abbandono dell’assunto oggettivista secondo cui esiste una realtà là fuori, unica e dotata di senso, che va scoperta

11 Le organizzazioni sono concepite in termini di processi (organizing) piuttosto che di risultati (organization)

12 Karl Weick

13 Premessa Soggettivismo più radicale Oggetto di studio: processi cognitivi attraverso cui i soggetti conferiscono senso ai loro flussi di esperienze

14 Il mondo esterno non possiede un senso intrinseco, ma ha sempre e soltanto il senso che noi gli attribuiamo Esperienze Flusso di esperienze a cui diamo ordine e forma (processo cognitivo)

15

16 Ma ciò non significa che la realtà sia indefinitamente plasmabile dai soggetti Anzi, l’ambiente retroagisce sui soggetti che lo hanno attivato

17

18 Sensemaking - Organizing Conferire senso a un flusso di esperienze (sensemaking) vuol dire organizzare (organizing) e viceversa


Scaricare ppt "Strutturazione organizzativa. Stephen Barley Tesi principale Organizzazione non è una cornice prestabilita (struttura, regole, modi di comportarsi, ecc.);"

Presentazioni simili


Annunci Google