La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO E LA CARTOGRAFIA GEOLOGICO AMBIENTALE Prof. Aldo Ciampoli I.T.C.G. S. Bandini di Siena.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL DISSESTO IDROGEOLOGICO E LA CARTOGRAFIA GEOLOGICO AMBIENTALE Prof. Aldo Ciampoli I.T.C.G. S. Bandini di Siena."— Transcript della presentazione:

1 IL DISSESTO IDROGEOLOGICO E LA CARTOGRAFIA GEOLOGICO AMBIENTALE Prof. Aldo Ciampoli I.T.C.G. S. Bandini di Siena

2 IL DISSESTO IDROGEOLOGICO

3 PRINCIPALI TIPI DI DISSESTO IDROGEOLOGICO : Crolli Ribaltamenti Scorrimenti Espansioni laterali Eolica Idrica

4 STUDI AI FINI PREVENTIVI:

5 PREVISIONE E PREVENZIONE: Sono previsti dalla legge 225/92 Documento di riferimento per la determinazione delle priorità e delle gradualità temporali degli interventi attuativi Sono decise in base alla carta-base per il rischio idrogeologico I programmi hanno validità triennale I programmi di previsione e prevenzione stabiliscono le opere ingegneristiche che devono essere realizzate

6 PRINCIPALI OPERE INGEGNERISTICHE PER CONTROLLARE LASPORTAZIONE DI TERRENO ATTRAVERSO LE PIENE: Briglie:costruzione di gradini lungo il corso del fiume che diminuiscono la velocità della corrente e lasportazione di materiali. Argini artificiali:Trattengono le eventuali esondazioni, devono essere costruiti calcolando uno spazio di sfogo per le acque. Serbatoi di piena e scolmatori:servono a diminuire le ondate di piena, convogliandole in appositi canali,scolmatori, o in serbatoi. Sistemi di contenimento:servono a contenere londata attraverso la costruzione di canali artificiali o bacini artificiali. Opere di rimboschimento al fine di consolidare il terreno e di aumentare lassorbimento dellacqua e di evitare asportazione di terreno.

7 PRINCIPALI OPERE INGEGNERISTICHE PER CONTROLLARE LASPORTAZIONE DI TERRENO DELLE FRANE: Evitare costruzioni, poiché queste possono causare grandi cedimenti e cambiamenti del comportamento del terreno provocando frane e smottamenti. Evitare sbancamenti ai fini costruttivi appesantendo versanti già a rischio ed evitare attraverso essi un aumento della pendenza. Incanalamento artificiale delle acque al fine di evitare la loro circolazione attraverso terreni instabili e procedere qui con un rimboschimento della della vegetazione. Costruzione di muri di sostegno e gabbionate cercando di evitare smottamenti e caduta di materiali in zone particolarmente antropizzate.

8 Per realizzare un piano d intervento in caso di frane o alluvioni è necessario : Analizzare il territorio. Sviluppare numerose carte tematiche. Costruire il plastico del suddetto territorio. Predisporre secondo la legge 225/92 piani d intervento al fine di salvaguardare lambiente e tutelare la vita delle persone.

9

10 Costituzione geologica del monte Toc Avanzata degradazione del monte Eccessiva piovosità Sbancamenti Costruzione di strade e canali Disboscamento Errori valutativi dei tecnici

11 Questa immagine rappresenta la diga costruita nella valle del Vajont in condizioni normali prima della terribile catastrofe.

12 Una gigantesca frana di materiali rocciosi, provenienti dal pendio dove appoggia la Costruzione, cade nel bacino della diga del Vajont.

13 La grandissima pressione esercitata dalla caduta dei materiali rocciosi provocò uno spostamento di 50 milioni di metri cubi di acqua che si innalzarono di 200 metri e si propago una parte verso il lago, laltra verso la diga che resistette allonda durto ma venne scavalcata.

14 La situazione della valle del Vajont dopo la gigantesca inondazione dovuta alla terribile frana. \


Scaricare ppt "IL DISSESTO IDROGEOLOGICO E LA CARTOGRAFIA GEOLOGICO AMBIENTALE Prof. Aldo Ciampoli I.T.C.G. S. Bandini di Siena."

Presentazioni simili


Annunci Google