La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le competenze chiave per lapprendimento permanente Raccomandazione n. 2006/962/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18.12.2006 MINISTERO DELLISTRUZIONE,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le competenze chiave per lapprendimento permanente Raccomandazione n. 2006/962/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18.12.2006 MINISTERO DELLISTRUZIONE,"— Transcript della presentazione:

1 Le competenze chiave per lapprendimento permanente Raccomandazione n. 2006/962/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del MINISTERO DELLISTRUZIONE, UNIVERSITÀ E RICERCA Direzione Generale Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia 7 gennaio Giuseppe De Cato Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia

2 Quando ci è concesso linsegnamento, questo si deve percepire come un prezioso regalo e non come un duro compito, qui è la differenza del trascendentale Albert Einstein

3 Giuseppe De Cato Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia 3 7 gennaio 2014 LE COMPETENZE CHIAVE Nella Raccomandazione n. 2006/962/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del , le competenze chiave sono individuate come le competenze di cui tutti hanno bisogno per la realizzazione e lo sviluppo personali, la cittadinanza attiva, linclusione sociale e loccupazione. Pertanto gli Stati membri sono invitati a sviluppare tali competenze nellambito delle loro strategie di apprendimento e utilizzarle quale strumento di riferimento, in collaborazione con le altre parti sociali.

4 Giuseppe De Cato Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia 4 7 gennaio 2014 Listruzione e la formazione iniziale devono offrire a tutti i giovani gli strumenti per sviluppare le competenze chiave a un livello tale che li prepari alla vita adulta e costituisca la base per ulteriori occasioni di apprendimento e per la vita lavorativa. Il Parlamento e il Consiglio dellU.E. raccomandano: 1

5 Giuseppe De Cato Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia 5 7 gennaio 2014 che si tenga debitamente conto di quei giovani che, a causa di svantaggi educativi determinati da circostanze personali, sociali, culturali o economiche, hanno bisogno di un sostegno particolare per realizzare le loro potenzialità educative. 2 Il Parlamento e il Consiglio dellU.E. raccomandano:

6 Giuseppe De Cato Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia 6 7 gennaio 2014 a ché gli adulti siano messi in grado di sviluppare e aggiornare le loro competenze chiave in tutto larco della vita. 3 Il Parlamento e il Consiglio dellU.E. raccomandano:

7 Giuseppe De Cato Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia 7 7 gennaio 2014 che vi siano adeguate infrastrutture per listruzione e la formazione permanente degli adulti, tenendo conto dei loro diversi bisogni e competenze, e prevedendo la disponibilità di insegnanti e formatori, procedure di convalida e valutazione, misure volte ad assicurare il sostegno per i discenti, la parità di accesso all'apprendimento permanente e al mercato del lavoro. 4 Il Parlamento e il Consiglio dellU.E. raccomandano:

8 Giuseppe De Cato Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia 8 7 gennaio 2014 che la coerenza dellofferta di istruzione e formazione sia raggiunta mediante forti nessi con le politiche sociali e delloccupazione, con la politica culturale e dell'innovazione e con altre politiche che interessano i giovani, nonché mediante la collaborazione con le parti sociali e altri soggetti interessati. 5 Il Parlamento e il Consiglio dellU.E. raccomandano:

9 7 gennaio 2014 Giuseppe De Cato - Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia 9 Le competenze chiave per adattarsi in modo flessibile alle sfide della globalizzazione In un contesto di globalizzazione, ciascun cittadino dovrà disporre di una gamma di competenze chiave per adattarsi in modo flessibile a un mondo in rapido mutamento e caratterizzato da forti interconnessioni. L'istruzione nel suo duplice ruolo, sociale ed economico, si pone come fattore strategico per far sì che i cittadini europei acquisiscano le competenze chiave necessarie per adattarsi a tali cambiamenti. In particolare, muovendo dalle diverse competenze individuali, occorre rispondere alle diverse esigenze dei discenti assicurando la parità e laccesso a quei gruppi che, a causa di svantaggi educativi determinati da circostanze personali, sociali, culturali o economiche, necessitano di un sostegno particolare per realizzare le loro potenzialità educative.

10 7 gennaio 2014 Giuseppe De Cato - Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia 10 Scopi fondamentali del quadro di riferimento: 1.identificare e definire le competenze chiave necessarie per la realizzazione personale, la cittadinanza attiva, la coesione sociale e loccupabilità in una società della conoscenza; 2.coadiuvare l'operato degli Stati membri per assicurare che al completamento dell'istruzione e formazione iniziale i giovani abbiano sviluppato le competenze chiave a un livello che li renda pronti per la vita adulta e costituisca la base per ulteriori occasioni di apprendimento, come per la vita lavorativa; 3.fornire uno strumento di riferimento per i responsabili politici, i formatori, i datori di lavoro e i discenti, al fine di agevolare gli sforzi volti al perseguimento di obiettivi concordati congiuntamente; 4.costituire un quadro per azioni ulteriori a livello comunitario, nel campo dell'istruzione e della formazione.

11 7 gennaio 2014 Giuseppe De Cato - Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia 11 Il passaggio a uneconomia della conoscenza (Consiglio europeo di Lisbona del 2000) esige la modernizzazione e il continuo miglioramento dei sistemi dellistruzione e della formazione professionalee linclusione sociale e a migliorare laccesso di tutti allapprendimento permanente., affinché possano contribuire ad accrescere loccupabilità In tal senso anche la Raccomandazione U.E. n. 2009/C 155/01 del 18 giugno 2009, sull'istituzione di un quadro europeo di riferimento per la garanzia della qualità dell'istruzione e della formazione professionale, che permette un approccio sistemico della qualità, combinando valutazione interna ed esterna, revisione e processi di miglioramento, sulla base di misurazioni e di analisi qualitative.

12 Giuseppe De Cato - Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia 127 gennaio 2014 Le competenze chiave nella Raccomandazione U. E. 1 Comunicazione Nella madrelingua 2 Comunicazione nelle lingue straniere 3 Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia 4 Competenza digitale 5 Imparare ad imparare 6 Competenze sociali e civiche 7 Spirito di iniziativa e imprenditorialità 8 Consapevolezza ed espressione culturale

13 O troveremo una via o la costruiremo Annibale

14 Giuseppe De Cato - Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia 14 7 gennaio 2014 La definizione Le conoscenze, abilità e attitudini e ssenziali per ciascuna delle otto competenze chiave Nella Raccomandazione U.E. sono esplicitate:

15 Giuseppe De Cato - Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia 15 7 gennaio 2014 Aspetti fondamentali e interazioni … Le competenze chiave sono considerate ugualmente importanti, poiché ciascuna di esse può contribuire a una vita positiva nella società della conoscenza. Spesso si sovrappongono e sono correlate tra loro: aspetti essenziali a un ambito favoriscono la competenza in un altro. La competenza nelle abilità fondamentali del linguaggio, della lettura, della scrittura e del calcolo e nelle tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) è una pietra angolare per l'apprendimento. Il pensiero critico, la creatività, lo spirito diniziativa, la capacità di risolvere i problemi, la valutazione del rischio, lassunzione di decisioni e le capacità relazionali svolgono un ruolo importante per tutte le competenze chiave.

16 Giuseppe De Cato - Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia167 gennaio Imparare ad imparare 2 Progettare 3 Comunicare 4 Collaborare e partecipare 5 Agire in modo autonomo e responsabile 6 Risolvere i problemi 7 Individuare collegamenti e relazioni Le competenze chiave - (All. 2 - Documento Tecnico) Allegato al Regolamento di cui al D.M. n. 139 /2007 sulla disciplina del nuovo obbligo di istruzione (Legge , n Finanziaria 2007)

17 Giuseppe De Cato Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia17 7 gennaio 2014 Nellart. 1 c. 622 della Finanziaria 2007 (L. n. 296/2006) è stabilito che: listruzione obbligatoria è impartita per almeno 10 anni la finalità è il conseguimento di un titolo di studio di scuola superiore o di una qualifica professionale almeno triennale entro il 18° anno di età ladempimento dellobbligo di istruzione deve consentire, una volta conseguito il titolo di studio conclusivo del 1° ciclo, lacquisizione di saperi e competenze previsti dai curricula relativi ai primi due anni di scuola secondaria di II grado sulla base di un apposito regolamento adottato dal Ministro della P.I.

18 Giuseppe De Cato Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia 18 7 gennaio 2014 Il DOCUMENTO TECNICO (All. al Regolamento di cui al D.M. n. 139 /2007) Ribadisce e chiarisce le linee portanti del nuovo obbligo distruzione I saperi e le competenze per l'assolvimento dell'obbligo di istruzione sono riferiti ai quattro assi culturali (dei linguaggi, matematico, scientifico - tecnologico, storico - sociale), contenuti nell'allegato 1. Le competenze chiave di cittadinanza, da acquisire al termine dellistruzione obbligatoria, contenute nell'allegato 2.

19 Giuseppe De Cato Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia 19 7 gennaio 2014 I saperi e le competenze per lassolvimento dellobbligo distruzione sono riferiti a 4 assi culturali (Allegato 1) Asse dei Linguaggi Asse Matematico Asse Scientifico - Tecnologico Asse Storico - Sociale Essi costituiscono il tessuto per la costruzione di percorsi di apprendimento orientati ad acquisire competenze chiave che: preparino i giovani alla vita adulta costituiscano la base per consolidare e accrescere saperi e competenze

20 Giuseppe De Cato - Ufficio Scolastico Provinciale di Foggia20 7 gennaio 2014 Le competenze chiave sono lesito che si può conseguire allinterno di un unico processo di insegnamento- apprendimento, attraverso la reciproca integrazione e interdipendenza tra saperi e competenze La competenza digitale, contenuta nellasse dei linguaggi, è comune a tutti gli assi, per favorire laccesso ai saperi e per rafforzare le potenzialità espressive individuali Lintegrazione tra assi culturali è strumento dinnovazione metodologico - didattica e offre alla scuole (anche attraverso la gestione della quota del 20 %) la possibilità di progettare percorsi di apprendimento coerenti Lobbligo distruzione si caratterizza perciò per la congruenza dei saperi e delle competenze acquisite, che assicurano equivalenza formativa di tutti i percorsi che caratterizzano i curricoli dei diversi ordini, tipi e indirizzi di studio. Le Competenze chiave contenute nell'all. 2 del Documento Tecnico

21 Chi desidera procurare il bene altrui ha già assicurato il proprio Confucio

22


Scaricare ppt "Le competenze chiave per lapprendimento permanente Raccomandazione n. 2006/962/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18.12.2006 MINISTERO DELLISTRUZIONE,"

Presentazioni simili


Annunci Google