La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COMUNICARE LA COMUNICAZIONE. IL CASO DELLA CIVICA RACCOLTA DELLE STAMPE ACHILLE BERTARELLI DI MILANO. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Lettere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COMUNICARE LA COMUNICAZIONE. IL CASO DELLA CIVICA RACCOLTA DELLE STAMPE ACHILLE BERTARELLI DI MILANO. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Lettere."— Transcript della presentazione:

1

2 COMUNICARE LA COMUNICAZIONE. IL CASO DELLA CIVICA RACCOLTA DELLE STAMPE ACHILLE BERTARELLI DI MILANO. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Lettere e Filosofia, Economia, Scienze Politiche, Ingegneria, Giurisprudenza Corso di laurea interfacoltà in Comunicazione Interculturale e Multimediale Relatore: Dott.ssa Angela LANZI Tesi di Laurea di: Correlatore: Angela GORLA Ing. Marco PORTA Anno Accademico 2004/05

3 PREMESSE Contrariamente alla tendenza Ottocentesca, il collezionista milanese Achille Bertarelli di una stampa apprezzava, più che laspetto artistico, il soggetto, a suo avviso depositario di un grande valore comunicativo sulla vita e la storia del tempo. Oggi, la Civica Raccolta delle stampe Achille Bertarelli conserva circa un milione di esemplari e gode di fama a livello internazionale. Lo scopo principale della Raccolta è la divulgazione del suo patrimonio, attraverso iniziative adatte a comunicare la comunicazione che passa attraverso i diversi contenuti.

4 OBIETTIVI DELLA MIA INDAGINE Osservazione dei modi, dei tempi e dei mezzi attraverso i quali la Bertarelli oggi porta avanti loriginario intento di divulgazione del suo fondatore

5 LA RACCOLTA DELLE STAMPE BERTARELLI Nasce nel 1927 dalle donazioni del suo fondatore. Achille Bertarelli considerava la stampa popolare come documento di testimonianza storica. Per questo, nella Raccolta si privilegia la valenza della documentazione piuttosto che il criterio estetico. Il suo intento è quello di mettere il materiale a disposizione di tutti gli interessati, senza alterarne lautenticità.

6 LA RACCOLTA DELLE STAMPE BERTARELLI Oggi conserva un patrimonio complessivo di circa un milione di stampe e disegni. LArchivio fotografico è composto da oltre fotografie. I manifesti pubblicitari sono Varie tipologie di materiale raccolto.

7 TIPOLOGIE DI MATERIALE. Biglietti da visita Liste di vivande Fondo fotografie Litografie

8 TIPOLOGIE DI MATERIALE. Figurini di moda Cartoline Ritratti Stampe moderne

9 TIPOLOGIE DI MATERIALE. Manifesti pubblicitari È uno dei più potenti strumenti di comunicazione ed ha una storia antichissima. Si afferma alla fine dellOttocento, soprattutto in Francia con Toulouse-Lautrec. In Italia il suo successo è dovuto ad un gruppo di artisti, tra i quali Metlicovitz, Dudovich e Cappiello. Gli elementi da cui è costituito lo rendono unimportante testimonianza storica e di costume di un determinato periodo.

10 ORGANIZZAZIONE ATTUALE Tuttoggi lintento di divulgazione del sapere viene rispettato, ma con metodi diversi dal passato. digitalizzazionecatalogazione informaticaNuove modalità di consultazione rese possibili dalla digitalizzazione e catalogazione informatica. Con Microsoft si sta elaborando un nuovo programma di catalogazione con nuovi campi che coprano le esigenze della stampa.

11 ORGANIZZAZIONE ATTUALE Oggi la catalogazione informatica riguarda opere, quasi interamente corredate di immagini digitali. La priorità nella catalogazione è data ai fondi di interesse locale. on lineLa catalogazione on line è tuttora in corso. IntranetLa consultazione viene compiuta solo attraverso la rete Intranet, da due postazioni presso la sede della Bertarelli.

12 COMUNICARE ATTRAVERSO LA RACCOLTA Le categorie di fruitori che accedono alla Bertarelli sono varie: operatori di editoria, pubblicità, spettacolo, moda, studiosi di costume, ricercatori… Occorre raggiungere i non specialisti, appassionare il grande pubblico. Il processo comunicativo che mira ad acquisire più utenza ed interesse intorno alla Raccolta si articola attraverso offerte culturali diverse, come conferenze, seminari e cicli di lezioni aperte al pubblico. Sono state organizzate anche alcune mostre tematiche che propongono piccole selezioni del materiale della Raccolta. Nuovi utenti sono stati attivati dalle mostre tematiche.

13 COMUNICARE ATTRAVERSO LA RACCOLTA Tre le mostre tematiche: Dudovich. Réclame a Milano. (2000) Le Vacanze degli Italiani. (2004) Era di moda… (2005)

14 LA MOSTRA ERA DI MODA… È lultima delle tre mostre tematiche organizzate. Fornisce un quadro storico dellevoluzione del costume, della società, degli stili di vita e della grafica stessa. È evidente il percorso evolutivo del manifesto pubblicitario: prima trattato con metodi espressivi pittorici, nel tempo si avvicina sempre più alla sintesi della grafica pubblicitaria.

15 LA MOSTRA ERA DI MODA… Propone una selezione di 27 manifesti, suddivisi in quattro sezioni: Era di moda fare acquisti… - Era di moda fare acquisti… serie di cartelloni legati ai grandi magazzini, come La Rinascente.

16 LA MOSTRA ERA DI MODA… Propone una selezione di 27 manifesti, suddivisi in quattro sezioni: - Era di moda la calzatura… Metlicovitz per il Calzaturificio di Varese. Testimonianze del mutamento sociale dellla donna.

17 LA MOSTRA ERA DI MODA… Propone una selezione di 27 manifesti, suddivisi in quattro sezioni: - Era di moda il cappello… Manifesto di Dudovich per Borsalino ha fatto scuola di linguaggio pubblicitario.

18 LA MOSTRA ERA DI MODA… Propone una selezione di 27 manifesti, suddivisi in quattro sezioni: - Era di moda limpermeabile… Cappiello esalta le qualità dellimpermeabile Pirelli

19 LA MOSTRA ERA DI MODA… Utilizza strumenti comunicativi del passato per comunicare messaggi nuovi nel presente. Lobiettivo di fondo è attirare lattenzione sulla varietà e ricchezza della Raccolta. Questo implica un contestuale rilancio dello spazio museale del Castello Sforzesco.

20 CONCLUSIONI. Lagenzia stampa che si occupa della comunicazione della Bertarelli, ha puntato sulla valorizzazione dei contenuti più accattivanti per ottenere massima visibilità e gradimento, come dimostra lesito della mostra appena conclusa. Data laffluenza di visitatori alle esposizioni del Castello Sforzesco (circa due milioni e mezzo di persone allanno), questi sforzi comunicativi hanno operato con successo su un target di ampie dimensioni, raggiungendo lo scopo voluto.

21 GRAZIE A TUTTI PER LATTENZIONE.


Scaricare ppt "COMUNICARE LA COMUNICAZIONE. IL CASO DELLA CIVICA RACCOLTA DELLE STAMPE ACHILLE BERTARELLI DI MILANO. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Lettere."

Presentazioni simili


Annunci Google