La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto per la Nuova Biblioteca Centrale della Facoltà di Agraria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto per la Nuova Biblioteca Centrale della Facoltà di Agraria."— Transcript della presentazione:

1 Progetto per la Nuova Biblioteca Centrale della Facoltà di Agraria

2 A cura della Biblioteca della Facoltà di Agraria2 L’ipotesi progettuale  Il progetto prevede la fusione di 11 biblioteche  Si passerà dal magazzino allo scaffale aperto  I fondi librari esistenti dovranno essere totalmente riorganizzati e ristrutturati  Anche i servizi saranno interamente rimodellati ed aggiornati  Questo comporterà massicci interventi su tutti i volumi e un notevole sforzo ideativo

3 A cura della Biblioteca della Facoltà di Agraria3 Perché cambiare le collocazioni  Le biblioteche esistenti sono strutturalmente disomogenee  Le attuali collocazioni sono obsolete e a volte basate su criteri non pienamente scientifici  Le attuali collocazioni non sono compatibili con una biblioteca a scaffale aperto  Intervenire su tutto il patrimonio esistente permetterà di aggiornarlo e valorizzarlo

4 A cura della Biblioteca della Facoltà di Agraria4 Perché ristrutturare i servizi  La nuova biblioteca sarà ben più della somma delle attuali biblioteche  L’attuale biblioteca centrale è orientata alla didattica, le altre alla ricerca: occorre trovare un punto di equilibrio  Le attuali biblioteche hanno una impostazione tradizionale, la nuova biblioteca sarà proiettata verso il futuro  Lo scaffale aperto cambierà radicalmente il modo con cui gli utenti usano la biblioteca  La nuova biblioteca attirerà nuovi utenti

5 A cura della Biblioteca della Facoltà di Agraria5 I dati progettuali di base  Volumi coinvolti: ca , di cui monografie e annate di riviste  Ingressi totali stimati per anno: ca volumi, di cui: – Nuove acquisizioni: ca l’anno. – Annate di riviste: 700.  Incremento stimato in 20 anni: volumi, per arrivare a volumi totali  A scaffale aperto: / vol. (tra riviste e monografie post 1990)

6 A cura della Biblioteca della Facoltà di Agraria6 Utenti e flussi di servizi stimabili  Numero di utenti attualmente serviti: –studenti della Facoltà: circa –docenti e ricercatori: 160 –utenti di altre Facoltà e ospiti: circa l’anno E’ ipotizzabile che queste cifre restino stabili  Numero di transazioni al pubblico erogate attualmente dalla Biblioteca Centrale e da quella del Distam: –prestiti: circa l’anno –DD e ILL: 1500 l’anno- consultazioni/prestiti in giornata: ca l’anno E’ ipotizzabile che queste cifre raddoppino

7 A cura della Biblioteca della Facoltà di Agraria7 Spazi utilizzabili e posti previsti  Mq. totali 1.500, per uno spazio utile di ca mq.  Posti di lettura previsti: 100/120  Metri di scaffalature previste (per ca vol.): –scaffale aperto: 100/130 metri (per circa / volumi) –magazzino aperto: 130 metri (per vol.) –compactus: 360 metri (per vol.)  Rapporto posti/metri quadri/studenti/volumi: –posti lettura per studenti: un posto ogni 25/30 studenti –rapporto volumi/mq: 70/80 volumi/mq

8 A cura della Biblioteca della Facoltà di Agraria8 Standard qualitativi e confronti  Nelle attuali biblioteche di Ateneo: –il rapporto medio studenti/mq. è di 2.93 studenti/mq. –il rapporto volumi/mq. 50,98 –i posti di lettura sono uno ogni 24,60 studenti  Per confronto si segnalano alcuni standard esteri: –biblioteche umanistiche: un posto ogni 5/10 studenti –in quelle scientifiche uno ogni 12/18 studenti  Risulta evidente che: –il numero di studenti per posto lettura è buono –più critico il rapporto vol./mq.

9 A cura della Biblioteca della Facoltà di Agraria9 Analisi strutturale  Andranno a scaffale aperto i volumi più richiesti. È accettabile mettere a scaffale aperto: –gli ultimi 5/6 anni per le riviste di materie a forte dinamicità, gli ultimi 10 anni per le altre, per ca /8.000 volumi –gli ultimi 7/8 anni per le monografie attinenti ad aree dinamiche e 10/15 per altre, per ca volumi  I volumi meno consultati andranno in magazzini accessibili. Il resto andrà a compactus  Saranno comunque necessarie accurate politiche di scelta e di scarto

10 A cura della Biblioteca della Facoltà di Agraria10 Struttura dei locali: principi generali  Minimizzare gli spostamenti degli utenti per ottenere i servizi e le risorse necessarie  Centralità del punto di accoglienza e punti di servizio disseminati  Ridurre la separazione fra utenti e bibliotecari  Assicurare il massimo della flessibilità strutturale  Ambienti piccoli e amichevoli, adatti a specifiche tipologie di utenti, con risorse specializzate

11 A cura della Biblioteca della Facoltà di Agraria11 Planimetria piano superiore

12 A cura della Biblioteca della Facoltà di Agraria12 Planimetria piano inferiore

13 A cura della Biblioteca della Facoltà di Agraria13 Struttura sala-tipo al piano superiore

14 A cura della Biblioteca della Facoltà di Agraria14 Struttura ingresso

15 A cura della Biblioteca della Facoltà di Agraria15 Diagramma dei flussi di attività previsti

16 A cura della Biblioteca della Facoltà di Agraria16 SERVIZI - Analisi preliminari  Definire il livello di conoscenza dei servizi tra gli utenti  Individuare le esigenze implicite degli utenti  Definire le esigenze degli utenti potenziali  Individuare le differenze nel modo in cui gli utenti “vivono” la biblioteca  Individuare gli atteggiamenti e le credenze che modellano il modo di usare la biblioteca

17 A cura della Biblioteca della Facoltà di Agraria17 SERVIZI - Principi generali  Differenziare i servizi tenendo conto della diversità di utilizzo della biblioteca tra : –studenti dei primi anni e studenti in laurea –docenti che la frequentano e docenti che la usano come centro servizi  Trovare un equilibrio tra: –la “virtualizzazione” dei servizi e il dover mantenere la biblioteca fisicamente accogliente –il dover garantire un’assistenza diretta agli utenti tradizionali e la necessità di renderli progressivamente indipendenti

18 A cura della Biblioteca della Facoltà di Agraria18 Lavori preliminari sui volumi  Definizione dei livelli minimo e massimo della riclassificazione  Individuazione della quantità ottimale di volumi da riclassificare in base al rapporto costi/ricavi  Difficoltà di valutazione legate al fatto che : –i campionamenti statistici sono molto complessi –costi e ricavi sono di natura diversa –sia la curva dei costi che quella dei ricavi non sono lineari, ma, rispettivamente crescenti e decrescenti

19 A cura della Biblioteca della Facoltà di Agraria19 Organizzazione del lavoro  Scarso utilizzo di outsourcing, privilegiando l’utilizzo di risorse interne  Individuazione di metodi di lavoro innovativi con utilizzo di procedure semiautomatiche  Accurata segmentazione delle attività da svolgere  Creazione di economie di scala in ogni segmento di attività  Forte “virtualizzazione” del lavoro

20 A cura della Biblioteca della Facoltà di Agraria20 Metodiche di lavoro  Eliminazione di molte attività ripetitive sviluppando programmi ad hoc  Riduzione dell’entità dei lavori da fare fisicamente sui volumi  Controllo in tempo reale dei risultati con programmi ad hoc  Alto parallelismo nelle attività


Scaricare ppt "Progetto per la Nuova Biblioteca Centrale della Facoltà di Agraria."

Presentazioni simili


Annunci Google