La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza I bisogni della popolazione nelle emergenze e nei disastri Scuola Ingegneria dellEmergenza Aspetti umani e.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza I bisogni della popolazione nelle emergenze e nei disastri Scuola Ingegneria dellEmergenza Aspetti umani e."— Transcript della presentazione:

1 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza I bisogni della popolazione nelle emergenze e nei disastri Scuola Ingegneria dellEmergenza Aspetti umani e sanitari nella gestione delle emergenze

2 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Principi generali di analisi della situazione e di pianificazione Identificare i problemi Stabilire le priorità Determinare obiettivi e strategie Pianificare le attività Valutare i risultati ottenuti

3 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Informazioni rilevanti da raccogliere Analisi della popolazione e del contesto (demografia, religione, cultura, condizioni economiche, norme sociali, meccanismi di presa in carico delle fasce vulnerabili…) Analisi delloccupazione della popolazione prima dellemergenza e capacità di lavoro Analisi di come la popolazione usa e controlla le proprie risorse (terra, acqua, cibo o educazione, capacità personali)

4 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Differenze tra metodi qualitativi e quantitativi di raccolta dati (mod da BMJ 1995; 311:42-5) Quantitativo Deduttivo (testing the hypothesis) Out-come oriented Statistico Questionari, esperimenti Analisi dei dati dopo la raccolta Punto di forza: affidabilità Qualitativo Induttivo (dallosservazione allipotesi) Process-oriented Propositivo, teoretico Osservazione, interviste Analisi durante la raccolta Punto di forza: validità

5 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Metodi rapidi di raccolta dati Interviste a individuichiave ( ostetriche tradizionali, insegnanti, rappresentanti di gruppi vulnerabili) Discussioni di gruppo (Focus Groups) Osservazione Indagini basate su questionari (necessitano di più tempo)

6 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Rapid Appraisal Procedures: utilizzo di metodi qualitativi e quantitativi KAP surveys (Knowledge, Attitudes and Practices): questionari per ottenere dati su comportamenti e attitudini Community diagnosis: simile al KAP, si serve di assistenti locali con approccio partecipativo Rapid Rural Appraisal: metodo rapido sviluppato in agricoltura (revisione dati; osservazione diretta, interviste e focus groups,; diagrammi, role playng, workshops) Rapid Epidemiological Appraisal: adattamento di procedure epidemiologiche standard per raccogliere informazioni in modo rapido e poco costoso

7 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza IDENTIFICAZIONE DI: Bisogni della popolazione Priorità identificate dalla popolazione Il grado di accettabilità dellintervento proposto Problemi da anticipare per favorire laccettabilità del programma Problemi da anticipare per consentire laccessibilità a tutti i gruppi Gruppi vulnerabili e loro specifici bisogni Modalità per incoraggiare la partecipazione della popolazione

8 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Emergenze Complesse Crisi umanitarie maggiori di natura multi- causale, che richiedono risposte diversificate attraverso le diverse Agenzie delle Nazioni Unite, inclusi interventi di peace-keeping The Oxfam handbook of development and relief, 1995.

9 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza FASI delle Emergenze Complesse FASE di EMERGENZA: segue lo spostamento di popolazioni, caratterizzata da elevati tassi di mortalità (CMR>1morto per /die) FASE di POST-EMERGENZA: riduzione della mortalità ai livelli precedenti (CMR<1/10.000/die), i livelli di base dei bisogni della popolazione sono soddisfatti.

10 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza.

11 Fase di emergenza: le 10 priorità principali 1. Valutazione iniziale 2. Immunizzazione contro il morbillo 3. Acqua e smaltimento dei reflui 4. Cibo e nutrizione 5. Soluzioni abitative 6. Cura della salute nella fase di emergenza 7. Controllo delle malattie trasmissibili 8. Sorveglianza sanitaria 9. Gestione e formazione delle risorse umane 10. Coordinazione (da: Médecins Sans Frontières (MSF) Refugee Health an approach to emergency situation, 1998)

12 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza 1. Valutazione iniziale 1.1. Dati da rilevare: 1. Contesto geo-politico 2. Descrizione della popolazione 3. Caratteristiche dellambiente 4. Principali problemi sanitari 5. Risorse umane e materiali 6. Attori coinvolti

13 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza 1. Valutazione iniziale 1.2. Obiettivi: 1. Decidere se intervenire 2. Definire le priorità dellintervento 3. Pianificare limplementazione delle priorità 4. Gestione delle informazioni

14 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza 1. Valutazione iniziale 1.3. Metodi :I FASE (3 giorni). Osservazione sistematica Interviste a persone chiavi Focus Groups Incontri con rappresentanti (autorità locali, UN, ONG) Mapping Fotografie aeree o da satellite Censimento Estrapolazione da vaccinazioni di massa II FASE (1-3 settimane). Inchieste su un campione significativo (systematic sampling, cluster sampling)

15 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza 1. Valutazione iniziale 1.4. Raccomandazioni: Necessità di un team esperto e indipendente I dati raccolti devono essere esaustivi La I fase deve essere rapida ed efficace (3gg) La II fase (1-3 settimane) permette raccolta dati qualitativi e quantitativi Tasso di mortalità: miglior indicatore per severità della situazione Ottenere informazioni con metodi diversi

16 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Bisogni minimi da garantire nelle situazioni critiche 1. ACQUA: 1.1 Quantità 5 l a persona al giorno (WHO) nei primi giorni l a persona al giorno successivamente 1.2. Qualità < 10 E.Coli/100 ml

17 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza 2. Smaltimento dei reflui 1 latrina per 20 persone (UNHCR) 1 latrina per famiglia (ideale) Organizzazione di raccolta dei rifiuti e trasporto con camion Creazione di pozzi in loco per la raccolta dei rifiuti e copertura giornaliera con terreno (se materiale medico, prima incenerirlo)

18 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza 3. Controllo dei vettori Igiene ambientale (eliminazione di acqua stagnante, protezione delle latrine, protezione dei contenitori di acqua) Educazione della popolazione Pulizia delle abitazioni e dintorni Uso di insetticidi

19 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Standard per acqua e smaltimento reflui nelle strutture sanitarie di emergenza Acqua Reparto di degenza Chirurgia/maternità Ambulatorio Centro nutrizionale Cucina 50 l/persona/die 100 l/persona/die 5 l/ medicazione l/persona/die 10 l/persona/die Reflui Escrementi Immondizia Un pozzo (0.04m 3 ) riempito/persona/anno Volume prodotto = 3 dm3/persona/die, 100 L di immondizia ogni 25 pz

20 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Malattie trasmissibili in relazione allacqua 1. Consumo di acqua inquinata: Colera Amebiasi 2. Scarsità di acqua e inadeguata igiene personale: scabbia tracoma 3. Presenza nellacqua di agenti patogeni: Schistosomiasi 4. Sviluppo di vettori di malattie trasmissibili nellacqua: Febbre gialla Malaria 5. Combinazione di più cause: Amebiasi (1-2)

21 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Cibo e Nutrizione Minima razione di cibo: Kcal/persona/die 10% proteine 10% grassi Food basket: 6 elementi (cereali, cereali arricchiti di vitamine, legumi, olio, zucchero, sale)

22 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Requisiti minimi per pianificazione di strutture abitative temporanee Area / persona Spazio coperto / persona N° persone /punto dacqua N° persone/latrine Distanza dal punto dacqua Distanza punto dacqua-latrine Punto per accendere il fuoco Distanza tra due abitazioni 30 m 2 3,5 m m max 30 m 75 m ogni 300 m 2 m min

23 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Principali servizi richiesti in soluzioni abitative temporanee Strade e punti per accendere il fuoco Approvvigionamento dacqua e servizi igienici Strutture sanitarie Posto di incontro per i visitatori Centri nutrizionali Depositi e centri di distribuzione materiali Centro amministrativo, area di ricevimento Altre strutture per la comunità (mercato, scuola, cimitero, etc)

24 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Assistenza sanitaria in situazioni di emergenza LivelloN° di struttureAttività Ospedale di riferimento Dipende dalla situazione Chirurgia, Emergenze ostetriche, Laboratorio Centro sanitario1/ persone Triage, OPD, Emergenza (24 h), ostetricia, chirurgia minore, farmacia, vaccinazioni Ambulatorio1/ persone OPD, medicazioni, trasferimento a livelli superiori, raccolta dati Attività di outreach 1 visitatore per persone Raccolta dati, screening, Trasferimento, educazione sanitaria

25 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Coordinamento in Emergenza Organizzazione integrata delle varie attività di assistenza sotto una leadership riconosciuta e realizzato attraverso la comunicazione tra tutti gli attori. Partners: UNHCR, Autorità locali, rappresentanti della popolazione, ONG, altre agenzie UN. Comunicazione: contatti regolari tra i partner sia formali che informali.

26 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Coordinamento: Obiettivi Stabilire una leadership chiara Creare un corpo di coordinamento Assicurare che le priorità siano assegnate a diverse agenzie Prevenire programmi di duplicazione e assicurare che i bisogni siano soddisfatti Razionalizzare i servizi creando degli standard comuni, usando linee guida condivise

27 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Coordinamento: canali di comunicazione Incontri regolari tra i partner (settimanali in emergenza; mensili in post- emergenza) Generali (management) Di settore (tecnici) Rapporti di attività e degli incontri Follow-up delle decisioni prese

28 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Comunicazione Attività routinaria (settimanale e mensile): Feedback: invio di dati elaborati a chi aveva fornito i dati grezzi (in riunioni e corsi) Disseminazione delle informazioni (per i responsabili dei programmi e le autorità locali) Attività speciale: Informazioni riguardanti specifici problemi: epidemie, grave malnutrizione (necessità di produrre un documento e di utilizzare la comunicazione visiva, es. grafici)

29 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Situazione globale e prospettive per il sfide principali: 1. Persistenza di crisi protratte man- made 2. Crisi emergenti in aree considerate stabili in passato 3. Aumento degli effetti avversi dei disastri naturali

30 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza PrioritaECHO per il 2003: (fonte ECHO-European Community Humanitarian Aid Office- Aid Strategy 2003) Implementare attività in aree in cui sono maggiori i bisogni umanitari: Corno dAfrica, Regione dei Grandi Laghi, Africa Occidentale, Sud Africa, Asia Centrale (Afghanistan) Crisi dimenticate: Sahara Occidentale, Caucaso Settentrionale, Uganda, Burma/Myamar Miglioramento qualità dellaiuto umanitario, implementando le tematiche trasversali: LRDD (Linking Relief Rehabilitation and Development) Preparazione dei disastri Attività legate ai bambini

31 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza La fine della Guerra Fredda ha sancito la diffusione di guerre e violenze nel mondo Dal milioni di persone sono state uccise nei conflitti Il numero di guerre e crisi violente è salito da 27 nel 1997 a 31 nel 1998 a 38 nel 2001 a 42 nel 2002 I civili, e in particolare i gruppi vulnerabili (bambini, giovani, donne, anziani e disabili) sono le principali vittime dei conflitti moderni

32 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Principali aree calde Africa Centrale: dal Sudan (Nord-Est) e Corno dAfrica (Etiopia ed Eritrea, al DR Congo e alla zona dei Grandi Laghi, Sierra Leone e Liberia (Ovest); Sud Africa (Angola e Zimbabwe) Caucaso Settentrionale: NIS(Newly Independent States): Cecenia Asia Sud-Occidentale: Afghanistan, Pakistan Medio Oriente: Israele/Palestina, Irak Sud America:Colombia

33 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Disastri naturali Global trend: in diminuzione nel biennio 2001/2002 Cause: modifiche dei fattori demografici, degrado ambientale, cambio duso della terra, modificazioni climatiche (es. siccità) Vittime: 256 milioni nel 2000; 170 nel 2002 Prevenzione: incremento delle attività di disaster preparedness e loro inserimento come parte integrante dei programmi N.B. In preoccupante stagnazione la situazione dei disastri man made (conflitti) (fonte ECHO Aid Strategy 2003)

34 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Relazione Disastri - Povertà I disastri nei PVS sono parte integrante del loro ciclo di povertà: la povertà causa disastri e i disastri esacerbano la povertà La promozione di uno sviluppo umano sostenibile, che aumenta la sicurezza degli uomini e del pianeta, può ridurre la frequenza e limpatto dei disastri naturali

35 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Tematiche orizzontali prioritarie in Emergenza Sicurezza del personale Ending-over delle operazioni di emergenza Misure di Disaster Preparedness Mainstreaming di problematiche correlate ai diritti umani Rapporti rifugiati/IDPs e popolazioni locali e Attori Internazionali (governativi e non) Relazione tra operazioni di emergenza, riabilitazione e sviluppo (LRRD: Linking Relief Rehabilitation and Development)

36 F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza Modalità di transizione da Programmi di Emergenza a Programmi di Sviluppo 1. Fase iniziale dei programmi di Emergenza: autonomia totale dal sistema esistente (rischio di dipendenza completa da aiuti umanitari) 2. Riabilitazione come forma di Intervento di Emergenza (il sistema locale esiste ancora e può essere riabilitato immediatamente fornendo gli aiuti necessari alla popolazione) 3. Programmi integrati di aiuto diretto e riabilitazione (se il sistema locale non è in grado immediatamente di far fronte allemergenza) 4. Necessità di promuovere e sostenere lo sviluppo dei sistemi locali in quanto non realizzabile una riabilitazione per la presenza di particolari e non correggibili vulnerabilità


Scaricare ppt "F. Pietrantonio Scuola Ingegneria Emergenza I bisogni della popolazione nelle emergenze e nei disastri Scuola Ingegneria dellEmergenza Aspetti umani e."

Presentazioni simili


Annunci Google