La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MODELLI DI BUSINESS DEL TELEMONITORAGGIO: PDTA Prof. Sergio Pillon direttore UOD Telemedicina, AO San Camillo-Forlanini, Presidente Osservatorio Nazionale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MODELLI DI BUSINESS DEL TELEMONITORAGGIO: PDTA Prof. Sergio Pillon direttore UOD Telemedicina, AO San Camillo-Forlanini, Presidente Osservatorio Nazionale."— Transcript della presentazione:

1 MODELLI DI BUSINESS DEL TELEMONITORAGGIO: PDTA Prof. Sergio Pillon direttore UOD Telemedicina, AO San Camillo-Forlanini, Presidente Osservatorio Nazionale della Sanità Elettronica e Telemedicina, ONSET, Roma © SERGIO PILLON

2 SCENARIO © SERGIO PILLON

3

4

5

6 ATTENZIONE… © SERGIO PILLON

7 7 US Developments David S. Muntz, CHCIO, FCHIME, FHIMSS Principal Deputy National Coordinator Office of the National Coordinator for Health IT Department of Health & Human Services © Sergio Pillon

8 8 Health Information Technology Health IT: Helping to Drive the 3-Part Aim Improving patients’ experience of care within the Institute of Medicine’s 6 domains of quality: Safety, Effectiveness, Patient- Centeredness, Timeliness, Efficiency, and Equity. Better healthcare Keeping patients well so they can do what they want to do. Increasing the overall health of populations: address behavioral risk factors; focus on preventive care. Better health Lowering the total cost of care while improving quality, resulting in reduced monthly expenditures for Medicare, Medicaid, and CHIP beneficiaries. Supporting new models of payment. Reduced costs $ 3-Part Aim © Sergio Pillon

9 9 ARRA and HITECH What is ARRA? American Recovery and Reinvestment Act Also known as the “economic stimulus package” Signed into law by President Obama on February 17, 2009 What is HITECH? Health Information Technology for Economic and Clinical Health A portion of ARRA – TITLE XIII—Health Information Technology – TITLE IV—Medicare and Medicaid Health Information Technology Contains numerous provisions related to Health Information Technology (HIT) and privacy with aggressive timelines for completion $22.5 Billion in incentive payments for providers who adopt certified HIT and achieve Meaningful Use (MU) © Sergio Pillon

10 10 Meaningful Use in Common Terms General Requirements That Must Be Met: Certified EHR (electronic health record) is used in a meaningful manner, including electronic prescribing Certified EHR is connected in a manner that allows for the exchange of health information Entity is capable of reporting on clinical quality measures and such other measures as selected by the Secretary of HHS It’s about the information, not the technology! © Sergio Pillon

11 11 Stage 2 MU ACOs Stage 3 MU PCMHs 3-Part Aim Registries to manage patient populations Team based care, case management Enhanced access and continuity Privacy & security protections Care coordination Privacy & security protections Patient centered care coordination Improved population health Registries for disease management Evidenced based medicine Patient self management Privacy & security protections Care coordination Structured data utilized Data utilized to improve delivery and outcomes Patient informed Patient engaged, community resources Stage 1 MU Privacy & security protections Basic EHR functionality, structured data Utilize technology to gather information Improve access to information Use information to transform Meaningful Use as a Building Block

12 12 Online Job Postings Have Grown Substantially Supporting activities – Community College Consortia – University Based Training – Curriculum development – Competency Exam SOURCE: ONC analysis of data from O’Reilly Job Data Mart © Sergio Pillon

13 13 Changing Role for and Demands from Patients Unbounded expectations Primary or secondary coordinator of care Community or affinity group participant Custodian of records – Facile exchange between all participants – Ability to control privacy and security – Download and manage Predictable interests – Search for clinical trials – Desire for “plain language” interactions – Multi- not just bi-lingual websites Consumer demand for quality and price – DrAngiesList.com Access Focus on the provider AND the patient © Sergio Pillon

14 14 Market Forces Evolution from closed to open systems in EHR vendor marketplace Big Data – Standards – Architecture – Talent – Governance – Privacy and Security – Pattern recognition – accidental or directed? – Clinical AND administrative data International exchange – Research – Tourism – Medical Tourism – Privacy and Security – Over-reads and on-call services – Standards and integration …continued © Sergio Pillon

15 15 Market Forces - continued Changing roles for caregivers Genomics and proteomics Precision medicine Ubiquitous sensors – Environmental – Embedded Regenerative medicine Telepresence Robotics Demographics Alternative medicine acceptance in the mainstream …continued © Sergio Pillon

16 16 Market Forces - continued Payment reform Workforce shortages – Clinical – Technical – Transition of care responsibilities New computing platforms – Apps – Clinical decision support modules – Inference engines – Natural language processing – embedded or external What should be in Stage 4? – Post-implementation optimization – Diffusion of best practices aafp.org © Sergio Pillon

17 17 We need your help! Connect. Communicate. Collaborate. © Sergio Pillon

18 UN MODELLO:LE "FERITE DIFFICILI" © SERGIO PILLON

19 1- PARTIRE DALLE MIGLIORI ESPERIENZE… Partire dall’esperienza nazionale ed internazionale… © SERGIO PILLON

20

21

22 RISULTATI : WTN (WOUND TECHNOLOGY NETWORK) © SERGIO PILLON

23

24

25 RESULTS US: WTN (WOUND TECHNOLOGY NETWORK) “My former position was Vice President and Chief medical officer for a major Medicare health plan in South Florida, and I am happy to be speaking on behalf of the Wound Technology Network. During the last 2 years we ran a trial of 2 wound care companies’ side by side. Wound Technology Network had a significant volume of our patients along with another wound care company. We had the ability to take a look at the outcomes data, utilization data and cost data and found that Wound Technology Network did a significantly better job, in fact the data showed a 50% improvement in both cost and actual time to heal the wounds. So we were very,very happy with Wound Technology Network and that actually led us to contract with them as our sole provider for wound care going forward…It was an excellent experience”. John McGoohan, D.O. Senior Vice President Medical Affairs Vista Health Plans of Florida © SERGIO PILLON

26 RISULTATI : WTN (WOUND TECHNOLOGY NETWORK) © SERGIO PILLON

27 PRATICAMENTE Il paziente viene con richiesta di visita specialistica, medicazione avanzata ed eco-color doppler arti inferiori Apertura della cartella ambulatoriale Medicazione con l’infermiere Consenso informato Lettera per il caregiver, per il curante Scheda di medicazione ed istruzioni © SERGIO PILLON Tememedicina Tradizionale

28 COME FUNZIONA? Il paziente apre una cartella ambulatoriale con una richiesta di visita specialistica ed Eco Color Doppler e porta la richiesta per le medicazioni Riceve le istruzioni, firma il consenso informato, riceve la lettera per il curante e la scheda di medicazione L’infermiere lo medica e lo istruisce, od istruisce il caregiver Riceve il materiale di medicazione Si medica e manda le immagini a Riceve risposta entro 24 ore © SERGIO PILLON

29 2 - LA REMUNERAZIONE, IL BUDGET © SERGIO PILLON

30 IL NOSTRO PERCORSO VERSO LA REMUNERAZIONE DEL SERVIZIO 1.Attivazione di tutte le funzioni all'interno dell ASL e/o dell'Azienda Ospedaliera per la definizione del PCA, percorso clinico assistenziale (direzione sanitaria, governo clinico, controllo di gestione…) 2.Attivazione del Budget, definizione dei costi/ricavi e soprattutto degli INDICATORI DI VERIFICA 3.Attivazione presso il CUP dei codici di prenotazione 4.Valutazione di impatto sociale nel contesto aziendale © SERGIO PILLON

31 DAL MINISTERO…. «La Telemedicina rappresenta una particolare modalità di esecuzione delle delle prestazioni sanitarie» © SERGIO PILLON

32 DI CONSEGUENZA… Perche le ASL dovrebbero discutere sul COME viene eseguita una pulsossimetria, un ecg, una misurazione pressoria.. Una MEDICAZIONE? Oppure su QUANDO viene dimesso un paziente? © SERGIO PILLON

33 3 - GLI ASPETTI SOCIO-SANITARI, LA SOSTENIBILITÀ COSTI/BENEFICI Utilizzare gli strumenti di governo clinico e valutazione aziendale © SERGIO PILLON

34 OBIETTIVO DELL’OSPEDALE: Curare e prendersi cura, declinato in 7 macroaree, ciascuna con ulteriori campi, suddivisi poi con INDICATORI © SERGIO PILLON

35 35 GLI ELEMENTI VALUTATI N.STANDARDINDICATORI Equità e Solidarietà 1 Tutela dei diritti del malato 2 2 Accesso 2 3 Rispetto della dignità del malato 10 4 Adeguatezza dei locali e confort 34 5 Personalizzazione 9 6 “Ospedale Culturalmente Competente” * 31 Sollievo del dolore e della sofferenza 7 Atteggiamento empatico 42 8 Approccio olistico e presa in carico globale 31 9 “Ospedale Aperto” * 8 10 Terapia del dolore * 9 11 Dignità del morire * 21 Dialogo e Integrazione 12 Accoglienza 3 13 Colloquio Informazione sull’iter diagnostico – terapeutico - assistenziale 15 Consenso informato e coinvolgimento del paziente nelle decisioni 6 TOTALE 234 A cura della P.O. Sviluppo Identità Aziendale e Bilancio Sociale A.O. San Camillo Forlanini – Roma Dr.ssa Francesca Giordano © SERGIO PILLON

36 A Questionario Direttori di UO B Questionario Coordinatori Infermieristici C Questionario Operatori Auto valutazione D Questionario Pazienti E Questionario Familiari F Osservazione Diretta G Questionario Associazioni Valutazione Esterna Gli strumenti di rilevazione A cura della P.O. Sviluppo Identità Aziendale e Bilancio Sociale A.O. San Camillo Forlanini – Roma Dr.ssa Francesca Giordano © SERGIO PILLON

37 37 OUTPUT AUDIT SOCIALE dell’ UO IUC dell’ UO AUDIT SOCIALE del Dipartimento IUC Dipartimentale AUDIT SOCIALE Aziendale IUC Aziendale L1 L2 L3 A cura della P.O. Sviluppo Identità Aziendale e Bilancio Sociale A.O. San Camillo Forlanini – Roma Dr.ssa Francesca Giordano © SERGIO PILLON

38 AUDIT UO Telemedicina STANDARD AUDIT Tutela dei diritti del malato Accesso Rispetto della dignità del malato Adeguatezza dei locali e confort Personalizzazione OCC Migranti Atteggiamento empatico Approccio olistico e presa in carico globale Ospedale aperto Terapia del dolore Dignità del morire Accoglienza Colloquio Informazione sull’iter diagnostico- terapeutico- assistenziale Consenso informato e coinvolgimento del paziente nelle decisioni IUC Valori dell’ UO Valori Medi Dipartimentale Valori Medi Aziendale L2 L3 L1 A cura della P.O. Sviluppo Identità Aziendale e Bilancio Sociale A.O. San Camillo Forlanini – Roma Dr.ssa Francesca Giordano © SERGIO PILLON

39 4 - PRESENTAZIONE E DIFFUSIONE DEI RISULTATI Non tenere i risultati «nel cassetto» confrontarsi con la comunità scientifica CLINICA di riferimento © SERGIO PILLON

40 TELEMEDICINA NEL TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA PRESSIONE E ULCERE DEGLI ARTI ATTIVITA’ Servizio di telemedicina per le ferite difficili inserito e rimborsato routinariamente dal SSN, attivo dal Seguiti ad oggi 170 soggetti (405 ulcere, circa medicazioni) seguiti in prima fase de visu e successivamente in telemedicina (posta elettronica, whatsapp, MOWA) Sono stati coinvolti caregivers «non professionali» (badanti, parenti), un infermiere o gli stessi pazienti. Adattato il questionario SF12 Health Survey per valutare la qualità di vita e un semplice questionario sulla «soddisfazione del cliente». Gli strumenti di budget, governo clinico, bilancio sociale aziendale e controllo della qualità sono stati “adattati” alla telemedicina Abbiamo testato una applicazione per smartphone ( MOWA, per sistemi operativi Android e iPhone) L’applicazione ha il marchio CE (93/42/CE), come dispositivo medico, classe 1. © SERGIO PILLON

41 TELEMEDICINA NEL TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA PRESSIONE E ULCERE DEGLI ARTI RISULTATI Percentuale globale di guarigione delle lesioni del 91%, (75% tradizionale) Assenza di ricovero ospedaliero (solo per la chirurgia ricostruttiva, ove necessario), Riduzione del 38% dei costi globali, Miglioramento della 70% della qualità della vita. L'applicazione consente di analizzare un'immagine della lesione, effettua una valutazione automatica della area di necrosi, dell'area di granulazione e dell'area coperta da fibrina. L'area della ferita viene misurata in modo da poter valutare nel tempo e viene generato un documento PDF che può essere inviato al centro specialistico per la valutazione, archiviazione ed oggettivazione della cura © SERGIO PILLON

42 TELEMEDICINA NEL TRATTAMENTO DELLE LESIONI DA PRESSIONE E ULCERE DEGLI ARTI Risultati nelle comunità scientifiche di riferimento Osservatorio del Ministero della Salute per le reti di e-Care: classificazione A1 Portale ePractice dell’Unione Europea: 4 stelle su 5 possibili Associazione Italiana Ulcere Cutanee AIUC: modello per le linee di indirizzo per la telemedicina specifica European Wound Managent Association: proposta di realizzazione di linee di indirizzo europeo. Corsi di formazione intraaziendale ed esterni sul tema Progetto “Ferite Difficili” in collaborazione con FIMMG regionale Percorso Clinico-Assistenziale Aziendale che include la telemedicina nel percorso di trattamento © SERGIO PILLON

43 5 - LA TECNOLOGIA Seguire costantemente l’aggiornamento delle tecnologie © SERGIO PILLON

44 6 - L'INSERIMENTO NEI PERCORSI DIAGNOSTICI TERAPEUTICI ASSISTENZIALI (PDTA) La telemedicina è una PARTE del percorso di cura © SERGIO PILLON

45 Il PDTA Aziendale

46 © SERGIO PILLON

47

48 TELEMEDICINA:LINEE DI INDIRIZZO NAZIONALI I PDTA sono la CHIAVE © SERGIO PILLON

49 5. INTEGRAZIONE DELLA TELEMEDICINA NEL SERVIZIO SANITARIO (…) 5.2 TELEMEDICINA NEL SERVIZIO SANITARIO La Telemedicina non rappresenta una specialità medica separata, ma è uno strumento che può essere utilizzato per estendere la pratica tradizionale oltre gli spazi fisici abituali. Si configura, nel quadro normativo generale, come una diversa modalità di erogazione di prestazioni sanitarie e socio-sanitarie e pertanto rientra nella cornice di riferimento che norma tali processi con alcune precisazioni sulle condizioni di attuazione. Nel quadro normativo sopra esposto, per poter esercitare attività di Telemedicina nelle varie discipline con oneri a carico del Servizio Sanitario Nazionale, le strutture interessate (Centro erogatore), compatibilmente con la programmazione regionale, devono: a) essere accreditate dalla regione o dalle province autonome per la disciplina specialistica (cardiologia, diagnostica per immagini, oftalmologia, diagnostica clinica ecc.) per la quale si intendono attivare singole prestazioni di Telemedicina e/o percorsi clinici assistenziali (PCA o PDTA) integrati con le attività di Telemedicina; b) attenersi al Documento per l’erogazione della singola prestazione in telemedicina e/o al Documento per l’erogazione del percorso clinico assistenziale (PCA o PDTA) integrato con le attività di Telemedicina, definiti dalla Regione, fatti salvi gli elementi di garanzia come descritti nel paragrafo 5.4; c) attenersi al Documento di definizione degli standard di servizio propri delle prestazioni di Telemedicina erogate definito dalla Regione, tenuto conto anche di standard definiti a livello nazionale, fatti salvi gli elementi di garanzia come descritti nel paragrafo 5.5; d) stipulare, se necessario, specifico/i accordo/i contrattuale/i con le Regioni/ASL per i servizi di Telemedicina (paragrafo 5.6). © SERGIO PILLON

50 IL PERCORSO: 1.partire dalle migliori esperienze 2.la remunerazione, il budget 3.gli aspetti socio-sanitari, la sostenibilità costi/benefici 4.presentazione e diffusione dei risultati 5.la tecnologia 6.l'inserimento nei percorsi Diagnostici terapeutici assistenziali (PDTA) © SERGIO PILLON


Scaricare ppt "MODELLI DI BUSINESS DEL TELEMONITORAGGIO: PDTA Prof. Sergio Pillon direttore UOD Telemedicina, AO San Camillo-Forlanini, Presidente Osservatorio Nazionale."

Presentazioni simili


Annunci Google