La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Project finance in Italia: Le fonti normative. 2 Le fonti Direttiva 93/37/Cee del 14-06-93 le fonti primarie italiane: »La legge 109/94 (la legge Merloni)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Project finance in Italia: Le fonti normative. 2 Le fonti Direttiva 93/37/Cee del 14-06-93 le fonti primarie italiane: »La legge 109/94 (la legge Merloni)"— Transcript della presentazione:

1 1 Project finance in Italia: Le fonti normative

2 2 Le fonti Direttiva 93/37/Cee del le fonti primarie italiane: »La legge 109/94 (la legge Merloni) »DPR 554/99 (Regolamento) »D. Lgsl 163 del 12/04/06 Fonti sus sidiarie : »Delibere/pareri

3 3 Gli effetti della Riforma del Titolo V della Costituzione Legge costituzionale n° 3 del 2001 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione) Art. 3 Nelle materie di legislazione concorrente spetta alle Regioni la potestà legislativa, salvo che per la determinazione dei principi fondamentali, riservata alla legislazione dello Stato. Sono materie di legislazione concorrente quelle relative a: rapporti internazionali e con lUnione europea delle Regioni, commercio con lestero, tutela e sicurezza del lavoro, istruzione, salva lautonomia delle istituzioni scolastiche e con esclusione della istruzione e della formazione professionale, professioni, ricerca scientifica e tecnologica e sostegno allinnovazione per i settori produttivi, tutela della salute, alimentazione, ordinamento sportivo, protezione civile, governo del territorio; porti e aeroporti, grandi reti di trasporto e di navigazione; ordinamento della comunicazione; produzione, trasporto e distribuzione dellenergia; previdenza complementare e integrativa,; armonizzazione dei bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario; ……

4 4 Legge n: 131 del 2003 (Disposizioni per ladeguamento dellordinamento della Repubblica alla legge costituzionale 18 Ottobre 2001, n° 3 Art. 1 1……… 2…….. 3 Nelle materie appartenenti alla legislazione concorrente, le Regioni esercitano la potestà legislativa nellambito dei principi fondamentali espressamente determinati dallo Stato o, in difetto, quali desumibili dalle leggi statali vigenti.

5 5 I fondamenti del D. Lgs 163/06 ex l. 109/94 e ss.mm

6 6 Gli istituti contrattuali basilari Art 1 Direttiva 93/37 a) gli appalti pubblici di lavori sono contratti a titolo oneroso, conclusi in forma scritta tra un imprenditore e unamministrazione aggiudicatrice …. aventi per oggetto lesecuzione o, congiuntamente, lesecuzione e la progettazione di lavori relativi ad una delle attività di cui allallegato II… o di unopera di cui alla lettera c)…[insieme di lavori edilizi o di genio civile..].. d) la concessione di lavori pubblici è un contratto che presenta le stesse caratteristiche di cui alla lettera a) ad eccezione del fatto che la controprestazione dei lavori consiste unicamente nel diritto di gestire lopera o in tale diritto accompagnato da un prezzo;

7 7 Le procedure per la selezione degli offerenti Procedure aperte Procedure aperte: ogni operatore può partecipare (requisiti [art ] ed esclusioni [art. 38] ). In genere sola esecuzione Procedure ristrette Procedure ristrette: ogni operatore può chiedere di partecipare ma possono presentare offerte solo gli operatori selezionati. In genere: non sola esecuzione.

8 8 I criteri base di selezione delle offerte il criterio del prezzo più basso (Art. 82) – anomalie il criterio dellofferta economicamente più vantaggiosa (Art. 83): limpegno in materia e pezzi di ricambio la sicurezza di approvvigionamenti le modalità di gestione il livello delle tariffe I criteri di aggiornamento delle tariffe il prezzo la qualità Il pregio tecnico Le caratteristiche estetiche e funzionali Il costo di manutenzione e di utilizzaizone La redditività Lassistenza tecnica Il servizio post venidta La data di consegna

9 9 Gli obiettivi della concessione/pf competitività progettualeStimolare la competitività progettuale mobilitazione di capitale privatoStimolare la mobilitazione di capitale privato per il soddisfacimento di domanda / servizi pubblici o di interesse pubblico Valorizzazione del contesto negozialeValorizzazione del contesto negoziale (ottimizzare la fattibilità e massimizzare i vantaggi delle parti in un contesto di fattibilità complessiva) MassimizzareMassimizzare e rendere certi il beneficio / introiti dellEnte pubblico (contributo di concessione) Acquisire la proprietà del beneAcquisire la proprietà del bene (Asset) una volta completato il periodo di concessione

10 10 Principi della procedura Coerenza con gli obiettivi programmaticiCoerenza con gli obiettivi programmatici prestabiliti dallEnte pubblico trasparenzatrasparenza nelle procedure di affidamento della concessione percorso temporaleGarantire alla procedura lo scivolamento in un percorso temporale predefinito e ordinato

11 11 Le macro-tipologie di progetti: - opere calde project finance puro - opere calde : opere la cui gestione genera autonome risorse finanziarie in misura sufficiente per ripagare linvestimento in un determinato periodo di tempo [project finance puro] (opere con prodotto omogeneo, tecnologie consolidate, vasta diffusione del prodotto e domanda rigida) opere fredde partenariato pubblico privato opere fredde (opere che richiedono una elevata componente di contribuzione pubblica) [partenariato pubblico privato] con parziale tariffazione sullutente privato (sanità, scuola, …) a totale tariffazione sulla pubblica amministrazione (pubblica sicurezza…)

12 12 Le tappe della programmazione Redazione programma triennali - individuazione dei bisogni che possono essere soddisfatti tramite la realizzazione di lavori finanziabili con capitali privati, in quanto suscettibili di gestione economica (Art. 128, 2)

13 13 Il potere di iniziativa

14 14 Procedura ad iniziativa pubblica (Art ) Lamministrazione Lamministrazione formula le analisi sulla domanda predispone il progetto preliminare inserisce il progetto nella programmazione formula la proposta e la pone in gara per la scelta del concessionario Procedura ad iniziativa privata ( ) Lamministrazione Lamministrazione identifica aree di interventi di pubblica utilità da soddisfare a mezzo di capitali privati inserisce le aree di intervento nella programmazione il privato ha campo libero per formulare le sue proposte

15 15 Progetto preliminare [All. XXI Sez 1] Il progetto preliminare definisce le caratteristiche qualitative e funzionali delle opere, anche con riferimento ai profili ambientali e allutilizzo di materiali provenienti dalle attività di riuso e riciclaggio, il quadro delle esigenze da soddisfare e delle specifiche prestazioni da fornire….

16 16 Progetto definitivo.. Redatto sulla base delle indicazioni del progetto preliminare approvato, sviluppa gli elaborati grafici, nonché i calcoli ad un livello di definizione tale che nella successiva progettazione esecutiva non si abbiano apprezzabili differenze tecniche e di costo

17 17 Progetto esecutivo..redatto in conformità al progetto definitivo, costituisce l ingegnerizzazione di tutte le lavorazioni e, pertanto, definisce compiutamente ed in ogni particolare architettonico, strutturale ed impiantistico lintervento da realizzare, inclusi i pianti operativi di cantiere, i piani di approvvigionamento, nonché i calcoli ed i grafici relativi alle opere provisionali.

18 18 Procedura Articolo 143

19 19 La procedura di concessione ad iniziativa pubblica - Art

20 20 - I - Le concessioni di lavori pubblici sono contratti conclusi in forma scritta fra un imprenditore ed una amministrazione aggiudicatrice, aventi ad oggetto la progettazione definitiva, la progettazione esecutiva e lesecuzione dei lavori pubblici, o di pubblica utilità, e di lavori ad essi strutturalmente e direttamente collegati, nonché la loro gestione funzionale ed economica.

21 21 - II - La controprestazione a favore del concessionario consiste, di regola, unicamente nel diritto di gestione funzionalmente e di sfruttare economica tutti i lavoro realizzati.

22 22 - III - Tuttavia, il soggetto concedente stabilisce in sede i gara anche un prezzo, qualora al concessionario venga imposto di praticare nei confronti degli utenti prezzi inferiori a quelli corrispondenti alla remunerazione degli investimenti ….. Ovvero quando qualora sia necessario assicurare al concessionario il perseguimento dellequilibrio economico-finanziario degli investimenti….

23 23 - IV - La concessione ha di regola durata non superiore a trenta anni ma la stazione appaltante, al fine di el perseguimento dellequilibrio economico-finanziario degli investimenti del concessionario, può stabilire che la concessione abbia una durata superiore a trenta anni. Tuttavia il cambiamento dei presupposti comporta una revisione della durata (Art. 143, 8)

24 24 Procedura Articolo 143

25 25 Il contenuto delle modifiche più recenti alla L. 109/94 (Art. 19 L.166/02) eliminazione del limite del 50% di contributo (Art. 19, punto 2) possibilità di pagare il prezzo tramite permuta durata della concessione anche superiore a 30 anni estensione della concessione a opere destinate alla utilizzazione diretta della pubblica amministrazione, in quanto funzionali alla gestione di servizi pubblici, a condizione che resti al concessionario lalea economico-finanziaria della gestione dellopera prelazione del promotore

26 26 La procedura di iniziativa privata

27 27 Procedura Art. 153

28 28 Art e.2 Il Promotore (ex 37 bis) Requisiti del Promotore: soggetti dotati di idonei requisiti tecnici, organizzativi, finanziari e gestionali, specificati dal regolamento (1) soggetti ammessi a partecipare a procedure di affidamento di lavori pubblici (Art. 34): (società commerciali, imprese individuali, cooperative e consorzi, rti, etc) e (Art. 90) società di ingegneria Camere di commercio …..eventualmente associati o consorziati con enti finanziatori e gestori di servizi (1) Art. 98 Regolamento: fatturato medio ultimi 5 anni non < al 10 % dellinvestimento; capitale sociale non inferiore a 1/20 dellInvestimento; svolgimento negli ultimi 5 anni di servizi affini per un importo medio non inferiore al 5 % dellinvestimento; svolgimento negli ultimi 5 anni di almeno un servizio affine per un importo pari almeno al 2 % dellinvestimento.

29 29 Art Il Promotore … finalità/obiettivi –realizzazione di lavori pubblici o di lavori di pubblica utilità, che siano stati … –inseriti nella Programmazione triennale di cui allArticolo 128

30 30 Art Il Promotore Procedura di trasparenza -Entro 20 giorni dalla approvazione dei programmi lAmministrazione deve pubblicare lavviso di avvenuto inserimento nei programmi di interventi per i quali è prevista la partecipazione totale o parziale di capitali privati -La pubblicazione deve restare esposta per 60 giorni

31 31 Art Il Promotore … le proposte del promotore possono essere presentate –entro il 30 Giugno di ogni anno –oppure entro il 31 Dicembre, se entro Giugno non sono state presentate proposte

32 32 Art Il Promotore Elementi essenziali della proposta del Promotore: - Studio di inquadramento territoriale e ambientale –Studio di fattibilità –Progetto preliminare –Bozza di Convenzione –Piano economico-finanziario asseverato –Specificazione delle caratteristiche del servizio e della gestione –Indicazione degli elementi di cui allArt. 83 ( prezzo, valore tecnico ed estetico dellopera, tempo di esecuzione dei lavori, rendimento, durata concessione, modalità di gestione, tariffe, ….)

33 33 Art Il Promotore Le proposte devono contenere lindicazione delle spese sostenute per la loro predisposizione (importo che non può superare il 2,5% del valore dellinvestimento)

34 34 Art Il Promotore Entro 15 giorni dal ricevimento della proposta lAmministrazione deve: 1.Nominare e a comunicare al Promotore il nominativo del Responsabile del procedimento 2.Verificare la completezza dei documenti e a richiedere integrazione

35 35 Art Valutazione della proposta Criteri di apprezzamento delle proposte Le proposte devono essere valutate sotto il profilo: –costruttivo, urbanistico e ambientale nonché della qualità progettuale –della funzionalità, della fruibilità, dellaccessibilità al pubblico –del rendimento, del costo di gestione e di manutenzione –della durata della concessione –dei tempi di ultimazione dei lavori –delle tariffe da applicare, della metodologia di aggiornamento delle stesse –del contenuto della bozza di Convenzione –del valore economico e finanziario del piano –….

36 36 Art Valutazione della proposta Dallesame delle proposte le amministrazioni prescelgono quelle che ritengono di pubblico interesse La pronuncia deve intervenire entro 4 mesi dalla data di ricezione della proposta del Promotore Principio della Prelazione da esercitarsi nel corso della procedura negoziata del 155 (.. Il promotore potrà adeguare la propria proposta a quella giudicata dallAmministrazione più conveniente. In questo caso il promotore risulterà aggiudicatario della Concessione)

37 37 Art Indizione della gara Entro 90 giorni dalla decisione del 154, lamministrazione procede: –Indicendo una gara (ponendo a base dasta lofferta del promotore prescelto) secondo il metodo dellofferta economicamente più conveniente, per ampliare la gamma delle proposte possibili –Avviando successivamente una procedura negoziata fra il promotore e le altre migliori due offerte

38 38 Art. 155, 2 Lofferta del Promotore posta in gara è vincolante per il Promotore nel caso in cui non vi siano altre offerte Lofferta é garantita dalla cauzione del 2% (Art. 75) oltre che da una cauzione aggiuntiva del 2,5% (spese di offerta) Art. 153)

39 39 Art. 156 Società di Progetto possibilità dellaggiudicatario di costituire una Società di scopo (SPV), che diventerà titolare della concessione Il bando di gara stabilisce limporto minimo di capitale sociale della SPV Se vi sono più soci ognuno deve dichiarare in offerta la propria quota di partecipazione Subentro automatico della Società di progetto nella qualifica di concessionario (senza che ciò costituisca cessione di contratto)

40 40 Art.156, 3 Società di Progetto Interessenze fra soci e PC –Ammesso affidamento dei lavori della SPV a soci aventi i requisiti –Solidarietà dei soci con la PC per il pagamento dell eventuale prezzo di concessione –Liberazione della solidarietà ammessa mediante la costituzione di un terzo fidejussore –Ammessa la cessione di quote della PC ma con vincolo di salvaguardia dei requisiti apportati dai soci qualificati per la esecuzione dei lavori

41 41 Art. 157 Emissione di obbligazioni La Società di progetto può emettere obbligazioni anche in deroga ai limiti dellarticolo 2412 CC (*)purché garantite pro-quota mediante ipoteca I titoli emessi dovranno evidenziare un avvertimento di elevato rischio (*) La società può emettere obbligazioni al portatore o nominative per somma non eccedente il capitale versato ed esistente secondo lultimo bilancio approvato

42 42 Art. 158 Risoluzione indennizzo in caso di risoluzione conseguente ad inadempimento del concedente o per sopravvenuti motivi di pubblico interesse Lindennizzo è prioritariamente vincolato al rimborso dei prestiti contratti

43 43 Art. 159 Subentro Conseguenze dellinadempimento del concessionario: In tutti i casi di risoluzione di un rapporto concessorio i finanziatori del progetto potranno impedire la risoluzione designando (termine di 90 giorni dalla comunicazione di risoluzione) una società che subentri al posto del concessionario Il concedente dovrà accettare la nomina proposta dal finanziatore a condizione che: Il designato abbia caratteristiche tecniche e finanziarie equivalenti allescluso Lo stato di inadempimento cessi entro termini convenuti

44 44 Art. 160 Privilegio sui crediti I crediti di finanziamento per la realizzazione di lavori pubblici, di opere di interesse pubblico o di pubblici servizi, hanno privilegio generale sui beni mobili del concessionario

45 45 …… la finanza di progetto in cifre, in Italia

46 46

47 47

48 48

49 49

50 50

51 51 Applicazione dellArt. 37 AvvisiGareAggiudicazioni m. Unitàm. Unitàm. Unità ( 15,7%) 1036 (50%) (22,5%) (40%) (39,1%) (25,6%) (15,8%) (57%) (19,6%) (53,2%) Totale (20,5%) (47,3%)

52 52 Performance di settore, (%) Gare/ Avvisi Aggiudicazio ni/Gare Aggiudicazioni /Avvisi Acqua, gas, energia telecomunicazioni Riqualificazione urbana, arredo e verde pubblico Cimiteri Commercio e tempo libero Impianti sportivi Parcheggi Sanità Scolastico, sociale, direzionale Trasporti e infrastrutture 9303 Altro

53 53 Anno 2000Anno 2001Anno 2002I Sem 2003 Lombardia Liguria Piemonte Veneto Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Campania Lazio Avvisi Ricerca Promotori Per Regione Fonte: OICE

54 54

55 55


Scaricare ppt "1 Project finance in Italia: Le fonti normative. 2 Le fonti Direttiva 93/37/Cee del 14-06-93 le fonti primarie italiane: »La legge 109/94 (la legge Merloni)"

Presentazioni simili


Annunci Google