La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 11 APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI: GLI ULTIMI INTERVENTI NORMATIVI E DELL’AVCP, IL BANDO TIPO E LA NUOVA BANCA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 11 APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI: GLI ULTIMI INTERVENTI NORMATIVI E DELL’AVCP, IL BANDO TIPO E LA NUOVA BANCA."— Transcript della presentazione:

1 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 11 APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI: GLI ULTIMI INTERVENTI NORMATIVI E DELL’AVCP, IL BANDO TIPO E LA NUOVA BANCA DATI Avv. Maria Cristina Colombo Studio Legale Galbiati, Sacchi e Associati Varese

2 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 2 Il quadro normativo delle modifiche dell’ultimo biennio; Principio di tassatività delle cause di esclusione; Il nuovo bando tipo dell’AVCP; La banca dati nazionale dei contratti pubblici operativa dal 1 gennaio 2013: delibera AVCP del 20 dicembre 2012; Le novità introdotte dal D.L. n. 179/2012, convertito nella L. n. 221/2012: forma elettronica dei contratti. pubblici di lavori, servizi e forniture. INDICE DEGLI ARGOMENTI

3 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 3 IL QUADRO NORMATIVO DELLE MODIFICHE DELL’ULTIMO BIENNIO

4 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 4 IL QUADRO NORMATIVO DELLE MODIFICHE DELL’ULTIMO BIENNIO Decreto Legge 13 maggio 2011, n. 70, in vigore dal 14 maggio 2011 e convertito con modificazioni nella Legge 12 luglio 2011, n. 106, in vigore dal 13 luglio 2011; Legge 11 novembre 2011, n. 180 (c.d. Statuto delle Imprese), in vigore dal 15 novembre 2011; Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201 (c.d. decreto salva Italia), in vigore dal 6 dicembre 2011 e convertito con modificazioni nella Legge 22 dicembre 2011, n. 214, in vigore dal 28 dicembre 2011; Decreto Legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito con modificazioni nella Legge 24 marzo 2012 n. 27, in vigore dal 25 marzo 2012;

5 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 5 IL QUADRO NORMATIVO DELLE MODIFICHE DELL’ULTIMO BIENNIO Decreto Legge 9 febbraio 2012, n. 5 (c.d. decreto sulla semplificazione e sullo sviluppo), convertito con modificazioni nella Legge 4 aprile 2012 n. 35, in vigore dal 7 aprile Decreto Legge 2 marzo 2012 n. 16, (c.d. decreto sulle semplificazioni tributarie, di efficientamento e potenziamento delle procedure di accertamento), convertito con modificazioni nella Legge 26 aprile 2012 n. 44, in vigore dal 29 aprile Decreto Legge 22 giugno 2012 n. 83, (misure urgenti per la crescita del Paese), convertito con modificazioni nella Legge 7 agosto 2012 n. 134, in vigore dal 12 agosto 2012

6 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 6 IL QUADRO NORMATIVO DELLE MODIFICHE DELL’ULTIMO BIENNIO Decreto Legge 6 luglio 2012 n. 95, (c.d. decreto sulla spending review) convertito con modificazioni nella Legge 7 agosto 2012 n. 135, in vigore dal 15 agosto 2012; Decreto Legislativo 19 settembre 2012 n. 169 (sulla disciplina in materia di dei soggetti operanti nel settore finanziario, degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi), in vigore dal 17 ottobre 2012; Decreto Legge 18 ottobre 2012 n. 179 (ulteriori misure per la crescita del Paese), convertito con modificazioni nella Legge 17 dicembre 2012 n. 221, in vigore dal 20 ottobre 2012; Legge 6 novembre 2012 n. 190 (in materia di prevenzione e repressione della corruzione e dell’illegalità nella p.a.), in vigore dal 28 novembre 2012;

7 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 7 PRINCIPIO DI TASSATIVITA’ DELLE CAUSE DI ESCLUSIONE

8 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 8 TASSATIVITA’ DELLE CAUSE DI ESCLUSIONE: ART. 46, comma 1 bis L'art. 4, comma 2, lettera d) della legge n. 106 del 2011 ha introdotto il principio di tassatività delle cause di esclusione delle offerte; Sono nulle le prescrizioni previste dal bando o dalla lettera di invito a pena di esclusione e ulteriori rispetto a quelle indicate dall’art. 46, comma 1 bis; Le cause di esclusione sono: 1.mancato adempimento alle prescrizioni previste dal Codice e dal Regolamento e da altre disposizioni di legge vigenti; 2.incertezza assoluta sul contenuto o sulla provenienza dell’offerta; 3.difetto di sottoscrizione o di altri elementi essenziali; 4.non integrità del plico contenente l’offerta o la domanda di partecipazione o altre irregolarità relative alla chiusura dei plichi, tali da far ritenere, secondo le circostanze concrete, che sia stato violato il principio di segretezza delle offerte.

9 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 9 TASSATIVITA’ DELLE CAUSE DI ESCLUSIONE: ART. 46, comma 1 bis Il principio in discorso si applica alle procedure di gara il cui bando/avviso sia stato pubblicato dopo dell’entrata in vigore del D. L. n. 70/2011, convertito nella L. n. 106/2011 (13 luglio 2011); La ratio della tassatività delle cause di esclusione: maggiore certezza nelle procedure di gara e favorire la partecipazione alle procedure di gara. Non è un caso che detto principio sia stato inserito vicino all’istituto del soccorso documentale (art. 46, comma 1); Le cause di esclusione non possono essere interpretate analogicamente né applicate a casi diversi da quelli espressamente previsti dall’art. 46, comma1 bis del Codice.

10 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 10 TASSATIVITA’ DELLE CAUSE DI ESCLUSIONE: ART. 46, comma 1 bis: PRIME PRONUNCE GIURISPRUDENZIALI «E' illegittima l'esclusione dalla gara della concorrente che abbia presentato una cauzione provvisoria di importo inferiore a quello richiesto dal bando di gara». Viceversa l’esclusione è invece legittima nel caso di mancata presentazione dell'impegno di un fideiussore a rilasciare la garanzia fideiussoria per l'esecuzione del contratto in questo espressamente prevista dall’art. 75 comma 8, del Codice dei Contratti (cfr. Cons. Stato, Sez. III, 1 febbraio 2012, 493). «Non può ritenersi contraria al principio della tassatività delle cause di esclusione la previsione del bando di gara che contempla quale causa di esclusione la mancata produzione della campionatura da allegare alla offerta tecnica, quale elemento essenziale della stessa, nel termine perentorio previsto per la prestazione delle offerte, in quanto applicabile anche per la produzione predetta» (cfr. Cons. Stato, Sez. VI, 1 ottobre 2012, n. 3951).

11 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 11 TASSATIVITA’ DELLE CAUSE DI ESCLUSIONE: ART. 46, comma 1 bis: PRIME PRONUNCE GIURISPRUDENZIALI «Ai sensi dell'art. 46 comma 1-bis codice dei contratti pubblici (D.Lgs. n. 163/2006), che ha introdotto il principio di tassatività delle cause di esclusione dalle gare di appalto, deve ritenersi illegittima l'esclusione di una ditta da una gara di appalto di servizi per aver omesso di allegare all'offerta copia del capitolato speciale d'appalto debitamente firmato per accettazione in ogni pagina e in calce» (cfr. TAR Abruzzo, 31 luglio 2012, n. 366); «Il principio di tassatività delle cause di esclusione si applica anche alle procedure aventi ad oggetto l'affidamento di una concessione di servizio pubblico. E’ illegittima la clausola della lex specialis di gara che imponga, a pena di esclusione, la presentazione della certificazione di qualità, in originale o in copia autentica, trattandosi di adempimento formale non essenziale e non previsto da alcuna norma di legge o regolamento» (cfr. TAR Puglia, Bari, 9 novembre 2012, n. 1907).

12 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 12 TASSATIVITA’ DELLE CAUSE DI ESCLUSIONE: ART. 46, comma 1 bis: PRIME PRONUNCE GIURISPRUDENZIALI «La regola della tassatività delle cause di esclusione dalle gare di appalto (art. 46, comma 1 bis del D.Lgs. 163 del Codice degli appalti) è stata introdotta dal legislatore per limitare il potere delle stazioni appaltanti di introdurre nei bandi o nelle lettere di invito prescrizioni meramente formali, sanzionate con l'esclusione, che non rispondano ad alcun apprezzabile interesse dell'amministrazione né appaiano essenziali a garantire il corretto svolgimento del confronto competitivo. Si tratta di un precetto volto ad attenuare il formalismo delle gare pubbliche in applicazione dei principi di proporzionalità e concorrenzialità, atteso che le esclusioni basate sulla violazione di regole fini a se stesse non solo eccedono lo scopo di garantire la regolarità del confronto concorrenziale, ma restringono ingiustificatamente la platea dei concorrenti con danno al mercato ed allo stesso interesse perseguito dalla stazione appaltante» (cfr. TAR Lombardia, Milano, Sez. I, 4 aprile 2012, n. 993).

13 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 13 IL NUOVO BANDO TIPO DELL’AVCP

14 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 14 LO SCHEMA DI «BANDO-QUADRO» DELL’AVCP L’art. 4 del D.L. 70/2011, convertito dalla L. n. 106/2011, ha introdotto il comma 4-bis all’art. 64 del D.Lgs 163/2006, il quale prevede che «i bandi sono predisposti dalle stazioni appaltanti sulla base di modelli (bandi - tipo) approvati dall’Autorità, previo parere del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e sentite le categorie professionali interessate, con l’indicazione delle cause tassative di esclusione di cui all’articolo 46, comma 1-bis. Le stazioni appaltanti nella delibera a contrarre motivano espressamente in ordine alle deroghe al bando – tipo». Inizialmente, l’AVCP, in adempimento al dettato normativo, ha adottato uno schema di determinazione, denominato «bando quadro», al fine di fornire indicazioni generali interpretative, non ancora definitive, sui contenuti ritenuti fondamentali della documentazione di gara. In particolare, il documento contiene la tipizzazione delle cause tassative di esclusione di cui all’art. 46, comma 1-bis.

15 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 15 LA DETERMINAZIONE N. 4 DEL 10 OTTOBRE 2012:L’APPROVAZIONE DEL BANDO TIPO Con la Determinazione n.4 del 10 ottobre 2012, l’Autorità ha approvato il modello definitivo di «bando tipo», che costituisce il quadro giuridico di riferimento sulla base del quale le stazioni appaltanti sono tenute a redigere la documentazione di gara, per quel che concerne l’individuazione delle cause tassative di esclusione, salva la facoltà di derogare, previa accurata motivazione. L’autorità, inoltre, puntualizza che le suddette deroghe, ancorché motivate, non possono consistere nell’introduzione di clausole contrastanti con il disposto dell’art. 46, comma 1-bis, dal momento che risulterebbero affette da nullità. Come chiarito nella relazione illustrativa al Decreto Sviluppo, la finalità è quella di effettuare una «tipizzazione tassativa delle cause di esclusione dalle gare e di ridurre il potere discrezionale della stazione appaltante», limitando «le numerose esclusioni che avvengono sulla base di elementi formali e non sostanziali, con l’obiettivo di assicurare il rispetto del principio della concorrenza e di ridurre il contenzioso in materia di affidamento dei contratti pubblici»

16 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 16 LA DETERMINAZIONE N. 4 DEL 10 OTTOBRE 2012:L’APPROVAZIONE DEL BANDO TIPO Tutti i comportamenti prescritti/imposti dal Codice o dal Regolamento (ovvero da altre norme rilevanti) devono essere considerati imposti a pena di esclusione sia qualora venga comminata espressamente la sanzione di esclusione sia qualora, pur mancando tale previsione esplicita, la norma di riferimento sancisca un obbligo ovvero un divieto o, più in generale, prescriva un adempimento necessario ad assicurare il corretto svolgimento del confronto concorrenziale (in tal senso, cfr. da ultimo, Cons. Stato, ad. plen., n. 21 del 7 giugno 2012); Devono ritenersi affette da nullità le prescrizioni che, nella lex specialis, impongano un dato adempimento ai partecipanti, a pena di esclusione, senza una specifica copertura nella normativa vigente o senza che il comportamento posto in essere dal concorrente produca le ulteriori conseguenze previste dall’art. 46, comma 1-bis.

17 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 17 LA DETERMINAZIONE N. 4 DEL 10 OTTOBRE 2012:L’APPROVAZIONE DEL BANDO TIPO Il Bando-tipo si articola in tre parti: nella prima parte, («Adempimenti previsti da disposizioni di legge vigenti») Ecco alcune ipotesi di cause di esclusione: mancato possesso di requisiti generali e speciali di partecipazione, mancata o tardiva comprova dei requisiti in sede di verifica ex art. 48, comma 1 del Codice; mancato rispetto dei termini per la presentazione delle offerte, mancato o inesatto adempimento alla richiesta di chiarimenti; mancata specificazione nell’offerta delle quote di lavori o delle parti del servizio che saranno eseguite dalle singole imprese facenti parte di un r.t.i.; il bando può vietare la partecipazione alla gara di raggruppamenti sovrabbondanti (tra imprese che singolarmente possiedono i requisiti finanziari e tecnici per partecipare alla gara), per venire incontro ad esigenze particolari che devono essere specificate; mancato, inesatto o tardivo adempimento alla richiesta di chiarimenti di cui all’art. 46, comma 1 del Codice in ordine al contenuto dei certificati e delle documenti e delle dichiarazioni presentati.

18 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 18 LA DETERMINAZIONE N. 4 DEL 10 OTTOBRE 2012:L’APPROVAZIONE DEL BANDO TIPO mancato versamento del contributo all’Autorità. Non costituisce causa di esclusione un inadempimento meramente formale come può essere il versamento mediante una modalità diversa da quella indicata dall’Autorità; incompatibilità tra il ruolo di progettista e quello di appaltatore (art. 90, comma 8 del Codice); esclusione per responsabilità del soggetto incaricato della verifica della progettazione derivante da inadempimenti degli obblighi posti a suo carico dalle norme applicabili e dal contratto di appalto di servizi ( art. 56 del Regolamento); esclusione delle offerte non congiunte all’acquisizione di immobili e limitate alla sola esecuzione dei lavori. (art. 111 del Codice). Per quanto riguarda i requisiti di capacità economica e finanziaria dei fornitori e dei prestatori di servizi, l’Autorità, in ragione della novella introdotta dall’art. 1, comma 2-bis, lett. b) del D.L. n. 95/2012, convertito, con modifiche, dalla L. n. 135/2012, dispone che sono illegittimi i criteri che fissano, senza congrua motivazione (concernente l’entità, la complessità o la specificità dell’appalto), limiti di accesso connessi al fatturato aziendale.

19 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 19 nella seconda parte ( «Carenza di elementi essenziali ed incertezza assoluta sul contenuto o sulla provenienza dell’offerta») il bando quadro precisa che: le domande devono essere debitamente sottoscritte da parte del titolare dell’impresa o del legale rappresentante; è legittima la clausola che dispone, a pena di esclusione, l’accettazione delle condizioni generali del contratto contenute nella documentazione di gara; non sono ammissibili per incertezza sul contenuto le offerte condizionate, plurime (cioè che contengono più di una offerta), in aumento rispetto all’importo a base di gara o con riserva ; occorre fare riferimento alle disposizioni relative alla presentazione della cauzione provvisoria e all’obbligo di effettuazione del sopralluogo. LA DETERMINAZIONE N. 4 DEL 10 OTTOBRE 2012:L’APPROVAZIONE DEL BANDO TIPO

20 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 20 In tema di garanzie, sono cause di esclusione: mancata presentazione della cauzione provvisoria; cauzione non conforme a quanto stabilito dall’art. 75, comma 4 e, pertanto, priva della rinuncia espressa al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, della rinuncia all’eccezione di cui all’art. 1957, comma 2, c.c., nonché priva della clausola di operatività della garanzia medesima entro quindici giorni, a semplice richiesta scritta della stazione appaltante; cauzione di importo errato in diminuzione, fermo restando quanto sopra circa l’errore formale; rientra, in tale ultima ipotesi, il caso della cauzione presentata in misura dimezzata senza il rispetto di quanto osservato sul possesso di certificazione del sistema di qualità conforme alle norme europee della serie UNI CEI ISO 9000; cauzione sprovvista dell’indicazione del soggetto garantito; nel caso di ATI costituenda, la cauzione deve essere intestata a tutte le imprese associande; mancata presentazione dell’impegno del fideiussore «a rilasciare la garanzia fideiussoria per l’esecuzione del contratto, di cui all’articolo 113, qualora l’offerente risultasse affidatario» (cfr. art. 75, comma 8, del Codice). LA DETERMINAZIONE N. 4 DEL 10 OTTOBRE 2012:L’APPROVAZIONE DEL BANDO TIPO

21 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 21 cauzione prestata con modalità non consentite; al riguardo, si evidenzia che l’art. 28 del d.lgs. 19 settembre 2012, n. 169 ha modificato l’art. 75, comma 3, del Codice prevedendo che la fideiussione, a scelta dell'offerente, «può essere bancaria o assicurativa o rilasciata dagli intermediari iscritti nell'albo di cui all'articolo 106 del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, che svolgono in via esclusiva o prevalente attività di rilascio di garanzie e che sono sottoposti a revisione contabile da parte di una società di revisione iscritta nell'albo previsto dall'articolo 161 del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58»; cauzione prestata con validità inferiore a quella prescritta dal bando o, in mancanza, inferiore a centottanta giorni come prescritto dall’art. 75, comma 5, del Codice; cauzione non sottoscritta dal garante; si ritiene, inoltre, legittima l'esclusione da una gara d'appalto dell'impresa concorrente che, in violazione di una espressa e chiara previsione della lex specialis, ometta di produrre la cauzione provvisoria con sottoscrizione autenticata (parere AVCP 19 luglio 2012 n. 118; Cons. St., sez. VI, 6 giugno 2011, n. 3365), purché il bando prescriva espressamente tale adempimento e lo sanzioni con l’esclusione. LA DETERMINAZIONE N. 4 DEL 10 OTTOBRE 2012:L’APPROVAZIONE DEL BANDO TIPO

22 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 22 Per completezza si segnala che l’art. 28 del D. Lgs. n. 169/2012 ha modificato l’art. 75, comma 3, del Codice prevedendo che: la fideiussione, a scelta dell'offerente, «può essere bancaria o assicurativa o rilasciata dagli intermediari iscritti nell'albo di cui all'articolo 106 del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, che svolgono in via esclusiva o prevalente attività di rilascio di garanzie e che sono sottoposti a revisione contabile da parte di una società di revisione iscritta nell'albo previsto dall'articolo 161 del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58» LA DETERMINAZIONE N. 4 DEL 10 OTTOBRE 2012:L’APPROVAZIONE DEL BANDO TIPO

23 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 23 nella terza ed ultima parte, (« Irregolarità concernenti gli adempimenti formali di partecipazione alla gara») vanno ricondotte alla categoria sulla violazione della segretezza dell’offerta i casi di violazione di una serie di cautele previste nei documenti di gara, che sono volte ad assicurare l’integrità dei plichi contenenti l’offerta o la domanda di partecipazione e, in definitiva, il corretto svolgimento della procedura di gara; la presentazione delle offerte e delle domande di partecipazione, infatti, deve essere assistita dall’osservanza di alcuni adempimenti di carattere formale, tesi ad assicurare il rispetto di principi di primaria importanza, quali quello della segretezza ed immodificabilità delle proposte contrattuali formulate, nonché il principio di parità di trattamento. LA DETERMINAZIONE N. 4 DEL 10 OTTOBRE 2012:L’APPROVAZIONE DEL BANDO TIPO

24 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 24 Sono cause di esclusione: mancata indicazione sul plico esterno generale del riferimento della gara cui l'offerta è rivolta; apposizione sul plico esterno generale di un’indicazione totalmente errata o generica, al punto che non sia possibile individuare il plico pervenuto come contenente l'offerta per una determinata gara; mancata sigillatura del plico e delle buste interne con modalità di chiusura ermetica che ne assicurino l’integrità e ne impediscano l’apertura senza lasciare manomissioni; mancata apposizione sulle buste interne al plico di idonea indicazione per individuare il contenuto delle stesse; mancato inserimento dell’offerta economica e di quella tecnica in buste separate, debitamente sigillate, all’interno del plico esterno generale; mancata separazione fisica dell’offerta economica dall’offerta tecnica; mancata sottoscrizione delle dichiarazioni sostitutive. Non è suscettibile di successiva sanatoria; LA DETERMINAZIONE N. 4 DEL 10 OTTOBRE 2012:L’APPROVAZIONE DEL BANDO TIPO

25 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 25 L’Autorità precisa che non è causa di esclusione: la mancata o erronea indicazione su una o più delle buste interne, del riferimento alla gara cui l’offerta è rivolta, nel caso in cui detta indicazione sia comunque presente sul plico generale esterno, debitamente chiuso e sigillato; la mancata indicazione del riferimento della gara su uno o più documenti componenti l’offerta; la mancata apposizione sul plico dell’indicazione del giorno e dell’ora fissati per l’espletamento della gara; il mancato utilizzo di moduli predisposti dalle stazioni appaltanti. LA DETERMINAZIONE N. 4 DEL 10 OTTOBRE 2012:L’APPROVAZIONE DEL BANDO TIPO

26 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 26 LA BANCA DATI NAZIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI OPERATIVA DAL 1 GENNAIO 2013: DELIBERA AVCP DEL 20 DICEMBRE 2012

27 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 27 LA BANCA DATI NAZIONALE Art. 6-bis del D. Lgs. n. 163/2006 Dal 1° gennaio 2013, la documentazione comprovante il possesso dei requisiti di carattere generale, tecnico-organizzativo ed economico- finanziario per la partecipazione alle procedure disciplinate dal presente Codice è acquisita presso la Banca dati nazionale dei contratti pubblici, istituita presso l'Autorità; l'Autorità stabilisce con propria deliberazione, i dati concernenti la partecipazione alle gare e la valutazione delle offerte in relazione ai quali è obbligatoria l'inclusione della documentazione nella Banca dati, nonché i termini e le regole tecniche per l'acquisizione, l'aggiornamento e la consultazione dei predetti dati contenuti nella Banca dati; Art. 6-bis del D. Lgs. n. 163/2006 Dal 1° gennaio 2013, la documentazione comprovante il possesso dei requisiti di carattere generale, tecnico-organizzativo ed economico- finanziario per la partecipazione alle procedure disciplinate dal presente Codice è acquisita presso la Banca dati nazionale dei contratti pubblici, istituita presso l'Autorità; l'Autorità stabilisce con propria deliberazione, i dati concernenti la partecipazione alle gare e la valutazione delle offerte in relazione ai quali è obbligatoria l'inclusione della documentazione nella Banca dati, nonché i termini e le regole tecniche per l'acquisizione, l'aggiornamento e la consultazione dei predetti dati contenuti nella Banca dati;

28 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 28 LA BANCA DATI NAZIONALE Le stazioni appaltanti e gli enti aggiudicatori verificano il possesso dei requisiti in discorso esclusivamente tramite la Banca dati salvo che la disciplina di gara richieda il possesso di requisiti economico finanziari o tecnico organizzativi diversi da quelli di cui è prevista l'inclusione nella Banca dati; I soggetti pubblici e privati che detengono i dati e la documentazione relativi ai requisiti in discorso sono tenuti a metterli a disposizione dell'Autorità entro i termini e secondo le modalità previste dalla stessa Autorità. Con le medesime modalità, gli operatori economici sono tenuti altresì ad integrare i dati contenuti nella Banca dati nazionale dei contratti pubblici. Le stazioni appaltanti e gli enti aggiudicatori verificano il possesso dei requisiti in discorso esclusivamente tramite la Banca dati salvo che la disciplina di gara richieda il possesso di requisiti economico finanziari o tecnico organizzativi diversi da quelli di cui è prevista l'inclusione nella Banca dati; I soggetti pubblici e privati che detengono i dati e la documentazione relativi ai requisiti in discorso sono tenuti a metterli a disposizione dell'Autorità entro i termini e secondo le modalità previste dalla stessa Autorità. Con le medesime modalità, gli operatori economici sono tenuti altresì ad integrare i dati contenuti nella Banca dati nazionale dei contratti pubblici.

29 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 29 LA BANCA DATI NAZIONALE In attuazione dell’art. 6-bis del D. Lgs. n. 163/2006, l’Autorità ha: acquisito in data 19 dicembre 2012 il parere positivo del Garante per la protezione dei dati personali relativamente ai dati concernenti la partecipazione alle gare per le quali è obbligatoria l'inclusione della documentazione nella Banca dati, nonché i termini e le regole tecniche per l'acquisizione, l'aggiornamento e la consultazione nella Banca dati, sentito i principali operatori del mercato e Stazioni Appaltanti nel merito, valutato le osservazioni pervenute a seguito della consultazione on- line; Emanata la deliberazione del 20 dicembre 2012 n In attuazione dell’art. 6-bis del D. Lgs. n. 163/2006, l’Autorità ha: acquisito in data 19 dicembre 2012 il parere positivo del Garante per la protezione dei dati personali relativamente ai dati concernenti la partecipazione alle gare per le quali è obbligatoria l'inclusione della documentazione nella Banca dati, nonché i termini e le regole tecniche per l'acquisizione, l'aggiornamento e la consultazione nella Banca dati, sentito i principali operatori del mercato e Stazioni Appaltanti nel merito, valutato le osservazioni pervenute a seguito della consultazione on- line; Emanata la deliberazione del 20 dicembre 2012 n. 111.

30 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 30 LA DELIBERA DELL’AVCP: COME FUNZIONA LA BANCA DATI NAZIONALE Il nuovo sistema consente alle stazioni appaltanti/enti aggiudicatori, attraverso un’interfaccia web e le cooperazioni applicative con gli Enti Certificanti, l’acquisizione della documentazione comprovante il possesso dei requisiti di carattere generale, tecnico-organizzativo ed economico- finanziario per l’affidamento dei contratti pubblici; Permette agli operatori economici, tramite l’apposita area dedicata, di inserire a sistema i documenti la cui produzione è a proprio carico ai sensi dell’art. 6-bis, comma 4, del Codice. L’operatore economico può utilizzare tali documenti per ciascuna delle procedure di affidamento alle quali partecipa entro il periodo di validità del documento, così come dichiarato dall’operatore medesimo. Il nuovo sistema consente alle stazioni appaltanti/enti aggiudicatori, attraverso un’interfaccia web e le cooperazioni applicative con gli Enti Certificanti, l’acquisizione della documentazione comprovante il possesso dei requisiti di carattere generale, tecnico-organizzativo ed economico- finanziario per l’affidamento dei contratti pubblici; Permette agli operatori economici, tramite l’apposita area dedicata, di inserire a sistema i documenti la cui produzione è a proprio carico ai sensi dell’art. 6-bis, comma 4, del Codice. L’operatore economico può utilizzare tali documenti per ciascuna delle procedure di affidamento alle quali partecipa entro il periodo di validità del documento, così come dichiarato dall’operatore medesimo.

31 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 31 LA DELIBERA DELL’AVCP: COME FUNZIONA LA BANCA DATI NAZIONALE Per l’utilizzo del sistema la stazione appaltante/ente aggiudicatore, dopo la registrazione, acquisisce, per ciascuna procedura di affidamento, il codice identificativo gara (CIG) tramite il Responsabile del Procedimento; quest’ultimo indica il soggetto abilitato alla verifica dei requisiti; le stazioni appaltanti/enti aggiudicatori indicano nei documenti di gara che: 1. la verifica del possesso dei requisiti di carattere generale, tecnico- organizzativo ed economico-finanziario avviene, ai sensi dell’art. 6- bis del Codice e della presente delibera attuativa; 2. tutti i soggetti interessati a partecipare alla procedura devono obbligatoriamente registrarsi al sistema; Per l’utilizzo del sistema la stazione appaltante/ente aggiudicatore, dopo la registrazione, acquisisce, per ciascuna procedura di affidamento, il codice identificativo gara (CIG) tramite il Responsabile del Procedimento; quest’ultimo indica il soggetto abilitato alla verifica dei requisiti; le stazioni appaltanti/enti aggiudicatori indicano nei documenti di gara che: 1. la verifica del possesso dei requisiti di carattere generale, tecnico- organizzativo ed economico-finanziario avviene, ai sensi dell’art. 6- bis del Codice e della presente delibera attuativa; 2. tutti i soggetti interessati a partecipare alla procedura devono obbligatoriamente registrarsi al sistema;

32 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 32 LA DELIBERA DELL’AVCP: COME FUNZIONA LA BANCA DATI NAZIONALE Tutte le comunicazioni svolte nell’ambito del sistema sono effettuate tramite PEC; Obbligo di avere un indirizzo PEC per: a)stazione appaltante/ente aggiudicatore (PEC relativa all’Area Organizzativa Omogenea di Protocollo di appartenenza); b)Responsabile del Procedimento (casella PEC personale); c)almeno un amministratore/legale rappresentante di ogni operatore economico (casella PEC personale dell’amministratore e casella PEC dell’operatore economico); nel caso di operatore economico persona fisica casella PEC personale; d)eventuale delegato dall’operatore economico (casella PEC personale del delegato e casella PEC dell’operatore economico); e)Presidente di Commissione e Commissari di gara chiamati ad operare tramite il sistema AVCPASS (casella PEC personale). Tutte le comunicazioni svolte nell’ambito del sistema sono effettuate tramite PEC; Obbligo di avere un indirizzo PEC per: a)stazione appaltante/ente aggiudicatore (PEC relativa all’Area Organizzativa Omogenea di Protocollo di appartenenza); b)Responsabile del Procedimento (casella PEC personale); c)almeno un amministratore/legale rappresentante di ogni operatore economico (casella PEC personale dell’amministratore e casella PEC dell’operatore economico); nel caso di operatore economico persona fisica casella PEC personale; d)eventuale delegato dall’operatore economico (casella PEC personale del delegato e casella PEC dell’operatore economico); e)Presidente di Commissione e Commissari di gara chiamati ad operare tramite il sistema AVCPASS (casella PEC personale).

33 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 33 LA DELIBERA DELL’AVCP: COME FUNZIONA LA BANCA DATI NAZIONALE I documenti inseriti dagli operatori economici, devono essere firmati digitalmente; Le stazioni appaltanti/enti aggiudicatori nominano, nell'ambito di ogni procedimento di affidamento, il soggetto o i soggetti abilitati alla verifica dei requisiti; L’accesso al sistema è consentito esclusivamente al Responsabile del Procedimento ed al soggetto abilitato alla verifica dei requisiti, a partire dalla scadenza del termine per la presentazione delle offerte dichiarato nel sistema monitoraggio gare (SIMOG); Il Responsabile del Procedimento comunica i riferimenti dei soggetti abilitati alla verifica dei requisiti al sistema a partire dal giorno successivo alla data di conferma della procedura di affidamento; I documenti inseriti dagli operatori economici, devono essere firmati digitalmente; Le stazioni appaltanti/enti aggiudicatori nominano, nell'ambito di ogni procedimento di affidamento, il soggetto o i soggetti abilitati alla verifica dei requisiti; L’accesso al sistema è consentito esclusivamente al Responsabile del Procedimento ed al soggetto abilitato alla verifica dei requisiti, a partire dalla scadenza del termine per la presentazione delle offerte dichiarato nel sistema monitoraggio gare (SIMOG); Il Responsabile del Procedimento comunica i riferimenti dei soggetti abilitati alla verifica dei requisiti al sistema a partire dal giorno successivo alla data di conferma della procedura di affidamento;

34 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 34 LA DELIBERA DELL’AVCP: COME FUNZIONA LA BANCA DATI NAZIONALE Al fine di garantire che le richieste di verifica dei requisiti interessino unicamente i partecipanti alla specifica procedura, prima di poter accedere alla comprova dei requisiti, il soggetto abilitato alla verifica dei requisiti integra o conferma, utilizzando l’apposita funzionalità di AVCPASS (servizio realizzato dall’Autorità per la verifica del possesso dei requisiti da parte degli operatori economici), l’elenco degli operatori economici partecipanti alla procedura di affidamento; Ai fini delle verifiche, il soggetto abilitato avvia tramite AVCPASS la richiesta dei documenti a comprova dei requisiti per gli operatori economici interessati; L’Autorità mette a disposizione tempestivamente i documenti a comprova dei requisiti, non appena ricevuti dagli Enti Certificanti; Al fine di garantire che le richieste di verifica dei requisiti interessino unicamente i partecipanti alla specifica procedura, prima di poter accedere alla comprova dei requisiti, il soggetto abilitato alla verifica dei requisiti integra o conferma, utilizzando l’apposita funzionalità di AVCPASS (servizio realizzato dall’Autorità per la verifica del possesso dei requisiti da parte degli operatori economici), l’elenco degli operatori economici partecipanti alla procedura di affidamento; Ai fini delle verifiche, il soggetto abilitato avvia tramite AVCPASS la richiesta dei documenti a comprova dei requisiti per gli operatori economici interessati; L’Autorità mette a disposizione tempestivamente i documenti a comprova dei requisiti, non appena ricevuti dagli Enti Certificanti;

35 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 35 LA DELIBERA DELL’AVCP: COME FUNZIONA LA BANCA DATI NAZIONALE Entro il termine di 60 gg. dalla data dell’aggiudicazione definitiva di ciascuna procedura di affidamento gestita tramite AVCPASS, il Responsabile del Procedimento deve trasferire definitivamente sui propri sistemi, mediante l’apposita funzionalità, i fascicoli di gara e i documenti in essi contenuti; La conservazione dei documenti è onere di ciascuna stazione appaltante/ente aggiudicatore. L’eventuale richiesta di accesso agli atti è in ogni caso inviata alla stazione appaltante/ente aggiudicatore. Entro il termine di 60 gg. dalla data dell’aggiudicazione definitiva di ciascuna procedura di affidamento gestita tramite AVCPASS, il Responsabile del Procedimento deve trasferire definitivamente sui propri sistemi, mediante l’apposita funzionalità, i fascicoli di gara e i documenti in essi contenuti; La conservazione dei documenti è onere di ciascuna stazione appaltante/ente aggiudicatore. L’eventuale richiesta di accesso agli atti è in ogni caso inviata alla stazione appaltante/ente aggiudicatore.

36 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 36 LA DELIBERA DELL’AVCP: REQUISITI GENERALI La documentazione e/o i dati a comprova del possesso dei requisiti di carattere generale di cui agli articoli 38 e 39 del Codice, che sono messi a disposizione mediante adeguati sistemi di cooperazione applicativa dagli Enti Certificanti, attraverso il Sistema AVCPASS, sono: a.Visura Registro delle Imprese fornita da Unioncamere; b.Certificato del casellario giudiziale integrale fornito dal Ministero della Giustizia; c.Anagrafe delle sanzioni amministrative – selettivo ex art. 39 D.P.R. n. 313/2002 dell’impresa, fornita dal Ministero della Giustizia; d.Certificato di regolarità contributiva di ingegneri, architetti e studi associati, dalla Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti (Inarcassa); e.Certificato di regolarità fiscale fornito dall’Agenzia delle Entrate; f.Documento Unico di Regolarità Contributiva fornito dall’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (Inail); g.Comunicazione Antimafia fornita dal Ministero dell’Interno. La documentazione e/o i dati a comprova del possesso dei requisiti di carattere generale di cui agli articoli 38 e 39 del Codice, che sono messi a disposizione mediante adeguati sistemi di cooperazione applicativa dagli Enti Certificanti, attraverso il Sistema AVCPASS, sono: a.Visura Registro delle Imprese fornita da Unioncamere; b.Certificato del casellario giudiziale integrale fornito dal Ministero della Giustizia; c.Anagrafe delle sanzioni amministrative – selettivo ex art. 39 D.P.R. n. 313/2002 dell’impresa, fornita dal Ministero della Giustizia; d.Certificato di regolarità contributiva di ingegneri, architetti e studi associati, dalla Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti (Inarcassa); e.Certificato di regolarità fiscale fornito dall’Agenzia delle Entrate; f.Documento Unico di Regolarità Contributiva fornito dall’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (Inail); g.Comunicazione Antimafia fornita dal Ministero dell’Interno.

37 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 37 LA DELIBERA DELL’AVCP: REQUISITI SPECIALI La documentazione e/o i dati a comprova del possesso dei requisiti di carattere tecnico-organizzativo ed economico-finanziario, che sono acquisiti presso la Banca dati e resi disponibili attraverso il Sistema AVCPASS includono: 1.Documenti e/o dati forniti dagli Enti Certificanti; 2.Documenti resi disponibili direttamente dalla stessa Autorità; 3.Documenti forniti dagli Operatori Economici. La documentazione e/o i dati a comprova del possesso dei requisiti di carattere tecnico-organizzativo ed economico-finanziario, che sono acquisiti presso la Banca dati e resi disponibili attraverso il Sistema AVCPASS includono: 1.Documenti e/o dati forniti dagli Enti Certificanti; 2.Documenti resi disponibili direttamente dalla stessa Autorità; 3.Documenti forniti dagli Operatori Economici.

38 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 38 LA DELIBERA DELL’AVCP: REQUISITI SPECIALI I documenti e/o dati forniti dagli Enti Certificanti (punto 1 che precede) includono: a.Bilanci delle società di capitali ove disponibili, forniti da parte di Unioncamere; b.Certificazioni di sistema di qualità aziendale conforme alle norme europee della serie UNI EN ISO 9000 relative al settore EA28 forniti da Accredia; c.Fatturato globale e ammortamenti degli operatori economici costituiti in forma d’impresa individuale ovvero società di persone, ove disponibili, forniti da parte dell’Agenzia delle Entrate; d.Dati relativi alla consistenza e al costo del personale dipendente, forniti da parte dell’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (INPS). Tale documentazione può essere oggetto di modifica mediante nuova deliberazione dell’AVCP. I documenti e/o dati forniti dagli Enti Certificanti (punto 1 che precede) includono: a.Bilanci delle società di capitali ove disponibili, forniti da parte di Unioncamere; b.Certificazioni di sistema di qualità aziendale conforme alle norme europee della serie UNI EN ISO 9000 relative al settore EA28 forniti da Accredia; c.Fatturato globale e ammortamenti degli operatori economici costituiti in forma d’impresa individuale ovvero società di persone, ove disponibili, forniti da parte dell’Agenzia delle Entrate; d.Dati relativi alla consistenza e al costo del personale dipendente, forniti da parte dell’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (INPS). Tale documentazione può essere oggetto di modifica mediante nuova deliberazione dell’AVCP.

39 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 39 LA DELIBERA DELL’AVCP: REQUISITI SPECIALI I documenti resi disponibili direttamente dalla stessa Autorità (punto 2 che precede) includono: a.le Attestazioni SOA; b.i Certificati Esecuzione Lavori (CEL). Ciascun operatore economico ha la facoltà di richiedere alla stazione appaltante/ente aggiudicatore l’inserimento nell’apposita banca dati CEL dei certificati che dovessero risultare mancanti, secondo quanto prescritto dal Comunicato del Presidente dell’Autorità del 5 ottobre 2010; c.certificati attestanti l’avvenuta esecuzione di servizi e forniture prestati a favore di amministrazioni o enti pubblici; d.le ricevute di pagamento del contributo obbligatorio all’Autorità da parte dei soggetti partecipanti. Tale documentazione può essere oggetto di modifica mediante nuova deliberazione dell’AVCP. I documenti resi disponibili direttamente dalla stessa Autorità (punto 2 che precede) includono: a.le Attestazioni SOA; b.i Certificati Esecuzione Lavori (CEL). Ciascun operatore economico ha la facoltà di richiedere alla stazione appaltante/ente aggiudicatore l’inserimento nell’apposita banca dati CEL dei certificati che dovessero risultare mancanti, secondo quanto prescritto dal Comunicato del Presidente dell’Autorità del 5 ottobre 2010; c.certificati attestanti l’avvenuta esecuzione di servizi e forniture prestati a favore di amministrazioni o enti pubblici; d.le ricevute di pagamento del contributo obbligatorio all’Autorità da parte dei soggetti partecipanti. Tale documentazione può essere oggetto di modifica mediante nuova deliberazione dell’AVCP.

40 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 40 LA DELIBERA DELL’AVCP: NORME TRANSITORIE L’obbligo di procedere alla verifica stessa attraverso l’utilizzo del sistema AVCPASS decorre secondo le seguenti scadenze temporali: a.dal 1 gennaio 2013 per gli appalti di lavori in procedura aperta nel settore ordinario, di importo a base d’asta pari o superiore a € ; in via transitoria, fino al 30 giugno 2013, le stazioni appaltanti/enti aggiudicatori per tali appalti possono continuare a verificare il possesso dei requisiti degli operatori economici secondo le previgenti modalità. b.al 1 marzo 2013 per tutti gli appalti di importo a base d’asta pari o superiore a € ,00, con esclusione di quelli svolti attraverso procedure interamente gestite con sistemi telematici, sistemi dinamici di acquisizione o mediante ricorso al mercato elettronico, nonché quelli relativi ai settori speciali; in via transitoria, fino al 30 giugno 2013, le stazioni appaltanti/enti aggiudicatori per tali appalti possono continuare a verificare il possesso dei requisiti degli operatori economici secondo le previgenti modalità. L’obbligo di procedere alla verifica stessa attraverso l’utilizzo del sistema AVCPASS decorre secondo le seguenti scadenze temporali: a.dal 1 gennaio 2013 per gli appalti di lavori in procedura aperta nel settore ordinario, di importo a base d’asta pari o superiore a € ; in via transitoria, fino al 30 giugno 2013, le stazioni appaltanti/enti aggiudicatori per tali appalti possono continuare a verificare il possesso dei requisiti degli operatori economici secondo le previgenti modalità. b.al 1 marzo 2013 per tutti gli appalti di importo a base d’asta pari o superiore a € ,00, con esclusione di quelli svolti attraverso procedure interamente gestite con sistemi telematici, sistemi dinamici di acquisizione o mediante ricorso al mercato elettronico, nonché quelli relativi ai settori speciali; in via transitoria, fino al 30 giugno 2013, le stazioni appaltanti/enti aggiudicatori per tali appalti possono continuare a verificare il possesso dei requisiti degli operatori economici secondo le previgenti modalità.

41 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 41 LA DELIBERA DELL’AVCP: NORME TRANSITORIE c.a far data dal 1 luglio 2013 gli appalti di importo a base d’asta pari o superiore a € ,00 di cui alle lett. a) e b) che precedono entrano in regime di obbligatorietà. d.dal 1 ottobre 2013 per gli appalti di importo a base d’asta pari o superiore a € ,00 svolti attraverso procedure interamente gestite con sistemi telematici, sistemi dinamici di acquisizione ed il ricorso al mercato elettronico, nonché per i settori speciali; in via transitoria, fino al 31 dicembre 2013, le stazioni appaltanti/enti aggiudicatori per tali appalti possono continuare a verificare il possesso dei requisiti degli operatori economici secondo le previgenti modalità. e.a far data dal 1 gennaio 2014 il regime di obbligatorietà è esteso anche agli appalti di cui alla lettera d) che precede. c.a far data dal 1 luglio 2013 gli appalti di importo a base d’asta pari o superiore a € ,00 di cui alle lett. a) e b) che precedono entrano in regime di obbligatorietà. d.dal 1 ottobre 2013 per gli appalti di importo a base d’asta pari o superiore a € ,00 svolti attraverso procedure interamente gestite con sistemi telematici, sistemi dinamici di acquisizione ed il ricorso al mercato elettronico, nonché per i settori speciali; in via transitoria, fino al 31 dicembre 2013, le stazioni appaltanti/enti aggiudicatori per tali appalti possono continuare a verificare il possesso dei requisiti degli operatori economici secondo le previgenti modalità. e.a far data dal 1 gennaio 2014 il regime di obbligatorietà è esteso anche agli appalti di cui alla lettera d) che precede.

42 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 42 LE NOVITA’ INTRODOTTE DAL D.L. N. 179/2012: FORMA ELETTRONICA DEI CONTRATTI PUBBLICI

43 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 43 LE NOVITA’ INTRODOTTE DAL D.L. N. 179/2012: FORMA ELETTRONICA DEI CONTRATTI PUBBLICI Art. 11, comma 13, del D. Lgs. n. 163/2006: «il contratto è stipulato, a pena di nullità, con atto pubblico notarile informatico, ovvero, in modalità elettronica secondo le norme vigenti per ciascuna stazione appaltante, in forma pubblica amministrativa a cura dell'Ufficiale rogante dell'amministrazione aggiudicatrice o mediante scrittura privata». Disposizione in vigore dal 1 gennaio Art. 11, comma 13, del D. Lgs. n. 163/2006: «il contratto è stipulato, a pena di nullità, con atto pubblico notarile informatico, ovvero, in modalità elettronica secondo le norme vigenti per ciascuna stazione appaltante, in forma pubblica amministrativa a cura dell'Ufficiale rogante dell'amministrazione aggiudicatrice o mediante scrittura privata». Disposizione in vigore dal 1 gennaio 2013.

44 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 44 LE NOVITA’ INTRODOTTE DAL D.L. N. 179/2012: FORMA ELETTRONICA DEI CONTRATTI PUBBLICI PRIMA La precedente formulazione della norma stabiliva che «il contratto poteva essere stipulato mediante atto pubblico notarile, o mediante forma pubblica amministrativa a cura dell'ufficiale rogante del l'amministrazione aggiudicatrice, oppure mediante scrittura privata, oltre che in forma elettronica secondo le norme vigenti per ciascuna stazione appaltante». ADESSO sanzione della nullità; nuova regolamentazione delle forme specifiche della stipulazione; corsia preferenziale per la forma elettronica. PRIMA La precedente formulazione della norma stabiliva che «il contratto poteva essere stipulato mediante atto pubblico notarile, o mediante forma pubblica amministrativa a cura dell'ufficiale rogante del l'amministrazione aggiudicatrice, oppure mediante scrittura privata, oltre che in forma elettronica secondo le norme vigenti per ciascuna stazione appaltante». ADESSO sanzione della nullità; nuova regolamentazione delle forme specifiche della stipulazione; corsia preferenziale per la forma elettronica.

45 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 45 LE NOVITA’ INTRODOTTE DAL D.L. N. 179/2012: FORMA ELETTRONICA DEI CONTRATTI PUBBLICI Modalità elettronica La disposizione attuale fa riferimento a questa modalità richiamando le norme interne di ciascuna stazione appaltante; Ogni amministrazione dovrà quindi adottare disposizioni regolamentari relative a questa modalità, anche con eventuale rinvio a quelle del Codice dell'amministrazione digitale (D. Lgs. n. 82/2005); La stipulazione dei contratti in forma elettronica è a cura dell'ufficiale rogante dell'amministrazione aggiudicatrice (il segretario comunale o provinciale). Modalità elettronica La disposizione attuale fa riferimento a questa modalità richiamando le norme interne di ciascuna stazione appaltante; Ogni amministrazione dovrà quindi adottare disposizioni regolamentari relative a questa modalità, anche con eventuale rinvio a quelle del Codice dell'amministrazione digitale (D. Lgs. n. 82/2005); La stipulazione dei contratti in forma elettronica è a cura dell'ufficiale rogante dell'amministrazione aggiudicatrice (il segretario comunale o provinciale).

46 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 46 LE NOVITA’ INTRODOTTE DAL D.L. N. 179/2012: FORMA ELETTRONICA DEI CONTRATTI PUBBLICI atto pubblico notarile informatico Per i notai è già operativo il sistema per la conservazione degli atti notarili informatici. Tale sistema si avvale di una struttura tecnologica - messa a punto dalla società informatica del Notariato, Notartel - idonea a custodire ma anche a preservare la validità giuridica nel tempo del documento informatico; Il nuovo sistema di conservazione è finalizzato ad accogliere gli atti notarili e i relativi allegati, formati sin dall'origine su supporto informatico nei formati abitualmente utilizzati dalla pubblica amministrazione e firmati digitalmente; Il 22 gennaio 2013 sono stati stipulati i primi contratti pubblici informatici. atto pubblico notarile informatico Per i notai è già operativo il sistema per la conservazione degli atti notarili informatici. Tale sistema si avvale di una struttura tecnologica - messa a punto dalla società informatica del Notariato, Notartel - idonea a custodire ma anche a preservare la validità giuridica nel tempo del documento informatico; Il nuovo sistema di conservazione è finalizzato ad accogliere gli atti notarili e i relativi allegati, formati sin dall'origine su supporto informatico nei formati abitualmente utilizzati dalla pubblica amministrazione e firmati digitalmente; Il 22 gennaio 2013 sono stati stipulati i primi contratti pubblici informatici.

47 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 47 LE NOVITA’ INTRODOTTE DAL D.L. N. 179/2012: FORMA ELETTRONICA DEI CONTRATTI PUBBLICI Scrittura privata Modalità alternativa per la stipulazione dei contratti pubblici; La nuova disposizione non sembra prevedere un vincolo all’utilizzo esclusivo della modalità elettronica; Pertanto, si potrebbe ritenere che i contratti possono essere stipulati anche in modalità cartacea; D’altra parte, l’art. 334, comma 2, del D.P.R. n. 207/2010 dispone che il contratto affidato mediante cottimo fiduciario è stipulato attraverso scrittura privata che può anche consistere in apposito scambio di lettere con cui la stazione appaltante dispone l’ordinazione di beni e servizi che riporta i medesimi contenuti previsti dalla lettera di invito. Scrittura privata Modalità alternativa per la stipulazione dei contratti pubblici; La nuova disposizione non sembra prevedere un vincolo all’utilizzo esclusivo della modalità elettronica; Pertanto, si potrebbe ritenere che i contratti possono essere stipulati anche in modalità cartacea; D’altra parte, l’art. 334, comma 2, del D.P.R. n. 207/2010 dispone che il contratto affidato mediante cottimo fiduciario è stipulato attraverso scrittura privata che può anche consistere in apposito scambio di lettere con cui la stazione appaltante dispone l’ordinazione di beni e servizi che riporta i medesimi contenuti previsti dalla lettera di invito.

48 STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 48 LE ALTRE NOVITA’ INTRODOTTE DAL D.L. N. 179/2012 Artt. 34 e 37 del Codice: tra i soggetti che possono partecipare alla gara sono riconosciute anche le «aggregazioni tra imprese aderenti al contratto di rete». Detti soggetti sono sottoposti alla disciplina, in quanto compatibile, dei raggruppamenti temporanei d’impresa; Art. 113 del Codice: la cauzione definitiva è progressivamente svincolata a misura dell'avanzamento dell'esecuzione, nel limite massimo del 80% (prima 75%) dell'iniziale importo garantito; Art. 34 del D. L. n. 179/2012: A partire dai bandi e dagli avvisi pubblicati successivamente al 1 gennaio 2013, le spese per la pubblicazione degli stessi sono rimborsate alla stazione appaltante dall'aggiudicatario entro il termine di 60 giorni dall'aggiudicazione. Artt. 34 e 37 del Codice: tra i soggetti che possono partecipare alla gara sono riconosciute anche le «aggregazioni tra imprese aderenti al contratto di rete». Detti soggetti sono sottoposti alla disciplina, in quanto compatibile, dei raggruppamenti temporanei d’impresa; Art. 113 del Codice: la cauzione definitiva è progressivamente svincolata a misura dell'avanzamento dell'esecuzione, nel limite massimo del 80% (prima 75%) dell'iniziale importo garantito; Art. 34 del D. L. n. 179/2012: A partire dai bandi e dagli avvisi pubblicati successivamente al 1 gennaio 2013, le spese per la pubblicazione degli stessi sono rimborsate alla stazione appaltante dall'aggiudicatario entro il termine di 60 giorni dall'aggiudicazione.


Scaricare ppt "STUDIO LEGALE GALBIATI, SACCHI E ASSOCIATI 11 APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI: GLI ULTIMI INTERVENTI NORMATIVI E DELL’AVCP, IL BANDO TIPO E LA NUOVA BANCA."

Presentazioni simili


Annunci Google