La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof. Stefano Maggi Corso Territorio La mobilità sostenibile 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof. Stefano Maggi Corso Territorio La mobilità sostenibile 1."— Transcript della presentazione:

1 Prof. Stefano Maggi Corso Territorio La mobilità sostenibile 1

2 Dal trasporto alla mobilità Nellultimo decennio, per studiare gli spostamenti di persone e merci si è cominciato a usare il termine mobilità. La parola mobilità ha unaccezione più ampia del tradizionale termine trasporto. Con mobilità si intendono tutti gli spostamenti con qualsiasi mezzo effettuati, compresa la mobilità pedonale.

3 La logistica Il termine logistica è entrato a pieno titolo nelle ricerche sui trasporti, intesa come processo trasversale rispetto alle attività delle imprese, riguardante il trasporto, lo stoccaggio di materie prime, semilavorati e componenti vari, da studiare per semplificarlo e ottimizzarlo. Si tratta del complesso delle attività fisiche, gestionali e organizzative di unimpresa che regolano i flussi fisici di beni e quelli informativi, dalla fase di approvvigionamento delle materie prime necessarie al processo produttivo, fino alla consegna dei prodotti finiti ai clienti (Conto nazionale dei trasporti, 2000).

4 Elaborazione su dati ufficiali di varia fonte (es. ISTAT, CNT, BEN) - F.Strati, 2010 ITALIA

5 Dalle reti alle linee: un regresso Nel trasporto pubblico si è perso il concetto di rete I vari vettori hanno cominciato a muoversi secondo le loro linee senza raccordarsi. 5

6 Irrazionalità ed educazione alla mobilità Lenorme espansione degli spostamenti di merci e passeggeri ha portato irrazionalità nel comportamento sia delle persone sia delle imprese. Occorrono iniziative di mobility management per razionalizzare e perseguire economie nel trasporto. È inoltre necessaria unopera di «educazione alla mobilità», insegnando a usare di più i mezzi pubblici e a muoversi o a muovere le merci nel rispetto dellambiente. 6

7 La domanda centrale della Conferenza Mondiale sul Trasporto del 1994 (OECD, 1996) era: che qualità per quale trasporto per quale tipo di sviluppo? La Conferenza di Vancouver (OECD, 1997), dedicata alla politica dei trasporti, giunse alla seguente conclusione: la mobilità sostenibile si raggiunge quando le necessità di accesso a persone, servizi e beni vengono soddisfatte senza produrre un danno permanente allambiente globale o ad ambienti locali, né disuguaglianze sociali.

8 La cultura del muoversi La mobilità sostenibile va intesa anche come sistema di muoversi meglio. La cultura del muoversi bene deve essere vista come la cultura del cibo sano, qualcosa di più del semplice spostamento, uno spostamento ragionato. Risparmio energetico, rispetto dellambiente, convenienza economica devono rappresentare i punti cardine di questa cultura. 8

9 ITALIA Elaborazione su dati ufficiali di varia fonte (es. ISTAT, CNT, BEN) - F.Strati, 2010

10 La via dacqua rappresenta sempre di più il percorso ottimale per il trasporto merci, perché: LA NAVE È IL MODO DI TRASPORTO CHE CONSENTE LE MASSIME ECONOMIE DI SCALA 1 ÷2 containers = 40 tons60 ÷400 containers = ÷ tons 1 ÷20 containers = 400 tons100 ÷8.000 containers = ÷ tons MINOR COSTO UNITARIO + MINOR CONSUMO ENERGETICO + MINOR INQUINAMENTO

11 La via dacqua rappresenta sempre di più il percorso ottimale per il trasporto merci, perché:

12 Si può stimare che il consumo energetico, espresso in numeri indice, sia: MERCI: 100 per il trasporto su strada, 14 su ferrovia e 9 su acqua (cabotaggio marittimo); PASSEGGERI: 100 per il trasporto con automobile, 33 con autobus e pullman, 28 su acqua (cabotaggio e altre vie navigabili interne) e 19 per ferrovia. Convenienze del cabotaggio marittimo (CNEL, 1984): trasporto di tonnellate con un solo natante corrisponde a 75 autotreni da 20 tonnellate, a 67 vagoni ferroviari della stessa stazza; con 1 HP si trasportano kg, ma solo 150 kg per strada e 500 kg su rotaia. Consumo energetico: confronti

13 Emissioni gas effetto serra (GHG) per modalità di trasporto (%) in Italia, bunkeraggi internazionali inclusi: anno 2007 EU-27 = 15,3% Fonte: European Commission, DG TREN, EU Energy in figures 2010 EU-27 = 0,7% EU-27 = 12,4% EU-27 = 70,9% EU-27 = 0,7%

14 Politiche dei trasporti e costi esterni Soltanto con una politica dei trasporti adeguata si può perseguire una mobilità sostenibile. Le politiche dei trasporti dovrebbero tenere conto dei costi esterni prodotti dai mezzi di trasporto, ad esempio incidenti stradali, consumo del manto stradale, inquinamento. Occorrono politiche di incentivo ai mezzi meno inquinanti.

15 I costi per lutente Cè bisogno di riforme tariffarie, perché il trasporto pubblico deve essere competitivo nei costi: attualmente lo è soltanto per i pendolari che hanno labbonamento. Per coloro che devono comprare il biglietto, la convenienza finanziaria rispetto allautomobile è già scarsa con una sola persona, e si annulla del tutto alla seconda. 15

16 Mobilità saltuaria Nei vari ambiti territoriali occorre recuperare il concetto di rete e sostenere la mobilità collettiva non soltanto per il trasporto pendolari ma anche per la mobilità non sistematica. Gli spostamenti saltuari nella società di oggi hanno acquisito una dimensione maggiore di quelli pendolari (Salvarsi dal traffico, Il Sole 24 Ore, 2005). 16

17 Pianificazione del territorio Nel corso dellOttocento e del primo Novecento i nuovi insediamenti residenziali e industriali si collocavano lungo le direttrici ferroviarie o stradali. Nellultimo mezzo secolo la costruzione dei quartieri urbani e suburbani quasi mai è stata progettata pensando ai problemi di spostamento, cioè alle esigenze dinamiche degli insediamenti, generando una grande quantità di nuovi flussi. 17

18 I dati della mobilità Si raccolgono talvolta i dati dei saliti/discesi su bus e treni, quasi mai si realizzano elaborazioni sui flussi in grado di fare una fotografia adeguata delle esigenze nei vari territori. Le rilevazioni sui mezzi pubblici sono utili soltanto per comprendere le esigenze di chi usa i mezzi, ma non valgono per captare nuova utenza. I censimenti hanno registrato soltanto la mobilità pendolare e dal 2001 quella sistematica, manca completamente la mobilità saltuaria, compresa quella turistica. 18

19 Città e traffico Il trasporto collettivo non è competitivo nella velocità rispetto allautomobile. Il sistema è fondato principalmente sulle linee di bus, che raramente trovano corsie privilegiate. Le basse velocità commerciali e la scarsa regolarità ne rendono poco appetibile luso, mentre i sistemi più moderni di mobilità di massa, dalle ferrovie sotterranee, agli ascensori, alle scale mobili, ai tapis roulant, risultano così costosi da scoraggiare investimenti ingenti, i cui effetti si vedrebbero a qualche anno di distanza. 19

20 La diffusione dellautomobile Nel 1969 si superarono i 10 milioni di autoveicoli, arrivando a 20 milioni nel 1981 e a 31 milioni nel 1991, con una densità di auto tra le più alte del mondo: 1,8 abitanti per autoveicolo. AnnoAuto- vetture Camion BusTotaleMoto- veicoli Nel 1999 gli autoveicoli erano saliti a 35,3 milioni, nel 2003 a 37,8 milioni. Nel 2009 si contavano oltre 40 milioni di autoveicoli e oltre 6 milioni di motocicli.

21 Elaborazione su dati ufficiali di varia fonte (es. ISTAT, CNT, BEN) - F.Strati, 2010

22 EU = 74,8% EU = 8,4% EU = 8,8% EU = 0,6% EU = 7,4% Elaborazione su dati ufficiali di varia fonte (es. ISTAT, CNT, BEN, EUROSTAT) - F.Strati, Dati Italia relativi a traffico nazionale con quota traffico internazionale solo per le ferrovie. Dati EU-27 relativi a traffico nazionale e tra i Paesi Membri – anno 2007.

23 Elaborazione su dati ufficiali di varia fonte (es. ISTAT, CNT, BEN) - F.Strati, 2010

24 Elaborazione su dati ufficiali di varia fonte (es. ISTAT, CNT, BEN, EUROSTAT) - F.Strati, Dati Italia relativi a traffico nazionale. Dati EU-27 relativi a traffico nazionale e tra i Paesi Membri – anno EU = 45,6% EU = 0,1% EU = 40,6% EU = 10,7% EU = 3%

25 Elaborazione su dati ufficiali di varia fonte (es. ISTAT, CNT, BEN) - F.Strati, 2010

26

27 7 SFIDE 7 SFIDE per il TRASPORTO SOSTENIBILE 1.Riequilibrare la ripartizione modale (modal split) del trasporto e aumentare la quota del trasporto pubblico per i viaggiatori e del trasporto intermodale per le merci. 2.Investire in sistemi di trasporto a rete ad alto tasso di coordinamento. 3.Migliorare assetti urbanistici e territoriali aumentando laccessibilità a beni, servizi, persone e luoghi per ridurre il consumo di suolo (prima i servizi, poi le case). 4.Sostituire trasporto virtuale a trasporto fisico (più informazione e meno spostamenti). 5.Aumentare la sussidiarietà nei flussi di materiale, informazione ed energia (dematerializzazione e Km 0) nei sistemi locali. 6.Aumentare il fattore di carico nei mezzi di trasporto merci e passeggeri. 7.Migliorare le prestazioni tecnologiche dei mezzi di trasporto.


Scaricare ppt "Prof. Stefano Maggi Corso Territorio La mobilità sostenibile 1."

Presentazioni simili


Annunci Google